Archivio per La Repubblica

Davvero “Podemos”?

Posted in articoli pubblicati sulla carta stampata ed altri siti with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , on 27 maggio, 2015 by ramon mantovani

L’informazione della stampa italiana (tutta) circa il turno elettorale amministrativo del 25 maggio in Spagna è, tanto per cambiare, completamente falsata da semplificazioni (passi! data la conclamata ignoranza di molti giornalisti circa la politica estera) e soprattutto da distorsioni ispirate dal maldestro tentativo di usare ciò che avviene all’estero per un uso domestico.
È impossibile confutare una per una tutte le false notizie (le mezze verità sono più false delle menzogne spudorate) e le interpretazioni fondate sul nulla invece che sui fatti (almeno i dati elettorali dovrebbero valere qualcosa!). Per non parlare delle conseguenti previsioni! Ci vorrebbero diversi tomi.
Cercherò in questo articolo di fornire informazioni e dati che i lettori italiani purtroppo non conoscono. Le mie interpretazioni e previsioni valgono quel che valgono. Molto poco. Ma i fatti che citerò restano ed ognuno può verificarli e, se vuole, confrontarli con quelli piuttosto fantasiosi cha ha attinto dal sistema informativo italiano.
All’inizio del mese di maggio del 2014, prima delle elezioni europee, Ada Colau, fino ad allora portavoce del potente movimento contro gli sfratti a Barcellona (delle innumerevoli famiglie che non possono pagare il mutuo e che rimangono comunque debitrici verso le banche) insieme ad altre persone impegnate in diverse esperienze di lotta promuove una piattaforma di nome Guanyem Barcelona, con l’obiettivo esplicito di costruire una lista con tutti i partiti di sinistra (non il Partito dei Socialisti Catalani) e con movimenti ed associazioni provenienti dal Movimento degli indignati del 2011. Non una somma di sigle fra forze politiche con un programma e candidati scelti dalle segreterie dei partiti, bensì una lista costruita dal basso con metodo democratico alla quale i partiti, senza ovviamente sciogliersi, avrebbero aderito e partecipato al pari di tutti.
Bisogna sapere che il movimento degli indignati a Barcelona scelse, dopo le grandi manifestazioni del 2011, di produrre decine e decine di lotte in tutti i quartieri integrandosi nel tessuto storicamente già molto ricco di partecipazione organizzata dal basso dei cittadini.
La proposta di Guanyem Barcelona era in sostanza fondata sull’immersione del movimento degli indignati in una pratica sociale permanente di 4 anni e sulla potenziale condivisione delle forze politiche organizzate della sinistra radicale ed alternativa dei contenuti di lotta e programmatici emersi dalla lotta e dall’opposizione al primo governo della destra catalana della città dopo la caduta del franchismo.
Tutto il contrario di leader che si propongono come candidati a sindaco e raccolgono consensi intorno al “loro” programma, o di una coalizione di partiti che scelgono un sindaco con le primarie.
Nei comuni spagnoli si vota con la proporzionale senza preferenze, non esistono coalizioni previe al voto e si può anche governare in minoranza ottenendo voti ed astensioni su ogni singolo provvedimento.
Perciò, come è facile intuire, ogni parallelo sottinteso o esplicito con le dinamiche elettorali italiane è completamente infondato e fuorviante.
Quando nasce Guanyem Barcelona non ci sono ancora state le elezioni europee, Podemos non è ancora sulla ribalta e, nei fatti, è solo una lista elettorale decisa da poche decine di persone.
Subito dopo la nascita ufficiale di Guanyem Barcelona in molte altre città spagnole nascono proposte simili e con gli stessi obiettivi. Tanto che nel luglio del 2014 Guanyem Barcelona propone la costruzione di una rete sulla base di principi e punti programmatici comuni. Tra i quali c’è, nero su bianco, quello che le liste devono essere costruite dal basso e non devono essere monopolizzate o dirette dai partiti che ne fanno parte.
Podemos nascerà come partito nell’autunno del 2014 e a Barcellona solo nel novembre, quando i colloqui fra Guanyem Barcelona e i partiti della sinistra radicale che si erano dichiarati disponibili sono già avviati da tempo. Solo la decisione di Podemos di non presentarsi alle elezioni municipali per evitare, essendo appena nato, di essere fagocitato localmente da ogni tipo di cordate, permette a Podem Barcelona, buon ultimo, di entrare nel processo che porterà alla formazione della lista Barcelona en Comù con Ada Colau capolista (e per questo candidata a sindaco).
In Italia, e più precisamente su La Repubblica, abbiamo dovuto leggere che “…la lista Barcelona in Comu formata attorno a Podemos della candidata sindaco Ada Colau arriva prima…” (triplo sic: per il contenuto, per la sintassi e per aver sbagliato pure il nome della lista in catalano).
Posso sommessamente dire che presentare le vittorie delle liste unitarie in diverse città importanti come vittorie di Podemos è fuorviante?
Intendiamoci, non è mia intenzione sminuire in alcun modo il contributo decisivo che certamente Podemos ha apportato ai risultati elettorali delle liste unitarie. Tuttavia non informare circa la vera novità di liste che riescono ad agglutinare dal basso partiti, realtà sociali e migliaia di militanti senza tessera (senza che nessuno debba rinunciare alla propria identità ed organizzazione) e che vincono le elezioni è, a parer mio, omettere proprio la cosa che invece dovrebbe costituire un’esperienza interessante anche per la realtà politica italiana.
