Archivio per movimento

Genova, la vera storia.

Posted in articoli pubblicati sulla carta stampata ed altri siti with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on 7 luglio, 2011 by ramon mantovani

Sono passati dieci anni. Non sono passati invano. Tuttavia troppe cose sono state dimenticate ed altrettante distorte dal vizio provinciale di guardare al mondo attraverso il buco della serratura della politica spettacolo italiana.

Dichiaro esplicitamente l’intenzione, in questo articolo, di far piazza pulita delle semplificazioni, banalizzazioni, esagerazioni, mitizzazioni, che hanno accompagnato il ricordo di Genova 2001. Non per tigna solamente, bensì per riscoprire e riproporre l’anima rivoluzionaria di quelle giornate e soprattutto del movimento mondiale che l’esprime tuttora.

PRODROMI E NASCITA DEL MOVIMENTO NO GLOBAL

La fase del capitalismo ispirato dall’ideologia neoliberista, e cioè la grande rivincita contro il movimento operaio e tutte le sue conquiste, inizia già negli anni 70. Ma è negli anni 90, dopo la caduta del muro di Berlino, che trionfa su scala planetaria. Il mondo unificato dal mercato grazie agli accordi siglati in sede GATT e poi WTO, la dimensione del capitale finanziario permessa dal superamento di tutte le misure della fase precedente volte ad impedire il ripetersi della crisi del 29, la concentrazione del capitale in enormi società multi e transnazionali, la centralità di organismi tecnocratici e totalmente dominati dagli interessi dei paesi ricchi come il FMI, la Banca Mondiale e l’OCSE, sembrano promettere il sorgere di un’epoca di sviluppo e di progresso illimitati. Dal punto di vista strettamente politico tutto cambia. Al fianco dei teorici neoliberisti e della destra politica i partiti socialdemocratici e socialisti sposano tutte le tesi neoliberiste. I governi si conquistano per gestire l’esistente, senza mettere in discussione nulla degli interessi del capitale e dei meccanismi di mercato, che invece vengono assunti come il centro di tutto. Riservando eventuali correzioni delle storture sociali più evidenti ad un secondo tempo sempre più inafferrabile e soprattutto subordinandole alle compatibilità imposte da trattati assunti come indiscutibili (per esempio Maastricht in Europa) e dai diktat del FMI e Banca Mondiale. Le forze che si oppongono al capitale sono divise e soprattutto chiuse entro confini nazionali. Dedite quasi esclusivamente a difendere le conquiste della fase precedente, che vengono messe sotto attacco una dopo l’altra, inesorabilmente. E’ in questo deserto, però, che si cominciano a vedere negli anni 90, qua e la, scintille, controtendenze, annunci, domande. Come sempre, in modo confuso e a volte perfino contraddittorio, emergono i problemi sociali e culturali prodotti dal capitale e dal suo modello globale. Si comincia a scoprire nel mondo che le promesse di pace e sviluppo sono false. Molte lotte si trovano di fronte un nemico ben più potente e lontano degli apparati repressivi nazionali e dei governi nazionali. Basta una decisione del FMI, a cui i governi dichiarano esplicitamente di non potersi sottrarre pena la bancarotta, per fare carne di porco del welfare duramente conquistato in decenni di lotta. Basta un trattato del WTO e un accordo di cartello delle multinazionali agroalimentari per distruggere la sovranità alimentare di interi paesi e mettere sul lastrico decine di milioni di contadini. Bastano le mire speculative delle borse e del capitale finanziario per mettere un paese in ginocchio. In particolare in America Latina, dove le politiche neoliberiste sono state applicate intensivamente molto prima che altrove, sorgono grandi movimenti di massa indigeni, contadini e operai, in difesa dell’acqua e delle risorse naturali. Nel 94, lo stesso giorno di entrata in vigore del trattato di libero commercio fra USA, Canada e Messico, compare un movimento guerrigliero indigeno, l’EZLN, che si caratterizza subito per indicare fuori dal proprio paese i veri artefici e responsabili del tentativo di genocidio economico sociale dei popoli indigeni del sud est del Messico e che propone esplicitamente il problema di una lotta globale contro il capitalismo globalizzato. Verso la fine degli anni 90 l’esigenza, ancora intuitiva e teorica, di produrre lotte e mobilitazioni internazionali comincia a materializzarsi. Inizia la stagione delle manifestazioni internazionali di protesta e di lotta. La più famosa e conosciuta è quella del 99 a Seattle contro il WTO. Insieme ai sindacati portuali e metalmeccanici degli USA, che non esitano a perseguire l’obiettivo di tentare di impedire fisicamente, scontrandosi con la polizia, il vertice del WTO, ci sono centinaia di associazioni e movimenti stranieri. Da quel momento nessun vertice del FMI, del WTO, della Banca Mondiale, del G7, si è potuto svolgere senza dure contestazioni di massa. Nel corso delle quali il crescente numero di movimenti globali e locali iniziano a capire che bisogna assolutamente coordinarsi e soprattutto trovare il modo di elaborare un programma di lotte ed un’alternativa. Nel vivo della stagione delle manifestazioni di protesta internazionali nasce, in Brasile, l’idea che si debba promuovere un incontro per discutere, elaborare idee e proposte. L’incontro si fa a Porto Alegre a fine gennaio del 2001, in concomitanza ed alternativa al Forum di Davos (incontro informale tra governanti e manager delle imprese multinazionali), che è uno dei motori della globalizzazione. Più di ventimila persone provenienti da più di 100 paesi partecipano alle giornate nelle quali si discute di alternative e si incomincia a progettare e programmare un lavoro ed azioni comuni. Fra le altre cose si individua la scadenza del vertice del G7 a Genova come centrale per il movimento. È arrivato il momento di mettere in discussione radicalmente il tentativo in corso di trasformare un incontro informale dei 7 paesi più industrializzati in un vero e proprio direttorio mondiale. Il G7 non è retto da alcun trattato e non si prendono decisioni. Tuttavia le discussioni e gli orientamenti che li si fanno e assumono, dato il peso dei paesi partecipanti, assumono un valore politico ben più importante di qualsiasi decisione formale in sede di Consiglio di Sicurezza dell’ONU. È molto recente il ruolo avuto del G7 allargato alla Russia nella conclusione della guerra contro la Yugoslavia. Guerra nemmeno mai discussa in Consiglio di Sicurezza. Per chi ha occhi per vedere è indubitabile che sia in corso il tentativo di uscire dall’ordine bipolare della guerra fredda non già con una democratizzazione dell’ONU e con una implementazione della pace nelle relazioni internazionali, bensì con una dittatura dei paesi ricchi esercitata attraverso vie di fatto a scapito del ruolo della stessa ONU. È su queste basi che il movimento sceglie di puntare su una grande protesta internazionale a Genova.

