Archivio per mantovani

Chi ha veramente tradito il referendum sull’acqua?

Posted in articoli pubblicati sul blog with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on 25 aprile, 2016 by ramon mantovani

La Camera dei Deputati ha di nuovo tradito il referendum sull’acqua.

Sono seguite roboanti dichiarazioni di protesta di esponenti di Sinistra Italiana e del Movimento 5 Stelle. Numerosi articoli critici con la decisione del PD, del Governo, e della maggioranza della Camera. Tra i quali uno ottimo di Marco Bersani, esponente del Forum italiano dei movimenti per l’acqua, nel quale si preannunciano mobilitazioni.

In questa sede è del tutto superfluo insistere sul fatto in sé.

È evidente che si tratta di un evento di inaudita gravità. Sia sul piano democratico sia su quello dei contenuti.

Tuttavia c’è qualcosa che non va nelle proteste ed anche nelle descrizioni del “misfatto”.

O meglio, c’è qualcosa che manca.

E senza questo “qualcosa”, come vedremo, la contestazione della privatizzazione dell’acqua, e le conseguenti mobilitazioni, rischiano di essere inefficaci.

Da anni, per non dire ormai da decenni, in tutto il mondo, e in particolare nei paesi dove la gestione del bene comune acqua era o è integralmente pubblica, è in corso il tentativo, già riuscito in molti casi, di affidare la gestione dei sistemi di distribuzione e manutenzione dell’acqua a società private, riconoscendo loro il diritto di estrarre dall’attività un profitto.

Per quanto possa apparire “irrazionale” che un bene indispensabile alla vita stessa possa divenire fonte di guadagno per società private, in realtà non lo è.

È certamente irrazionale dal punto di vista dell’umanità, delle specie viventi e dello stesso nostro pianeta. Ma non lo è per il mercato, per il sistema finanziario e in definitiva per il capitalismo.

La ricerca del massimo profitto non conosce limiti. Né ambientali, né sociali, né politici e né democratici.

I limiti imposti al capitale nello scorso secolo, sia dalle lotte del movimento operaio sia dagli stati nazionali (che hanno applicato le teorie keinesiane in risposta alla crisi del 29), sono risultati incompatibili con lo sviluppo capitalistico, e soprattutto con la finanziarizzazione che ne contraddistingue l’attuale fase.

Non si tratta soprattutto di “cattiveria”, di “cinismo”, di “egoismo” o di “avidità”. Tutte cose rintracciabili in quell’uno per cento dell’umanità che possiede più della metà della ricchezza mondiale. Si tratta invece di una necessità esiziale affinché il sistema capitalistico possa continuare ad esistere. Esso per continuare ad esistere ha bisogno di espandersi e mercificare tendenzialmente tutto. In altre parole si tratta di un meccanismo intrinseco alla natura stessa del sistema capitalistico, e non di un incidente o di un’escrescenza estemporanea propiziata magari da governi corrotti o semplicemente irresponsabili.

Non pretendo certo, in queste brevi note, di dimostrare l’assunto più sopra esposto. Eppure la semplice osservazione dei fatti dovrebbe almeno far riflettere tutti coloro che si sono mobilitati e si mobilitano in difesa dell’acqua bene comune.

È secondo me evidente che coltivare l’illusione di poter difendere i beni comuni individuando come nemico il governo di turno, senza la sufficiente consapevolezza delle reali origini del problema, può portare a gravi ed irrimediabili disillusioni.

Questa considerazione non incide minimamente sugli obiettivi della lotta in difesa dei beni comuni.

Lottare affinché la gestione dell’acqua sia integralmente pubblica, ed ispirata dagli interessi e dalle necessità della popolazione è un obiettivo sacrosanto, giusto, comprensibile ed anche realizzabile.

Ma bisogna, per non vedere rifluire la lotta alla prima battaglia, sapere che si tratta di una guerra mondiale e non di una scaramuccia con un Renzi di turno. Bisogna avere coscienza di quali interessi concreti si combattono. Bisogna, accanto alla lotta per gli obiettivi immediati, costruire un progetto alternativo al sistema che ha bisogno, per riprodursi, della privatizzazione e della mercificazione di ogni cosa. Bisogna condurre una battaglia culturale e ideologica contro l’egemonia del pensiero dominante che fa apparire “naturale” e perciò privo di alternative lo stato di cose esistente.

È fin troppo evidente, da questo punto di vista, l’inadeguatezza e la contradditorietà del Movimento 5 Stelle, che è incapace di capire la vera natura del problema e si limita a denunciarne, anche efficacemente, gli effetti superficiali e le responsabilità secondarie.

Per non essere frainteso concludo questa prima serie di considerazioni chiarendo che il movimento e la mobilitazione in difesa dei beni comuni in nessun caso devono, secondo me, dividersi fra chi possiede, o ritiene di possedere, la coscienza della portata del problema e chi no. O, peggio ancora, tra distinzioni prive di senso, come quella fra anticapitalisti e antiliberisti. Senza per questo evitare, eludere o sottovalutare la necessità di discutere approfonditamente e seriamente in sede di analisi due cose: l’origine dei problemi che si affrontano con la lotta e la fattibilità e realizzabilità degli obiettivi della lotta.

Detto questo, che vale soprattutto per le sorti del movimento per l’acqua bene comune, passiamo ad analizzare un secondo problema, che per quanto intrecciato con il precedente, ha una sua notevole importanza.

Nel 2011 il referendum è stato vinto.

È giusto e necessario rivendicare la portata e la pregnanza di quella vittoria, e conseguentemente denunciare i vari tentativi, fino al più recente, di vanificare il contenuto preciso ed inequivocabile del referendum.

Il popolo italiano ha deciso di abrogare la possibilità di affidare a privati la gestione di servizi pubblici e specificamente per l’acqua, la norma che prevedeva la “remunerazione del capitale investito”. Ogni tentativo di far rientrare dalla porta o dalla finestra ciò che per decisione popolare è stato cancellato è una violazione gravissima della democrazia. Un vero e proprio tradimento della volontà popolare. Punto.

Ma come è possibile che una simile cosa possa accadere? Come siamo arrivati fino a questo punto?

Come mai non c’è una vera e propria sollevazione popolare in risposta ad un simile tradimento? E soprattutto: come è possibile che gran parte di coloro che fecero la campagna referendaria per il Si oggi ne disconoscano gli effetti?

 

In altri paesi europei una simile cosa è impensabile. Le privatizzazioni dei servizi e della gestione dell’acqua sono state decise e promosse indifferentemente da governi di destra e da governi socialisti e socialdemocratici. Non sono mai divenute oggetto di contrasto fra i due schieramenti politici ed elettorali principali.

In Italia, invece, il referendum promosso sui contenuti del movimento contro le privatizzazioni fu usato strumentalmente dal PD per infliggere un duro colpo politico al governo Berlusconi. Accusato, giustamente, di voler rendere obbligatorie le privatizzazioni per gli enti locali.

Chiunque all’epoca abbia assistito ad un dibattito televisivo, sapendo distinguere fra fumo e arrosto, dovrebbe sapere fin da allora che il PD di Bersani fece la campagna esattamente sulla obbligatorietà o meno delle privatizzazioni e non sulle privatizzazioni in sé. Le forze della sinistra alternativa, tutte, e le associazioni interne ai movimenti di lotta, invece centrarono la battaglia coerentemente con il contenuto dei quesiti.

Non ci fu, che io ricordi, un solo talk show e/o un solo giornalista che abbia chiesto a Bersani conto della contraddizione nella quale stava più che comodamente. Contraddizione più che evidente anche perché la norma che introdusse la possibilità di privatizzare la gestione delle acque e il profitto riconosciuto alle società private fu introdotta nel 1993 con il voto favorevole del PDS (e dell’allora deputato Stefano Rodotà). Ed anche dei Verdi.

A votare contro, e non lo dico per apporre una medaglietta al bavero della mia giacca perché votare contro la privatizzazione dell’acqua dovrebbe essere un dovere elementare di qualsiasi forza che si consideri minimamente di sinistra, fummo soltanto noi di Rifondazione Comunista.

Ma c’è di più. Purtroppo.

Nel 2013 ci furono le elezioni politiche, alle quali si presentò una coalizione di centrosinistra composta da PD, SEL e PSI. Il nome della coalizione era “Italia bene comune”.

Nel nome stesso della coalizione è evidente il tentativo di ricollegarsi all’allora recente vittoria referendaria.

E certamente Bersani e Vendola usarono a piene mani in campagna elettorale l’evocazione della vittoria nel referendum.

Ma cosa diceva il programma della coalizione ITALIA BENE COMUNE sul punto che ci interessa?

Riporto qui uno stralcio di un mio articolo dell’epoca.

 

“Beni comuni

Anche qui attenzione a parole e concetti.

“Per noi salute, istruzione, sicurezza, ambiente, sono campi dove, in via di principio, non deve esserci il povero né il ricco. Perché sono beni indisponibili alla pura logica del mercato e dei profitti. Sono beni comuni – di tutti e di ciascuno – e definiscono il grado di civiltà e democrazia del Paese.

I referendum del 2011 hanno affermato il principio dell’acqua come bene non privatizzabile. L’energia, il patrimonio culturale e del paesaggio, le infrastrutture dello sviluppo sostenibile, la rete dei servizi di welfare e formazione, sono beni che devono vivere in un quadro di programmazione, regolazione e controllo sulla qualità delle prestazioni. Per tutto questo, introdurremo normative che definiscano i parametri della gestione pubblica o, in alternativa, i compiti delle autorità di controllo a tutela delle finalità pubbliche dei servizi. In ogni caso non può venir meno una responsabilità pubblica dei cicli e dei processi, che garantisca l’universalità di accesso e la sostenibilità nel lungo periodo.“

Bisogna fare i complimenti agli estensori di questo capolavoro!

Nella prima frase basta un aggettivo per rovesciare il senso apparente, che sembra al lettore il vero contenuto. L’aggettivo è PURA.

Per favore togliere PURA e rileggere il testo. Si trova l’esito del referendum sull’acqua e servizi pubblici. Poi rileggere con PURA. Si trova la legislazione pre referendum. I servizi possono essere pubblici o privati, basta che siano regolati secondo l’interesse pubblico.

Una cosa è dire che sono indisponibili alla logica del mercato e del profitto e un’altra, diversa e contrapposta è che sono indisponibili alla PURA logica del mercato e del profitto.

Non esiste in natura un neoliberista che proponga di privatizzare servizi per metterli a disposizione della pura logica del mercato e del profitto. Tutti dicono che la funzione pubblica va regolamentata e controllata.

Peccato che ciò che divide destra da sinistra è la concezione secondo la quale acqua, sanità, istruzione ecc possono essere privatizzati o meno. Punto! Perché, al contrario, una volta accettata l’idea che possono essere gestiti privatamente prevedendo il profitto (remunerazione del capitale investito o altre definizioni ipocrite analoghe) pur potendo distinguere fra posizioni leggermente diverse sulla qualità della mediazione fra interessi pubblici e privati, sulle forme concrete del controllo ecc. ci si trova comunque nel campo del neoliberismo più sfacciato.

Anche qui la domanda fatidica. Esagero?

Beh. Basta, per scoprirlo, leggere il resto del testo eliminando l’eco dei paroloni apparentemente di sinistra appositamente usati poco prima.

Rileggiamo.

“I referendum del 2011 hanno affermato il principio dell’acqua come bene non privatizzabile. L’energia, il patrimonio culturale e del paesaggio, le infrastrutture dello sviluppo sostenibile, la rete dei servizi di welfare e formazione, sono beni che devono vivere in un quadro di programmazione, regolazione e controllo sulla qualità delle prestazioni.”

Qui si fa finta in un testo impegnativo di non conoscere i quesiti referendari. L’acqua non è mai stata privata. Nella legge Galli è infatti definita così:

“Art. 1. Tutte le acque superficiali e sotterranee, ancorchè non estratte dal sottosuolo, sono pubbliche e costituiscono una risorsa che è salvaguardata ed utilizzata secondo criteri di solidarietà.”

Quando si parla di privatizzazione dell’acqua si parla della sua gestione. Come è ovvio.

Basta dire che l’acqua non è privatizzabile e poi elencare beni e servizi che “devono vivere in un quadro di programmazione, regolazione e controllo delle prestazioni.” e il gioco è fatto!

In italiano, per quanto il concetto venga sempre mascherato adeguatamente, vuol dire che sono si beni pubblici, ma che possono essere dati in gestione ai privati, che però devono rispettare programmazione, regolazione e controllo. E vorrei vedere!

Ripeto. Esagero?

Eh no che non esagero!

Infatti nell’ultima parte c’è scritto nero su bianco:

“Per tutto questo, introdurremo normative che definiscano i parametri della gestione pubblica o, in alternativa, i compiti delle autorità di controllo a tutela delle finalità pubbliche dei servizi. In ogni caso non può venir meno una responsabilità pubblica dei cicli e dei processi, che garantisca l’universalità di accesso e la sostenibilità nel lungo periodo.“

In italiano vuol dire che se la gestione è pubblica ci devono essere norme che ne definiscano i parametri. Cosa ovvia e scontata. Ma che se è privata la ALTERNATIVA è che ci siano controlli a tutela delle finalità pubbliche dei servizi.

Accidenti! Tutela delle finalità pubbliche? Tutela da che? Ma dalla PURA logica del mercato e del profitto. Appunto.

L’ultima frase è un altro capolavoro.

Vuol dire che se la gestione di acqua, altri beni e servizi è privata la RESPONSABILITA’ PUBBLICA si esercita affinché TUTTI possano ACCEDERE ai servizi ed utilizzare i beni, ma pagando ai privati che hanno diritto alla remunerazione del capitale investito.

Questo vuol dire! E sfido chiunque a dimostrare il contrario. Qui o in qualsiasi altra sede.

Insomma, il referendum è citato per poterlo tradire meglio.”

 

Naturalmente in quella campagna elettorale non ci fu un solo giornalista televisivo o della carta stampata che mise in evidenza l’imbroglio (perché di vergognoso imbroglio si tratta!) teso contemporaneamente a rivendicare la vittoria referendaria e a tradire, al tempo stesso, il referendum. Nessuno chiese a Vendola come potesse parlare contro la privatizzazione dell’acqua avendo contribuito a redigere e avendo firmato solennemente, con grande clamore di stampa, il programma di governo. Nessuno che mise in evidenza la differenza sostanziale fra il programma del centrosinistra e quello della coalizione Rivoluzione Civile, che sul punto in questione era inequivocabile.

Se scrivo queste cose non è per riaccendere inutili polemiche, e nemmeno per mettere in dubbio la buonafede dei deputati eletti nelle liste di SEL e del PD con il programma del centrosinistra guidato da Bersani, che oggi gridano scandalizzati al repentino ed improvviso tradimento del referendum da parte del PD di Renzi. Se hanno cambiato opinione dovrebbero dirlo esplicitamente. Se si sono fatti eleggere in buona fede su un preciso programma credendo che fosse contro le privatizzazioni mentre non lo era dovrebbero interrogarsi sulle loro capacità e serietà e rendere pubbliche le risposte. Se invece pensano che la “politica” sia esattamente far finta di essere, apparire, imbrogliare, dire cose ambigue che nascondono le vere intenzioni, allora la malafede è conclamata.

Se ho scritto queste cose è per cercare di far chiarezza.

Il PD di Renzi, sulle privatizzazioni (acqua compresa), è coerente e in linea con il PDS, con i DS, e con il PD e il centrosinistra di Bersani.

Gli imbrogli che si sono consumati intorno al referendum sull’acqua bene comune e col suo tradimento dovrebbero insegnare a tutte le persone di sinistra, ambientaliste, progressiste, o anche semplicemente interessate ad una gestione pubblica dei beni comuni, che il nemico è molto potente e che è necessario unirsi, lottare essendo consapevoli delle difficoltà della lotta.

L’unità di tutti/e coloro che sono contro le privatizzazioni e contro gli effetti delle politiche neoliberiste, per essere efficace necessita di chiarezza. Non può essere rappresentata nelle istituzioni da leader o partiti o coalizioni che alla prova dei fatti dimostrano di considerare i contenuti come variabili dipendenti da formule come il centrosinistra (come dimostra inequivocabilmente il programma del centrosinistra di Bersani e Vendola).

La vicenda dell’acqua dimostra che in Italia è possibile vincere battaglie ed essere maggioranza, a patto che si costruisca l’unità dal basso, sui contenuti antiliberisti e senza discriminazione alcuna.

È possibile a patto che il fronte antiliberista non venga diviso da preclusioni ingiustificate.

Attualmente esistono due proposte per unire la sinistra antiliberista.

Da una parte c’è Sinistra Italiana che chiede a tutti/e di abbandonare e sciogliere le proprie organizzazioni per far parte di un nuovo partito già pensato e predisposto dai parlamentari che si sono costituiti in gruppo. Dirigenti e parlamentari che però sono stati eletti su un programma incoerente con i contenuti proclamati, e che mantengono una pericolosissima ambiguità sul giudizio della natura del PD e conseguentemente del centrosinistra.

Dall’altra c’è la proposta, sostenuta da Rifondazione Comunista ed altri, che chiede di formare una forza politica unitaria alla quale tutti e tutte possano aderire senza per questo rinunciare alla propria ideologia e appartenenza, che venga costruita dal basso e funzioni democraticamente con il principio di una testa un voto, e che si dichiari inequivocabilmente indisponibile per accordi di governo e/o elettorali con il PD.

 

Non si tratta di una querelle fra gruppi dirigenti. Non si tratta di formule organizzative astratte o di scelta di leader.

 

O l’unità sarà dal basso, senza discriminazioni e con coerenza programmatica o avremo di nuovo divisioni inutili e perniciose.

 

Perché continuerà sempre ad esserci qualcuno che non imbroglia, che non fa finta di essere coerente mentre non lo è per nulla, che non è disponibile a tradire i contenuti delle lotte per miseri calcoli elettoralistici.

 

ramon mantovani

Rifondazione Comunista non può e non deve avere paura del futuro.

Posted in articoli pubblicati sulla carta stampata ed altri siti with tags , , , , , , , , , , , on 10 novembre, 2014 by ramon mantovani

La Direzione del Partito della Rifondazione Comunista ha avviato un importante dibattito, licenziando un documento sulla prospettiva dell’unità della sinistra e del partito.
Condivido il senso e la lettera del documento.
Queste note sono un modesto contributo alla discussione. E sono centrate sulla questione del futuro del partito.

Gli equivoci sulla storia del comunismo italiano.

