Archive for the articoli pubblicati sul blog Category

Morte ai partiti? (quarta parte)

Posted in articoli pubblicati sul blog with tags , , , , , , , , , , , , , , on 27 luglio, 2012 by ramon mantovani

In questo testo abbiamo sommariamente considerato le mutazioni del contesto sociale e istituzionale nel quale agiscono i partiti, nonché alcune mutazioni della stessa nozione di “politica” prodotte dal maggioritario, dall’elezione diretta di sindaci ecc, dai mass media e dalla spettacolarizzazione della politica stessa.

Se è vero, come è vero, che le istituzioni nelle quali i partiti dovrebbero rappresentare la cittadinanza hanno perso gran parte dei poteri reali sull’indirizzo dell’economia, delle politiche industriali, della politica estera, e i partiti si sono rassegnati e/o adeguati a competere (ed allearsi fra loro) al solo ed unico scopo di conquistare il governo per esercitare la funzione della gestione  dell’esistente rispettando tutte le compatibilità imposte dal sistema economico, dal mercato, ed eseguendo le direttive degli organismi tecnocratici, allora è evidente che c’è un abisso fra la “prima e la seconda repubblica”. Le istanze di cambiamento radicale (radicale nel senso di relativo alla radice e/o alla profondità) per quanto assolutamente coerenti e possibili secondo il dettato costituzionale, sono oggi, con la politica corrente, relegate al ruolo di impotente testimonianza o al ruolo comprimario e parolaio nell’ambito di coalizioni dominate dal mero obiettivo di gestione. Sono cioè tendenzialmente espulse dal dibattito politico ed impossibilitate ad esercitare il ruolo previsto dalla costituzione per i partiti. L’articolo 49 della costituzione recita: “Tutti i cittadini hanno diritto di associarsi liberamente in partiti per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale.” E l’articolo 48 dice che “il voto è personale ed uguale, libero e segreto”.

Al di la della lettera e del valore giuridico del testo, che come tutti i testi simili si può interpretare in molti modi, è evidente che lo spirito della costituzione parla del diritto dei cittadini a determinare la politica nazionale sia con la formazione di partiti sia con il voto “uguale”. La costituzione, infatti, non pone limiti e garantisce l’eguaglianza dei voti e dei partiti. Non è un caso. È l’incarnazione di una precisa concezione della democrazia, fondata sul riconoscimento delle diversità e delle diseguaglianze e sul diritto delle classi a competere e/o ad accordarsi per formare la politica nazionale. È ben altro dalla classica concezione liberale che abbiamo ben visto parlando dei sistemi politico elettorali degli USA e dell’Italia del primo novecento. Basta dare uno sguardo, per esempio, ad altri due articoli, il 2 e il 3, inseriti nella categoria dei PRINCIPI FONDAMENTALI della nostra misconosciuta (quanto impropriamente citata) costituzione. Art 2: La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l’adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale. Art 3: Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.

Vorrei far notare che nell’ultimo capoverso si dice che vanno rimossi gli ostacoli che impediscono l’effettiva partecipazione dei lavoratori (non si usa qui il termine cittadini) all’organizzazione politica, economica e sociale del paese.

È “uguale” il voto dei cittadini nel maggioritario? Dove finisce il principio dell’effettiva partecipazione dei lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del paese, se non esistono partiti che rappresentano gli interessi dei lavoratori e se il popolo è concepito come un insieme di individui o, peggio ancora, di “cittadini consumatori”?

Abbiamo già visto come la crisi dei partiti della prima repubblica sia stata provocata dalla mutazione dei rapporti di forza sociali che si è concretizzata direttamente nella società con la controffensiva capitalistica degli anni 70 e seguenti. Abbiamo visto come Berlinguer già all’inizio degli anni 80 denunciava la degenerazione della funzione dei partiti. Abbiamo già detto come il PSI prima e il PCI poi sceglieranno di separare il proprio destino da quello dei lavoratori. Perché, e non mi stancherò mai di ripeterlo, non può esistere che una qualsiasi sinistra vinca se i lavoratori perdono nella società. Tantomeno che governi e nel tempo del suo governo i lavoratori peggiorino le proprie condizioni di vita e di lavoro.