LE GIORNATE DI GENOVA

Nei mesi precedenti la mobilitazione si era formato un comitato preparatore delle mobilitazioni previste per il vertice del G7. Il Genoa Social Forum. Da comitato locale si era trasformato rapidamente in comitato nazionale. Erano state battute le posizioni isolazioniste e localiste che avrebbero voluto caratterizzare solo localmente la mobilitazione e che pretendevano di escludere forze politiche organizzate e presenti in parlamento (sostanzialmente il PRC). Le adesioni piovono a centinaia e poi a migliaia dall’Italia e da tutto il mondo. Nel frattempo il G7 si trasforma in G8, con l’inclusione permanente della Russia. Non è un dettaglio, perché non è più il PIL ad essere il criterio con il quale si partecipa al vertice, bensì la “importanza” dei paesi. È evidente che non si tratta dell’importanza data dalle dimensioni demografiche o territoriali dei paesi, ma dalla loro potenza economica e militare. Il G8 si prepara ad essere veramente un direttorio del mondo. La consapevolezza di questa realtà è cresciuta enormemente. Nella stessa opinione pubblica mondiale è forte la convinzione che paesi ricchi e multinazionali governino il mondo nei loro esclusivi interessi, che le promesse di sviluppo e redistribuzione del decennio precedente erano un imbroglio, che le ingiustizie e le povertà sono aumentate ed hanno dei responsabili precisi ed individuati. Nei mesi precedenti il vertice è il governo di centrosinistra di Giuliano Amato a partecipare alla preparazione del vertice come paese ospitante. Berlusconi vincerà le elezioni quando tutto ormai sarà già deciso e preparato. Bisogna sapere che a presiedere alla sicurezza del vertice lavora un coordinamento fra servizi e polizie dei paesi partecipanti, ovviamente dominato dagli USA. Formalmente la sicurezza è appannaggio del paese ospitante, ma il coordinamento è decisivo ed è quello che prende le vere decisioni. In quel periodo succedono due precise cose, senza conoscere le quali non si può poi capire cosa sia successo a Genova dal punto di vista dell’ordine pubblico. La prima è che nel corso della preparazione si afferma fra i paesi membri la consapevolezza del momento di grave impopolarità del vertice. E quindi si stabilisce che il giorno precedente il vertice si riceveranno diversi paesi poveri per ascoltare le loro richieste e che si darà vita ad un fondo speciale per combattere l’AIDS in Africa (una delle più popolari campagne del movimento è contro le multinazionali farmaceutiche e la loro politica dei brevetti e dei prezzi). La seconda è che si decide che la città di Genova sarà militarizzata. Una zona rossa presidiata militarmente dove nemmeno i non residenti potranno entrare, una zona gialla (quasi tutta la città) dove non si potrà manifestare e nemmeno distribuire volantini, una zona verde (la periferia estrema) dove sarà relegata la manifestazione. Parte una campagna di stampa ben orchestrata dai servizi e dall’esercito di pennivendoli sempre disponibili a propalare il contenuto delle veline della CIA. La sostanza della campagna si può riassumere così: riconosciamo che molte domande dei bravi giovani che contestano hanno un fondamento, ed infatti noi parleremo coi paesi poveri e li aiuteremo come mai abbiamo fatto prima, ma nelle manifestazioni si annida il terrorismo e la violenza, e perciò bisogna prepararsi. E giù notizie sui possibili missili, sullo spargimento di sangue infetto e così via. Nel Genoa Social Forum nessuno, nemmeno le associazioni più moderate, accetta la logica della zona rossa. Si rivendica il diritto a manifestare dovunque ed anche a tentare di impedire pacificamente il vertice. Come del resto è stato fatto in occasione di tutte le mobilitazioni dei due anni precedenti. Oltre a contestare la legittimità stessa del G8, al quale per questo non si chiede nessuna interlocuzione, si contesta la costituzionalità delle zone rosse e gialle. Nel Genoa Social Forum si prepara un programma di iniziative e di manifestazioni. Ovviamente non tutti vogliono fare le stesse cose e c’è il rischio che il movimento si divida sulle pratiche. Saranno soprattutto i rappresentanti del PRC e dei Giovani Comunisti/e a proporre un metodo, questo si veramente nuovo nelle pratiche di movimento e di piazza, capace di tenere tutto insieme senza costringere nessuno a rinunciare alla propria peculiarità. Ci saranno due manifestazioni di tutti. Il giovedì una dedicata al tema delle migrazioni e una sabato, conclusiva. Il venerdì ci saranno 5 diverse manifestazioni, costruite per affinità politiche e di pratica di piazza, ma nella diversità ognuna riconoscerà le altre come legittime e arricchenti il movimento nel suo insieme. Nel frattempo Berlusconi ha vinto le elezioni e il nuovo governo accetta, al contrario del precedente, di dialogare con i promotori delle manifestazioni. Viene mantenuta la zona rossa ed eliminata la zona gialla. Si potrà manifestare in tutta Genova tranne che nella zona rossa. Anche questo non è un dettaglio giacché gli apparati di servizi e polizia italiani che con la CIA hanno preparato i “piani” per la sicurezza del G8 sono gli stessi e non sono cambiati con il nuovo governo. Sono loro ad aver dettato la linea al governo di centrosinistra (forti dell’autorevolezza che emana dall’essere parte del coordinamento internazionale) e sono loro adesso a dover gestire una situazione nuova, mantenendo la linea decisa precedentemente.