E, purtroppo, parlare della grande vittoria di Podemos in tutta la tornata elettorale, è infondato.
Perché? E’ presto detto.
Domenica scorsa si è votato anche in 13 delle 17 comunità autonome (regioni) spagnole.
Ebbene. In 9 il primo partito è il PP. In 2 il Psoe. In due il primo posto è dei rispettivi partiti regionali (Navarra e Canarie).
In tutte e 13 Podemos è o il terzo partito (9), o il quarto (3), o il quinto (1).
Sebbene la perdita di voti di PP e Psoe sia di grandi dimensioni a me sembra difficile dire che Podemos, che da mesi è quotato nei sondaggi per le elezioni politiche come primo o secondo partito, in un testa a testa con il PP e con il Psoe notevolmente distanziato, e che ha fondato su questo la propria strategia politica, abbia vinto, essendo arrivato alla prima vera prova elettorale politica sempre dietro PP e Psoe in tutte le regioni.
Se stessimo ai risultati in sé per un partito che si presenta la prima volta dovremmo parlare di uno straordinario risultato. Ma se stiamo alle aspettative che Podemos stesso ha incoraggiato a più non posso si tratta di un inciampo notevole per un partito che vive prevalentemente di immagine sui mass media.
La confusione, sulla stampa italiana, di dati e commenti sulle comunali e sulle regionali di domenica scorsa ha omesso di verificare veramente la salute di Podemos e soprattutto della sua strategia.
Per esempio, nel comune di Madrid lo stesso giorno, e con gli stessi elettori, la lista unitaria Ahora Madrid alla quale ha aderito Podemos ha preso il 31,85 % dei voti e la lista di Podemos alle regionali il 17,73 % dei voti.
Podemos da mesi, e più precisamente dalla sua fondazione ufficiale, ha deciso di rifiutare sdegnosamente la proposta avanzata da Izquierda Unida di preparare una lista unitaria di “unità popolare” per tentare di vincere davvero le prossime elezioni politiche. Sostenendo che non bisogna formare coalizioni di sinistra, con partiti troppo radicali o comunisti, per poter attrarre il voto degli scontenti “moderati” o anche di “destra”.
Ovviamente fino alle elezioni di domenica commentatori e dietrologi di ogni segno hanno scritto che Podemos aveva ragione e che Izquierda Unida era solo in difficoltà dato l’evidente travaso di suoi voti verso Podemos.
Ma ora come la mettiamo se si dimostra che le liste unitarie, con dentro partiti radicali e comunisti, vincono nelle città e sbaragliano PP e Psoe, mentre Podemos, nelle regionali e da solo, nelle stesse città prende meno voti ed è lontanissimo dalla possibilità di contendere a uno dei due partiti maggiori una sola vittoria in ben 13 regioni?
Inoltre ci sono altri due macigni sulla strada di Podemos.
Il primo è che ad erodere potentemente i voti moderati del PP, ed anche della ormai morta formazione di centro UPyD, è comparso sulla scena, super pompato dai mass media, un nuovo (per la Spagna in quanto già presente in Catalunya) partito (Ciudadanos) di stampo centrista e liberista, ma che tuona contro la casta e contro la corruzione come Podemos. Con buona pace del progetto né di destra né di sinistra capace, secondo Pablo Iglesias, di raccogliere i voti di tutti gli scontenti.
Ormai molti commentatori in Spagna osservano maliziosamente che il bipartitismo si sta sdoppiando in 4 partiti. Due dei quali vengono definiti “marcas blancas” degli originali. Come per i farmaci generici che non hanno la marca della casa che li ha inventati bensì un nome diverso e generico. Podemos e Ciudadanos potrebbero raccogliere rispettivamente i voti degli scontenti del Psoe e del PP, ma non ambire a vincere. Ed essere usati alla bisogna per permettere ad uno dei due di governare. Altro duro colpo per la immagine suggestiva di un Podemos spacca tutto.
Infatti il secondo macigno è costituito dal fatto che in ben 6 delle regioni dove Podemos si è presentato, ed è risultato dietro ai socialisti, c’è la possibilità di formare un governo alternativo al PP. E Podemos dovrà decidere se fare un accordo con il Psoe o meno.
Se lo farà inevitabilmente una parte del suo elettorato sarà delusa. E se non lo farà, provocando o un governo del PP o magari un governo PP Psoe, una parte del suo elettorato rimarrà delusa.
Una cosa è chiedere al Psoe sconfitto di appoggiare un governo municipale guidato dal programma e dal sindaco di una lista di sinistra radicale, come si farà in diverse città, ed un’altra è suscitare l’aspettativa di vincere contro entrambi i partiti maggiori e alla fine dover acconciarsi ad appoggiare un governo del Psoe o a sentirsi accusati di aver favorito il PP.
Insomma, mi spiace dover trarre la conclusione che la strada per la costruzione, in Spagna, di una esperienza analoga a quella di Syriza è molto più irta di ostacoli e di difficoltà di quanto non si possa dedurre dalla lettura dei giornali italiani.
Spero davvero di cambiare opinione e di riconoscere di essermi sbagliato. Ma fare progetti e farsi illusioni sulla base di scarsa conoscenza della realtà e di facili suggestioni è molto pericoloso nella vita. In politica è esiziale.
Spero soprattutto che Podemos dismetta la boria di partito autosufficiente e dia retta alla proposta del Partito Comunista di Spagna e di Izquierda Unida che in sostanza dice: facciamo come a Barcellona!