La storia del movimento operaio italiano, e segnatamente del PCI, è grande e complessa. Lungi da me l’idea di trattarla esaustivamente.
Mi interessa, in questa sede, unicamente tentare di confutare alcune interpretazioni superficiali, unilaterali e/o infondate, che nel corso del tempo si sono affermate producendo danni gravissimi e a tutt’oggi irrisolti. E dalle quali è dipesa e dipende l’illusione che si possa ricostruire il PCI, come se si trattasse di una semplice questione di volontà.
In particolare c’è oggi, nella società e fra gli stessi militanti comunisti e di sinistra, l’idea perniciosa che la “politica” sia unicamente il complesso di attività volte alla conquista del consenso elettorale e che, più specificatamente, consista nel promuovere alleanze e nell’elaborazione di programmi di governo. O consista, me è solo l’altra faccia della medesima medaglia, unicamente nella propaganda di ideali, principi ed obiettivi di lotta.
In realtà è la stessa concezione della “politica” ad essere distorta dalla indebita separazione fra il complesso di attività ed azioni sociali e culturali del Pci e quelle dedicate alla dialettica interna alle istituzioni e alle relazioni fra partiti.
Il “caso italiano” si deve sostanzialmente a tre fattori.
Il primo era la natura prevalentemente e strutturalmente nazionale del mercato e delle imprese capitalistiche.
Il secondo era la natura parlamentare delle istituzioni (dal più piccolo consiglio comunale al parlamento nazionale).
Il terzo era l’esistenza di grandi organizzazioni sociali e di partiti di massa.
Questi fattori, originati dai limiti globalmente imposti allo sviluppo spontaneo del mercato capitalistico e segnatamente del mercato finanziario dopo la crisi del 29 e la guerra, dal peso conquistato dal PCI nella Resistenza e conseguentemente nella redazione della costituzione repubblicana, e dallo sviluppo della lotta di classe possibile in quelle condizioni, sono intimamente intrecciati.
Sul primo fattore mi limito a dire (non è questa la sede per analisi approfondite) che con gli Accordi di Bretton Woods vigenti e con la natura prevalentemente nazionale e produttiva del capitale e del mercato, la società aveva come centro i luoghi della produzione. Le classi sociali erano ben identificate, anche se in un contesto sempre più articolato e complesso. La classe operaia e i suoi strumenti, sindacato e partito, avevano un ruolo fondamentale che influenzava tutta la società.
Il secondo fattore, e cioè la natura parlamentare delle istituzioni a tutti i livelli, permetteva che la lotta di classe ed ogni sorta di lotte sociali e civili, potessero incidere nella realtà consolidando obiettivi di lotta in leggi dello stato attraverso i partiti di massa, indipendentemente dalla loro collocazione di governo o di opposizione.
Parlamento con grandi poteri, governo con scarsi poteri e legge elettorale proporzionale permettevano che le lotte e le rappresentanze di classe potessero, nella dialettica parlamentare e con alleanze precise e mirate, vincere battaglie e conquistare obiettivi.
È così che si chiude un cerchio, un circolo virtuoso. Le lotte, che in quel contesto strutturale potevano essere sempre più avanzate giacché accumulavano potere nei rapporti di forza sociali (basti pensare all’efficacia dello sciopero), attraverso le proprie rappresentanze pagavano e risultavano efficaci e vincenti. La dialettica politica e parlamentare era direttamente legata alle dinamiche sociali e dei rapporti di forza fra le classi. I partiti erano rappresentanti di classi e pezzi di società ed avevano una base ideologica precisa ed identificabile. Votare alle elezioni significava delegare la propria rappresentanza a lottare nelle istituzioni per i propri interessi.
Si tratta di una concezione della politica, della rappresentanza, delle istituzioni ben diversa, per non dire contrapposta, a quella liberale che era ispirata dall’idea dell’elezione diretta del governo e dalla scelta delle persone invece che dei partiti.
Ma veniamo al terzo fattore, che in questa sede ci interessa maggiormente.
C’è tutta una mitologia completamente infondata sulla storia del PCI e sui motivi che ne hanno fatto il più grande partito comunista in occidente.
Secondo i canoni dell’odierno pensiero dominante la grandezza del PCI si deve sostanzialmente alla grandezza dei suoi dirigenti, Togliatti in testa. E segnatamente alla raffinatezza della politica delle alleanze e all’immancabile “cultura di governo”.
Senza nulla togliere all’effettiva statura di Togliatti e di tutto il gruppo dirigente del PCI, mi preme sottolineare che senza l’intreccio dei tre fattori di cui sopra in PCI non avrebbe, in nessun caso, potuto essere quel che è stato.
Infatti, senza un contesto economico nel quale le lotte potevano essere efficaci socialmente, nessuna raffinata politica delle alleanze in parlamento avrebbe potuto strappare risultati concreti e, a lungo andare, la rappresentanza politica avrebbe finito con l’essere avvertita anch’essa come inefficace, inutile e dedita a coltivare interessi di partito (oggi si direbbe di casta), separati da quelli dei rappresentati.
Senza la repubblica parlamentare e il sistema proporzionale tutte le lotte generali che richiedevano riforme legislative non avrebbero mai raggiunto l’obiettivo di codificare in leggi le proprie rivendicazioni. Un partito come il PCI, antagonista ed inviso al potere imperialistico statunitense e perciò impossibilitato a conquistare il governo direttamente, senza la possibilità di allearsi con il PSI e con parti della DC sui temi posti dalle lotte sociali e con i partiti laici contro la DC sui temi civili, avrebbe finito con il testimoniare una posizione senza mai raggiungere obiettivi concreti. E conseguentemente non avrebbe mai accumulato il consenso elettorale che invece conquistò esattamente grazie all’utilità ed efficacia della rappresentanza.
Ovviamente a Togliatti e al gruppo dirigente del PCI va attribuito il merito enorme di aver analizzato correttamente le contraddizioni e la natura del capitale dell’epoca e di aver principalmente contribuito a produrre la repubblica parlamentare.
Tuttavia, se per esempio la DC avesse vinto le elezioni della legge truffa nel 53 (le perse per lo 0,2 % dei voti) e l’Italia avesse conosciuto una dialettica politica fondata sulla scelta del governo attraverso alleanze, costruite previamente alle elezioni, per conquistare il famoso premio di maggioranza, il PCI sarebbe stato marginalizzato e mai avrebbe potuto crescere elettoralmente parallelamente alla crescita delle lotte.
Quanto detto finora dimostra inequivocabilmente che il “caso italiano” è dovuto sostanzialmente ad un intimo rapporto fra “sociale e politico”.
Le lotte, di per se efficaci dentro il contesto strutturale del capitalismo dell’epoca, trovavano vittorie e coronamenti attraverso le elezioni, grazie alla possibilità delle rappresentanze di classe di sviluppare una politica efficace, anche se dall’opposizione. Le “alleanze” erano strettamente connesse ad obiettivi generali e parziali, si sviluppavano dopo le elezioni ed erano variabili secondo l’andamento dei rapporti di forza sociali, essendo strette fra partiti e parti di partiti legati a classi e/o parti della società. La “cultura di governo” non era l’idea che bisognasse allearsi con altri, con mediazioni al ribasso, per conquistare il governo per poi gestire l’esistente, bensì il complesso di proposte programmatiche di fase volte a conquistare migliori condizioni di vita per le masse popolari, a democratizzare la società e a consolidare basi per una transizione al socialismo.
Ma il PCI non era, come molti oggi credono e purtroppo dicono, dedito principalmente ad elaborare proposte, programmi e tattiche volte a fornire uno “sbocco” politico alle lotte.
Per quanto visibile, e misurabile con i voti elettorali, il lavoro svolto nella dimensione politica, elettorale ed istituzionale non era affatto la principale attività del PCI. Per quanto importante senza la lotta di classe e senza l’organizzazione sociale non avrebbe mai potuto produrre nessun risultato.
Ma è altrettanto sbagliato pensare che il PCI dirigesse direttamente le lotte come una pura avanguardia.
Un partito comunista serio è tale se è uno strumento complessivo della classe. Può essere clandestino, di quadri, di massa, a seconda delle condizioni in cui opera. Ma se non affonda le proprie radici nella classe, se non ha come bussola la lotta di classe e i rapporti di forza sociali, se non possiede una prospettiva strategica, finirà per snaturarsi trasformandosi in una setta parolaia o in una formazione affetta dal cretinismo parlamentare e dall’elettoralismo più spinto.
Le condizioni particolari di cui abbiamo parlato più sopra sono la base analitica e concreta della svolta che partorisce il “partito nuovo” proposto e voluto da Togliatti.
Non si tratta di un modello astratto migliore di altri o replicabile dovunque, bensì dello strumento meglio capace di sfruttare tutti gli spazi e possibilità che la realtà italiana del dopoguerra, sociale e politico – istituzionale, permette.
In particolare il PCI è il partito che promuove lotte locali a nazionali, costruisce organizzazione sociale e sindacale, produce luoghi di aggregazione culturale, ricreativa e perfino sportiva.
L’idea secondo la quale il partito dirigeva dall’alto sindacato, movimento cooperativo, case del popolo ecc è una bufala di proporzioni gigantesche.
Il partito promuoveva e dirigeva la lotta di classe essendone uno strumento inseparabile e complessivo. Dalla più piccola sezione alla direzione nazionale la principale attività consisteva nell’agire articolatamente e direttamente in tutte le sfere della società. Vale a dire a livello sociale promuovendo le battaglie sindacali, casse di mutuo soccorso, cooperative di produzione, di consumo ed edilizie, associazioni di categoria di commercianti ed artigiani, organizzazioni di donne e così via. A livello culturale luoghi di aggregazione come le case del popolo, l’ARCI con tutte le sue svariate sezioni, organizzazioni di artisti ed intellettuali e così via. A livello politico ed istituzionale partecipando alle elezioni ed eleggendo gruppi consiliari e parlamentari propri ed indipendenti (come la sinistra indipendente), in grandissima maggioranza espressione diretta delle esperienze di lotta più avanzate e composti in modo di essere all’altezza del compito in ogni settore legislativo.
Negli organismi dirigenti a tutti i livelli sedevano quadri politici direttamente impegnati nelle lotte e nelle grandi organizzazioni di massa. Ed era continuo lo scambio di quadri e funzionari fra le diverse attività del partito, sindacali, sociali, culturali e politiche.
Ovviamente non mancavano contraddizioni e problemi, come una notevole burocratizzazione di un partito con migliaia di funzionari. Come la “specializzazione” e tendenziale allontanamento dal sociale di numerosi quadri amministrativi ed istituzionali. Come un alto grado di conformismo e di eccessivo patriottismo di partito. Ed altro ancora. Ma in questa sede non si tenta di analizzare i problemi intrinseci del partito di massa. Si tenta, invece, di sfatare il mito secondo il quale gli organismi dirigenti a tutti i livelli del PCI erano dediti unicamente a formulare “strategie” e “tattiche” politico istituzionali e non a costruire le lotte e gli organismi di massa.
Infatti il PCI lavorava all’unità sindacale e all’unità politica della classe. Perciò Lega delle Cooperative, sindacato, ARCI e cosi via erano organizzazioni aperte ed unitarie. E perciò avevano un alto grado di autonomia. Ma è paradossale pensare che queste organizzazioni siano nate spontaneamente e che il partito le dirigesse in quanto operante nella sfera della politica istituzionale.
Del resto il circolo virtuoso di cui abbiamo parlato più sopra funzionava prevalentemente anche fuori dalla politica istituzionale. Ad ogni vittoria operaia nei contratti sul salario, che non aveva bisogno di alcun intervento legislativo, il PCI guadagnava voti. E con quei voti, grazie alle tattiche ed alleanze parlamentari adeguate, conquistava salario indiretto e diritti attraverso l’implementazione del welfare e di leggi avanzate.
Insomma, solo la lotta di classe era il motore della trasformazione sociale che permetteva, grazie alla repubblica parlamentare e al sistema proporzionale, di conquistare leggi e potere.
L’idea, oggi imperante per effetto della cultura dominante attualmente egemone, che ha cancellato la lotta di classe, secondo la quale le conquiste sociali e democratiche erano il frutto delle avanzate elettorali e non viceversa, è la mistificazione esiziale alla base del grande tradimento.

Il grande tradimento.

All’inizio degli anni 70 comincia la controffensiva capitalistica. Essa è motivata da condizioni strutturali sia a livello globale sia a livello nazionale. Caduta tendenziale del saggio di profitto, potere conquistato dai lavoratori, regole monetarie e finanziarie che impediscono e/o limitano fortemente la vocazione finanziaria del capitalismo, sono fattori decisivi. Richiederebbero una lunga trattazione, sempre che si pensi che l’analisi del capitale e dell’andamento dei rapporti di forza sociali siano fondamentali per capire la realtà.
Ma non è questa la sede per farlo.
Resta il fatto che in Italia ancora negli anni 70 il circolo virtuoso di cui sopra funziona pienamente. Sono gli anni in cui l’accumulazione della forza nei rapporti sociali e in cui nuove e più avanzate rivendicazioni permettono il raggiungimento di grandi conquiste sia sul piano sociale sia sul piano politico. Basti pensare alle crescite salariali, alla scala mobile, alle 150 ore, al servizio sanitario nazionale, all’equo canone, alla chiusura dei manicomi, al divorzio e all’aborto e così via. Ognuna di queste conquiste è il frutto di lotte, scioperi, manifestazioni, senza cui nessuna “politica delle alleanze” e “cultura di governo” avrebbe mai potuto ottenerle. Ma è anche il frutto della possibilità in parlamento di fare alleanze ad hoc su ognuna, indipendentemente dallo schieramento che sta al governo.
Esattamente all’inizio degli anni 70 gli USA denunciano gli accordi di Bretton Woods. Lentamente ma inesorabilmente comincia una modificazione strutturale del capitalismo. Le economie nazionali sono esposte alla libera oscillazione dei mercati valutari, le imprese iniziano ad avere una sempre più accentuata vocazione alle esportazioni, il mercato nazionale perde la sua centralità. Già alla fine degli anni 70 inizia il processo di finanziarizzazione impetuosa dell’economia, di deindustrializzazione, di ristrutturazione e di delocalizzazione. Oltre al concentramento di produzione e commercio nelle mani delle società multinazionali.
Viene meno il primo fattore su cui si fondava la forza del movimento operaio italiano. La principale arma, lo sciopero, inizia a non essere più efficace come prima. E cominciano le sconfitte. La società, come si vedrà bene negli anni 80, ha sempre più al centro il capitale finanziario e speculativo, e quindi si modifica velocemente. Si disgrega e cresce l’individualismo, l’idea del facile arricchimento facendo soldi con i soldi.
Nel breve volgere di pochi anni le sconfitte sono incontenibili. I rapporti di forza sociali diventano sempre più sfavorevoli, le lotte perdenti, le rappresentanze politiche incapaci perfino a difendere le conquiste degli anni precedenti. Si afferma nella società la cultura del mercato, della competizione assoluta. I comunisti vengono descritti sempre più come vecchi, incapaci di capire e quindi governare le meraviglie della modernizzazione. Gli operai come una razza in via di estinzione giacché cresce il “terziario avanzato”. La classe operaia come un concetto obsoleto giacché si dice, anche se si tratta in gran parte di una patente mistificazione, che perfino gli operai sono diventati “rentiers” in quanto “risparmiatori” e possessori di BOT e CCT.
C’è ancora la repubblica parlamentare, c’è ancora una grandissimo Partito Comunista di massa. Ma come si vede, venendo meno rapporti di forza sociali favorevoli, il circolo virtuoso si interrompe. La sconfitta della FIAT del 1980 non si può evitare con nessuna “abilità politica” né alleanza o manovra parlamentare. Al contrario apre una stagione nella quale anche in parlamento arriva una sconfitta dietro l’altra. A cominciare dalla proclamata “indipendenza” dal potere politico della Banca centrale e dai 4 punti di scala mobile tagliati dal governo Craxi.
Il PCI, che con Berlinguer sceglie di non separare i propri destini da quelli della classe, nonostante la sua forza è ormai un partito isolato. Impossibilitato a vincere battaglie sociali e parlamentari difensive. Come dimostra la sconfitta nel referendum sui 4 punti di scala mobile del 1984. Figuriamoci a fare nuove conquiste.
È chiaro o non è chiaro che tra i tre fattori, di cui abbiamo tanto parlato, il principale e decisivo è quello dell’andamento dei rapporti di forza sociali?
O si vuol sostenere che le sconfitte e l’incipiente declino elettorale arrivano per l’incapacità del PCI di capire il “nuovo”? Per l’attardarsi in analisi e descrizioni della realtà con strumenti obsoleti come il marxismo? Per l’abbandono della “cultura di governo? Per la mancanza di un leader forte dopo la morte di Berlinguer? Per un rigurgito di settarismo verso il PSI di Craxi? Per la lentezza elefantiaca del PCI a capire novità e ad adeguarsi ad esse a causa del potere “conservativo” dei suoi apparati burocratici?
Basta rimuovere l’analisi del capitale e dei rapporti di forza sociali per poter dire qualsiasi cosa circa la crisi del PCI. Ovviamente ogni spiegazione ha un piccolo o meno piccolo nucleo di verità. Ma resta il fatto che non si può, o non si dovrebbe, giudicare l’andamento delle fortune di un partito dedito alla lotta di classe rimuovendo la lotta di classe dall’analisi, o riducendola ad una variabile dipendente da fattori assolutamente secondari.
Potevano la repubblica parlamentare e il sistema dei partiti rimanere uguale a se stessi se la struttura dell’economia capitalistica, della formazione sociale conseguente, della cultura e del “senso comune”, diffusi anche fra le classi subalterne, erano così profondamente cambiati?
Evidentemente no.
Lo capisce bene Berlinguer che denuncia una degenerazione del sistema dei partiti già agli inizi del processo. La famosa “questione morale” è stata con il tempo ridotta alla mera denuncia della corruzione e ad una sorta di dimensione etica. Non c’è quasi nessuno, oggi, che non la citi come esempio. Ma in modo strumentale e rimuovendone l’analisi sistemica che l’ispirava.
I partiti cominciano a separare le proprie sorti da quella dei loro rappresentati. Valga per tutti l’esempio del PSI che cambia campo e si trasforma nel più coerente rappresentante del capitalismo finanziario emergente, che propugna il “decisionismo” al posto della mediazione di interessi nelle istituzioni, il leaderismo al posto della democrazia nella vita del suo partito (con tanto di elezioni per acclamazione), l’obiettivo del governo fine a se stesso e quindi contrapposto, dati i rapporti di forza sociali, agli interessi dei lavoratori.
La “politica” intesa come tattica e strategia nella dialettica parlamentare diventa un “gioco” fatto di manovre, scontri personali, “trovate” suggestive. E soprattutto la dialettica governo opposizione diventa uno scontro frontale nel quale è impossibile trovare mediazioni che non incorporino le compatibilità dell’economia vigente. La “vera” ed importante dialettica politica, per esempio, è quella che avviene dentro lo schieramento governativo fra una DC in crisi e un PSI che, nonostante lo scarso consenso, pretende per se la presidenza del governo.
Il PCI è fuori dai giochi. Nonostante la sua forza conta sempre meno giacché i suoi rappresentati cominciano a peggiorare le proprie condizioni di vita. Al suo interno, anche rispondendo ad esplicite richieste esterne, si affermano sempre più posizioni di destra. Una classica che propugna di uscire dall’isolamento con l’unità della sinistra. Con l’unità, cioè, con il PSI di Craxi che sta al governo ed è diventato nei fatti un partito ben più a destra della DC, corrotto ed autoritario. Ed una nuova e molto suggestiva, apparentemente più di sinistra. Quella che dice: “non vogliamo morire democristiani”.
E proprio qui sta il grande tradimento.
I rapporti di forza sociali, cambiati in peggio da fattori oggettivi relativi alla natura del capitale, del mercato e alle conseguenti modificazioni sociali e culturali, non sono più la bussola della politica del partito. L’obiettivo non è più modificarli, anche attraverso una lunga fase difensiva e di resistenza, scontando anche eventuali minori consensi elettorali, bensì assumerli come orizzonte immodificabile della politica.
Il partito che ha conquistato moltissimo dall’opposizione comincia a dire che “solo” dal governo si possono cambiare le cose. E alla contrapposizione di classe nella società si sostituisce la contrapposizione alla DC nel sistema politico.
Va da se che per andare al governo bisogna liberarsi da ogni retaggio relativo alla lotta di classe per diventare un partito “moderno”, “nuovo”, semplicemente di “sinistra”. E va da se che la repubblica parlamentare e il sistema proporzionale non sono idonei allo scopo di “vincere” le elezioni ed andare al governo mentre la propria base sociale perde.
È su queste basi che si scioglie il PCI e che il PDS diventa la punta di diamante del passaggio alla seconda repubblica del maggioritario. Con gran parte del gruppo dirigente che non vede l’ora di diventare finalmente personale di governo e con una base, militante ed anche elettorale, ridotta alla speranza infondata, come si vedrà bene nel corso dei seguenti 25 anni, che la conquista del governo possa cambiare l’Italia e le condizioni di vita delle classi subalterne.

Rifondazione comunista.

Rifondazione nasce per effetto del grande tradimento e per tentare di contrastarlo.
Non si può qui fare un’analisi approfondita, tantomeno una ricostruzione storica.
Ma, secondo me, una cosa è essenziale per capire la recente crisi del partito. Ed è l’unica su cui vale la pena di soffermarsi.
Ancora una volta si tratta di qualcosa di fondamentale, di strutturale. Senza capire la quale si finisce inevitabilmente per dare spiegazioni superficiali, sbagliate, ed in ultima analisi utilizzando esattamente le categorie interpretative proprie del pensiero e del senso comune dominanti.
Non è questione di leader, buoni o cattivi. Non è questione di tattiche elettorali, azzeccate o meno. Non è questione di immagine, appropriata o meno. Non è questione di formule organizzative, efficaci o no. Non è questione di unità o divisioni interne.
Ognuna di queste cose esiste, e si può discuterne all’infinito dividendosi all’infinito. Ma in realtà sono tutte effetti di una realtà oggettiva totalmente indipendente dalla volontà del partito e soprattutto di un errore gravissimo, questo si soggettivo.
La finanziarizzazione e globalizzazione del capitale, la perdita di potere degli stati nazionali circa l’economia, la società individualizzata e disgregata, la perdita di coscienza di classe della stragrandissima maggioranza dei proletari, il trionfo dell’ideologia liberista, la trasformazione delle istituzioni operata dal maggioritario e dalla centralità del governo, la degenerazione in spettacolo del dibattito politico pubblico e così via, non sono ascrivibili ad errori del PRC. Sono i frutti velenosi di un trentennio di sconfitte e modificazioni dei rapporti di forza sociali.
Cataloghiamole, per comodità, come cose oggettive.
L’errore soggettivo sta semplicemente nel non aver capito analiticamente e fino in fondo questa realtà oggettiva. Un errore madornale. Secondo me imperdonabile.
Rifondazione ha propugnato per anni giuste posizioni. Non ha mai disertato una sola lotta, spesso in solitudine. Ha visto e denunciato la degenerazione sindacale della “concertazione”. Ha visto giusto sull’Europa dei trattati neoliberisti. Ha capito e propugnato la necessità di conquistare una dimensione internazionale della lotta e dell’alternativa.
Ma essendo un partito politico principalmente dedito alla conquista del consenso elettorale, ed obbligato a giocare la partita sul campo truccato ed ostile del maggioritario, alla fine, con il tempo, è stato plasmato e trasformato dal sistema della politica della seconda repubblica.
Non è la stessa cosa promuovere e partecipare alle lotte, presentarsi alle elezioni per veicolarne gli obiettivi nelle istituzioni raggiungendo risultati concreti anche attraverso mediazioni e compromessi, o finire con l’agitare contenuti di lotta, partecipare ad un gioco di alleanze e contrapposizioni, ad una pseudo discussione spettacolarizzata sui mass media, senza mai raggiungere un risultato concreto per la propria base sociale ed elettorale.
In altre parole, dentro il bipolarismo in alleanza con il centrosinistra o in contrapposizione ad esso non c’era spazio per la conquista di alcun risultato serio e concreto. Ma non a causa di opportunismo o di settarismo, bensì per il semplice motivo che il sistema politico, istituzionale, massmediatico ed elettorale erano totalmente impermeabili a qualsiasi rivendicazione seriamente antagonista. Oggi la situazione è diversa, come vedremo più avanti. Perché è lo stesso sistema politico bipolare ad essere in crisi. E perché la crisi economica e i suoi effetti permettono di pensare di conquistare maggioranze elettorali contro centrodestra e centrosinistra, e nonostante le leggi maggioritarie. Come dimostra l’esperienza greca.
Ma negli anni 90 e 2000 senza questa consapevolezza ad ogni appuntamento elettorale le scelte, invece che meramente tattiche, apparivano come strategiche ed investivano la stessa “identità” del partito.
Non mancava un certo grado di consapevolezza di questa realtà ostile. Tuttavia non se ne sono mai tratte le conseguenze.
Come abbiamo visto nella prima repubblica per i comunisti era possibile accumulare forza sociale, tradurla in forza elettorale, in un partito di massa. Nella seconda si poteva, sulla base della denuncia delle ingiustizie sempre più gravi, conquistare un qualche consenso allusivo di una possibile resistenza. Ma poi quel consenso veniva macinato e digerito nella dialettica del maggioritario che espungeva i contenuti sociali e di lotta e riduceva tutto a scontro fra leader e a interessi elettorali di bottega.
Nella prima repubblica si poteva costruire un partito comunista di massa, nella seconda era impossibile. Non si poteva, cioè, accumulare consenso perché, a causa dei mancati risultati e soprattutto della spettacolarizzazione del dibattito politico, questo era destinato ad essere volatile. Analogamente dentro il partito ad ogni scelta di una certa importanza di manifestava una divisione su posizioni inconciliabili. Governismo ed “alleantismo” contro settarismo e “testimonianza”. Esattamente secondo il copione previsto dal sistema per una forza antagonista. E il dibattito interno invece che crescere nell’analisi della fase, e quindi nella consapevolezza di avere a che fare con un problema strategico e di lungo periodo, virava sempre più in scontri e divisioni astratte nelle cui fazioni si potevano comodamente annidare opportunismi e personalismi di ogni tipo.
Si possono scrivere interi saggi su Rifondazione e più in generale sulla sinistra in Italia. Ma senza centrare il necessario rapporto di una forza antagonista con l’andamento reale dei rapporti di forza sociali, con la cultura egemone e con la natura impermeabile delle istituzioni e del sistema elettorale si finirà sempre con lo scambiare gli effetti per le cause. Aumentando illusioni, confusione e divisioni.