LA REPRESSIONE

I fatti sono ormai molto conosciuti. Ma l’interpretazione degli stessi è stata purtroppo fortemente deviata e distorta. Mi limiterò quindi a sostenere alcune tesi precise e a confutare quelle che via via si sono affermate nel corso del tempo.

La mobilitazione di Genova 2001 era internazionale. Lo è stata più di tutte le altre, sia perché era stata indicata dal Social Forum di Porto Alegre come scadenza centrale sia perché in Italia si era costruito un fronte unitario amplissimo e coeso. Furono decine di migliaia i partecipanti stranieri e tra questi migliaia e migliaia di militanti di partiti presenti nei parlamenti nazionali. La decisione di reprimere è stata presa molto prima dalle elezioni italiane e dell’avvento del governo Berlusconi, in sede di coordinamento dei servizi e polizie dei paesi del G8. Nella vulgata che si è affermata sembra ormai che Genova 2001 sia stato un episodio di politica interna e che tutte le responsabilità siano da attribuire al governo Berlusconi. Ovviamente il governo Berlusconi ha la grave responsabilità di aver coperto ed anche rivendicato la repressione. Ma dimenticare e sottovalutare le responsabilità internazionali e del governo precedente è totalmente fuorviante. È, in qualche modo, una pesante sottovalutazione della gravità di quanto avvenuto e una sua riduzione agli eccessi di un governo di destra. Inoltre le tecniche repressive adottate erano nuove e sconosciute in Italia. Tranne che in occasione, guarda caso, della manifestazione no-global di Napoli dell’anno precedente, quando i manifestanti vennero spinti in un vicolo cieco e duramente massacrati e quando nelle caserme i fermati vennero torturati da agenti inneggianti al fascismo. Peccato che c’era il centrosinistra e che il Ministro degli Interni Enzo Bianco coprì totalmente l’operato delle forze dell’ordine. Mai, come invece è accaduto a Genova, una manifestazione autorizzata ufficialmente era stata caricata per ore e con una tecnica atta ad allargare gli scontri invece che a contenerli. Ed è l’estensione degli scontri ad opera di reparti dei carabinieri a creare le condizioni dell’uccisione di Carlo Giuliani. Mai gruppi violenti erano stati lasciati liberi di fare qualsiasi cosa per più di 48 ore. Ridurre il fenomeno Black Bloc alle infiltrazioni è un’altra stupidaggine tutta italiana. Chiunque abbia partecipato alle manifestazioni di Seattle, Praga, Amsterdam, Nizza ecc sa bene che è un fenomeno reale. Ma a Genova, al contrario che nelle altre città testé citate, i black bloc sono stati volutamente ignorati al doppio scopo di inquinare l’immagine del movimento e di reprimere, invece, immediatamente i manifestanti pacifici. Mai in Italia una manifestazione pacifica di 300mila persone era stata attaccata senza motivo e repressa per più di 3 ore con centinaia di fermi ed arresti. Mai la polizia, con la presenza di funzionari di altissimo livello, era entrata in una sede politica (il Genoa Social Forum l’aveva ottenuta ufficialmente dal Comune) ed aveva operato un massacro. Solo nella repressione delle rivolte carcerarie è possibile trovare un bilancio di persone con fratture come alla Diaz. Più di 90 arresti dei quali più di 60 ospedalizzati. Tutte queste cose le hanno fatte Polizia, Carabinieri e Guardia di Finanza con la regia degli apparati dell’ordine pubblico che avevano partecipato al famoso coordinamento. Il governo le ha apprese sempre a cose fatte. Le ha coperte e rivendicate ma non progettate e indicate. La vulgata, fortemente voluta dai giornali e dai santoni televisivi del centrosinistra, vuole invece che le sane forze dell’ordine con qualche mela marcia e qualche reparto di irresponsabili siano state spinte alla repressione dal governo e segnatamente dal vicepresidente del consiglio Fini. Perché presente per due ore in una sala operativa dei carabinieri. Tesi suggestiva e molto buona per dimenticare l’importanza internazionale della mobilitazione, le responsabilità del governo precedente e soprattutto dei vertici dell’ordine pubblico, a cominciare dal Capo della Polizia. Se ce ne fosse bisogno la riprova è che se le cose fossero andate così la famosa commissione d’inchiesta prevista dal programma del governo Prodi sarebbe stata istituita per inchiodare Fini e soci alle loro responsabilità. Mentre invece IDV e soprattutto alcuni esponenti di primo piano dei DS (a suo tempo responsabili della nomina di De Gennaro a Capo della Polizia) l’hanno affossata. I processi hanno svelato molto più di quanto fosse possibile sperare. Ma, essendo processi costruiti su reati commessi da persone, non dovevano ne potevano indagare sulle responsabilità politiche. Solo in una commissione d’inchiesta parlamentare si sarebbe potuto approfondire, con precise domande alle quali nessuno avrebbe potuto sottrarsi, circa la progettazione dell’ordine pubblico in sede di governo e soprattutto di coordinamento dei servizi e polizie del G8.