In tutta Europa i partiti socialdemocratici e socialisti dismettono l’idea della lotta di classe, della rappresentanza diretta degli interessi dei lavoratori, e governano o stanno all’opposizione accettando come dogmi le compatibilità imposte dal mercato liberalizzato, dal capitale finanziario e così via. Ma almeno mantengono una differenza sostanziale rispetto ai partiti conservatori e democristiani. I diritti civili e la laicità dello stato rimangono obiettivi e principi solidi. La dialettica è ridotta alle differenze fra forze conservatrici e “liberal”. Esattamente come negli Stati Uniti, anche se nell’ambito di sistemi elettorali ed istituzionali diversi. Ma per quante siano le differenze esse non si manifestano sull’accettazione della logica del mercato liberalizzato. Qui non stiamo parlando di un mercato qualsiasi. Stiamo parlando del mercato incontrollato ed incontrollabile politicamente e democraticamente. Come non si manifestano sulla centralità della finanza speculativa. E tanto meno sulla assolutizzazione degli interessi dell’impresa privata. Nel corso degli ultimi due decenni il Labour Party, l’SPD, il PSOE, il PASOK ed anche il Partito Socialista Francese dopo il governo Jospin, solo per citarne alcuni, hanno esplicitamente sposato totalmente l’ideologia neoliberista e promosso dal governo in prima persona privatizzazioni, derubricazioni dei diritti sociali da valori assoluti a variabile dipendente dalle compatibilità di bilancio a loro volta determinate dalle speculazioni finanziarie. Lo hanno perfino fatto inserendo questo principio preciso nei documenti europei e nei trattati di “valore costituzionale”. E quando tali documenti sono stati bocciati nei referendum confermativi li hanno banalmente reiterati con altra veste. A dimostrazione, se ce ne fosse bisogno, di quale concezione della democrazia siano portatori. In particolare, ma non è cosa assolutamente secondaria, sono soprattutto i partiti socialisti e socialdemocratici in Europa ad elaborare e/o sposare acriticamente la dottrina del “diritto di ingerenza umanitaria” in politica estera. Il paravento ideologico, di cui la destra non ha mai sentito tanto il bisogno, per giustificare diverse guerre. Guerre distruttive e destabilizzanti di diverse aree geopolitiche e soprattutto della stessa possibilità che l’ONU, dopo la fine della guerra fredda, potesse conoscere una riforma tale da farle assumere la funzione, prevista dal suo statuto, di polizia internazionale. E sono principalmente i partiti socialisti e socialdemocratici a sostenere con forza la “nuova missione” della NATO. E sempre loro ad insistere per trattati commerciali ultraliberisti fra l’Unione Europea e paesi di quello che una volta era chiamato terzo mondo.

Non analizzerò qui la mutazione della natura di questi partiti, della loro composizione reale dal punto di vista organizzativo ed elettorale. Ma sfido chiunque a confutare quanto detto più sopra. E conseguentemente sfido chiunque continui ad usare le parole sinistra, socialista e socialdemocratico per identificare partiti e proposte politiche di questi partiti, in pura continuità con il passato, a dimostrare parlando di contenuti e fatti invece che di suggestioni e parole vuote e cangianti di significato, che questi partiti sono ancora di sinistra e coerenti con i loro nomi e simboli. Ma, come ho già detto, non c’è dubbio che sui diritti civili, sulla laicità dello stato e così via essi sono effettivamente diversi e a volte fortemente alternativi ai partiti conservatori e democristiani.

Vediamo cosa è invece successo in Italia.