La lezione e il che fare.

Se è vero quanto detto finora, bisogna sapere che è necessario ricostruire rapporti di forza sociali favorevoli per poter pensare di essere anche minimamente efficaci sul piano politico -elettorale. Solo un progetto complessivo e strategico può farlo. Complessivo perché fondato su un’analisi della crisi capitalistica, sui suoi effetti sociali e culturali, e strategico perché teso a costruire un blocco sociale capace di imboccare la fuoriuscita a sinistra dalla crisi e di ottenere il consenso sufficiente a farlo nonostante il sistema elettorale vigente. Senza il progetto non esiste nessuna scorciatoia elettoralistica capace di capovolgere i rapporti di classe e tantomeno di sconfiggere il pensiero dominante ed egemone.
Oggi è possibile, perché ci sono due novità importantissime.
La prima sta nel fatto che la crisi capitalistica attuale, di lunga durata e tesa a precipitare in nuove e più vaste e profonde crisi, è un terreno di scontro che, seppur drammaticamente, fornisce alle posizioni critiche del capitalismo nuove opportunità.
L’altra novità sta nel fatto che il sistema politico si è talmente separato dalle dinamiche sociali che nel tempo della crisi sconta una totale impopolarità, ancorché segnata da una grande confusione. E non bisogna sottovalutare le derive autoritarie che dall’alto (uomo unico al comando) possono riuscire a connettersi all’insofferenza del popolo verso la politica.
È sul combinato disposto di queste due novità che è necessario riflettere bene per trovare la strada giusta.
Vediamole, quindi, più approfonditamente.
La crisi, che a dimostrazione della correttezza delle nostre analisi fin dagli anni 90, era più che prevedibile nel contesto del neoliberismo imperante in Europa, non lascia nulla immutato.
Ormai Rifondazione ha prodotto una messe di analisi serie sulla natura strutturale e “costituente” della crisi capitalistica in Europa. Non c’è bisogno di tornarci in questa sede.
Ma su un punto della prassi (nel senso gramsciano del termine) è necessario un salto di qualità.
Nella società vi sono lotte difensive e di resistenza. Non sono nemmeno poche. Ma non abbiamo lotte che si propongano obiettivi avanzati e nuove conquiste (o riconquiste). Non solo non esiste un coordinamento efficace delle lotte esistenti, ma soprattutto non esiste nessun progetto o programma generale ed unificante che permetta loro di poter esistere al di fuori della sconfitta della loro vertenza specifica, locale o particolare. Eppure il sistema è per sua natura impossibilitato a redistribuire la ricchezza e a rinunciare alla speculazione e alla crescente privatizzazione di tutto ciò che rimane di pubblico. A cominciare dai cosiddetti beni comuni.
Ne deriva che non può esserci lotta di resistenza e/o difensiva che possa strappare risultati efficaci delegando “qualcuno” a mediare od ottenere cose anche parziali nell’ambito delle compatibilità del sistema. Compatibilità strutturali dovute alla natura del capitale e ormai consacrate, cristallizzate in leggi e perfino costituzionalizzate.
Chi pensa sia necessario lottare contro il capitalismo deve (ripeto: DEVE!) principalmente porsi il problema di come far nascere, far sviluppare e crescere, unificare dentro una prospettiva di largo respiro, le lotte e tutte le forme di ricostruzione di aggregazione sociale.
Non deve (ripeto: NON DEVE!) principalmente porsi il problema di come conquistare il consenso elettorale agitando contenuti di lotta in modo propagandistico per farli pesare in relazioni politiche dentro le istituzioni nella speranza che prima o poi, con una mossa o un’altra, con questa o quella alleanza, si possa invertire la tendenza.
Non deve (ripeto: NON DEVE!) illudersi che basti rivendicare un passato glorioso e/o fare l’apologia delle lotte, predicare la rivoluzione e la coscienza di classe e testimoniare con una lista elettorale il proprio grado di purezza, nella speranza che prima o poi arrivino i risultati sperati socialmente ed elettoralmente.
Il problema è molto complesso. Non ha soluzioni semplicistiche. Ma c’è un bandolo della matassa da individuare e tirando il quale si può sperare di dipanarla. È la pratica sociale. Il “radicamento” è un concetto ambiguo che si presta a gravi equivoci. In realtà dovrebbe essere la conseguenza diretta della pratica sociale. Ma se è invece inteso come “parlare dei veri problemi sociali” e/o interloquire, dall’interno della sfera politica dei partiti con comitati e movimenti di lotta, è in realtà impossibile radicarsi veramente. Per il semplice motivo che questo tipo di relazione incorpora e riproduce la separatezza della sfera della politica – istituzionale da quella della realtà sociale. Ed essendo la politica istituzionale impermeabile alle dinamiche sociali i movimenti di lotta percepiranno, se va bene, come puramente strumentali, al fine della conquista di voti elettorali, i tentativi di interlocuzione e adesione ai loro contenuti. O, se va male, continueranno, non avendo coscienza dell’impermeabilità strutturale del sistema alle loro rivendicazioni, ad orientarsi verso illusioni e speranze mal riposte in personaggi vari e schieramenti candidati al governo.
Al di la di questa descrizione astratta è quel che si può verificare ogni giorno parlando con persone che si considerano di sinistra, che partecipano attivamente a lotte, ma che credono all’alternatività di Grillo, di Vendola, e perfino di Renzi. E che, non vedendo l’impermeabilità del sistema ai contenuti sociali credono che il problema risieda nella forma partito o nella bontà o meno del leader di turno.
Insomma, un partito comunista che sia degno di questo nome si organizza ed opera in qualsiasi contesto. Un partito di classe, che pensa prevalentemente all’organizzazione sociale e alla lotta, a seconda delle circostanze può resistere in clandestinità sotto il fascismo per 20 o 40 anni, può sfruttare qualsiasi spazio di una qualsiasi democrazia borghese, può fare mille alleanze diverse o trovarsi isolato in contesti particolarmente ostili. Deve avere la duttilità sufficiente per adeguare la propria forma ed organizzazione, il proprio dibattito e democrazia interna, alla realtà nella quale opera. E deve quindi prestare una speciale attenzione all’analisi della realtà, e non liquidarla con semplificazioni vergognose. Tantomeno può assumere come immutabili le forme della propria organizzazione e quelle della relazione con lo stato e le eventuali elezioni, per poi analizzare e descrivere la realtà in modo che questa coincida con esse.
Se la classe “per sé” di marxiana memoria non c’è bisogna costruirla. E per farlo bisogna essere immersi fino in fondo nella realtà sociale. Punto.
Se il sistema è impermeabile il circolo virtuoso alla base del partito comunista di massa non si può riprodurre né con una propensione “alleantista” né con una “testimoniale”. Punto.
Le contraddizioni prodotte dalla fase capitalistica attuale sono enormi. Se nelle lotte si affermano idee e posizioni subalterne che confondono effetti con cause e confondono amici con nemici, la situazione peggiorerà sempre più. Nessun dio ci salverà. Ulteriori ed inediti peggioramenti della condizione di vita delle masse, come crescenti autoritarismi e criminalizzazione dell’opposizione residuale saranno inevitabili. Ma per poter evitare questa deriva è necessario dedicarsi incessantemente e prevalentemente al lavoro sociale. Punto.
Dentro il lavoro sociale diffuso ed articolato è indispensabile svolgere una funzione egemonica. Ma la funzione egemonica consiste nel lavoro paziente affinché vi sia la conquista da parte delle masse e delle lotte della coscienza necessaria a svolgere esse stesse una funzione egemonica nella società. Unificando fronti di lotta, elaborando programmi di lotte e rivendicazioni e strutturando una prospettiva di lungo periodo. Non certo illudendosi che sventolando bandiere di partito nelle manifestazioni, distribuendo materiali, redigendo interrogazioni o mozioni nelle istituzioni, utilizzando qualche scampolo di spazio nei mass media, si possa sostituire la indispensabile partecipazione diretta alle lotte e ad ogni forma di aggregazione sociale. Punto.
Ne deriva che il partito deve organizzarsi, strutturarsi, formare militanti e selezionare gruppi dirigenti, per ottemperare a questo compito. Al compito di fare la lotta di classe sul terreno sociale come principale attività. Al compito di costruire aggregazioni sociali di ogni tipo contrastando così materialmente la disgregazione sociale prodotta dal sistema. Al compito di svolgere una lotta ideologica e culturale incessante allo scopo di contrastare il pensiero dominante e di minarne l’egemonia.
Come abbiamo già detto, oggi nella crisi che mette a nudo le contraddizioni prodotte da questa fase capitalistica, e in un momento nel quale le condizioni per l’insorgenza di conflitti sono di fatto favorevoli, questo lavoro può essere molto efficace e produrre grandi risultati, nonostante l’esiguità delle forze del partito.
È un lavoro di lunga lena, che avrà fiammate e arretramenti, ma è un lavoro che può accumulare forze consistenti. A patto che, lo ripeto, sia vissuto ed assunto come il compito principale del partito, come il suo modo di essere, come la fonte qualificante della sua stessa identità anticapitalista e comunista. Perché altrimenti, se finalizzato e subordinato ad obiettivi elettorali, finirà inevitabilmente per essere frustrato dall’oggettiva impossibilità di tradurlo in consensi crescenti immediati.
Non sta a me, in questa sede, fare proposte concrete di riforma del partito.
Però è evidente che se la maggioranza dei militanti e dei gruppi dirigenti non si armano della consapevolezza necessaria sulla primazia della battaglia sociale e culturale, rispetto a quella della sfera più propriamente politica ed elettorale (sulla quale torneremo a breve), non c’è proposta di riforma del partito che possa funzionare.
In particolare vi sono due cose da rimuovere per poter anche solo sperare di trasformare il partito in un collettivo dedito alla lotta di classe.
La prima è l’arretramento culturale complessivo di cui è vittima.
Se militanti e perfino dirigenti leggono la realtà secondo le semplificazioni dei luoghi comuni, infondati ma suggestivi, prodotti dal sistema, non c’è speranza.
Se militanti e dirigenti confondono la discussione teorica, la ricerca culturale, per loro natura vivaci e dense di polemiche, ma che richiedono serietà, studio e capacità di ascolto delle regioni altrui, con il chiacchiericcio superficiale dei social network, con gli insulti e le grida, con le affermazioni iperboliche, con le battute, non c’è speranza.
La seconda è la divisione in correnti. Che non ha nulla a che vedere con il pluralismo culturale, che invece è umiliato e ristretto proprio dalle correnti.
Su questo punto è necessario un minimo approfondimento.
Le correnti si sono formate con il tempo, composte e ricomposte più volte, sempre a partire dalle scelte e dagli esiti delle scelte elettorali e di alleanze o meno in schieramenti. Questo frutto velenoso di una malintesa primazia della politica istituzionale, che mi sono sforzato di criticare in questo scritto, ha perfino travolto un principio basilare e fondamentale di un partito comunista. La sua autodisciplina.
Per quanto questo termine possa far arricciare il naso a molti, esso è un concetto consustanziale alla natura di classe del partito. La classe necessita di forza, di unità e di coesione per resistere alle avversità e per battere i suoi avversari, immensamente più forti e potenti di lei. Un partito che voglia essere di classe non sfugge a questa regola. La libertà di opinione e di ricerca arricchiscono il collettivo solo se partecipano alla costruzione di analisi, posizioni e decisioni capaci incidere nella realtà con l’azione. E per fare quest’ultima cosa, che differenzia un partito politico da un’associazione culturale, è necessario che quanto deciso democraticamente possa realizzarsi. Quanto più partecipato è il processo di discussione e di decisione tanto più forte sarà il vincolo ad applicare ciò che si è stabilito. Alla fine di un processo di discussione e decisione è fisiologico che esista un dissenso. Che non va nascosto né minimizzato. Che può essere reso pubblico e mantenuto. Fermo restando che è solo il dissenziente a decidere se renderlo pubblico e mantenerlo, e seconda della rilevanza che egli stesso gli attribuisce. Ma c’è un limite: in nessun modo il dissenso può tradursi in opposizione e in azione volta ad impedire che si realizzi quanto deciso dalla maggioranza del collettivo.
Questo limite è stato superato, soprattutto nei gruppi eletti nelle istituzioni, innumerevoli volte nella storia di Rifondazione. E lo è tutt’ora continuamente. Il superamento di questo limite produce scissioni, divisioni irreparabili e in ogni caso un indebolimento del partito.
Tutto ciò è un riflesso diretto esattamente della concezione secondo la quale è nelle elezioni ed istituzioni che si trova il vertice di tutto.
Infatti, gratta gratta e al netto di roboanti proclami ideologici, le correnti di Rifondazione tutte, compresa la maggioranza, sono diventate partiti nel partito. Gli organismi dirigenti “parlamentini” con una dialettica governo – opposizione. Con l’effetto, risibile e paradossale, ma non per questo meno grave, che le correnti di minoranza nel mentre proponevano che non esistesse nessun vincolo di mandato nemmeno nelle istituzioni, al loro interno praticavano una ferrea disciplina. E con l’effetto che la discussione invece che un approfondimento, e la ricerca di una sintesi, diventa una schermaglia strumentale fra posizioni preconfezionate nelle riunioni di corrente, che in quanto discusse e approvate, dopo aver trovato una sintesi in quella sede, diventano pressoché immodificabili. Il tutto con il corollario di ostruzionismi, giochi sul numero legale, furbizie tattiche, demagogie di ogni tipo. Per non parlare della qualità degli eletti negli organismi decisi dalle correnti, spesso sulla base della fedeltà invece che delle capacità.
Va da se che una simile strutturazione produce una dialettica opposta alla valorizzazione di culture diverse che, infatti, essendo usate strumentalmente per giustificare e spiegare scelte eminentemente politiche, vengono ridotte a caricature.