IL MOVIMENTO DOPO GENOVA

La repressione non divide il movimento, per alcuni versi si rivela un boomerang, ma sarebbe sbagliato dire che è stata inefficace. I contenuti della protesta, la radicale contestazione del G8 e della sua legittimità, le proposte di alternativa sono purtroppo messi in secondo piano. Grazie ad una manipolazione scientifica dell’opinione pubblica sembra che una variopinta armata brancaleone, con buoni e cattivi, abbia contestato i potenti e che le sia caduta addosso una repressione eccessiva ad opera del governo Berlusconi. In particolare il circo massmediatico del centrosinistra occulta volutamente i contenuti del movimento e riduce tutto alla litania antiberlusconiana. Perfino dentro il movimento si affermano letture di quanto avvenuto totalmente subalterne ad una visione ultraprovinciale tipica della politica e dei mass media italiani. Come si sviluppano immediatamente i soliti tentativi di egemonizzazione del movimento. Chi lo vuole trasformare in partito, chi lo vuole dividere fra buoni e cattivi, chi lo vuole ridurre a massa di manovra del centrosinistra, chi lo vuole radicalizzare sulle pratiche di piazza. Che la manifestazione fosse internazionale e collegata al nascente social forum mondiale viene rapidamente dimenticato. E i salotti televisivi scelgono loro i “leader” del movimento più adatti, a seconda della bisogna, a dimostrare l’una o l’altra tesi. Bisognerà attendere il Social Forum Europeo di Firenze e soprattutto la mobilitazione mondiale contro la guerra in Iraq, per intravvedere ancora la natura internazionale del movimento. Comunque il coordinamento nazionale italiano si mantiene unito, sia nella promozione delle manifestazioni italiane sia in occasione degli ormai annuali incontri mondiali e continentali. Ma ormai ci sono tutti i sintomi di una divisione totalmente ispirata dalla politica interna. Mentre nei social forum mondiali e continentali crescono le posizioni più radicali, mentre in America Latina le alternative elaborate dal movimento diventano programmi di governo in diversi paesi, in Italia quello che fu un grande movimento si divide sulle pratiche di piazza e soprattutto sulla prospettiva prima e sulla politica poi del governo Prodi. Sarebbe troppo lungo elencare i tanti episodi e scadenze che dimostrano tutto questo. Valga per tutti l’esempio più significativo. Una normale visita del Presidente USA in Italia, invece che l’occasione per una manifestazione unitaria contro la politica statunitense diventa l’occasione per una manifestazione contro il governo italiano da una parte e per una pagliacciata moderata dei partiti presenti nel governo, della Fiom e dell’Arci dall’altra. Da quel momento quel che fu unito a Genova sarà sempre più diviso, irrimediabilmente. Fino al paradosso del G8 dell’Aquila. Dove solo una parte di quelli che lo contestarono a Genova manifesteranno in piazza nel più totale isolamento e boicottaggio massmediatico. Mentre un’altra parte (CGIL in testa) parteciperà alla cosiddetta “coalizione contro la povertà” il cui principale atto sarà la consegna di una lettera al governo Berlusconi con la preghiera di trasmetterlo al G8 (sic). Per fortuna in tutti questi anni, il movimento mondiale è cresciuto enormemente e i suoi contenuti (come la lotta contro la privatizzazione e per la ripubblicizzazione dei beni comuni) sono ben più popolari di dieci anni fa. Le esperienze di governo dei paesi dell’ALBA e di diversi del MERCOSUR in America Latina che si ispirano direttamente al movimento si sono rafforzate ed hanno resistito alle aggressioni USA ed europee. A queste cosa bisognerebbe far riferimento per celebrare il decennale di Genova in modo degno e serio. Ma in Italia sembra un’impresa difficilissima.

ramon mantovani

pubblicato su “SU LA TESTA” nel luglio del 2011

I cinque presidenti in movimento.