ramon mantovani

pubblicato sul sito http://www.controlacrisi.org il 26 maggio 2015

La nazionale italiana di calcio ha perso la finale degli europei 4 a 0. Ma i quotidiani Repubblica e Il Corriere della Sera hanno perso 24 a 0. E andrebbero squalificati.

Posted in articoli pubblicati sul blog with tags , , , , , , , , , , on 4 luglio, 2012 by ramon mantovani

Mentre sto scrivendo la quarta parte dell’articolo “morte ai partiti?” mi è venuta la tentazione (diciamo pure che non ho resistito) di proporre una piccola dimostrazione della stato, della natura e del livello dell’informazione italiana.

Lunedì scorso, il 2 luglio, ho comprato tre quotidiani. Repubblica, Il Corriere della Sera e lo spagnolo El Pais.

I primi due sono di gran lunga i giornali di informazione generale più letti in Italia, con circa 3 milioni 300 mila lettori ciascuno. El Pais è il più letto in Spagna, con circa 2 milioni di lettori. Sono quindi, tenendo in conto la differenza di popolazione, paragonabili. E sono tutti e tre considerati universalmente i quotidiani più importanti.  

La sera precedente la compagine spagnola aveva battuto sonoramente quella italiana per 4 a 0.

Non è mia intenzione discorrere della partita, sia perché non ho nessuna passione per le nazionali e per competizioni come i mondiali o gli europei, sia perché provo molto fastidio per il nazionalismo beota che si scatena in occasione di queste manifestazioni. Anche se capisco benissimo la portata di questi eventi e la loro popolarità. Dico solo che antipatizzo per la nazionale italiana per via dei colori che indossa. Perché pochi sanno e io trovo veramente disdicevole che la repubblica italiana faccia giocare le sue squadre sportive con il colore azzurro dei Savoia invece che con quelli della bandiera nazionale.