Le istituzioni e le elezioni

I rapporti sociali sfavorevoli sono stati la base oggettiva delle “riforme” del sistema elettorale ed istituzionale in senso presidenzialista e maggioritario. Quelle riforme incorporano il segno di classe della vittoria capitalistica di lungo periodo e ne blindano gli effetti a livello politico.
È inutile, in questo scritto, tornare a descrivere gli effetti perversi prodotti dal nuovo sistema su una forza antagonista come Rifondazione.
Ma una cosa deve essere chiara.
La dimensione elettorale e politico-istituzionale è importante. Lo è ancor di più in una fase di sconfitta sociale.
Il sistema ha chiuso gli spazi della rappresentanza di classe in quanto essa, anche quando conquista seggi nelle istituzioni, è impedita ad ottenere risultati concreti, o perché interna ad uno schieramento che accetta le compatibilità del sistema o perché isolata e ridotta a testimonianza.
Di fronte a questa realtà, secondo me inconfutabile, due cose non si possono fare.
La prima è essere indifferenti alla dimensione politico istituzionale nell’illusione che le lotte sociali alla lunga produrranno le condizioni per un rovesciamento del sistema.
La seconda è, come abbiamo già detto abbondantemente, partecipare alle elezioni nell’illusione che, nonostante l’impermeabilità del sistema, si possano modificare a partire dalla sede istituzionale i rapporti di forza sociali.
Entrambe queste posizioni sottovalutano il segno di classe del sistema politico elettorale e soprattutto sfuggono al problema del potere, o rimandandolo nel tempo all’infinito o separandolo dai rapporti di forza sociali.
Il sistema è a suo modo coerente con una realtà sociale segnata dal dominio del mercato capitalistico e con il senso comune di massa.
Non è né puro dominio politico né abbastanza neutro da essere permeabile.
Ciò riconduce alla centralità del sociale. Ma il lavoro sociale, le lotte (per dirlo in forma generica), necessitano di intervenire nella sfera del potere politico. Solo in questo modo possono costruirsi una coscienza, un’unità e una capacità di durare nel tempo. Altrimenti restano episodiche e separate fra loro. O, peggio ancora, non ponendosi il problema politico per eccellenza, che è il potere, finiscono con l’essere riassorbite dal sistema, che le usa strumentalmente dentro la falsa dialettica del maggioritario.
Qui vale la pena di fare alcuni esempi concreti.
La Fiom, credo si possa dire così, è l’unica organizzazione realmente di massa che ha mantenuto un qualche collegamento con l’ispirazione di classe del sindacato. Non c’è bisogno di elencare le lotte e le posizioni della Fiom che lo testimoniano.
Ma che succede quando la Fiom incontra il problema della politica, e cioè del potere?
Diventa testimoniale perché non riesce mai ad ottenere niente attraverso, anche quando le ha, persone e perfino forze politiche presenti nelle istituzioni che ne sposano, a parole e solo a parole, i contenuti. O diventa subalterna perché si limita a chiedere che “la politica”, segnatamente il centrosinistra perché è l’unico che potrebbe farlo dal governo, tenga conto delle sue rivendicazioni e contenuti. Peccato che il centrosinistra non può farlo perché quei contenuti sono antagonisti rispetto alle compatibilità del sistema.
Il movimento per i beni pubblici, tanto forte ed articolato nel paese da aver promosso e vinto un referendum sull’acqua e i servizi pubblici, quando sono arrivate le elezioni è stato riassorbito dal centrosinistra, che nella carta d’intenti delle primarie, fatta firmare a tutti i partecipanti, proponeva l’esatto opposto degli esiti del referendum, e dal Movimento 5 Stelle che, sebbene ne abbia propagandisticamente sposato i contenuti, li rende testimoniali e comunque irrealizzabili in quanto privo di un progetto politico anticapitalista e che non sia interno alla concezione liberale del potere politico.
In Italia perfino i movimenti per i diritti civili, come il movimento GLBT, per quanto socialmente ci siano tutte le condizioni per la conquista di risultati legislativi, quando arrivano le elezioni viene riassorbito in un sistema elettorale che ha partorito partiti e schieramenti di governo de ideologizzati, e quindi tutti contenenti sia laici che cattolici integralisti. Mentre nella prima repubblica parlamentare, 44 anni fa con il proporzionale, i partiti operai e quelli borghesi laici potevano, con la DC al governo, conquistare il divorzio per legge, nella seconda repubblica del maggioritario, con il centrosinistra al governo non si è conquistato nemmeno il divorzio breve o la fecondazione assistita.
Affinché le lotte non rimangano del tutto prive di una rappresentanza politica veramente coerente con i loro interessi ed obiettivi, e/o non vengano riassorbite in una dialettica fra forze e schieramenti che le usano negandone i contenuti, è necessario che prendano coscienza dell’impermeabilità del sistema, e che partecipino direttamente alla costruzione di una forza unitaria alternativa a quelle interne alla logica del maggioritario. Devono cioè avere, oltre a contenuti di lotta e rivendicazioni, una idea precisa di come farli pesare realmente. Devono quindi saper criticare la sostanza separata e tendenzialmente autoritaria del sistema, e non gli effetti (come la “casta”) confondendoli con le cause.
Il centrosinistra, o il PD stesso (non fa nessuna differenza), sono nati e si sono plasmati per effetto del maggioritario. Il maggioritario ha tradotto la vittoria capitalistica sociale in assetti istituzionali coerenti ed utili al dominio del mercato e in una concezione della politica come dimensione separata dalla società, i cui problemi sono usati strumentalmente al fine della raccolta di consensi. Per questo il centrosinistra può aspirare solo a conquistare il governo per gestire l’esistente dentro le compatibilità del mercato e del sistema.
Questo è un fatto strutturale, oggettivo. Che non si può controvertere sperando in un leader diverso, o insultando e criticando quelli esistenti al momento, o sognando magici processi partecipativi (come le primarie nelle quali Vendola si proponeva di conquistare la direzione del centrosinistra) fondati sulla passivizzazione e riduzione a tifoserie degli elettori.
Per quanto duro e scoraggiante possa apparire il constatare questo dato di fatto senza questa consapevolezza non si va da nessuna parte. Anzi, a dire il vero si va dritti verso illusioni infondate, delusioni ed immancabili divisioni fra “realisti” e “settari”, fra “governisti” e “testimoni”. Come è sempre successo in Rifondazione e in tutte le formazioni a sinistra del PDS e poi del PD. Questa consapevolezza è l’unico antidoto possibile alla replica infinita di divisioni insanabili. Si può abbandonare il comunismo, si può tentare di apparire nuovi e moderni, si può tentare di sostituire la faticosa partecipazione democratica con le folle inneggianti al leader e con le primarie all’americana, ma alla fine ci si divide sempre fra quelli che rompono e vanno con il PD, facendo salti mortali per giustificare la scelta ed accusando gli altri di aver imboccato una strada testimoniale, e gli altri che li accusano di essere venduti e carrieristi, salvo poi sperare che succeda qualcosa nel centrosinistra che permetta di ricominciare da capo il valzer. È quello che è successo recentemente a SEL.
Ma, e c’è un ma, la crisi sociale è talmente profonda che, per quante suggestioni e nuovismi e demagogie il sistema metta in campo, un profondo sentimento di rabbia e frustrazione si è fatto strada nella popolazione.
Attualmente è visibile un pallido riflesso delle contraddizioni di classe. Nel rifiuto della disperante condizione di disoccupazione, precarietà e povertà. Nella insofferenza verso una ricchezza sempre più concentrata e prepotente.
Ma si tratta solo di un riflesso, perché mancando la coscienza di classe imperano spiegazioni superficiali ed anche fantasiose delle contraddizioni materiali che pur si vivono e si vedono.
Se non c’è l’analisi e quindi la coscienza della natura del capitalismo contemporaneo e della struttura sociale che produce, anche qui si possono tranquillamente scambiare cause con effetti. Privilegi ingiustificati della “casta” di politici e manager, corruzione, degenerazione dei partiti in camarille clienterali, leaderismo esaperato e così via, sono effetti. Certo consolidano e perpetuano il sistema e sono problemi importanti. Ma restano effetti. Bisogna criticarli e combatterli. Ma se non si sa che sono effetti alla fine, dopo aver giustamente “ridotto i costi della politica”, anche se con questa scusa in buona parte si riducono spazi democratici, i problemi sociali non cambiano di una virgola o addirittura peggiorano, cosa succede?
Dopo aver cambiato i leader e il personale politico sostituendolo con i “giovani” senza aver risolto nessun problema sociale, cosa succede?
Sono domande retoriche per chi ha coscienza della vera causa dei problemi. Ma sono domande aperte a risposte molto pericolose per chi non ha questa consapevolezza. E cioè per la maggior parte della popolazione.
Il successo del Movimento 5 Stelle porta già questo segno.
Sebbene contenga ed esprima in modo elementare rabbia e rifiuto dell’esistente, e su diversi temi proponga cose giuste e su altri cose ultraliberiste e perfino gravemente ambigue (vedi il tema dell’immigrazione), è un fenomeno incapace di costruire un’alternativa di sistema. Esattamente perché è espressione diretta di un sentimento diffuso di quella impotenza e rabbia provocate dalle contraddizioni sociali, ma indirizzate contro falsi obiettivi. E perché incorpora la concezione della società propria del pensiero dominante, e cioè basata sulla dialettica degli individui – cittadini – consumatori contro la casta dei politici – manager. Con forti venature autoritarie e con ammiccamenti vari al nazionalismo più becero e alle discriminazioni contro i lavoratori stranieri.
Se tutto questo è vero, nella sfera della politica istituzionale, in questa e non in altre inesistenti, è necessario agire con una grandissima capacità tattica ed anche con molto coraggio.
Si può coagulare, sfruttando a pieno gli spazi elettorali possibili, una lista, un fronte, una forza politica che, sulla base di poche ma chiarissime discriminanti, unisca tutto ciò che esiste di antagonista al sistema, anche senza sapere di esserlo fino in fondo. Alternatività al centrosinistra ma anche al sistema elettorale e politico istituzionale vigente. Alternatività alle politiche neoliberiste imperanti e a tutte le scelte conseguenti. Alternatività all’Europa liberista e ai nazionalismi regressivi. Alternatività alla politica – spettacolo, al leaderismo e alla passivizzazione.
Sulla base di queste discriminanti si può costruire un programma di fase che unifichi le lotte, che incontri la rabbia e la protesta diffuse, che trovi una dimensione europea appropriata, che faccia chiarezza della vera causa dei problemi.
Sulla base di queste discriminanti si può costruire un’organizzazione plurale, perché plurali e svariate sono le culture e le forme di un vasto campo di forze politiche, sindacali, sociali, ed anche di centinaia di migliaia di persone. Una forza nella quale valga la democrazia diretta sulla base di una testa un voto.
Questa forza, oggi, nella crisi economica e nella crisi di credibilità del sistema politico può aspirare ad allargarsi velocemente e perfino a conquistare la maggioranza.
Non mi dilungo su questo perché l’idea che Rifondazione ha dell’unità della sinistra e delle sue potenzialità dovrebbe ormai essere chiara.
Ma perché è così difficile da realizzarsi?
È prevalentemente questione di gruppi dirigenti? Di formule organizzative? Di gelosie di partito? Di comunicazione?
Io credo di no.
È questione di consapevolezza della separazione dalla società e dell’impermeabilità del sistema politico istituzionale.
Non solo nelle forze politiche come Sel, il Pcdi ed altre ancora, ma anche nel sindacato più combattivo, compresi sindacati di base, e nei movimenti di lotta, questa consapevolezza c’è poco o non c’è per nulla.
Questa è la causa principale della difficoltà ad unire in un’unica forza tutto ciò che sulla base dei contenuti di lotta ed ideali potrebbe essere unito facilmente.
Mentre le contromisure utili ad impedire una degenerazione in casta separata dei gruppi dirigenti e segnatamente delle rappresentanze istituzionali sono facilmente individuabili, a cominciare da una effettiva democrazia partecipativa fondata sul collettivo e sul principio una testa un voto, senza la consapevolezza di cui sopra tutto ciò che si fa uscire dalla porta è destinato a rientrare dalla finestra alla prima scadenza elettorale o scelta parlamentare decisiva.
Bisogna dunque condurre una battaglia culturale e politica capace di far crescere nel tempo, con pazienza ma anche con fermezza, la consapevolezza necessaria.
Senza nessuna presunzione io credo che questo compito possa essere svolto solo da un collettivo cosciente, radicato e coeso. È questo il compito di un partito comunista.
Onestamente il Partito della Rifondazione Comunista non è oggi all’altezza di questo compito.
Ma se si sciogliesse dentro la nuova forza invece che contribuire a farla crescere e ad assumere coscienza della natura di classe delle contraddizioni finirebbe per rafforzarne una deriva che la porterebbe all’inconsistenza e soprattutto a divisioni ancor più drammatiche.
Oltre alla necessità ineludibile di una forza dotata di una prospettiva che va bel al di la dell’attuale fase, non fosse altro che per il bene dell’unità del campo di forze politiche e sociali antagoniste non ci deve essere nessuna abdicazione né scioglimento.
Rifondazione, anche grazie e a causa della propria esperienza più che ventennale, è in grado di compiere i passi in avanti necessari a svolgere una funzione di coagulo, come abbiamo visto importantissima. Sia sul terreno dei movimenti di lotta sia sul terreno politico – istituzionale.
Ma deve assolutamente superare le incertezze, le confusioni, le approssimazioni superficiali. Soprattutto deve ricostruirsi in modo da svolgere i compiti che le spettano in questo disegno strategico.
In quanto partito deve delegare alla nuova forza unitaria il compito di elaborare un programma di fase, di darsi una organizzazione adeguata e di presentarsi alle elezioni. Saranno i singoli militanti del partito in quella sede, se lo sapranno fare, a svolgere una funzione egemonica.
Questo punto deve essere chiarissimo. Sia perché se il partito dedicasse tempo e forze a discutere anticipatamente e prevalentemente sui compiti e scelte della nuova forza finirebbe con il non svolgere i propri e soprattutto finirebbe con il trasformare la nuova forza in un cartello di partiti e correnti in lotta perenne fra loro. Una cosa è discutere dell’andamento della costruzione unitaria e delle scelte che essa deve fare una volta ogni tanto e producendo proposte e riflessioni utili ai propri militanti come a quelli più numerosi della nuova forza, ed un’altra è cercare di dirigere la nuova forza sulla base di filiere organizzative.
Le opinioni di Rifondazione, nel territorio come a livello nazionale, devono contare per la propria autorevolezza intrinseca e per il peso di una pratica sociale ricca ed articolata, non per la quantità degli iscritti di Rifondazione aderenti alla nuova forza.
Vale la pena di essere più chiari.
È evidente che quando la nuova forza si trovasse a compiere scelte difficili, come per esempio partecipare o meno ad una coalizione in un comune, è più che prevedibile che nascano opinioni diverse anche dentro il partito. Ed in questo caso la vera funzione positiva ed egemonica non starebbe nel compiere una scelta o un’altra bensì nel far capire che comunque di scelta tattica e secondaria si tratta. Non meritevole di divisioni insanabili e risolvibile, per esempio, con un referendum fra gli iscritti, come fa Izquierda Unida in questi casi. E nel battersi affinché gli eletti vengano scelti sulla base del loro radicamento nelle lotte e non con il bilancino delle correnti o, peggio ancora, per l’eventuale capacità di raccogliere consensi personali a scapito della loro fedeltà a principi e contenuti. E nel vincolare i gruppi eletti a comportamenti coerenti con l’antagonismo alla politica spettacolo e a rispettare sempre il volere della base.
Il Partito della Rifondazione deve, se vuole sopravvivere e svolgere una funzione che valorizzi l’intelligenza e i sacrifici delle e dei propri militanti, essere capace di fare oggi il salto di qualità necessario al nuovo compito che deve svolgere.
La pratica sociale nella lotta di classe e la battaglia culturale, non le elezioni e la politica – spettacolo, devono essere le sue ragion d’essere e costituire la sostanza dell’identità comunista.
Tutto il partito, ed ogni singola/o militante, devono cambiare pelle superando le pigrizie intellettuali e le paure che impediscono di essere comunisti in questi tempi così difficili.

ramon mantovani

pubblicato il 5 novembre 2014 sul sito http://www.rifondazione.it

Siria, la guerra totale

Posted in articoli pubblicati sulla carta stampata ed altri siti with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on 10 settembre, 2013 by ramon mantovani

È impossibile capire quanto sta avvenendo in Siria e in Medio Oriente senza una chiave di lettura capace di individuare il motore di una immensa destabilizzazione di tutta l’area, che ha agito negli ultimi venti anni, a partire dalla caduta del muro di Berlino.

Ogni altra interpretazione dei sommovimenti, delle guerre civili e delle tensioni fra gli stati dell’area, per quanto parzialmente fondata sulla descrizione di episodi ed avvenimenti, si è rivelata incapace di elaborare previsioni azzeccate e soprattutto di fornire la base per una soluzione politica e negoziata dei conflitti armati e non, che incendiano tutto il Medio Oriente.

Anzi, a dire il vero, appare sempre più chiaro, per lo meno agli occhi di chi ha conservato un minimo di spirito critico, la natura strumentale e propagandistica delle sofisticate campagne di disinformazione di massa perpetrate dai mass media “occidentali”.

Stando alla pubblicistica corrente, per non parlare delle comparsate in TV di “esperti” capaci di dire, anche a distanza di poche settimane, tutto e il contrario di tutto, in Siria sarebbe in corso una “rivolta” popolare contro un regime dittatoriale. I “rivoltosi” o “insorti” che dir si voglia sarebbero una formazione composita ed anche inquinata da settori del fondamentalismo islamico, ma tutto sommato tesa a conquistare libertà e democrazia. Le potenze occidentali, USA e paesi ex colonialisti europei, sarebbero dilaniati dalla contraddizione di voler, da una parte, assolvere al proprio compito “storico” di promuovere ed esportare la democrazia, e dall’altra di rapportarsi agli stati dell’area secondo le norme del diritto internazionale, anche coltivando più o meno inconfessabili rapporti vantaggiosi con i singoli regimi al potere negli stati dell’area.

Se non stessimo parlando di morte, distruzione, esodi di massa, si potrebbe davvero ridere nel sentire gli inventori, storici utilizzatori e venditori delle armi di sterminio di massa, accusare qualcuno di utilizzarle in una guerra civile senza esclusione di colpi, per giustificare interventi militari a favore di una fazione in lotta nella guerra civile. Fazione che si è armata ed incoraggiata a produrre una guerra civile al fine di rovesciare un regime non addomesticato agli interessi imperialistici e neocolonialisti occidentali e che, nel caso, si deve sostenere attivamente dal punto di vista militare fornendo dall’esterno quella superiorità aerea che gli manca per compiere la propria missione, come è già avvenuto in Libia.

È davvero stupefacente osservare come sia possibile che capi di stato, considerati (sic) “progressisti” e di “sinistra” come Obama e Hollande, possano sostenere e proporre di violare ogni norma del diritto internazionale, di annullare l’ONU che rimane l’unica sede di mediazione pacifica della comunità mondiale o di ridurla a notaio di accordi tra le potenze sottoscritti in sedi informali o, peggio ancora, in sede di alleanze di parte, come il G8 o la NATO. Le “notizie” fabbricate dai servizi di intelligenza amplificate acriticamente dal 90 % dei mass media, ed anche in internet, sono buone per manipolare un’opinione pubblica sempre più disinformata. Lo sono meno per ancorare una discussione seria fra gli stati nei luoghi preposti dal diritto internazionale. Ma anche in questo caso servono per presentare, come successe in Bosnia e poi nel Kosovo, una comunità internazionale divisa fra volenterosi amanti dei diritti umani e cinici indifferenti e complici del male assoluto. E per spiegare, quindi, la necessità di agire in proprio nel nome del bene.

Certo, col passare del tempo e le numerose smentite che la cronaca, se non la storia, ha prodotto dei molti pretesti con i quali si sono giustificate intraprese guerresche occidentali, le parole di Obama e di Hollande mostrano sempre più la corda. Tuttavia non bisogna sottovalutare la funzione di traino esercitato in questo momento da USA e Francia, che infatti incassano firme su documenti che sostanzialmente, anche se non immediatamente, giudicano e condannano il governo Assad ed implicitamente chiudono i varchi e gli spiragli di una qualsiasi soluzione negoziata del conflitto. E costringono Russia e Cina ad un ruolo comprimario e refrattario, proprio perché incapace ed impossibilitato a promuovere una soluzione negoziata in sede internazionale ed in sede locale fra le diverse fazioni in lotta.

Per meglio comprendere cosa stia succedendo realmente bisogna fare alcuni passi indietro, perché come ho accennato all’inizio esiste una spiegazione che può illuminare lo scenario, rimuovendo le ombre prodotte dalla disinformazione e dalle spiegazioni episodiche e superficiali interessate.

Proprio in questi giorni si può sentire parlare ripetutamente del “fallimento della guerra in Iraq”. Certamente, rispetto agli obiettivi proclamati, e giustificati con clamorosi falsi, l’avventura della Coalizione dei Volenterosi e della guerra illegale e unilaterale, si potrebbe parlare di pieno fallimento. L’Iraq è tutt’altro che pacificato e in realtà ormai gran parte del Medio Oriente è stato destabilizzato, anche sul piano interno ai singoli paesi. Il conflitto israeliano palestinese si è aggravato ed aggrovigliato maggiormente. E tutto ciò ha prodotto e produce conflitti armati, che per altro sono un buon mercato per i produttori di armamenti, decine di migliaia di morti e milioni di profughi.

Basta considerare questo apparente fallimento come il vero obiettivo, invece di credere ai pretesti e alle veline della CIA, e si può scoprire che tutta la strategia iniziata con la Prima Guerra del Golfo ha avuto pieno successo.

Dopo il dissolvimento dell’Unione Sovietica e del Patto di Varsavia si sarebbe potuto procedere ad una riforma del Consiglio di Sicurezza dell’ONU e all’implementazione dell’articolo dello Statuto dell’ONU che prevede la formazione di una forza militare internazionale utile a svolgere la funzione di polizia internazionale. Si sarebbe cioè potuto evitare che la fine della guerra fredda sboccasse in un governo unilaterale del mondo da parte dei paesi ricchi e promuovere in ogni dove la soluzione negoziata e politica dei conflitti armati.

Invece è successo il contrario. L’ONU è stata fatta apparire agli occhi del mondo come incapace di risolvere i conflitti. Notevole il caso della Bosnia dove USA e diverse altre potenze occidentali si sono rifiutate di fornire i Caschi Blu necessari ad interporsi alle fazioni in lotta per imporre una soluzione negoziata, al fine di lasciar aggravare il conflitto allo scopo di giustificare l’intervento diretto della NATO. O è stata cancellata, scavalcata ed umiliata come nel caso della guerra in Yugoslavia e in Iraq. Sempre è stata ridotta al ruolo di notaio utile solo a ratificare le situazioni di fatto emerse dagli interventi unilaterali o a fornire un avallo pseudo legale a monte degli stessi.

Ne è scaturito un mondo nel quale i paesi ricchi, o occidentali che dir si voglia, hanno rilanciato la NATO come autoproclamato gendarme del mondo. Per questo invece che sciogliersi in assenza del nemico storico si è rafforzata ed allargata notevolmente. E gli USA hanno usato con sapienza l’unilateralismo e il multilateralismo, la ricerca della risoluzione del Consiglio di Sicurezza atto a giustificare le guerre o la più spudorata illegalità extra-ONU, al fine di continuare ad esercitare un ruolo egemonico fondato sulla pura e semplice potenza militare.

Un mondo nel quale le risoluzioni del Consiglio di Sicurezza trovano applicazione solo se sono promosse o sposate da alleanze o potenze militari di parte o nel quale queste ultime possono agire come vogliono anche senza nemmeno una riunione del Consiglio di Sicurezza è un mondo governato da una dittatura, nel senso pieno del termine.

È come, mi si permetta un paragone suggestivo ma non per questo non pertinente, uno stato nel quale governo e parlamento non hanno la polizia a disposizione per fare applicare le leggi. Se la polizia è quella privata della decina di famiglie più ricche quali leggi saranno fatte applicare e quali no? Se le polizie private agiscono fuori dalla legge o contro la legge chi potrà impedirglielo?

La strategia della “guerra permanente”, la confezione delle giustificazioni “umanitarie” per le guerre guerreggiate, l’unilateralismo statunitense o l’unilateralismo occidentale ancorché definito “multilateralismo”, hanno scientemente destabilizzato il Medio Oriente al fine di rilanciare il dominio occidentale. Hanno messo perfettamente nel conto che la destabilizzazione avrebbe prodotto conflitti interreligiosi, interetnici ed avrebbe esasperato le tensioni fra i singoli stati dell’area. Solo sprovveduti in buona fede (che sono sempre i più pericolosi) o bugiardi in mala fede potevano e possono pensare che USA ed alleati possano essere sorpresi dalla non pacificazione dell’Iraq e di tutta l’area. La prova più evidente è che il proclamato nemico giurato, il terrorismo fondamentalista islamico, è stato più volte armato e utilizzato o favorito di fatto con totale cinismo. Ed è quel che sta avvenendo in queste ore in Siria.

I centri studi e le agenzie di intelligenza degli USA e dei paesi della NATO sanno benissimo che i regimi, perché di regimi si tratta, scaturiti nel periodo della decolonizzazione e nel quadro della guerra fredda, al potere in stati multietnici e multi religiosi tendenzialmente ingovernabili se non in modo autoritario non possono essere sostituiti da “democrazie occidentali”. Sanno benissimo che quegli stati possono deflagrare o produrre conflitti e guerre civili di lungo periodo. Sanno benissimo che in tutto questo per sterminate masse aumenta la credibilità del fondamentalismo islamico. Ma è esattamente questo l’obiettivo che permette di perpetuare, con le ovvie produzioni spettacolari di pretesti e di giustificazioni, il rilancio della potenza militare come leva egemonica e di dominio del mondo, proprio quando il sistema economico capitalistico produce contraddizioni e disastri sociali che ne mettono in evidenza la vera natura.

Qualche giorno fa sul Manifesto in un bell’articolo Annamaria Rivera si chiedeva che fine abbia fatto il movimento pacifista, che all’epoca della guerra in Iraq fu definito “la seconda potenza mondiale”.