Posted in articoli pubblicati sulla carta stampata ed altri siti with tags , , , , , , , , , , , , on 2 febbraio, 2009 by ramon mantovani

Il 29 gennaio sera nel gremito hangar di Belem una folla di indigeni (davanti, nei posti d’onore al lato di decine di delegazioni straniere) con le loro acconciature tradizionali di piume, i visi dipinti di strabilianti colori, insieme a migliaia e migliaia di militanti di sindacati, associazioni e partiti politici, hanno atteso per ore l’arrivo dei cinque Presidenti. Canti e slogan, immancabili quelli inneggianti a Cuba, e diversi spettacoli hanno accompagnato tutto il tempo dell’attesa.

La prima cosa da dire è che il solo fatto che cinque Presidenti in carica partecipino ad un evento organizzato dal sindacato brasiliano, in un tripudio di bandiere rosse, nei giorni del Social Forum Mondiale è, di per se stesso, un evento che la dice lunga sulla maturazione, in America Latina, di un processo politico veramente in grado di cambiare il mondo.

Nel pomeriggio Correa, Chavez, Lugo e Morales, rispettivamente Presidenti di Ecuador, Venezuela, Paraguay e Bolivia, avevano incontrato l’assemblea dei movimenti sociali del Forum. Lula non era stato invitato a questo atto ufficiale del Forum per precisa volontà del movimento dei Sem Terra Brasiliani. Ma ha incontrato, il giorno successivo e accompagnato da ben nove ministri una delegazione dell’assemblea dei movimenti sociali.

L’incontro dei quattro è stato particolarmente significativo per il calore umano ma soprattutto per le critiche e richieste che gli esponenti del movimento hanno rivolto ai Presidenti. Noi non vi giudichiamo per le vostre affermazioni, vogliamo giudicarvi dai fatti – ha esclamato il leader dei Sem Terra – ottenendo soprattutto da Correa e Morales impegni e proposte che i due hanno poi ribadito con estrema chiarezza nell’evento serale. Ma anche Lugo e Chavez hanno voluto dimostrare di essere interlocutori reali del movimento no global mondiale.

Tutti e quattro, ed è questa una cosa altamente significativa ed importante, nei loro discorsi serali hanno detto, ognuno a suo modo, di essere figli del Forum Sociale Mondiale e del risveglio dei popoli latinoamericani dopo il ventennio neoliberista. Morales e Correa, che hanno fatto i discorsi più chiaramente ed esplicitamente anticapitalistici, hanno spiegato che nelle loro politiche e nelle loro nuove costituzioni si sono direttamente ispirati alle elaborazioni e proposte imparate a Porto Alegre e negli altri appuntamenti del movimento. Chavez ha gridato che secondo lui ogni anno l’evento politico più importante del mondo è il Social Forum Mondiale e Lugo ha voluto ricordare i suoi viaggi in pullman come semplice militante per partecipare agli incontri di Porto Alegre. Il più avaro di riconoscimenti non retorici per il movimento è stato Lula che però ha voluto sottolineare come quest’anno si sia rifiutato di recarsi a Davos avendo scelto di essere a Belem.

L’enorme platea ha ascoltato in silenzio e con molta attenzione i discorsi, concedendo ben poco ai passaggi più retorici dei cinque personaggi e sottolineando, invece, soprattutto le proposte più concrete per integrare e sviluppare, con una svolta ulteriore a sinistra, le esperienze di governo e la costruzione di un’alternativa continentale e mondiale al capitalismo.

Morales ha proposto quattro campagne mondiali: una sulla pace e giustizia per portare davanti al tribunale internazionale i responsabili delle guerre e genocidi e per abolire il diritto di veto nel Consiglio di Sicurezza dell’ONU. Una a favore di un nuovo ordine economico internazionale fondato sulla solidarietà, giustizia e complementarietà fra le nazioni, e per impedire che FMI e WTO facciano operazioni cosmetiche per continuare le stesse politiche dell’ultimo ventennio. Una per salvare il pianeta e la “madre terra” cambiando radicalmente il modello di produzione e consumo e assumendo come simbolo di questa campagna una foglia di coca. Una, infine, per il rispetto della dignità dei popoli, della loro identità e diversità culturale. Rafael Correa ha molto insistito sulla costruzione di un’alternativa economica alla crisi capitalistica con la creazione di una moneta unica e di una Banca del sud america. Proposta, quest’ultima, fortemente sostenuta da Chavez. Ed ha esplicitamente indicato la necessità di un processo di integrazione continentale, fino alla creazione degli Stati Uniti Latinoamericani sia per opporsi all’imperialismo USA sia per costruire un mondo multipolare. Lugo è stato più moderato, ma forse è meglio dire meno radicale, nelle proposte. Nel complesso si può dire che il Socialismo del XXI Secolo, nel tempo della crisi più grave della globalizzazione, esce dalla retorica e inizia a prendere forme e contenuti in sintonia con le idee e proposte che da anni il movimento discute. Indubbiamente Morales, Correa e Chavez hanno trascinato più a sinistra tutta la comitiva, prestando molta attenzione, ed infatti tutti e tre hanno avuto parole di elogio per Lula che ha fatto il discorso più moderato, a non fare fughe in avanti.

