Archivio per Lega

La guerra continua. Lo spettacolo continua.

Posted in articoli pubblicati sulla carta stampata ed altri siti with tags , , , , , , , , , , , , , , , on 9 Mag, 2011 by ramon mantovani

La tempesta nel bicchiere della politica spettacolo italiana sulla partecipazione italiana ai bombardamenti della Libia dimostra due cose inequivocabili. 1) è tutto falso, dalla A alla Z, e fondato su due equivoci cinicamente costruiti ed utilizzati per fingere di essere contro i bombardamenti e la guerra e/o per criticare il governo accusandolo di non essere abbastanza guerrafondaio. 2) il sistema dei mass media è asservito e complice, ed opera per nascondere la verità e per disinformare i cittadini.

Esagero? Vediamo se è vero ciò che sostengo.

I due “equivoci” sono i seguenti.

a) le due risoluzioni ONU, approvate in evidente violazione dello Statuto, definiscono “civili” le truppe armate di una delle due fazioni in lotta nella guerra civile in corso in Libia, conseguentemente trasformano la missione militare aerea nell’aviazione di una parte contro l’altra. La vittoria di una delle due parti, e non la protezione dei civili (basti dire che i civili uccisi dalle bombe alleate e dagli insorti sono considerati effetti collaterali), è il vero ed unico obiettivo della missione. Tutte le mozioni discusse in parlamento nei giorni scorsi (compresa quella dell’Italia dei Valori) invocano l’applicazione delle risoluzioni ONU (soprattutto quella numero 1973 che, al contrario della precedente, autorizza la fornitura di armi ad una delle parti in lotta). Eppure c’è chi ha tuonato contro i bombardamenti (Lega ed IDV) vuoi chiedendone un termine temporale (Lega), vuoi chiedendo che l’Italia non partecipi agli stessi (IdV) pur continuando ad inibire le difese dell’esercito libico (Lega ed IdV). Ma se si è d’accordo con le risoluzioni ONU e con i loro obiettivi è abbastanza arduo sostenere che il tal giorno alla tal ora si smette di proteggere i “civili”. Ma se si è contro i bombardamenti è difficile sostenere che chi tiene fermo l’aggredito (con l’inibizione elettronica delle difese aeree) ha una responsabilità diversa da chi gli spara un colpo in testa. O no?

Inoltre, come se non bastasse, si è tirata in ballo la NATO. La NATO, e questo è il secondo equivoco, “dovrà tener conto di questa decisione del parlamento italiano” ha detto la Lega. Ovviamente il Segretario Generale della NATO a domanda ha risposto che non è possibile prevedere una data per la fine della missione. Banalmente perché la decisione presa all’unanimità da tutti i governi dei paesi membri della NATO non lo prevede. Dov’è l’equivoco su cui si gioca? Si fa finta che la NATO decida a maggioranza o che un governo possa porre un problema e la NATO rispondere. Ma questo sarebbe in aperto contrasto con lo statuto della NATO ed anche con la sua natura di alleanza militare. Perché ogni decisione della NATO deve essere presa all’unanimità. E la “previsione” di Frattini sulla conclusione della guerra in poche settimane è una pura opinione priva di qualsiasi valore istituzionale.

Se le cose stanno così, e sfido chiunque a dimostrare il contrario, è evidente che la baraonda degli scorsi giorni è solo una triste finta, un imbroglio fatto sulla pelle dei morti prodotti dalla guerra ed anche dei soldati italiani che governo e parlamento mandano a sorvolare i cieli libici. Chi si è dichiarato contro i bombardamenti e la guerra doveva scrivere ben chiaro di non condividere le risoluzioni ONU. Chi ha detto di avere la stessa posizione della Germania doveva scrivere che pur accettando la guerra e i suoi obiettivi, come ha fatto la Germania in sede NATO, le proprie forze armate non partecipavano agli operativi militari. Il resto sono chiacchiere. Che il PD, poi, tenti di criticare il governo accusandolo di essere incerto sulla guerra allo scopo di apparire più affidabile agli occhi del padrone USA, è solo la dimostrazione di dove il cancro bipolarista abbia condotto la politica italiana. Ma è anche un terribile autogol giacché con una simile critica il PD finisce perfino per fare un regalo al governo. Che agli occhi degli italiani dubbiosi e/o contrari alla guerra, appare più sensibile agli umori profondi dell’opinione pubblica senza esserlo affatto giacché la imbroglia deliberatamente.

Come mai nessun grande giornale o telegiornale (figuriamoci i talk show!) ha sentito il bisogno di spiegare, per fare solo un esempio, che la NATO ha uno statuto e che dire “la Nato dovrà tener conto…” è semplicemente paradossale? Come mai l’esercito di dietrologi, esperti e commentatori strapagati non hanno saputo vedere un imbroglio che uno studente di scienze politiche, una volta dato l’esame sul diritto internazionale studiando gli statuti dell’ONU e della NATO, avrebbe visto immediatamente?

Per ignoranza e/o per complicità. Ed anche perché oltre alla politica spettacolo abbiamo l’informazione spettacolo.

Entrambe incompatibili con la democrazia e la libertà.

ramon mantovani

pubblicato su Liberazione il 7 maggio 2011