A mio modestissimo parere, per quanto percorso e positivamente intriso di ripudio etico della guerra e della violenza, non può esistere un movimento pacifista che non sia capace di analizzare le tendenze di fondo economiche e geopolitiche che producono le guerre. Le spiegazioni etiche e semplificate non solo si rivelano incapaci di fermare le guerre, ma risultano inadatte a produrre alternative concrete ed obiettivi realisticamente realizzabili. Non si tratta di cinismo o minimalismo. Si tratta di avere una politica o meno.

Se le considerazioni esposte in questo articolo hanno anche un minimo fondamento bisognerebbe che il movimento pacifista (ed aggiungo: la sinistra degna di questo nome) dovrebbero saper dire:

1) la guerra civile in Siria non può essere risolta se non con un negoziato politico e con la ricerca di un nuovo assetto politico istituzionale che sia rispettoso delle etnie e religioni tutte.

2) nel Consiglio di Sicurezza si dovrebbe discutere di una missione di pace sotto il comando diretto dell’ONU (come quella in Libano) che svolga la funzione di interposizione e di tutela delle popolazioni civili.

3) le coalizioni a geometria variabile e la NATO devono essere superate in favore della piena assunzione da parte dell’ONU della funzione di polizia internazionale.

4) l’Italia deve dichiarare di non partecipare e nessuna missione militare che non sia di Caschi Blu e che non abbia come obiettivo l’arresto dei conflitti armati e la soluzione politica degli stessi. Deve conseguentemente riformare il proprio modello di difesa e rimettere in discussione l’appartenenza alla NATO.

Senza questi obiettivi politici, od altri analoghi e altrettanto realistici sui quali si può proficuamente discutere, i pacifisti sono destinati a dividersi inesorabilmente e ad essere subalterni, nonostante la radicalità delle posizioni etiche, alla imperante politica di guerra. Sono destinati a scendere in piazza contro Bush insieme agli apologeti della guerra umanitaria in Kosovo, a riporre malamente le proprie speranze in Obama o in Hollande. Sono destinati cioè ad essere impotenti contro la guerra.

 

ramon mantovani

 

pubblicato sul sito www.scenariglobali.it il 10 settembre 2013

 

Assassinio a Parigi di tre compagne kurde

Posted in articoli pubblicati sul blog with tags , , , , , , , , , , , on 10 gennaio, 2013 by ramon mantovani

in data odierna ho emesso il seguente comunicato:

L’efferato assassinio delle tre militanti kurde a Parigi è l’ennesimo crimine teso ad impedire la soluzione politica del conflitto nel Kurdistan nello stato della Turchia.

Da diversi giorni era in corso una trattativa riservata del governo turco con il Presidente Abdullah Ocalan e, come in almeno altre tre occasioni negli ultimi dieci anni, una parte dei militari e dei partiti nazionalisti turchi, con la complicità politica e probabilmente materiale di servizi d’intelligenza di paesi della NATO, non hanno esitato ad utilizzare metodi terroristici per impedire qualsiasi negoziato che porti al riconoscimento dei diritti elementari del popolo kurdo, alla fine del conflitto armato e alla liberazione di Ocalan.

Se il governo D’Alema avesse a suo tempo concesso l’asilo politico ad Ocalan e lavorato per una soluzione negoziata del conflitto, invece che obbedire supinamente agli ordini dell’amministrazione Clinton costringendo Ocalan ad abbandonare l’Italia, al popolo kurdo sarebbero stati risparmiati tanti anni di guerra, sofferenze ed ingiustizie, perché al negoziato non c’è alternativa.

Chiunque si consideri democratico e amante della pace non può che solidarizzare con il popolo kurdo, che resiste e chiede solo di avere gli stessi diritti di tutte le minoranze nazionali nei paesi dell’Unione Europea.

ramon mantovani

Morte ai partiti? (quarta parte)

Posted in articoli pubblicati sul blog with tags , , , , , , , , , , , , , , on 27 luglio, 2012 by ramon mantovani

In questo testo abbiamo sommariamente considerato le mutazioni del contesto sociale e istituzionale nel quale agiscono i partiti, nonché alcune mutazioni della stessa nozione di “politica” prodotte dal maggioritario, dall’elezione diretta di sindaci ecc, dai mass media e dalla spettacolarizzazione della politica stessa.

Se è vero, come è vero, che le istituzioni nelle quali i partiti dovrebbero rappresentare la cittadinanza hanno perso gran parte dei poteri reali sull’indirizzo dell’economia, delle politiche industriali, della politica estera, e i partiti si sono rassegnati e/o adeguati a competere (ed allearsi fra loro) al solo ed unico scopo di conquistare il governo per esercitare la funzione della gestione  dell’esistente rispettando tutte le compatibilità imposte dal sistema economico, dal mercato, ed eseguendo le direttive degli organismi tecnocratici, allora è evidente che c’è un abisso fra la “prima e la seconda repubblica”. Le istanze di cambiamento radicale (radicale nel senso di relativo alla radice e/o alla profondità) per quanto assolutamente coerenti e possibili secondo il dettato costituzionale, sono oggi, con la politica corrente, relegate al ruolo di impotente testimonianza o al ruolo comprimario e parolaio nell’ambito di coalizioni dominate dal mero obiettivo di gestione. Sono cioè tendenzialmente espulse dal dibattito politico ed impossibilitate ad esercitare il ruolo previsto dalla costituzione per i partiti. L’articolo 49 della costituzione recita: “Tutti i cittadini hanno diritto di associarsi liberamente in partiti per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale.” E l’articolo 48 dice che “il voto è personale ed uguale, libero e segreto”.

Al di la della lettera e del valore giuridico del testo, che come tutti i testi simili si può interpretare in molti modi, è evidente che lo spirito della costituzione parla del diritto dei cittadini a determinare la politica nazionale sia con la formazione di partiti sia con il voto “uguale”. La costituzione, infatti, non pone limiti e garantisce l’eguaglianza dei voti e dei partiti. Non è un caso. È l’incarnazione di una precisa concezione della democrazia, fondata sul riconoscimento delle diversità e delle diseguaglianze e sul diritto delle classi a competere e/o ad accordarsi per formare la politica nazionale. È ben altro dalla classica concezione liberale che abbiamo ben visto parlando dei sistemi politico elettorali degli USA e dell’Italia del primo novecento. Basta dare uno sguardo, per esempio, ad altri due articoli, il 2 e il 3, inseriti nella categoria dei PRINCIPI FONDAMENTALI della nostra misconosciuta (quanto impropriamente citata) costituzione. Art 2: La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l’adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale. Art 3: Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.

Vorrei far notare che nell’ultimo capoverso si dice che vanno rimossi gli ostacoli che impediscono l’effettiva partecipazione dei lavoratori (non si usa qui il termine cittadini) all’organizzazione politica, economica e sociale del paese.

È “uguale” il voto dei cittadini nel maggioritario? Dove finisce il principio dell’effettiva partecipazione dei lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del paese, se non esistono partiti che rappresentano gli interessi dei lavoratori e se il popolo è concepito come un insieme di individui o, peggio ancora, di “cittadini consumatori”?

Abbiamo già visto come la crisi dei partiti della prima repubblica sia stata provocata dalla mutazione dei rapporti di forza sociali che si è concretizzata direttamente nella società con la controffensiva capitalistica degli anni 70 e seguenti. Abbiamo visto come Berlinguer già all’inizio degli anni 80 denunciava la degenerazione della funzione dei partiti. Abbiamo già detto come il PSI prima e il PCI poi sceglieranno di separare il proprio destino da quello dei lavoratori. Perché, e non mi stancherò mai di ripeterlo, non può esistere che una qualsiasi sinistra vinca se i lavoratori perdono nella società. Tantomeno che governi e nel tempo del suo governo i lavoratori peggiorino le proprie condizioni di vita e di lavoro.

In tutta Europa i partiti socialdemocratici e socialisti dismettono l’idea della lotta di classe, della rappresentanza diretta degli interessi dei lavoratori, e governano o stanno all’opposizione accettando come dogmi le compatibilità imposte dal mercato liberalizzato, dal capitale finanziario e così via. Ma almeno mantengono una differenza sostanziale rispetto ai partiti conservatori e democristiani. I diritti civili e la laicità dello stato rimangono obiettivi e principi solidi. La dialettica è ridotta alle differenze fra forze conservatrici e “liberal”. Esattamente come negli Stati Uniti, anche se nell’ambito di sistemi elettorali ed istituzionali diversi. Ma per quante siano le differenze esse non si manifestano sull’accettazione della logica del mercato liberalizzato. Qui non stiamo parlando di un mercato qualsiasi. Stiamo parlando del mercato incontrollato ed incontrollabile politicamente e democraticamente. Come non si manifestano sulla centralità della finanza speculativa. E tanto meno sulla assolutizzazione degli interessi dell’impresa privata. Nel corso degli ultimi due decenni il Labour Party, l’SPD, il PSOE, il PASOK ed anche il Partito Socialista Francese dopo il governo Jospin, solo per citarne alcuni, hanno esplicitamente sposato totalmente l’ideologia neoliberista e promosso dal governo in prima persona privatizzazioni, derubricazioni dei diritti sociali da valori assoluti a variabile dipendente dalle compatibilità di bilancio a loro volta determinate dalle speculazioni finanziarie. Lo hanno perfino fatto inserendo questo principio preciso nei documenti europei e nei trattati di “valore costituzionale”. E quando tali documenti sono stati bocciati nei referendum confermativi li hanno banalmente reiterati con altra veste. A dimostrazione, se ce ne fosse bisogno, di quale concezione della democrazia siano portatori. In particolare, ma non è cosa assolutamente secondaria, sono soprattutto i partiti socialisti e socialdemocratici in Europa ad elaborare e/o sposare acriticamente la dottrina del “diritto di ingerenza umanitaria” in politica estera. Il paravento ideologico, di cui la destra non ha mai sentito tanto il bisogno, per giustificare diverse guerre. Guerre distruttive e destabilizzanti di diverse aree geopolitiche e soprattutto della stessa possibilità che l’ONU, dopo la fine della guerra fredda, potesse conoscere una riforma tale da farle assumere la funzione, prevista dal suo statuto, di polizia internazionale. E sono principalmente i partiti socialisti e socialdemocratici a sostenere con forza la “nuova missione” della NATO. E sempre loro ad insistere per trattati commerciali ultraliberisti fra l’Unione Europea e paesi di quello che una volta era chiamato terzo mondo.

Non analizzerò qui la mutazione della natura di questi partiti, della loro composizione reale dal punto di vista organizzativo ed elettorale. Ma sfido chiunque a confutare quanto detto più sopra. E conseguentemente sfido chiunque continui ad usare le parole sinistra, socialista e socialdemocratico per identificare partiti e proposte politiche di questi partiti, in pura continuità con il passato, a dimostrare parlando di contenuti e fatti invece che di suggestioni e parole vuote e cangianti di significato, che questi partiti sono ancora di sinistra e coerenti con i loro nomi e simboli. Ma, come ho già detto, non c’è dubbio che sui diritti civili, sulla laicità dello stato e così via essi sono effettivamente diversi e a volte fortemente alternativi ai partiti conservatori e democristiani.

Vediamo cosa è invece successo in Italia.

Il PDS raccolse le firme per il referendum contro il proporzionale (e fu decisivo il suo contributo). Proprio nel momento di massima crisi della DC, del PSI e degli altri partiti che avevano governato il paese e che nell’ultima fase avevano gestito la cosa pubblica per gli interessi immediati di varie consorterie finanziarie, invece che proporre una politica chiara di alternativa, tutto venne spostato sul terreno della legge elettorale. Non mancavano militanti e anche dirigenti del PDS che credevano fermamente che il maggioritario avrebbe finalmente prodotto una alleanza progressista, e tendenzialmente un grande partito socialdemocratico, capace di governare il paese. Peccato che il paese era in crisi, che i lavoratori erano sconfitti e che, come se non bastasse, il sindacato schiavo del quadro politico aveva accettato la politica della concertazione e la sua filosofia. Ad ogni crisi del sistema dovevano corrispondere i sacrifici dei lavoratori. Peccato che il senso comune era scivolato a destra pesantemente, per effetto del modello sociale affermatosi negli anni 80. Peccato che il paese era sempre più diviso in due tra nord e sud e che gli egoismi e le paure che il modello sociale aveva implementato nel nord erano interpretati perfettamente dal nuovo partito della Lega. Peccato che l’abbandono della tradizione comunista aveva reso il PDS un partito come gli altri e che la destra aveva buon gioco con il suo violento anticomunismo.

Insomma l’assenza di una sera analisi del paese e delle sue contraddizioni, la sottovalutazione degli effetti del modello sociale che era stato trionfante per un quindicennio, la concezione della politica come un tecnica elettorale, produssero una sonora sconfitta della alleanza dei progressisti che si presentò alle elezioni maggioritarie del 94.

Se si accettano come oggettivi gli interessi dell’impresa, se si partecipa al coro del “privato è bello e il pubblico è corrotto ed inefficiente”, se si propongono riforme di portata costituzionale per passare alla democrazia liberale indicando apertamente il modello statunitense come il massimo della democrazia, si partecipa (consapevolmente o inconsapevolmente non fa alcuna differenza) al trionfo della destra. Una destra nuova, libera degli impacci più o meno democratici propri dei partiti della prima repubblica, apparentemente meno in continuità con il recente passato nonostante la presenza di riciclati di ogni tipo, direttamente in sintonia con l’egemonia dell’impresa e del privato fino al punto di essere diretta e agglutinata da un grande imprenditore “non politico”, capace di sfruttare fino in fondo la logica del maggioritario con lo sdoganamento dei fascisti e con la costruzione della duplice alleanza con due forze allora nettamente incompatibili, il MSI e la Lega.

I dirigenti del PDS non si capacitavano che il “partito di plastica” dal ridicolo nome di “forza italia” del volgare e demagogo Berlusconi potesse riuscire a vincere alleato con due partiti che si odiavano, l’uno ipernazionalsta e centralista e l’altro secessionista. Dopo aver essi stessi proclamato la morte del comunismo ed essersi cosparsi il capo di cenere si meravigliavano che la propaganda anticomunista tipo anni 50 potesse funzionare. Paradossalmente loro che non avevano mai governato erano chiamati a rispondere del malgoverno democristiano. Loro che erano appena stati sfiorati da tangentopoli erano accusati di essere gli unici eredi del sistema di tangentopoli proprio da uno dei maggiori protagonisti di tangentopoli, implicato come corruttore in numerosi casi, soprattutto nel nord.

Insomma, i cambiamenti strutturali e culturali del ventennio di rivincita capitalistica incontrarono un ceto politico proveniente da sinistra che si illuse di poter contemporaneamente fare tre cose assolutamente inconciliabili tra loro.

1) sposare le tesi liberali in politica istituzionale e liberiste in economia per poter accedere finalmente al tanto agognato governo.

2) conservare i consensi operai e popolari in virtù di una presunta eredità e allargarli ad una parte della classe dominante.

3) sconfiggere la destra immaginando che essa si sarebbe organizzata secondo uno schema astratto ed immaginato a tavolino, sottovalutandone completamente l’egemonia.

La sconfitta era dunque inevitabile, e per molti versi proprio il prodotto del nuovismo e delle “invenzioni” simboliche e politiche del PDS.

Era necessario dire queste cose per collocare nel giusto contesto le mutazioni organizzative e del rapporto fra partiti ed elettori che si instaurò con l’elezione diretta dei sindaci e con il superamento della repubblica democratica e parlamentare.

Il PDS è, infatti, l’unico partito della prima repubblica a conservare qualche continuità organizzativa con il passato. La Lega Nord, che è un partito a tutti gli effetti nato nel sistema proporzionale, pur conservando un impianto organizzativo tipico dei partiti di massa, conosce il suo sviluppo soprattutto dopo l’avvento del maggioritario, risentendone fortemente. Analogamente il MSI, anche se al momento della sua trasformazione in Alleanza Nazionale la rottura con la concezione del partito di massa è in realtà più marcata. Tutti gli altri, a cominciare da Forza Italia, sono nuovi di zecca, sia nei nomi e simboli sia nella concezione del partito. Per il PRC faremo ovviamente un discorso a parte.

Il PDS resta un partito di massa, con un forte insediamento territoriale, una fitta struttura orizzontale e verticale, centinaia di migliaia di iscritti e decine di migliaia di militanti. Ma non è più il PCI. Nemmeno nella concezione organizzativa del partito. La convivenza del passato con il nuovo danno origine ad un amalgama nel quale il “vecchio” è costituito dalla parte del partito, progressivamente sempre meno rappresentata al vertice, che, per dirla semplicisticamente, è il PCI che ha solo cambiato nome. E il “nuovo” è costituito dai nascenti leader locali e nazionali, dalle loro carriere vere e proprie, dai loro legami esterni con organismi come la Lega delle Cooperative, le banche, le imprese e i media. Il nuovo partito non è portatore di un progetto, di un’idea di società alternativa al modello individualistico e liberista che si è affermato. Non si propone affatto di portare i lavoratori e il loro punto di vista al governo del paese. Esso ha un unico obiettivo: il governo. A qualsiasi condizione, per fare qualsiasi cosa e alleandosi con chiunque sia utile per andare al governo. La provenienza e la storia del PCI sono utili per incassare una rendita di posizione e per lasciare intendere agli elettori che comunque il PDS ha nelle corde i “valori” della sinistra. Ogni scelta contraddittoria con quei “valori” (che appunto sono valori proprio perché sono generici e aleatori e non impegnativi politicamente) è presentata come “necessaria”. Come prova di “realismo”. Ma la storia e gli stessi valori sono anche piombo nelle ali del PDS. Che è così esposto agli strali anticomunisti e che risulta certo meno affidabile per la casta finanziaria e per i soggetti economici italiani e globali che suonano la musica con la quale tutti devono ballare. Così il PDS tenta un’operazione mimetica inglobando una serie di micro partiti e di personaggi al fine di apparire sempre più lontano dalle proprie origini e sempre più affidabile per le classi dominanti e, non va dimenticato, per il Vaticano. A questo fine smette di chiamarsi partito. È però evidente che non basta. E allora la coalizione dell’Ulivo viene indicata come la base della formazione di un vero e grande partito democratico. Esplicitamente il modello è quello statunitense. Qui sta la prima e grande peculiarità italiana. Perché, al contrario dei partiti membri dell’internazionale socialista in tutta europa, nell’ulivo prima e nel PD poi ci saranno tanto progressisti (ma solo sui diritti civili perché oramai il termine riformista indica il liberismo più sfrenato) quanto conservatori democristiani. È di questi giorni la polemica sorta nel PD sui matrimoni fra persone dello stesso sesso. Ma è tragicamente ridicola. Del resto con i governi dell’Ulivo non si è nemmeno riusciti ad accorciare il tempo del divorzio da tre anni ad un anno. Per il semplice motivo che, come sulla fecondazione assistita, i cattolici dell’Ulivo e poi del PD restano fedeli alle indicazioni del Vaticano e votano immancabilmente con la destra.

Questa è la dimostrazione patente che il partito che si propone il governo come fine e non come mezzo per realizzare un progetto è un mostro nel quale si cerca di conciliare cose inconciliabili.

E così il paese laico che, con la legge proporzionale, partoriva maggioranze parlamentari laiche già alla fine degli anni 60, e che produceva divorzio e aborto e verificava nei referendum indetti dalla DC quale fosse la volontà del popolo italiano, da ormai venti anni non ha più una maggioranza laica in parlamento.

Insisto, questa è una peculiarità unicamente italiana, perché in Europa non c’è partito socialista o socialdemocratico che pur essendo passato al liberismo in economia abbia abbandonato anche l’idea dei diritti civili come metro di civiltà.

Intanto con questo processo, con l’elezione diretta dei sindaci e l’orgia delle preferenze, con i necessari rapporti con gli imprenditori – speculatori, con la politica spettacolo, alla base del PDS – PD si sviluppa una mutazione antropologica. Nascono e crescono personaggi e personaggini locali e nazionali che dominano il partito, che si alleano fra di loro, che cambiano corrente alla velocità della luce secondo le convenienze del momento. Per la stessa base militante c’è una involuzione propriamente ideologica per cui i contenuti non contano assolutamente nulla e qualsiasi cosa è buona per vincere e andare al governo. Più ancora che i vertici del partito è la base militante ad odiare (letteralmente) qualsiasi cosa si muova a sinistra. Perché insidia la falsa coscienza secondo la quale ciò che fa il partito è realisticamente la cosa più progressista in assoluto (cioè possibile, non in astratto bensì nel contesto del maggioritario e della politica spettacolo). Il PD, prima ancora che per una posizione ultraliberale favorevole al maggioritario e possibilmente al bipartitismo, è contrario al proporzionale per un motivo di semplice sopravvivenza. Con il proporzionale, infatti, non avrebbe senso un partito che tiene insieme gay e cattolici integralisti, sindacalisti e imprenditori reazionari, garantisti e forcaioli, persone che si considerano di sinistra e persone che si considerano democristiane o di centro o liberali. La qualità richiesta ai dirigenti del PD è fare manovre e manovrette, accordicchi di potere. E’ produrre posizioni abbastanza generiche da poter essere vendute sul mercato elettorale come allusive di cose buone e progressiste e contemporaneamente “moderate” e “realistiche”. I capi e capetti locali devono avere le proprie clientele, le proprie relazioni con poteri forti, e su questa base possono competere fra loro per diventare sindaci, assessori, presidenti di qualcosa. Spesso nelle grandi città i candidati alle primarie assumono i “consulenti d’immagine” che gli dicono come vestirsi, come pettinarsi, come sorridere davanti alla telecamera, come parlare senza dire nulla di impegnativo, come bisticciare con l’avversario di turno e così via. E gli iscritti possono fare il tifo per uno o l’altro, ma non intervenire nella stesura di un programma o nelle scelte politico amministrative più importanti. Si intende che per votare le allusioni ad un tipo di programma o ad un altro bisogna sostenere e votare una persona. Poi questa persona, il leader, farà ciò che vuole presentandolo come ciò che è “possibile”, ciò che è “realistico”. I funzionari di partito, che saranno circa un decimo di quanti ne aveva il PCI, non sono più lo scheletro organizzativo del partito, non sono abilitati a produrre studi, analisi, proposte di lotta e di governo, non svolgono più una funzione pedagogica implementando una discussione seria e democratica nel partito. Sono persone in carriera. Scelte per la fedeltà ad uno o all’altro leader locale o nazionale. Appartengono a cordate e saranno premiati o esclusi in conseguenza delle fortune del loro leader. Non rivoluzionari di professione bensì politicanti, portaborse, faccendieri. In perenne attesa di una candidatura o di una nomina a consulente o in un consiglio di amministrazione.