Tutto ciò visto dall’Europa ci dice che il movimento mondiale è cresciuto e soprattutto che è stato efficace. Ci dice che possono esistere governi capaci di sfidare i poteri più forti facendo cose inimmaginabili fino a pochi anni fa. Ci dice che la radicalità e le lotte pagano immensamente di più delle mille cautele e prese di distanza dal proprio passato.

Ci dice che un altro mondo è davvero possibile.

ramon mantovani


pubblicato su Liberazione il 1 febbraio 2009

La sinistra rischia di nascere vecchia

Posted in articoli pubblicati sulla carta stampata ed altri siti with tags , , , , , , , on 19 gennaio, 2008 by ramon mantovani

Alla fine di novembre, in occasione della discussione sul welfare, vi fu l’occasione per aprire una crisi di governo e una reale verifica. Si è preferito votare un provvedimento indecente e rimandare la verifica a gennaio. Ora ci siamo. Ma Prodi, Padoa Schioppa e Damiano, intendono la verifica come “tagliando”, come aggiustamento, non certo come cambio di rotta. Intanto, il governo ha varato il 28 dicembre, un vergognoso decreto sulla “sicurezza” che io, come ha scritto Giuliano Pisapia nel suo articolo su Liberazione, considero impossibile votare. E’ presto per dire come andrà questa verifica, mi auguro che si concluda con una svolta nella politica del governo, ma dubito che possa andare bene. Per due motivi: 1) Il Partito democratico, Prodi e i ministri competenti pensano, al massimo, alla redistribuzione di qualche risorsa che ecceda le previsioni delle entrate dello Stato; non interventi strutturali come abbassare le tasse sul lavoro dipendente ed aumentarle al 20% per le rendite finanziarie. Infatti insistono nel dire che bisogna attendere la trimestrale di cassa, alla fine di marzo, per discutere quanti soldi redistribuire ai redditi bassi e al lavoro dipendente. Inoltre pensano, a quanto pare, a defiscalizzare gli aumenti contrattuali aziendali legati alla produttività, assestando così un ulteriore colpo mortale al contratto nazionale di lavoro. Non hanno alcuna intenzione di fare cose reali sulla precarietà e sulle altre grandi questioni, come le spese militari, l’ambiente e i diritti. 2) le forze della sinistra non dispongono di un’arma fondamentale per centrare l’obiettivo: la determinazione. E’ impensabile che, senza mettere in conto una possibile rottura con il governo, si possa condurre una trattativa degna di questo nome. E temo – anzi ne sono sicuro – che PCdI, Verdi, Sinistra Democratica e perfino una parte di Rifondazione Comunista considerino impossibile rompere con il governo. Vuoi per non compromettere la riforma elettorale, vuoi perchè – per tre dei quattro partiti di sinistra – l’appartenenza al centrosinistra è una scelta strategica e sovraordinatrice di ogni altra decisione, come è scritto a chiare lettere nella “carta d’intenti” della Sinistra e l’Arcobaleno. Comunque vadano le cose, almeno è prevista una consultazione referendaria sull’esito della verifica e sulla permanenza al governo. Nei prossimi giorni se ne discuterà più concretamente, per determinarne i tempi e il campo di partecipanti. Fatte queste considerazioni è chiaro, almeno per me, che le tante illusioni e suggestioni sulla rapida costruzione dell’unità a sinistra mostrano sempre più la corda. Non sono animato da pregiudizi o settarismi. Non penso che il partito al quale appartengo sia autosufficiente. Però vedo irrisolti tanti problemi che non si possono ignorare. A cominciare dal tema, grande come una casa, del governo. E non parlo solo del governo Prodi, parlo proprio dell’idea perniciosa, che alberga dentro e fuori i partiti, nel popolo di sinistra con o senza tessera, che la missione di una forza politica di sinistra, unita o unica che dir si voglia, sia quella di prendere tanti voti e possibilmente governare.

Da questa idea discende che coi movimenti si “dialoga” riservandosi il compito di “dare risposte”. Quelle compatibili con il quadro politico, ovviamente. Da questa idea deriva una dimensione soprattutto istituzionale e unicamente nazionale dell’agire politico. Tornando così alle ossessioni elettorali. Rimango dell’idea che sia necessario verificare l’utilità della sinistra nella capacità di essere dentro i movimenti, a cominciare da quello mondiale contro la globalizzazione, e nella pratica sociale, considerando le istituzioni luoghi secondari dell’agire politico. Continuo a pensare che, se c’è una rottura definitiva da consumare con la storia e la tradizione della sinistra, è quella del rapporto con il potere, come ha insegnato a tutto il mondo l’esperienza zapatista. Queste idee non sembra abbiano avuto molta fortuna l’8 e il 9 dicembre, all’assemblea della sinistra. Finché non avranno maggior fortuna rimarrà il rischio che anche l’unico partito che le ha sposate, almeno teoricamente, svanisca in una sinistra con più voti (forse), ma certamente nata vecchia.