Il PDS raccolse le firme per il referendum contro il proporzionale (e fu decisivo il suo contributo). Proprio nel momento di massima crisi della DC, del PSI e degli altri partiti che avevano governato il paese e che nell’ultima fase avevano gestito la cosa pubblica per gli interessi immediati di varie consorterie finanziarie, invece che proporre una politica chiara di alternativa, tutto venne spostato sul terreno della legge elettorale. Non mancavano militanti e anche dirigenti del PDS che credevano fermamente che il maggioritario avrebbe finalmente prodotto una alleanza progressista, e tendenzialmente un grande partito socialdemocratico, capace di governare il paese. Peccato che il paese era in crisi, che i lavoratori erano sconfitti e che, come se non bastasse, il sindacato schiavo del quadro politico aveva accettato la politica della concertazione e la sua filosofia. Ad ogni crisi del sistema dovevano corrispondere i sacrifici dei lavoratori. Peccato che il senso comune era scivolato a destra pesantemente, per effetto del modello sociale affermatosi negli anni 80. Peccato che il paese era sempre più diviso in due tra nord e sud e che gli egoismi e le paure che il modello sociale aveva implementato nel nord erano interpretati perfettamente dal nuovo partito della Lega. Peccato che l’abbandono della tradizione comunista aveva reso il PDS un partito come gli altri e che la destra aveva buon gioco con il suo violento anticomunismo.

Insomma l’assenza di una sera analisi del paese e delle sue contraddizioni, la sottovalutazione degli effetti del modello sociale che era stato trionfante per un quindicennio, la concezione della politica come un tecnica elettorale, produssero una sonora sconfitta della alleanza dei progressisti che si presentò alle elezioni maggioritarie del 94.

Se si accettano come oggettivi gli interessi dell’impresa, se si partecipa al coro del “privato è bello e il pubblico è corrotto ed inefficiente”, se si propongono riforme di portata costituzionale per passare alla democrazia liberale indicando apertamente il modello statunitense come il massimo della democrazia, si partecipa (consapevolmente o inconsapevolmente non fa alcuna differenza) al trionfo della destra. Una destra nuova, libera degli impacci più o meno democratici propri dei partiti della prima repubblica, apparentemente meno in continuità con il recente passato nonostante la presenza di riciclati di ogni tipo, direttamente in sintonia con l’egemonia dell’impresa e del privato fino al punto di essere diretta e agglutinata da un grande imprenditore “non politico”, capace di sfruttare fino in fondo la logica del maggioritario con lo sdoganamento dei fascisti e con la costruzione della duplice alleanza con due forze allora nettamente incompatibili, il MSI e la Lega.

I dirigenti del PDS non si capacitavano che il “partito di plastica” dal ridicolo nome di “forza italia” del volgare e demagogo Berlusconi potesse riuscire a vincere alleato con due partiti che si odiavano, l’uno ipernazionalsta e centralista e l’altro secessionista. Dopo aver essi stessi proclamato la morte del comunismo ed essersi cosparsi il capo di cenere si meravigliavano che la propaganda anticomunista tipo anni 50 potesse funzionare. Paradossalmente loro che non avevano mai governato erano chiamati a rispondere del malgoverno democristiano. Loro che erano appena stati sfiorati da tangentopoli erano accusati di essere gli unici eredi del sistema di tangentopoli proprio da uno dei maggiori protagonisti di tangentopoli, implicato come corruttore in numerosi casi, soprattutto nel nord.

Insomma, i cambiamenti strutturali e culturali del ventennio di rivincita capitalistica incontrarono un ceto politico proveniente da sinistra che si illuse di poter contemporaneamente fare tre cose assolutamente inconciliabili tra loro.

1) sposare le tesi liberali in politica istituzionale e liberiste in economia per poter accedere finalmente al tanto agognato governo.

2) conservare i consensi operai e popolari in virtù di una presunta eredità e allargarli ad una parte della classe dominante.

3) sconfiggere la destra immaginando che essa si sarebbe organizzata secondo uno schema astratto ed immaginato a tavolino, sottovalutandone completamente l’egemonia.

La sconfitta era dunque inevitabile, e per molti versi proprio il prodotto del nuovismo e delle “invenzioni” simboliche e politiche del PDS.