I partiti della destra, oggi unificati nel PDL, non hanno apparentemente nessun passato che non sia quello vissuto negli ultimi 16 anni. Forza Italia non ha mai fatto un congresso degno di questo nome. Le kermesse berlusconiane non c’entrano nulla con la democrazia. Nemmeno con quella distorta della competizione fra leader e correnti e cordate. Forza Italia (ed anche il PDL anche se leggermente più complesso) è un partito aziendale e monarchico. Nessuno può mettere in discussione il proprietario, il leader, il capo. Chi osa farlo, è il caso di Fini, è immediatamente scaraventato fuori. Le strutture locali sono nominate dall’alto e se insorgono divergenze queste vengono risolte con le scelte del capo o di un suo fiduciario inviato sul posto. Il personale politico del partito, inizialmente costituito direttamente da manager e funzionari del gruppo Mediaset, si è evoluto inglobando, tranne qualche eccezione, ex socialisti, radicali e democristiani che nella prima repubblica erano portaborse e piccoli faccendieri da quattro soldi. Assomiglia più ad una corte dei miracoli che a una struttura politica. Sul territorio il PDL è interamente in mano a personaggi che fanno i comodi loro e che però, alla bisogna, danno prova di fedeltà al leader. Non c’è nessuna dialettica politica. Al massimo ci sono trame e complotti di palazzo. Scontri feroci risolti da una scelta definitiva ed inappellabile del capo.

Il modello di partito di Forza Italia, del PDL (ed è in corso di preparazione la terza versione) è senza dubbio il prodotto più genuino del maggioritario nell’epoca del modello sociale liberista. Poche idee ma chiarissimamente autoritarie e ultraliberiste. Rapporto diretto leader – popolo sulla base della sintonia con i peggiori istinti sociali egoistici, localistici, maschilisti e corporativi prodotti dall’implementazione del modello sociale dominante. Unica caratteristica ideologica: individualismo e competizione assoluta contro comunismo, sinistra e solidarietà di qualsiasi tipo.

La Lega Nord è il partito che più assomiglia ad un partito di massa della prima repubblica. Assomiglia perché ha una base fortemente identificata in una appartenenza territoriale e nelle rivendicazioni estremizzate legate alla pretesa superiorità del nord. È questo che ha permesso alla Lega di organizzarsi territorialmente in modo capillare. Di avere numerose organizzazioni collaterali e pratiche pseudo comunitarie capaci di consolidare il senso di appartenenza. Ad una inesistente “nazione” sono stati fatti corrispondere miti identitari totalmente inventati. Basti pensare alle liturgie delle ampolle del Po, degli scimmiottamenti dei riti celtici, ai raduni in divisa, e così via. L’egoismo delle zone più ricche del paese e l’insicurezza sociale dei lavoratori e della cittadinanza delle classi subalterne consolidata nella xenofobia estrema sono l’unico vero progetto politico semplificato del partito. Infatti la Lega è stata dal punto di vista ideologico il partito più eclettico e cangiante di tutti. Ultraliberista prima e antiliberista poi. Contro i meridionali prima e contro gli extracomunitari poi (è indimenticabile il Bossi che tuonava contro i terroni e che diceva che i marocchini e i “negri” erano migliori lavoratori di loro). A favore del maggioritario, poi contro, poi di nuovo a favore. Secessionista, poi federalista, poi di nuovo secessionista, poi di nuovo federalista e adesso di nuovo secessionista. Capace di essere secessionista e di votare a favore del rafforzamento delle forze armate italiane. In polemica con il Vaticano e poi capace di difendere i “valori cristiani” nella versione più reazionaria in totale sintonia col Vaticano. E così via. Molti di questi salti mortali sono banalmente il prodotto della collocazione nel quadro politico. Al governo o all’opposizione. Ed esplicitamente il corpo militante ed elettorale della Lega ha sempre vissuto ognuno di questi cambiamenti repentini come la semplice adattazione dei principi e dei veri obiettivi al principio di realismo necessario. Intanto, però, anche la Lega ha conosciuto la crescita dei soliti personaggi e personaggini locali. La dialettica interna non è mai esistita ed ogni divergenza è sempre stata risolta dall’alto dal leader. Tanta è stata la natura monarchica del partito che il leader ha designato un suo figlio a successore e che il vero gruppo dirigente era identificato in un “cerchio magico” di fedelissimi. C’è voluto uno scandalo e una congiura di palazzo per rimettere in discussione il potere assoluto del monarca. Ma l’obiettivo strategico della secessione e l’identità territoriale hanno permesso che con la fine del leader storico non ci fosse una crisi verticale e definitiva del partito.

Il cosiddetto “centro” ha subito infinite peripezie. Le sigle si sono succedute a ritmo tale che bisogna fare enormi sforzi di memoria per ricordarle in sequenza. E in realtà non ha quasi nessuna importanza farlo. Esistono oggi tre formazioni totalmente identificate con il proprio leader. L’UDC di Casini. Il FLI di Fini. E l’API di Rutelli. Sono partiti composti di personaggi locali con le loro clientele e nazionalmente fatti su misura per occupare uno spazio elettorale ex democristiano e di destra conservatrice antiberlusconiana. Non hanno programma che non sia il sostegno acritico a quanto “deciso” dai mercati, dal FMI e dagli altri organismi tecnocratici e dal Vaticano. Con l’eccezione del FLI che ha assunto posizioni più liberali che conservatrici, anche se molto moderatamente. Perennemente presenti sui mass media sembrano essere spesso l’ago della bilancia nel sistema maggioritario. Hanno sfruttato disinvoltamente questa rendita di posizione. Ed oggi propongono una prospettiva di tipo consociativo intorno alla continuità con l’opera del governo Monti.

Potremmo parlare di diverse altre forze minori. Di destra estrema o di incertissima collocazione come il Partito Radicale. Ma per non farla troppo lunga ometteremo di perderci in disamine che in fin dei conti non cambierebbero di una virgola il discorso che stiamo facendo.

Intanto possiamo riassumere che quanto esaminato fino a qui costituisce la gran parte di ciò che i cittadini considerano i partiti e la politica ufficiale. Senza tema di smentita possiamo dire che il PD, il PDL, i centristi ed anche la Lega, per quanto attualmente collocata all’opposizione, sono d’accordo su tutti i fondamentali in economia e in politica estera. Sui diritti civili ci sono differenze ma interne alle compatibilità imposte dal Vaticano. Le differenze sono spesso solo propagandistiche e quando ci sono attengono a sfumature e cose irrilevanti.

Ovviamente se consideriamo le manovre, le dichiarazioni dei leader, le allusioni ai problemi del paese, le prevedibili alleanze elettorali, i sondaggi e soprattutto il ruolo dei leader, il quadro è molto complesso. Perfino pirotecnico. Possono scatenarsi discussioni infinite sul mass media e nei talk show sulla leadership della Lega e sulla probabilità di un suo nuovo accordo con il PDL. O sugli effetti delle dichiarazioni di Casini nel PD. O sull’ingiallimento o meno della foto di Vasto. Sul futuro del FLI nel caso Berlusconi torni a guidare il PDL. Su cosa farà Rutelli e l’API visto che nonostante i sondaggi la diano allo zero virgola continua ad essere trattato come un grande protagonista della politica italiana. E a suo modo lo è, visto che è stato in venti anni radicale, verde, centrista in diverse sigle, del PD ed ora di nuovo centrista.

Resta il fatto che questa “politica” e questi partiti sono un mondo separato. Che parla dei problemi del paese per allusioni e sempre e solo per rinfacciarsi colpe e responsabilità, come se i problemi dell’Italia fossero il frutto dell’ultimo o del penultimo governo. Che si occupa prevalentemente di come guadagnare il voto dei cittadini per accomodarsi al governo locale o nazionale, e che pensa che la tecnica della politica, e cioè mediazioni, scontri, polemiche, manovre, mosse, sia in realtà il fine della politica o, se si preferisce, sia la politica stessa.

Ci si può meravigliare se la popolazione pensa che i partiti siano tutti uguali? O che quando pensa che non siano uguali lo pensa per il carisma del leader, per valori generici, per il tasso di contrapposizione nei confronti dell’avversario ecc piuttosto che per la capacità di proporre progetti veramente alternativi fra loro? Ci si può meravigliare se i cittadini considerano la “classe politica” (definizione questa già di per se significativa per identificare la separazione della politica dalla società!) una casta dedita alle proprie liturgie e abusivamente occupante il governo della cosa pubblica? Se i partiti invece che essere rappresentanti di interessi di classe, di orientamenti ideologici ed ideali chiaramente distinti, invece che stare nelle istituzioni per difendere coerentemente i propri elettori ci stanno navigando a vista nell’interesse esclusivo del partito o addirittura dell’apparato di partito e del leader locale o nazionale, perché dovrebbero essere finanziati con i soldi pubblici? Perché si dovrebbe tollerare che parlamentari, consiglieri regionali e giù a scendere, abbiano stipendi esagerati e prebende di ogni tipo? Se i partiti sono diventati luoghi di carriera, territorio di conquista di furbi ed opportunisti di ogni tipo, contenitori di tutto e il contrario di tutto, perché le cittadine e i cittadini dovrebbero iscriversi e partecipare alla loro vita interna?

Già c’è un fatto oggettivo. I partiti non sono quelli di cui parla la costituzione. Sono un’altra cosa. Sono il regno dei politicanti in carriera. Dei demagoghi. Degli imbroglioni che promettono cose che sanno in partenza essere false.

Il sistema economico e sociale affermatosi con la controffensiva capitalistica degli ultimi trenta anni e il conseguente sistema politico istituzionale maggioritario, bipolare e tendenzialmente bipartitico (che io chiamo scherzosamente ma non troppo: bifascista) hanno modellato i partiti come li ho descritti. Posso aver esagerato nella descrizione. Ma non credo affatto si possa confutare la sostanza di quel che ho scritto.

Oggi è in corso un’offensiva mass mediatica e ideologica senza pari contro i partiti. Ovviamente si sfrutta l’impopolarità dei partiti attuali e lo si fa poggiando la vera e propria campagna fatta di mistificazioni e imbrogli, su una base reale. Su una effettiva separazione dei partiti dalla società. Ma per proporre cosa? Un ritorno ad una democrazia parlamentare nella quale i partiti tornino ad avere la funzione che assegna loro la costituzione della repubblica? Una riforma della politica e della rappresentanza che ridia ai cittadini il potere che gli è stato scippato dal voto diseguale del maggioritario, che rimetta al centro della discussione i contenuti invece che le tecniche di potere? Che consideri le persone, e cioè i leader, come secondarie rispetto a principi, idee, organizzazione collettiva e partecipata?

Macché. Basta dare uno sguardo anche distratto a ciò che scrivono i giornali maggiori, a cosa si discute nei talk show, a cosa circola prepotentemente in “rete”, per rendersi conto che semplicemente si vogliono distruggere i partiti in favore di aggregazioni sempre più leaderistiche, il parlamento in favore del governo, i consigli ad ogni livello in favore dei sindaci e presidenti podestà.

Insomma qualsiasi retaggio della costituzione uscita dalla resistenza deve essere cancellato definitivamente.

Ovviamente la retorica della costituzione e dei partiti come se fossero gli stessi degli anni 50 o 60 è totalmente spuntata. Che democrazia è quella organizzata in partiti che non si sa nemmeno se sono laici o cattolici? Quella nella quale i laeder fanno il bello e il cattivo tempo come e quando vogliono? Quella nella quale l’interesse di una classe o anche della popolazione viene sacrificato in favore dell’interesse a breve termine della cordata affiliata al personaggio nazionale o locale?

Viene perfino da ridere sentir parlare di “antipolitica” da parte di chi nella testa ha un solo scopo: quello di governare l’esistente ritagliandosi spazi e poteri da usare per premiare la propria consorteria di interessi inconfessabili. Ed è penoso sentire intellettuali (che furono o credettero di essere prestigiosi) tuonare contro i critici dei partiti e sentenziare che la critica ai partiti corrisponde alla critica della democrazia. Come se i termini e i concetti fossero immutabili nel tempo. Ed è ancor più miserabile il mimetismo con il quale molti si affrettano a dire che “noi siamo un movimento non un partito”. 

Vedremo più avanti gli effetti che tutto ciò ha avuto sulla sinistra (e dintorni). Perché solo da una precisa individuazione del problema del rapporto della società con lo stato e con la politica, e da una spietata critica della stessa politica attuale, può scaturire forse una soluzione del problema.

Intanto non possiamo che constatare che la potentissima campagna contro i partiti ha una natura regressiva per il semplice motivo che i mali prodotti dal modello sociale ultracompetitivo ed individualistico sono attribuiti alla responsabilità dei partiti, e non viceversa. E che dunque l’uccisione dei partiti non può aprire una fase di maggiore democrazia bensì una fase di ulteriore separazione della politica e degenerazione dei partiti in consorterie autoritarie, sempre più coerenti con la dittatura del mercato e con il modello sociale dominante.

Sulla potenza suggestiva della campagna in corso faccio solo due esempi.

Il finanziamento pubblico dei partiti fu introdotto a metà degli anni 70. All’indomani di scandali e ancora nel pieno del finanziamento da parte dell’URSS del PCI e degli USA dei partiti di governo. Come si è visto, e come era prevedibile, non è servito affatto a scoraggiare la corruzione, che nel tempo della finanziarizzazione dell’economia e della rendita fondiaria moderna non poteva che aumentare vertiginosamente. È servito, invece, a “istituzionalizzare” i partiti e a renderli tendenzialmente apparati semipubblici invece che strutture auto organizzate socialmente.

Questa è la mia opinione.

Tuttavia sarebbe un errore madornale fare di tutta un’erba un fascio e sostenere che tutti, ai tempi, utilizzarono il finanziamento nello stesso modo. Il PCI e la nuova sinistra lo utilizzarono correttamente. I partiti di governo, e soprattutto il PSI, no. Ma una dissertazione intorno a questo tema ci porterebbe troppo lontano ed anche fuori tema.

Comunque rimborsi elettorali e finanziamento ai partiti, diversamente concepiti, ci sono in tutti i paesi europei.

Sono i radicali, nel 1978 prima e nel 1993 poi, a raccogliere le firme per abrogare la legge che prevede il finanziamento ai partiti. Nel 1978 il si raggiunge il 46 % e il referendum fallisce. Nel 1993, nel pieno di tangentopoli, ottiene il 90 % dei consensi e viene abrogata la legge. Questo referendum fa il paio con quello indetto da Segni (e celebrato solo grazie alle firme raccolte dal PDS) che uccide il proporzionale.

I radicali si prefiggono esplicitamente l’obiettivo di uccidere la democrazia parlamentare e di passare al sistema “americano”. Con due soli partiti. In realtà con due soli grandi comitati elettorali per leader finanziati esplicitamente da tutte le lobbies possibili ed immaginabili. Il furore ideologico del signor Pannella e della signora Bonino vengono premiati e l’opinione pubblica sostanzialmente vota per protesta contro tangentopoli. La gente è furibonda perché i partiti gestiscono il potere in favore di se stessi e delle cordate finanziarie ed industriali loro amiche e sostanzialmente vota implicitamente per un progetto che prevede che i leader possano gestire il potere come vogliono e che le cordate del malaffare consustanziale al sistema economico vincente possano dominare i partiti. Se prima dovevano avere “amici” nel sistema politico per riprodurre i propri affari e conseguentemente dovevano pagare tangenti ora dovranno essere i partiti ad avere “amici” nel sistema finanziario per sperare di esercitare la funzione di governo. È la coronazione del sogno liberale e liberista (liberale e liberista è lo slogan dei radicali dell’epoca) che vuole santificare il dominio del mercato, delle lobbies, sulla politica e che pretende partiti leggeri e solo elettorali a loro volta dominati da leader – padroni.

Ma il parlamento, utilizzando l’esistente e non abrogata legge che prevedeva il rimborso delle spese elettorali, sostanzialmente aggira l’esito referendario e dilatandola salva il finanziamento pubblico ai partiti.

Qui c’è una prima riflessione da fare.

I radicali, che sono contro la pena di morte, per i diritti civili e per uno stato totalmente laico, come tutti i veri liberali, fanno finta di non sapere che negli USA, il loro modello, mai può succedere che un candidato alla presidenza che si proponga di abolire la pena di morte o di abrogare le leggi paradossali integraliste vigenti in moltissimi stati (ce ne sono pure dove per legge è proibito il coito orale fra coniugi) vinca le elezioni. Come succede oggi nel PD per i diritti degli omosessuali, guarda caso, nel PD statunitense ci sono minoranze contrarie alla pena di morte che riescono a malapena ad eleggere qualche deputato o senatore, sapendo benissimo di poter solo testimoniare una posizione senza cambiare nulla della legislazione vigente.

La funzione dei partiti prevista nella costituzione italiana e il sistema parlamentare sono capaci di raccogliere le istanze maturate nella società, di trasformarle in leggi e di spingere in avanti in senso progressista il paese. Non sarebbe stato possibile votare il divorzio in parlamento senza la spinta delle donne che da anni erano riuscite a cambiare il senso comune della società, con lotte individuali e collettive di grandissima portata. Ma, una volta votata quella legge che aveva basi solide nella società, ogni tentativo reazionario di tornare indietro non poteva che fallire. E sono seguiti solo altri importanti avanzamenti nel codice penale e con l’aborto. Perché il parlamento era comunque un passo avanti della società nel suo complesso. Una società complessa ed articolata, ricca di spinte e conflitti sociali, ed un parlamento rappresentativo producono passi avanti. Una società atomizzata, individualizzata, fondata sulla competizione assolutizzata e un parlamento maggioritario producono passi indietro. E non esiste una repubblica parlamentare che non sia fondata sui partiti. Mentre una repubblica presidenziale e/o bipolare e maggioritaria non solo può, ma per molti versi deve, sbarazzarsi dei partiti “pesanti” in favore di partiti del laeder, leggeri ed eclettici dal punto di vista culturale e ideologico.

Al di la della propaganda e perfino delle intenzioni dei radiali e soprattutto degli elettori l’attacco al finanziamento ai partiti, per quanto contenuto negli anni 90 dal parlamento e ritornato in voga oggi in modo prepotente, ha un segno preciso. L’uccisione della democrazia rappresentativa è l’obiettivo.

Oggi l’attacco è furibondo e si avvale di un dato oggettivo. Come abbiamo più sopra detto i partiti sono cambiati. C’è ancora formalmente una repubblica parlamentare. Ma i partiti sono fatti su misura di una repubblica presidenziale, perché il bipolarismo, la preminenza del governo sul parlamento, e le leggi elettorali maggioritarie, in quella direzione spingono. Oggi sono i partiti ad avere bisogno di relazioni “intime” con i poteri forti economici, che infatti, come capita spessissimo negli USA, tendono ad autorappresentarsi politicamente. In un momento di pesanti sacrifici imposti dalla dittatura del mercato ma votati dai maggiori partiti è evidente che la popolazione senta odio per i partiti. Ma il sistema è in grado di trasformare quel giusto sentimento, per quanto primitivo e confuso, della cittadinanza in un punto a suo favore. I cittadini non sono costituzionalisti raffinati, giuristi illuminati, militanti generosi. Sono individui soli, incerti ed insicuri, e sono facilmente manipolabili. La sovranità popolare non è la stessa in una società fondata sul lavoro e sull’organizzazione sociale o in una società atomizzata. Nella prima un referendum suggestivo, magari sulla pena di morte dopo un terribile fatto di cronaca, non riesce a vincere. Nella seconda passa alla grande.

Ed è per questo che oggi, nel pieno della crisi capitalistica e delle sue abnormi conseguenze il furore popolare delle plebi urlanti, magari via internet, ma totalmente subalterne alla cultura dominante si può indirizzare verso facili bersagli riuscendo ad ottenere il passaggio ad una “terza repubblica” totalmente e più coerentemente americanizzata.

Così gli abusi evidenti, valga il famigerato caso Lusi, che dovrebbero dimostrare la degenerazione dei partiti in cordate gestite privatamente diventano l’occasione per attaccare la funzione dei partiti e per mettere ciò che ne rimane in balia dei potentati economici. Unici a poter decidere della sorte elettorale dei partiti nel caso venga abrogato qualsiasi finanziamento pubblico.