ramon mantovani

pubblicato il 18 gennaio 2008 su Carta

dopo genova

Posted in articoli pubblicati sulla carta stampata ed altri siti with tags , , , , , on 26 settembre, 2002 by ramon mantovani

Ad un anno e più dai fatti di Genova vale la pena di tornare su alcune questioni che, soprattutto sulla stampa internazionale, sono passate inosservate. Oggi vi sono decine di dirigenti ed agenti delle forze dell’ordine indagati dalla magistratura. Non solo per la repressione indiscriminata verso persone disarmate e pacifiche, per le torture inflitte nelle caserme, per l’assoluta mancanza di rispetto del diritto in occasione degli arresti. Vi sono alti dirigenti ed agenti accusati di aver falsificato prove e di aver inventato reati per giustificare l’irruzione nella scuola dove aveva sede il Genoa Social Forum. In particolare l’ingresso degli agenti (centinaia ed armati di tutto punto) nella scuola Diaz fu giustificata come “perquisizione” e in conferenza stampa furono esibite due molotov. Ora vi è un dirigente della Polizia di Stato accusato di aver portato nella scuola le due molotov. L’accusa è corroborata dalla testimonianza di agenti della Polizia. La violenza che produsse 63 feriti gravi (decine di fratture al cranio, alle braccia, gambe, costole, mandibole, oltre che innumerevoli lesioni e contusioni d’ogni tipo) su 93 presenti, fu giustificata con la resistenza che i presenti avrebbero offerto nello stesso momento dell’ingresso della Polizia nei locali della scuola. Un agente, disse la Polizia nella conferenza stampa, fu accoltellato e solo il corpetto antiproiettile lo avrebbe salvato. Ora quell’agente è sottoposto a procedimento giudiziario perché le perizie ordinate dal tribunale hanno inequivocabilmente dimostrato che i tagli sulla divisa e sul corpetto antiproiettile non sono compatibili fra loro. Prosegue, intanto, l’inchiesta giudiziaria sull’omicidio di Carlo Giuliani e l’ardita tesi difensiva del Carabiniere che avrebbe ucciso Carlo (scrivo avrebbe perché comincia ad emergere l’eventualità che siano state due le armi a sparare e non una sola) è che egli avrebbe sparato in aria, il proiettile avrebbe colpito un sasso lanciato da un manifestante e, deviato, avrebbe attinto Carlo. Insomma, ciò che è ormai verità politica per l’opinione pubblica italiana, comincia a diventare anche verità giudiziaria. Ma c’è un punto che ancora sembra confuso e che, secondo il mio modesto parere, può essere pericolosamente fuorviante: chi ha ordinato una simile repressione? La risposta a questa domanda sembra molto semplice: da poco c’era un governo di destra, il vice primo ministro è un ex fascista e, per giunta, durante i fatti aveva svolto una visita nella sala operativa delle forze dell’ordine impegnate nella repressione. Dunque la repressione sarebbe stata una precisa volontà del governo Berlusconi e, soprattutto, dei ministri di Alleanza Nazionale. Capisco che questa tesi sia suggestiva e che appaia molto plausibile. Eppure non sono d’accordo. Io ho un’altra tesi. Innanzitutto tutte le limitazioni alle libertà democratiche erano state decise dal governo precedente, di centro-sinistra. La famigerata zona rossa, comprendente tutto il centro di Genova, protetta da una barriera metallica di sei metri e presidiata da migliaia di agenti, e la zona gialla, comprendente il resto della città tranne qualche periferia, inibita perfino alla distribuzione di giornali e volantini, erano state istituite dal governo di centro-sinistra, il quale si era sempre rifiutato di incontrare il Genoa Social Forum, sebbene quest’ultimo fosse costituito, oltre che da centinaia di organizzazioni sociali anche da due partiti parlamentari, Rifondazione Comunista e Verdi. Gia a Napoli, mesi prima, una manifestazione contro l’OCSE era stata repressa nel sangue dal governo di centro-sinistra. Anche in quell’occasione arresti indiscriminati e torture nelle caserme, tanto che recentemente la magistratura ha spiccato ordini di cattura per numerosi agenti della Polizia di Stato. Insomma, se c’era una volontà repressiva, questa non è stata inventata all’ultimo minuto dal governo Berlusconi. Inoltre va detto che la tecnica repressiva applicata a Genova, in Italia non si era mai vista, nemmeno nei periodi più bui della storia della Repubblica. Non parlo del sangue versato, parlo della mera tecnica. Mai era successo che gruppi di manifestanti violenti fossero lasciati agire nella totale impunità per più di 48 ore. I Black Bloc, dichiaratamente esterni al Genoa Social Forum, hanno potuto per due intere giornate distruggere banche, negozi, automobili utilitarie di privati cittadini e perfino dare l’assalto al carcere di Genova, senza mai, ripeto mai, essere fermati o attaccati dalla Polizia. Non è qui che voglio dare un giudizio su questo movimento, che in ogni caso considero un fenomeno reale e non un gruppo composto di provocatori o agenti infiltrati. Resta il fatto che, quando i Black Bloc sono comparsi in altre occasioni, come Praga o Nizza, hanno subito una pesante repressione immediata, mentre a Genova sono stati il pretesto per gli attacchi a tutto il