Era necessario dire queste cose per collocare nel giusto contesto le mutazioni organizzative e del rapporto fra partiti ed elettori che si instaurò con l’elezione diretta dei sindaci e con il superamento della repubblica democratica e parlamentare.

Il PDS è, infatti, l’unico partito della prima repubblica a conservare qualche continuità organizzativa con il passato. La Lega Nord, che è un partito a tutti gli effetti nato nel sistema proporzionale, pur conservando un impianto organizzativo tipico dei partiti di massa, conosce il suo sviluppo soprattutto dopo l’avvento del maggioritario, risentendone fortemente. Analogamente il MSI, anche se al momento della sua trasformazione in Alleanza Nazionale la rottura con la concezione del partito di massa è in realtà più marcata. Tutti gli altri, a cominciare da Forza Italia, sono nuovi di zecca, sia nei nomi e simboli sia nella concezione del partito. Per il PRC faremo ovviamente un discorso a parte.

Il PDS resta un partito di massa, con un forte insediamento territoriale, una fitta struttura orizzontale e verticale, centinaia di migliaia di iscritti e decine di migliaia di militanti. Ma non è più il PCI. Nemmeno nella concezione organizzativa del partito. La convivenza del passato con il nuovo danno origine ad un amalgama nel quale il “vecchio” è costituito dalla parte del partito, progressivamente sempre meno rappresentata al vertice, che, per dirla semplicisticamente, è il PCI che ha solo cambiato nome. E il “nuovo” è costituito dai nascenti leader locali e nazionali, dalle loro carriere vere e proprie, dai loro legami esterni con organismi come la Lega delle Cooperative, le banche, le imprese e i media. Il nuovo partito non è portatore di un progetto, di un’idea di società alternativa al modello individualistico e liberista che si è affermato. Non si propone affatto di portare i lavoratori e il loro punto di vista al governo del paese. Esso ha un unico obiettivo: il governo. A qualsiasi condizione, per fare qualsiasi cosa e alleandosi con chiunque sia utile per andare al governo. La provenienza e la storia del PCI sono utili per incassare una rendita di posizione e per lasciare intendere agli elettori che comunque il PDS ha nelle corde i “valori” della sinistra. Ogni scelta contraddittoria con quei “valori” (che appunto sono valori proprio perché sono generici e aleatori e non impegnativi politicamente) è presentata come “necessaria”. Come prova di “realismo”. Ma la storia e gli stessi valori sono anche piombo nelle ali del PDS. Che è così esposto agli strali anticomunisti e che risulta certo meno affidabile per la casta finanziaria e per i soggetti economici italiani e globali che suonano la musica con la quale tutti devono ballare. Così il PDS tenta un’operazione mimetica inglobando una serie di micro partiti e di personaggi al fine di apparire sempre più lontano dalle proprie origini e sempre più affidabile per le classi dominanti e, non va dimenticato, per il Vaticano. A questo fine smette di chiamarsi partito. È però evidente che non basta. E allora la coalizione dell’Ulivo viene indicata come la base della formazione di un vero e grande partito democratico. Esplicitamente il modello è quello statunitense. Qui sta la prima e grande peculiarità italiana. Perché, al contrario dei partiti membri dell’internazionale socialista in tutta europa, nell’ulivo prima e nel PD poi ci saranno tanto progressisti (ma solo sui diritti civili perché oramai il termine riformista indica il liberismo più sfrenato) quanto conservatori democristiani. È di questi giorni la polemica sorta nel PD sui matrimoni fra persone dello stesso sesso. Ma è tragicamente ridicola. Del resto con i governi dell’Ulivo non si è nemmeno riusciti ad accorciare il tempo del divorzio da tre anni ad un anno. Per il semplice motivo che, come sulla fecondazione assistita, i cattolici dell’Ulivo e poi del PD restano fedeli alle indicazioni del Vaticano e votano immancabilmente con la destra.

Questa è la dimostrazione patente che il partito che si propone il governo come fine e non come mezzo per realizzare un progetto è un mostro nel quale si cerca di conciliare cose inconciliabili.