È fin troppo evidente che è una stortura un finanziamento dei partiti mascherato da rimborsi elettorali. Tuttavia su questa stortura non si dovrebbe fondare una serie infinita di mistificazioni.

Quando c’era il finanziamento dei partiti era previsto anche un relativamente modesto rimborso per le spese elettorali. Quello era il semplice rimborso, per giunta parziale, delle mere spese della campagna elettorale. Una volta abrogato il primo e dilatato il secondo il “rimborso” ha assunto la funzione di effettivo finanziamento pubblico ai partiti.

Come ho già detto io penso sia stato un errore fin dall’inizio accettare anche la sola idea di finanziamento pubblico. Ma una volta accettata bisogna parlarne seriamente e non superficialmente.

La funzione dei partiti prevista dalla costituzione prevede che essi producano progetti, programmi, che abbiano una rete di collegamenti con gli organismi sociali, che producano cultura ed abbiano un’intensa vita democratica. Tutte queste cose concorrono a partecipare alle elezioni essendo il veicolo della rappresentanza di pezzi grandi della società. E tutte queste cose necessitano di apparati e di soldi per essere realizzate.

Un partito della prima repubblica, per fare un solo esempio, deve occuparsi del sistema dei trasporti nel paese. Per farlo non può improvvisare quattro slogan da mettere nel volantino in campagna elettorale. Deve avere una commissione che se ne occupa. Che produce materiali e tiene collegamenti con il sindacato, con le imprese pubbliche e private del settore, con le facoltà universitarie coinvolte, con le proprie organizzazioni territoriali maggiormente coinvolte (basti pensare alle città sedi di grandi cantieri navali o di snodi ferroviari). Ogni tanto deve organizzare un convegno nazionale sul tema. E partecipare a convegni di altri in Italia e all’estero. I parlamentari saranno i terminali di un grande lavoro collettivo e sapranno battersi e mediare a ragion veduta, prendendo decisioni e votando. In parlamento nella commissione trasporti e in aula quando si discuterà un provvedimento la discussione sarà alta, approfondita, seria. Le divergenze saranno chiare e i voti pure. E ciò sarà conosciuto dai lavoratori del settore, dalle imprese e dall’opinione pubblica interessata.

Un partito del leader nella “seconda repubblica” se va bene appalta a qualcuno di fiducia la propria posizione sui trasporti. Magari direttamente all’organizzazione settoriale della confindustria. O anche a un sindacato. Non avendo una ideologia e un progetto serio per il paese per questo partito sui trasporti si può andare a spanne. Avere posizioni dettate non dalla propria analisi ed elaborazione, bensì dalla convenienza politica (nel senso del quadro politico) del momento. Slogan generici e aleatori in un parlamento maggioritario, al momento delle decisioni, diventano l’alibi per fare qualsiasi cosa e giustificare qualsiasi scelta. Il dibattito sarà generico e potranno passare gli emendamenti e le posizioni lobbistiche molto più facilmente.

Per un parlamento fatto così non c’è bisogno di partiti pesanti, organizzati, con apparati e conoscenze, e quindi dagli alti costi. Basta un leader, i suoi amici ai quali appaltare la produzione delle posizioni necessarie, e un parlamentare qualsiasi per ripeterle come un pappagallo, nel caso non sia direttamente il lobbista a diventare parlamentare.

Tornando al famoso caso Lusi, è evidente che un partito come la Margherita (sic) essendo del tipo della seconda repubblica usava il finanziamento pubblico per gli scopi che alla fine abbiamo visto. Il PRC, per esempio, li ha sempre e solamente usati come un partito della prima repubblica. Con l’aggiunta, sempre ignorata dai mass media, dei contributi dei parlamentari che versavano circa il 60 % di tutti gli emolumenti (non della sola indennità) che ricevevano. 

Apro un piccolissima parentesi. Pochi mesi fa ho ascoltato con le mie orecchie il signor Calderoli, al quale il partito pagava un lussuoso appartamento, dire: “ma io verso 2000 euro al partito ogni mese!” Ebbene, i parlamentari del PRC versavano circa 8000 euro ed ovviamente a nessuno veniva pagata la casa a Roma. Chiusa parentesi.

I mass media hanno trattato la vicenda Lusi come se tutti i partiti fossero uguali e soprattutto, ed è questo veramente tanto efficace quanto mistificatorio, come se le spese elettorali fossero la mera produzione di manifesti e iniziative in campagna elettorale. Come se l’attività politica si riducesse alle elezioni e alla stampa dei manifesti con la faccia del leader. In particolare vorrei segnalare la potente mistificazione ulteriore consumata proprio sul caso Lusi. Un vero ed inarrestabile coro si è levato per dire: ma come è possibile che un partito morto continui a incassare il finanziamento pubblico? Sembra la segnalazione di una cosa inconfutabile. Ma non è così. Né politicamente né giuridicamente.

Ho già detto la mia opinione sull’abuso che evidenzia di quale natura fosse il partito della Margherita. Spero di non venir interpretato maliziosamente. Ma la mistificazione è una mistificazione e non si dovrebbe tacere.

Se il “rimborso elettorale” è riconosciuto in quanto tale dalla legge ed erogato ratealmente anno per anno dopo le elezioni, perché un partito confluito con un altro in un partito più grande dovrebbe perdere le rate successive alla confluenza? Se il rimborso fosse stato erogato in una unica soluzione si potrebbe pretenderne la restituzione nel caso il partito in oggetto si unisca con un altro? Anche un bambino capisce che la rateazione e il concetto di rimborso adottati sono in realtà un finanziamento analogo a quello della prima repubblica. E ancora. Si può, come i soliti geni dei talk show hanno detto mille volte in questi mesi, dire che il rimborso avrebbe dovuto essere erogato solo contro fatture? Un partito i cui militanti affiggono i manifesti gratuitamente che fattura presenta? Un partito che negli anni precedenti alle elezioni ha fatto tre convegni nazionali sull’immigrazione o su qualsiasi altro tema, per preparare la propria proposta e per presentarla agli elettori, che fattura presenta?

Queste mistificazioni sono servite, eccome se sono servite!, a considerare il caso Lusi come la punta di un iceberg, mettendo non solo tutti i partiti ma lo stesso sistema parlamentare fondato sui partiti previsti dalla costituzione sotto processo. Non è un caso che sorgano numerosi tentativi di legiferare per imbrigliare i partiti in norme che codifichino e santifichino il modello di partito leggero e dominato da un leader.

Ovviamente tutto ciò  non cancella di una virgola quanto ho scritto sulla degenerazione dei partiti e sull’odio che hanno suscitato nella popolazione. Ma pensare che sia salutare uccidere i partiti in favore di aggregazioni ultrautoritarie e dominate da consorterie più o meno oscure, come è il caso del Movimento 5 stelle (sic) che è l’attuale campione della lotta per uccidere i partiti, è fare un pessimo servizio alla democrazia, comunque aggettivata.

Ma, per essere efficace, questa campagna deve nutrirsi anche della delegittimazione del parlamento.

Ho già cercato di dimostrare che gli strali contro il parlamento dei nominati, pur avendo una base oggettiva relativa alla natura monarchica e liederistica dei partiti, nascondono l’obiettivo di trasformare definitivamente i partiti nel regno dei personaggi dotati di clientele e appoggi dei poteri forti. Curiosamente, ma non troppo, si parla continuamente dei costi esorbitanti della politica e si omette il dettaglio che le campagne individualizzate per le preferenze decuplicano i costi.

Un parlamento bombardato di decreti legge del governo e di voti di fiducia, nel quale i regolamenti sono stati cambiati per impedire l’ostruzionismo e per ridurre l’attività del parlamentare al voto obbediente, nel quale il trasformismo e la migrazione da un gruppo all’altro e dall’opposizione alla maggioranza sono esaltati esattamente dalla natura bipolare del sistema elettorale, non può che apparire delegittimato di fronte agli elettori. Stipendi e privilegi risultano inaccettabili agli occhi di un’opinione pubblica manipolata. La crisi sarebbe così il prodotto dell’inadeguatezza del parlamento e della politica. Non il prodotto della finanziarizzazione dell’economia e della dominanza di precisi interessi capitalistici. Perché mercato e finanza sono oggettivi, sono come le leggi della natura, e se le cose non vanno la colpa è di chi non ha accontentato il mercato e soddisfatto le pretese ideologiche e concrete del sistema capitalistico.

Certo nel momento della crisi qualcuno apre gli occhi. Viene il dubbio che forse ci sia qualcosa di irrazionale nel “salvare” le banche private con o soldi pubblici facendo pagare il conto a chi ha da decenni subisce le conseguenze di una politica economica delinquenziale.

E allora ecco il potenziamento della campagna contro il parlamento.

L’ultimo capitolo di una lunga serie che va avanti da quando c’è il bipolarismo, è la bufala secondo la quale capita che per discutere di cose importantissime ci sia un’aula praticamente vuota.

È capitato di nuovo recentissimamente in occasione dell’iscrizione in aula della famosa riforma del finanziamento pubblico dei partiti.

Tutte le TV, tutti i giornali, centinaia di siti internet, e chi più ne ha più ne metta hanno “informato” gli italiani che l’aula di Montecitorio quando si doveva discutere della cosa oggetto della massima attenzione da parte del popolo italiano, era desolatamente vuota. C’erano si e no una ventina di deputati. E giù giudizi, immagini panoramiche dell’aula vuota, gran spreco di aggettivi. In molti hanno perfino detto che l’aula deserta ha turbato le scolaresche che in quel momento visitavano Montecitorio. Diversi accigliati commentatori hanno parlato di autogol della politica e di enorme favore all’antipolitica di Grillo. E basta dare una scorsa ai commenti sul sito di Grillo per vedere che effettivamente si è andati all’incasso.

Ci può essere una dimostrazione più eloquente del livello infimo raggiunto da parlamento e parlamentari?

Peccato che è tutto falso. Totalmente falso.

I giornalisti parlamentari della carta stampata o delle TV, e moltissimi di quelli che hanno commentato, sanno benissimo che qualsiasi legge venga discussa dall’aula ha diverse fasi di discussione. La prima delle quali è collocata sempre in giornate nelle quali non sono previste votazioni. E sanno benissimo che la discussione generale (questo è il termine esatto) si svolge esclusivamente per dare l’opportunità ai gruppi, anche con diversi interventi per ognuno, di mettere a verbale le proprie posizioni. Poi seguiranno le convocazioni dell’aula per esaminare gli emendamenti e votarli e infine per esprimere il voto finale sulla legge con relative dichiarazioni di voto finali. In discussione generale non essendo previste votazioni non esiste il numero legale. In tutte le altre fasi si, e naturalmente l’aula sarà piena.

Inoltre, capita quasi sempre che durante una discussione generale di una legge le commissioni parlamentari siano riunite, tranne quella che ha istruito la legge in oggetto. Capita cioè che i parlamentari siano presenti e stiano lavorando nelle loro commissioni e discutendo di altre leggi. Del resto ciò che viene detto dagli unici presenti e iscritti a parlare può essere ascoltato in diretta radiofonica, televisiva, e comunque letto mezz’ora dopo in internet o sui resoconti stenografici sulla carta il giorno dopo.

Insomma, perché un parlamentare che non è iscritto a parlare e che nemmeno volendo potrebbe parlare, giacché i tempi sono contingentati, dovrebbe recarsi a Roma un giorno prima o disertare il lavoro della sua commissione, per fare numero in aula?

Ora, i giornalisti parlamentari italiani, spesso pagati più dei parlamentari stessi, in moltissimi casi sono ignoranti. Non sanno che differenza c’è fra un ordine del giorno e una mozione. Non conoscono i regolamenti parlamentari. Loro si non ascoltano le discussioni generali per capire bene le posizioni dei gruppi e per poter apprezzare le vere differenze. Di solito bivaccano in transatlantico cercando di carpire pettegolezzi o conversazioni riservate per poter fare gli “scoop” in concorrenza fra loro. Danno vita a curiose formazioni in forma di grappoli umani al seguito del “leader” di turno che attraversa il transatlantico. Ma, per la miseria!, non possono non sapere che in una discussione generale in aula ci sono solo gli iscritti a parlare.

Eppure regolarmente da almeno venti anni, in alcuni momenti topici, ritirano fuori lo scoop dell’aula vuota. Mentono sapendo di mentire.

E siccome l’opinione pubblica non è certo tenuta a sapere nel dettaglio i regolamenti e le consuetudini dei lavori parlamentari, la manipolano a loro piacimento dando false notizie tese semplicemente a screditare tutto il parlamento.

Anche il parlamento è effettivamente degenerato. Ridotto a curve (con tanto di slogan gridati e cartelli) contrapposte. Teatro di sceneggiate assolutamente finte. Reso impotente dall’abuso dei poteri del governo. Ma lo è per effetto del maggioritario, del bipolarismo.

Con la campagna contro il parlamento, che non esita ad avvalersi di falsi e demagogie di ogni tipo, si spiana sola la strada ad un’ulteriore spettacolarizzazione e separazione della politica e soprattutto a un tendenziale e inarrestabile autoritarismo.

Abbiamo tralasciato di parlare delle formazioni “alla sinistra” del PD. Meritano una analisi più approfondita. Lo faremo nell’ultima parte insieme alle conclusioni.

Continua…

 

ramon mantovani

 

Morte ai partiti? (parte terza)

Posted in articoli pubblicati sul blog with tags , , , , , , , , , , , , , , , on 20 giugno, 2012 by ramon mantovani

Non smetterò mai di insistere sulla necessità di conoscere, analizzare e capire le mutazioni sociali che stanno alla base della degenerazione della politica e dei partiti. Senza farlo si scambiano gli effetti per le cause. E si pensano e sognano rimedi che invece di risolvere i problemi li aggravano e li estremizzano. Senza riprendere una analisi che ho già fatto in più riprese mi limito qui a fare un esempio.

Quando Berlusconi vinse le elezioni nel 1994 la stragrande maggioranza delle persone di sinistra (sia quelle che lo erano perché non avevano smesso di essere contro il capitalismo sia quelle che credevano di esserlo pur condividendo tutte le menzogne ideologiche sulla fine della lotta di classe, sulle meravigliose sorti della globalizzazione, sulle privatizzazioni e così via) credettero che la colpa fosse delle TV di Mediaset. Secondo tutte queste persone milioni e milioni di elettori avevano bevuto le fandonie e le promesse demagogiche di Berlusconi propalate a mani basse dalle tv di proprietà dello stesso. Si illudevano, e molti si illudono ancora oggi, che bastasse riportare il paese alla “normalità” con una legge sul conflitto di interessi e con una controffensiva sulle tv della RAI, affinché il popolo si accorgesse che Berlusconi era solo una escrescenza, un incidente di percorso.

Vediamo se è vero.

Per più di un decennio il sindacato era passato di sconfitta in sconfitta, le condizioni di vita dei lavoratori dipendenti erano peggiorate, chi lottava lo faceva in modo isolato e nella più completa solitudine, era cresciuta enormemente l’incertezza e l’insicurezza sociale, i partiti erano degenerati ed intenti, come aveva già denunciato Berlinguer, ad occupare ogni spazio al solo fine di coltivare interessi privati a scapito di quelli pubblici, lo stesso PCI aveva abdicato alla propria funzione e si era sciolto per dare vita ad un partito identico agli altri. E ancora, c’erano tutte le avvisaglie di una scomposizione del paese fra zone ricche e zone povere, tipico prodotto della competizione assolutizzata dalla globalizzazione. Nelle zone ricche cresceva l’egoismo sociale, l’odio verso gli immigrati, e un patto corporativo fra lavoratori e imprenditori fondato sull’illusione che separandosi dal resto del paese si potesse meglio competere con le altre zone ricche del mondo e dell’Europa. Nelle zone povere cresceva il clientelismo e un blocco sociale includente la criminalità organizzata, oltre all’individualismo più sfrenato legato alla spartizione delle risorse pubbliche attraverso consorterie e cordate di ogni tipo.

Il famoso “pensiero unico” non era un decalogo, un dogma da imparare a memoria. Era niente altro che l’apparente oggettività della situazione. Del resto la caduta del muro di Berlino aveva convinto quasi tutti, tranne una minoranza abbastanza isolata, che il capitalismo era il migliore dei mondi possibili e che se c’erano problemi questi erano dovuti alla mancata “modernizzazione” del paese. E la “modernizzazione” non poteva che essere la rimozione dei “lacci e lacciuoli” che frenavano la capacità competitiva delle imprese e del paese. E non poteva che essere il passaggio dalla democrazia parlamentare della Costituzione, fondata sui partiti, alla democrazia maggioritaria, fondata sulla funzione del governo e sui leader. I partiti, già degenerati fino all’inverosimile e caduti definitivamente in disgrazia con tangentopoli, avevano già snaturato il sistema democratico, gestendo la cosa pubblica negli interessi delle imprese, delle finanziarie, delle società immobiliari e così via. Dovevano essere sostituiti da partiti di tipo nuovo. Leggeri e cioè privi di una ideologia capace di interpretare la realtà e di partorire un progetto complessivo per la società e per il paese. Possibilmente dotati di nomi e simboli “aideologici” e perfino “apolitici” o abbastanza generici da essere buoni per qualsiasi politica. Da quel momento la botanica, la fauna, il tifo calcistico e i nomi dei leader la faranno da padrone. Contenitori di interessi ed egoismi di ogni tipo, spesso in contraddizione fra loro, ma mediati dal miraggio del governo come unico fine e ragion d’essere del partito. Come ho già detto il grande inganno fu presentare i partiti della prima repubblica come i responsabili delle degenerazioni della società e non come le vittime, magari consapevoli e complici, delle degenerazioni del sistema economico e del modello sociale conseguente. Il maggioritario servì esattamente a coronare un progetto latente da sempre nella borghesia italiana. Eliminare le ragioni del conflitto di classe e sociale dalle istituzioni e trasformare la politica in un affare privato delle sue diverse fazioni, riducendo il popolo a spettatore e tifoso di uno dei suoi leader. Come negli USA.

Tutto questo l’aveva costruito Berlusconi abusando della sua posizione di predominio televisivo? Erano le tv che mandavano in onda certe trasmissioni a cambiare la testa della gente? La percezione che i partiti si occupassero degli affari dei loro amici e delle loro infinite competizioni elettorali, invece che dei problemi del paese era infondata?

Direi proprio di no.

Berlusconi approfittò banalmente della situazione che si era creata ed ebbe l’abilità di interpretarla coerentemente con il senso comune diffuso. Ovviamente le sue tv furono decisive, e lo poterono essere grazie ad una effettiva anomalia italiana creata a suon di corruzione con il sistema del duopolio televisivo e con la riduzione del servizio pubblico a competitore del privato sul suo terreno. Ma era una anomalia ben precedente a tangentopoli. Fondata sull’ormai inarrestabile primazia dell’impresa e soprattutto dei settori speculativi del capitale, che a questo scopo avevano corrotto pesantemente i partiti.

Una cosa è proporsi di cambiare il modo di pensare della gente ed un’altra è dire alla gente quel che vuole sentirsi dire.

Senza scomodare Gramsci e la sua analisi sulla formazione dello stato italiano, nel paese dei furbi, dei raccomandati e degli evasori, nel paese della cultura mafiosa, della borghesia eversiva mischiata con l’antistatalismo di stampo cattolico, nel paese dell’ipocrisia fatta legge, la sconfitta della battaglia del movimento operaio, per rifondare lo stato su basi diverse, persa con la controffensiva capitalistica degli anni 70 e seguenti, non poteva avere che esiti disastrosi.

Nell’Italia degli anni 80 e 90, del “facciamo soldi con i soldi” e del “gli operai sono in via di estinzione”, del “privato è sempre meglio del pubblico”, dei “sacrifici” imposti sempre agli stessi con l’applauso degli ex comunisti e dei sindacati, del “padroni a casa nostra”, del “dobbiamo competere sempre di più e meglio” e così via, c’è da meravigliarsi se vinse le elezioni l’imprenditore “fattosi da se”? Il “non politico di professione”? L’uomo che sapeva parlare di “sogni”? E che dirà sempre “fatemi lavorare” e ripeterà fino alla nausea la parola “comunisti” e “sinistra” per identificare ogni nefandezza?

Per quanta importanza si attribuisca alla potenza dei mass media, e io ne attribuisco molta, furono le mutazioni sociali e il senso comune affermatosi dentro di esse a permettere, favorire e amplificare il fenomeno Berlusconi. E a far assumere ai mass media un ruolo centrale nella politica italiana, sempre più spettacolarizzata.

Credere il contrario fu invece molto di moda fra le persone di “sinistra”.