movimento composto di centinaia di migliaia di persone. Il giorno 20 il governo Berlusconi aveva autorizzato quattro meeting in quattro diverse piazze e un corteo delle tute bianche (centri sociali e giovani di Rifondazione Comunista) ed altri gruppi, nella zona gialla. Tutti attaccati dalla polizia senza preavviso e senza motivo. In particolare il corteo delle tute bianche, che ha opposto resistenza, è stato attaccato per diverse ore con una tecnica tesa ad estendere il più possibile gli scontri e a coinvolgere il maggior numero possibile di manifestanti. Il giorno successivo la manifestazione di trecentomila persone (duecentomila secondo la polizia) è stata attaccata, divisa in due tronconi che a loro volta sono stati caricati per almeno quattro ore. Anche in questo caso le forze dell’ordine hanno fatto di tutto per coinvolgere il maggior numero di manifestanti negli incidenti. La sera del 21, quando tutto era ormai tranquillo, è attaccata la sede del Genoa Social Forum. Nel corso di questi fatti i parlamentari di Rifondazione Comunista, io in modo particolare poiché sono sempre stato nei luoghi degli incidenti, hanno più volte parlato per telefono con ministri e responsabili della forze di polizia. Ebbene, spesso il Ministro degli Interni non sapeva assolutamente nulla o aveva informazioni false dai suoi sottoposti. Con i responsabili della Polizia, al contrario che in numerose altre occasioni, nemmeno ai parlamentari era possibile trattare. Infine va detto che gli incidenti si sono svolti solo ed esclusivamente nel tempo della riunione del G8. Sia prima che dopo la riunione nulla è successo. Il martedì successivo ai fatti di Genova si sono tenute manifestazioni in tutte le città italiane con una presenza, secondo le stime della Polizia, di circa un milione e mezzo di persone. Non è successo nulla nonostante la tensione fosse altissima. Mentre Rifondazione Comunista ha immediatamente chiesto le dimissioni del Ministro degli Interni e del Capo della Polizia, il centro-sinistra ha chiesto solo le dimissioni del ministro ed ha difeso l’opera del Capo della Polizia, anche quando quest’ultimo ha palesemente mentito di fronte al comitato d’inchiesta parlamentare sui fatti di Genova. Solo qualche funzionario è stato rimosso dal proprio incarico per essere “promosso”. Oggi, mentre il ministro ha dovuto dimettersi per altre vicende, il Capo della Polizia è ancora al suo posto. Potrei continuare a fare esempi e a citare fatti che contrastano con la tesi superficiale secondo la quale tutta la responsabilità sarebbe da attribuire alla natura di destra ed antidemocratica di Berlusconi. In realtà penso che la repressione di Genova sia stata decisa a livello internazionale e precisamente dal Coordinamento dei Servizi di intelligence e delle forze di polizia che presiede alla sicurezza dei vertici del G8. Penso che il Capo della Polizia, che negli anni precedenti è stato impegnato in organismi internazionali ed ha assistito a numerosi corsi d’addestramento negli USA, abbia applicato le decisioni anche all’insaputa del governo ed abbia usato, com’è stato ampiamente dimostrato, i reparti speciali della Polizia istituiti negli anni in cui governava il centro-sinistra. Penso, come lo pensa il segretario della FIOM (il maggiore sindacato metalmeccanico) che è un iscritto al centro-sinistra, che la tecnica repressiva applicata non sia italiana e sia invece molto somigliante a quella nordamericana. Penso che il governo Berlusconi non avesse il minimo interesse a passare per l’opinione pubblica internazionale come un governo antidemocratico, sebbene lo sia, ma che di fronte a tutto ciò abbia dovuto coprire e rivendicare politicamente assumendosi ogni responsabilità. Insomma, la repressione a Genova non è un fatto meramente italiano, come del resto il movimento contro la globalizzazione capitalista è mondiale. Il G8 ha temuto il movimento, prova ne sia il fatto che per la prima volta i governi più potenti, che ambiscono a costituire il governo reale del mondo nel nome degli interessi generali delle grandi società transnazionali, avevano sentito il bisogno di fingere di occuparsi dei problemi posti dal movimento. Non avevano nemmeno esitato a riconoscere che molte delle questioni poste dalla protesta fossero reali. Avevano perfino invitato alcuni leader di paesi poveri a chiedere elemosine prima del vertice. Al tempo stesso hanno programmato la repressione sia per ridurre il movimento e i suoi contenuti a mera questione d’ordine pubblico, sia per tentare di attrarre una parte del movimento nella spirale repressione-violenza-repressione, che lo avrebbe diviso in un’ala estremista e in un’ala moderata e trasformato quest’ultima in una lobby collaborativa e addomesticata. Com’è noto il “movimento dei movimenti”, come amiamo definirlo, ha resistito e si è allargato sia nella sua dimensione mondiale, come si è ben visto a Porto Alegre, sia in Italia, dove è cresciuto mantenendo viva e reale la propria unità, come si vedrà a Firenze, quando ospiterà il Forum Sociale Europeo.

 

ramon mantovani

 

pubblicato su Liberazione nel settembre 2002