E così il paese laico che, con la legge proporzionale, partoriva maggioranze parlamentari laiche già alla fine degli anni 60, e che produceva divorzio e aborto e verificava nei referendum indetti dalla DC quale fosse la volontà del popolo italiano, da ormai venti anni non ha più una maggioranza laica in parlamento.

Insisto, questa è una peculiarità unicamente italiana, perché in Europa non c’è partito socialista o socialdemocratico che pur essendo passato al liberismo in economia abbia abbandonato anche l’idea dei diritti civili come metro di civiltà.

Intanto con questo processo, con l’elezione diretta dei sindaci e l’orgia delle preferenze, con i necessari rapporti con gli imprenditori – speculatori, con la politica spettacolo, alla base del PDS – PD si sviluppa una mutazione antropologica. Nascono e crescono personaggi e personaggini locali e nazionali che dominano il partito, che si alleano fra di loro, che cambiano corrente alla velocità della luce secondo le convenienze del momento. Per la stessa base militante c’è una involuzione propriamente ideologica per cui i contenuti non contano assolutamente nulla e qualsiasi cosa è buona per vincere e andare al governo. Più ancora che i vertici del partito è la base militante ad odiare (letteralmente) qualsiasi cosa si muova a sinistra. Perché insidia la falsa coscienza secondo la quale ciò che fa il partito è realisticamente la cosa più progressista in assoluto (cioè possibile, non in astratto bensì nel contesto del maggioritario e della politica spettacolo). Il PD, prima ancora che per una posizione ultraliberale favorevole al maggioritario e possibilmente al bipartitismo, è contrario al proporzionale per un motivo di semplice sopravvivenza. Con il proporzionale, infatti, non avrebbe senso un partito che tiene insieme gay e cattolici integralisti, sindacalisti e imprenditori reazionari, garantisti e forcaioli, persone che si considerano di sinistra e persone che si considerano democristiane o di centro o liberali. La qualità richiesta ai dirigenti del PD è fare manovre e manovrette, accordicchi di potere. E’ produrre posizioni abbastanza generiche da poter essere vendute sul mercato elettorale come allusive di cose buone e progressiste e contemporaneamente “moderate” e “realistiche”. I capi e capetti locali devono avere le proprie clientele, le proprie relazioni con poteri forti, e su questa base possono competere fra loro per diventare sindaci, assessori, presidenti di qualcosa. Spesso nelle grandi città i candidati alle primarie assumono i “consulenti d’immagine” che gli dicono come vestirsi, come pettinarsi, come sorridere davanti alla telecamera, come parlare senza dire nulla di impegnativo, come bisticciare con l’avversario di turno e così via. E gli iscritti possono fare il tifo per uno o l’altro, ma non intervenire nella stesura di un programma o nelle scelte politico amministrative più importanti. Si intende che per votare le allusioni ad un tipo di programma o ad un altro bisogna sostenere e votare una persona. Poi questa persona, il leader, farà ciò che vuole presentandolo come ciò che è “possibile”, ciò che è “realistico”. I funzionari di partito, che saranno circa un decimo di quanti ne aveva il PCI, non sono più lo scheletro organizzativo del partito, non sono abilitati a produrre studi, analisi, proposte di lotta e di governo, non svolgono più una funzione pedagogica implementando una discussione seria e democratica nel partito. Sono persone in carriera. Scelte per la fedeltà ad uno o all’altro leader locale o nazionale. Appartengono a cordate e saranno premiati o esclusi in conseguenza delle fortune del loro leader. Non rivoluzionari di professione bensì politicanti, portaborse, faccendieri. In perenne attesa di una candidatura o di una nomina a consulente o in un consiglio di amministrazione.