Per quelle che pensavano che bisognasse avere un paese “normale” pensando agli USA, alle privatizzazioni, alle elezioni come mera scelta delle persone, alle guerre come “missioni di pace”, ai sacrifici dei lavoratori come “necessari”, alla precarietà come “flessibilità”, alle banche e finanziarie come motore dell’economia, alle imprese private come essenza dello sviluppo, al mercato come effettivo “regolatore” dell’economia ecc. era normale che fosse così. Berlusconi era solo una anomalia vergognosa e bastava rimuoverlo per far tornare tutto a posto. Tanto più pensavano questo tanto più sentivano di dover tifare contro Berlusconi e per quelli che si candidavano a governare nel nome di tutte quelle cose che credevano insieme a Berlusconi, ma in modo “normale”. Del resto se la globalizzazione era buona, le banche fattore di sviluppo, la produzione di beni materiali tendenzialmente da superare collocandola nei paesi poveri (per garantire anche a loro, poveretti, un po’ di sviluppo!), le guerre erano umanitarie, il privato sempre efficiente, e Berlusconi pensava e diceva esattamente le stesse cose, su cosa si doveva incentrare lo scontro e la polemica? Conflitto di interessi, procedimenti penali, alleanza con un partito razzista e secessionista come la Lega, sdoganamento del MSI, demagogia e dulcis in fundo: impresentabilità. Cioè sempre e solo su cose secondarie e spesso vissute come innovazione effettiva e politica di tipo nuovo da parte della maggioranza degli elettori. È fin troppo evidente che non basta cambiare nome ad un partito o dichiararsi non comunisti per poter competere con chi si dice fieramente anticomunista e ti accusa perfino di continuare ad esserlo senza dirlo. È fin troppo evidente che non si può essere, dopo aver sposato ogni tesi revisionista sulla resistenza, contemporaneamente per il maggioritario e pretendere che il proprio avversario non si allei con i partiti post fascisti e secessionisti di destra. Altrettanto evidente è che si ha un’arma spuntata se si criticano le TV di Berlusconi e poi i propri uomini nella RAI trasformano la tv pubblica in una brutta copia delle tv dell’avversario per inseguire l’audience. Se si fa a gara per ingraziarsi la Confindustria dichiarandosi veramente liberisti e criticando Berlusconi per non esserlo abbastanza. Se si specula sui processi a Berlusconi e contemporaneamente si incensano personaggi come Andreotti, anche sperando che l’avversario sia sconfitto per le vicende processuali e non perché si sono convinti i suoi elettori a cambiare idea.

Esagero? Non credo.

Infatti a suo tempo ci fu la prova provata che quanto dico è difficilmente contestabile.

Il primo governo Berlusconi andò in crisi sulle pensioni. Il ministro del tesoro Dini, già uomo del FMI e della Banca d’Italia, attaccò violentemente il sistema pensionistico. L’opposizione tuonò e i sindacati scesero in lotta duramente. Il blocco sociale ed elettorale di Barlusconi traballò, soprattutto per effetto della Lega, che infatti alla fine tolse la fiducia al governo.

La logica, perfino la perversa logica del maggioritario, avrebbe voluto che l’opposizione chiedesse nuove elezioni, “bastonando il can che annega”. Berlusconi era in forte calo dei consensi, ovviamente. E la Lega non avrebbe rifatto l’alleanza con Forza Italia. Alleanza nazionale non avrebbe facilmente convinto la propria base elettorale a sostenere un governo che voleva farla lavorare più a lungo per avere una pensione inferiore. Dopo quel che l’opposizione tutta aveva detto in parlamento e dopo gli scioperi e le lotte sindacali non era impossibile vincere le elezioni su quelle basi.

Cosa avvenne, al contrario?

Il “massacratore sociale” Dini divenne un ottimo candidato a sostituire Berlusconi, invece delle elezioni che con il maggioritario “finalmente permettevano al popolo di scegliersi il governo” ci fu una maggioranza trasversale dalla Lega al PDS sostenuta perfino dalla scissione del PRC dei “comunisti unitari” (sic), e alla fine Dini varò la stessa controriforma pensionistica (solo appena più allungata nel tempo) con il silenzio complice dei sindacati, che diedero così una grandissima prova della loro autonomia.

Insomma, se era nel modello sociale il problema da risolvere per far tornare alla sinistra un consenso sufficiente a tentare di cambiare il paese tutto si doveva e poteva fare tranne che accettare come necessaria e oggettiva una controriforma delle pensioni che avrebbe ulteriormente mortificato e diviso il mondo del lavoro, posto le premesse per la precarizzazione e santificato il primato dell’economia sulla politica. Se, invece, il problema era la presentabilità di Berlusconi ci si poteva tranquillamente alleare anche con la forza definita razzista nel sostenere un governo presieduto dal ministro contro il quale solo pochi giorni prima si era scioperato.

In altre parole Davos, il FMI, la Banca Centrale Europea, il WTO, le banche e il capitale finanziario, la Confindustria, i guru liberisti indicavano la politica economica e il modello sociale da implementare e la politica si doveva occupare delle trame, delle manovre, dei ribaltoni, della ricerca e promozione dei leader, del “marketing” elettorale, della costruzione di contenitori e di coalizioni, della gestione delle rispettive tifoserie.

Come è noto chi tentò, e parlo del PRC, di immettere nel dibattito politico contenuti di sinistra e di sostenere che il governo del paese dovesse produrre provvedimenti tali da orientare le scelte economiche e cambiare il modello sociale veniva descritto e trattato come “estremista e massimalista” e/o come utile idiota al servizio di Barlusconi. Chiedere al governo Prodi un piano per mettere in sicurezza il territorio nazionale devastato sempre più da terremoti e alluvioni, chiedere i libri di testo gratuiti nella scuola dell’obbligo, chiedere la riduzione dell’orario di lavoro e di non privatizzare ulteriormente e così via era “massimalismo” ed “estremismo”. Insistere su queste cose sostenendo che il centrosinistra non doveva e non poteva fare le stesse cose della destra sui fondamentali era “favorire” Berlusconi.

Non ripercorrerò qui le vicende dell’epoca. Non sono l’oggetto di questo scritto e rischierebbero di farci andare fuori dal seminato. Ho fatto questo accenno al solo scopo di dimostrare che in quegli anni si produce un ulteriore e peggiorativa separazione della politica dai problemi reali del paese e che qualsiasi intento di ricucire quello strappo veniva digerito e risputato dal sistema sottoforma di meccanismo politicista interno al gioco delle parti fra i due poli che si contendevano il governo dell’esistente.

In tutto questo avevano, ed oggi hanno ancora di più, una funzione essenziale i mass media.

Come abbiamo già ricordato nella “prima repubblica” i segretari dei partiti erano segretari. Alcuni erano anche leader ma questo era il prodotto della loro popolarità conquistata in coerenza con l’ideologia e gli obiettivi dei loro partiti. Le principali trasmissioni politiche erano le tribune politiche della RAI. Erano bandite le interruzioni, gli insulti, le grida, e i giornalisti che le conducevano coordinavano le domande dei loro colleghi giornalisti o gli interventi degli esponenti dei diversi partiti. Non mancavano le domande insidiose, maliziose, fortemente critiche. L’oggetto delle trasmissioni erano le proposte, le posizioni e anche le polemiche conseguenti. Nelle campagne elettorali tutti i partiti che si presentavano avevano lo stesso spazio, anche se in tempi diversi tenendo conto della dimensione dei partiti nelle precedenti elezioni. In altre parole la conferenza stampa del segretario nella campagna elettorale cominciava con il partito più piccolo e finiva col più grande. Lo stesso dicasi per l’ultimo appello al voto l’ultimo giorno della campagna.

Già negli anni 80, sebbene le tribune politiche ed elettorali televisive fossero largamente prevalenti per la formazione delle intenzioni di voto, iniziarono le trasmissioni mirate a mostrare il “lato privato” dei politici. I “politici” avevano hobbies, erano tifosi di una squadra di calcio, sapevano raccontare barzellette, cantare, ballare! Certe interviste, magari in maniche di camicia per fare più “americano”, erano palesemente apologetiche del personaggio e delle sue imprese politiche. Certe “campagne”, come quella condotta dal PSI contro il PCI e la sua storia, trovavano alla RAI e Mediaset collaborazione totale con messa in onda di “documentari” e “inchieste” compiacenti. Cominciarono a prodursi su Mediaset i talk show che si occupavano di politica. Dove il conduttore assegnava il ruolo che voleva lui ai politici di turno. Era il conduttore a scegliere chi invitare, e un partito non poteva sostituire l’invitato con un altro esponente, perché il conduttore se l’era scelto come un regista sceglie l’attore al quale far interpretare una parte. Spesso il conduttore provocava, assecondava e comunque permetteva battibecchi, insulti, urla, minacce. Vuoi mettere la noia di un segretario di partito che cerca di spiegare una posizione sulla politica industriale ed energetica del paese o su un fatto di politica estera rispetto a due o tre scamiciati che si insultano, urlano e che si rinfacciano le responsabilità per le peggiori cose che succedono nel paese? L’audience detta legge ed è evidente che le risse la fanno alzare. Inoltre il conduttore in realtà promuove lui gli esponenti dei partiti che più gli piacciono, o per le loro posizioni o banalmente perché fanno più spettacolo. Con il sistema bipolare, poi, succede che ogni discussione nella maggioranza di governo, fisiologica in ampie coalizioni prodotte proprio dal maggioritario, diventi una guerra nucleare massmediatica. I contenuti della discussione si perdono subito per strada perché quel che conta sono le dietrologie, le mosse, le minacce, i ricatti. Giacché ogni contenuto relativo ad una divergenza potrebbe sboccare in una crisi di governo e giacché la media dei conduttori e dei giornalisti che si occupano di politica di quel contenuto non sanno un bel niente, molti di costoro presentano il contenuto come un pretesto che nasconde mire elettoralistiche, invidie e cattive relazioni fra i leader. Che di queste cose loro si che se ne intendono! E via con le indiscrezioni, le ricostruzioni di incontri privati e di riunioni di partito, con le dichiarazioni sulle agenzie di stampa fatte su altre dichiarazioni a loro volta fatte su altre dichiarazioni ancora. In poco tempo del contenuto su cui è nata la discussione non parla più nessuno e lo spettacolo dei politici litigiosi che litigano fra loro invece di preoccuparsi dei problemi del paese (e cioè dei contenuti) è assicurato. Quando i leader parlano, magari ad una riunione facendo un lungo intervento, in tempo reale appaiono loro frasi totalmente decontestualizzate sulle agenzie e si scatenano polemiche infinite. Saranno quelle polemiche ad essere al centro del talk show serale di turno. E spesso i leader annunciano e inventano la mossa direttamente nei talk show. Con buona pace del loro partito che discuterà della mossa a posteriori. Ma lo stesso vale per chi ha invece discusso, magari molto a lungo, e votato in una riunione con centinaia di dirigenti. Il leader espone una posizione davanti a milioni di telespettatori ed è come se quella posizione fosse la sua personale. Come se l’avesse inventata al momento. Gli elettori e spesso gli stessi iscritti del partito di quel leader credono anch’essi che l’annuncio di una mossa o di una posizione sia farina del sacco del leader e ne discutono esattamente come si discute di cosa fa il ct della nazionale o l’allenatore della propria squadra del cuore. C’è un effetto concreto del maggioritario e del sistema massmediatico, che pensa all’audience invece che all’informazione, sulla natura dei partiti e soprattutto sul peso dei loro leader. Perfino per quei partiti che sono organizzati ed hanno una vita democratica. Perché gli elettori e perfino gli iscritti di quel partito sono ormai abituati dall’andazzo a non leggere la propria stampa, i documenti del proprio partito, ad applicare dietrologie a tutto, a fare infinti processi alle intenzioni, a tifare pro o contro il proprio stesso leader. Se la politica è spettacolo i partiti, e all’interno dei partiti i vari personaggi, ogni giorno devono inventarsi qualcosa per essere ripresi dalle agenzie, per essere invitati da un conduttore, per non essere velocemente dimenticati. Così tutto diventa un rumore di fondo nel quale è impossibile distinguere una cosa seria e una vera proposta dal coro cacofonico imperante.

Potrei continuare anche su questo molto a lungo. Ma credo sia sufficiente per dimostrare che oltre a non informare su un bel niente i talk show e i politologi sulla carta stampata hanno moltiplicato e ampliato enormemente la degenerazione dei partiti e soprattutto la separazione della politica dalla società. Ovviamente non si tratta di un caso. Ma nemmeno di un disegno o di un complotto. È l’effetto, certo assecondato e implementato, di quel processo oggettivo di cui abbiamo parlato più sopra. La “politica” non si occupa più di avere progetti economici, sociali e culturali veramente alternativi fra loro. La sinistra che lo fa deve scontare di non essere compresa, di vedere deformate le proprie posizioni secondo la perversa logica maggioritaria, ed ha sempre meno spazio. Come nella società consumistica ed individualistica imperante ciò che conta non è essere, bensì apparire. La politica spettacolo è l’apoteosi di tutto questo.

Ma prima di parlare della passivizzazione della società e specificatamente del ruolo dei talk show (soprattutto quelli ostili a Berlusconi) nella implementazione della stessa, voglio fare un esempio concreto che dimostra che la descrizione che ho fatto testé delle degenerazioni nei partiti e della percezione che la cittadinanza ha dei partiti prodotta dal maggioritario e dai mass media è fedele alla realtà. E se non lo è del tutto lo è per difetto e non per eccesso critico.

Al tempo del primo governo Prodi, che noi del PRC appoggiavamo dall’esterno prima della famosa rottura, arrivò in parlamento la ratifica del trattato internazionale relativo all’allargamento della NATO a Polonia, Repubblica Ceca e Ungheria.

Va detto che la ratifica del trattato da parte del parlamento era esiziale per il progetto di allargamento della NATO. Si trattava cioè di una decisione cogente, essendo il parlamento totalmente sovrano sul merito della decisione.

Noi eravamo contrari. Tutti gli altri partiti (tranne la Lega) favorevoli. In un parlamento eletto proporzionalmente tutto si sarebbe risolto come una questione di pura routine. Ma la destra denunciò il fatto che la maggioranza non disponeva di una linea di politica estera unitaria e dei voti autosufficienti per implementarla. E minacciò di votare contro per fare cadere il governo. Conseguentemente la nostra posizione divenne vitale per il governo. Noi tenemmo la posizione. Ne discutemmo in segreteria, in direzione del partito, nel comitato politico nazionale e nei gruppi parlamentari. La posizione fu unanime. Non c’erano alternative ne possibili compromessi di nessun genere. Ma sapevamo anche che su quel tema la destra stava facendo un bluff di enormi proporzioni. Avrebbe si fatto cadere il governo, ma al prezzo di far saltare per anni l’allargamento della NATO, dimostrandosi così inaffidabile per il governo USA e per gli altri governi di destra europei. Nelle settimane che precedettero il voto ne successero di tutti i colori. Ed ovviamente i mass media si guardarono bene dal parlare del merito di cosa fosse realmente diventata la NATO, di cosa volesse dire allargarla ad est e quale politica militare ed estera fosse in gioco per l’Italia. Anche perché, tranne qualche eccezione, ad occuparsi per i giornali della vicenda non erano i redattori di politica estera bensì quelli di politica interna, e quasi nessuno di questi ultimi (posso dirlo sulla base delle mie molteplici conversazioni con loro) non sapevano che la NATO funzionava con il metodo del consenso e non a maggioranza, non conoscevano il suo Statuto, credevano che fosse stata istituita in risposta al Patto di Varsavia e non viceversa e così via. Per loro l’unico tema su cui scrivere e intervistare era relativo alla caduta del governo o meno. In quel trambusto a me, che mi occupavo in prima persona della faccenda, capitarono due cose. Che racconto perché altamente esemplificative, derogando alla regola che mi sono autoimposto di parlare il meno possibile delle mie esperienze personali.

La prima. Un altissimo dirigente del PDS mi fece il seguente ragionamento: se la destra pur essendo favorevole all’allargamento della NATO votasse contro per far cadere il governo voi potreste neutralizzare questa manovra, dichiarando di essere contro ed elencando tutti i motivi della vostra contrarietà, ma votando alla fine a favore per salvare il governo. Gli risposi che mi sembrava matto e che mi meravigliavo che considerasse normale anche la sola idea che i favorevoli ad una cosa potessero votare contro e viceversa.

La seconda. In una delle sedute preliminari al voto in commissione esteri, alla presenza del ministro degli esteri Dini, dissi chiaro e tondo che noi avremmo votato contro sia in commissione sia in aula. Che non c’erano mediazioni possibili di nessun tipo. All’uscita della seduta rilasciai dichiarazioni a tutte le agenzie di stampa e interviste a tutti i TG. Quella sera e il giorno seguente sulle Tv e sulla stampa l’annuncio che avevo fatto era nelle aperture con grande rilievo. Due giorni dopo la seduta della commissione sul Manifesto uscì un articolo nel quale si diceva che il PRC “aveva messo la sordina sulla questione della NATO” per non disturbare troppo il governo. Strabuzzai gli occhi leggendolo. Mi sembrava impossibile che il redattore (che per altro stimavo molto per le sue posizioni) non si fosse accorto che era successo esattamente il contrario. Gli telefonai e gentilmente gli chiesi conto di quanto aveva scritto, elencandogli le testate e i TG che avevano scritto e detto che il PRC si apprestava a far cadere il governo sulla NATO. Lui mi ripose, lasciandomi a bocca aperta, che aveva visto tutto ma che siccome ero stato io a parlare e non Bertinotti era sicuro che questo avrebbe portato ad un qualche aggiustamento dell’ultimo minuto gestito da Bertinotti in prima persona. Esternai il mio stupore e disaccordo e gli chiesi almeno di pubblicare un mio articolo sul merito della questione e non in risposta al suo. Mi disse di si. Inviai l’articolo, ma non venne mai pubblicato. Ovviamente noi votammo contro e la destra fece passare l’allargamento della NATO.

Chiunque voglia dilettarsi a leggere (ed è una lettura altamente istruttiva) le dichiarazioni di voto finali sull’allargamento della NATO in oggetto lo può fare seguendo questo link:

http://www.camera.it/_dati/leg13/lavori/stenografici/framedinam.asp?sedpag=sed377/s000r.htm

la mia dichiarazione è a pagina 43 dello stenografico.

Ecco! Come si vede i contenuti spariscono alla velocità della luce. Centrodestra e centrosinistra si dimostrano pronti a imbrogliare le carte fino al paradosso, perché il maggioritario partorisce in Italia coalizioni eterodosse ma poi pretende per la sua stessa logica che si comportino come partiti ultracompatti. Giornali e Tv non informano sulla natura della decisione da prendere, sull’oggetto della stessa e sui meccanismi democratici che presiedono alla decisione stessa, bensì sugli effetti di un voto trasfigurandolo in una specie di voto di fiducia sul governo. Le decisioni e le posizioni dei partiti, che bisognerebbe perlomeno leggere per poter informare lettori e telespettatori, non esistono, non contano. Qual che conta è la dietrologia, il processo alle intenzioni, la polemica di politica interna. Se una cosa non la dice il leader di Rifondazione, bensì il responsabile esteri del partito, gatta ci cova perfino per Il Manifesto! Figuriamoci per i talk show e per gli altri giornali.

 

Continua…

 

ramon mantovani

O si lotta o si è complici del nemico.

Posted in articoli pubblicati sulla carta stampata ed altri siti with tags , , , , , , , , on 27 dicembre, 2011 by ramon mantovani

Ha ragione Dino Greco che sostanzialmente dice: non rassegniamoci, bisogna reagire! Non basta lamentarsi delle decisioni (politiche, autoritarie e liberticide ammantate di oggettività tecniche e di bilancio) dei governi Berlusconi e Monti e del sistema politico bipolare. La loro concezione della “democrazia” è fatta solo di obbedienza al mercato, idolatrato e temuto come un dio, di partiti dei leader con seguaci tifosi, e quella dell’informazione politica è fatta di talk show condotti da “profeti” e di dietrologi e commentatori del nulla. Non ci si può meravigliare se vogliono assestare un colpo al pluralismo (che è tale solo se lo stato garantisce l’esistenza della stampa alternativa ostile al mercato e perciò boicottata dal suo ramo pubblicitario). Lamentarsi, magari con le solite frasi retoriche, può essere perfino controproducente. O si lotta, seminando per il futuro anche in caso di sconfitta, o si è complici del nemico. Non c’è via di mezzo. Ma non c’è lotta che non richieda coscienza e consapevolezza. E qui c’è una nota dolente. Ci sono troppe e troppi  militanti del PRC e della sinistra che non leggono. Che pensano di sapere tutto e non sanno nulla. O meglio, conoscono solo la versione distorta della politica spettacolo. Che credono di avere opinioni solide senza avere le informazioni necessarie ad elaborarle. Che si nutrono di semplificazioni e di slogan. Che escono (ed entrano) nel partito, e che magari smettono di comprare Liberazione per motivi futili. Costoro sono il sintomo di una grave malattia, una ormai conclamata ed insopportabile subalternità culturale nei confronti del sistema. Perciò non comprano e non leggono Liberazione. Tutto il contrario dell’operaio di cui parla Gramsci in una lettera dal carcere. Scrive Gramsci: “Molti anni fa, nel 19 e 20, conoscevo un giovane operaio, molto ingenuo e simpatico. Ogni sabato sera, dopo l’uscita dal lavoro, veniva nel mio ufficio per essere dei primi a leggere la rivista che compilavo. Egli mi diceva spesso – non ho potuto dormire, oppresso dal pensiero: cosa farà il Giappone? – Proprio il Giappone lo ossessionava, perché nei giornali italiani del Giappone si parla solo quando muore il Mikado o un terremoto uccide almeno diecimila persone. Il Giappone gli sfuggiva; non riusciva perciò ad avere un quadro sistematico delle forze nel mondo, e perciò gli pareva di non comprendere nulla di nulla.”

Per reagire, come propone Greco, bisogna curare questa malattia e salvare il malato.

 

ramon mantovani

 

pubblicato su Liberazione il 24 dicembre 2011