Ma è di altro che voglio parlare.

Apriamo insieme i tre quotidiani di lunedì.

Tutti e tre portano in prima pagina, ovviamente, come notizia principale la partita della sera prima. È logico, visto che la finale era fra Italia e Spagna.  

Giriamo pagina.

La Repubblica da pagina 2 a pagina 19 parla solo della partita e degli annessi e connessi. Cioè 18 pagine.

Il Corriere della Sera ne parla da pagina 2 a pagina 13. 12 pagine.

El Pais, dopo la prima pagina, parla della partita da pagina 49 a pagina 67. 19 pagine.

Ma bisogna tenere conto che le 19 pagine de El Pais, dato il diverso formato, equivalgono a occhio a 14 – 15 pagine di Repubblica e a 10 – 11 del Corriere. La pubblicità è praticamente identica su tutti e tre i quotidiani. 4 pagine intere ciascuno e pochi altri annunci più piccoli.

Più concretamente le 19 pagine de El Pais sono il 23,75 % delle 80 pagine totali del quotidiano spagnolo. Le 18 di Repubblica sono il 30 % delle 60 pagine totali. E le 12 pagine del Corriere sono il 21,42 % delle 56 totali.

Sono dati analoghi. Ma mentre i due quotidiani italiani dedicano le pagine più importanti e più lette alla partita El Pais “relega” la stessa nello spazio delle pagine sportive, alla fine del quotidiano.

C’è bisogno di soffermarsi sul fatto che i giornali italiani evidentemente pensano che la notizia della partita sia più importante di qualsiasi altra cosa in Italia e nel mondo mentre il quotidiano spagnolo ne comincia a parlare a pagina 49 nella sezione delle notizie sportive?

Credo che questo fatto si commenti da se.

Ma allora vediamo cosa dicono i tre quotidiani del mondo.

La Repubblica dedica al mondo una sola pagina (due terzi di pagina visto che c’è uno spazio pubblicitario che copre circa un terzo della pagina). La pagina numero 26, dopo le 7 pagine dedicate alla crisi e alla politica interna. Con due sole notizie. La strage di cristiani in Kenya e un occhiello sulla vicenda delle scaramucce aeree fra Turchia e Siria.

Il Corriere ne dedica due. Una, la numero 15 catalogata nella categoria di “primo piano”, interamente dedicata alla strage di cristiani in Kenya, e una seconda, la numero 29 (l’unica recante l’indicazione “esteri”) interamente dedicata alle correzioni apportate dal Museo dell’Olocausto israeliano sul giudizio storico relativo a Pio XII.

El Pais sotto la categoria “internacional” dedica 9 pagine. Dalla 2 alla 10. Prima delle notizie di politica interna. Con 11 diverse notizie. Fra queste, per esempio, le elezioni messicane.

 

È lecito chiedersi cosa sarebbe successo se la squadra azzurro – savoia avesse vinto la partita.

Ma credo che questa comparazione sia più che sufficiente.  

 

Ecco.

Questo è lo stato dell’informazione italiana.

E pensare che direttori, vicedirettori e redattori di Repubblica e Corriere sono considerati autorevolissimi commentatori di politica economica, estera e interna. E perciò continuamente invitati da giornalisti – presentatori – conduttori (che la differenza non si sa quale sia!) ai loro talk show.

Dovrebbero tutti arrossire di vergogna.

Ma ne sono incapaci.

Sarebbero perfino capaci, se qualcuno in una qualche trasmissione tv li criticasse come ho fatto io qui sul blog, di dire che loro devono seguire i gusti del pubblico. Per via delle vendite e del mercato, ovviamente.

Come se il popolo italiano e quello spagnolo fossero così diversi e i quotidiani riflettessero semplicemente questa diversità.

Sono solo loro ad essere diversi dai loro colleghi degli analoghi quotidiani europei.

Diversi nel senso di provinciali, ignoranti, presuntuosi e dilettanti.

 

ramon mantovani