I partiti della destra, oggi unificati nel PDL, non hanno apparentemente nessun passato che non sia quello vissuto negli ultimi 16 anni. Forza Italia non ha mai fatto un congresso degno di questo nome. Le kermesse berlusconiane non c’entrano nulla con la democrazia. Nemmeno con quella distorta della competizione fra leader e correnti e cordate. Forza Italia (ed anche il PDL anche se leggermente più complesso) è un partito aziendale e monarchico. Nessuno può mettere in discussione il proprietario, il leader, il capo. Chi osa farlo, è il caso di Fini, è immediatamente scaraventato fuori. Le strutture locali sono nominate dall’alto e se insorgono divergenze queste vengono risolte con le scelte del capo o di un suo fiduciario inviato sul posto. Il personale politico del partito, inizialmente costituito direttamente da manager e funzionari del gruppo Mediaset, si è evoluto inglobando, tranne qualche eccezione, ex socialisti, radicali e democristiani che nella prima repubblica erano portaborse e piccoli faccendieri da quattro soldi. Assomiglia più ad una corte dei miracoli che a una struttura politica. Sul territorio il PDL è interamente in mano a personaggi che fanno i comodi loro e che però, alla bisogna, danno prova di fedeltà al leader. Non c’è nessuna dialettica politica. Al massimo ci sono trame e complotti di palazzo. Scontri feroci risolti da una scelta definitiva ed inappellabile del capo.

Il modello di partito di Forza Italia, del PDL (ed è in corso di preparazione la terza versione) è senza dubbio il prodotto più genuino del maggioritario nell’epoca del modello sociale liberista. Poche idee ma chiarissimamente autoritarie e ultraliberiste. Rapporto diretto leader – popolo sulla base della sintonia con i peggiori istinti sociali egoistici, localistici, maschilisti e corporativi prodotti dall’implementazione del modello sociale dominante. Unica caratteristica ideologica: individualismo e competizione assoluta contro comunismo, sinistra e solidarietà di qualsiasi tipo.

La Lega Nord è il partito che più assomiglia ad un partito di massa della prima repubblica. Assomiglia perché ha una base fortemente identificata in una appartenenza territoriale e nelle rivendicazioni estremizzate legate alla pretesa superiorità del nord. È questo che ha permesso alla Lega di organizzarsi territorialmente in modo capillare. Di avere numerose organizzazioni collaterali e pratiche pseudo comunitarie capaci di consolidare il senso di appartenenza. Ad una inesistente “nazione” sono stati fatti corrispondere miti identitari totalmente inventati. Basti pensare alle liturgie delle ampolle del Po, degli scimmiottamenti dei riti celtici, ai raduni in divisa, e così via. L’egoismo delle zone più ricche del paese e l’insicurezza sociale dei lavoratori e della cittadinanza delle classi subalterne consolidata nella xenofobia estrema sono l’unico vero progetto politico semplificato del partito. Infatti la Lega è stata dal punto di vista ideologico il partito più eclettico e cangiante di tutti. Ultraliberista prima e antiliberista poi. Contro i meridionali prima e contro gli extracomunitari poi (è indimenticabile il Bossi che tuonava contro i terroni e che diceva che i marocchini e i “negri” erano migliori lavoratori di loro). A favore del maggioritario, poi contro, poi di nuovo a favore. Secessionista, poi federalista, poi di nuovo secessionista, poi di nuovo federalista e adesso di nuovo secessionista. Capace di essere secessionista e di votare a favore del rafforzamento delle forze armate italiane. In polemica con il Vaticano e poi capace di difendere i “valori cristiani” nella versione più reazionaria in totale sintonia col Vaticano. E così via. Molti di questi salti mortali sono banalmente il prodotto della collocazione nel quadro politico. Al governo o all’opposizione. Ed esplicitamente il corpo militante ed elettorale della Lega ha sempre vissuto ognuno di questi cambiamenti repentini come la semplice adattazione dei principi e dei veri obiettivi al principio di realismo necessario. Intanto, però, anche la Lega ha conosciuto la crescita dei soliti personaggi e personaggini locali. La dialettica interna non è mai esistita ed ogni divergenza è sempre stata risolta dall’alto dal leader. Tanta è stata la natura monarchica del partito che il leader ha designato un suo figlio a successore e che il vero gruppo dirigente era identificato in un “cerchio magico” di fedelissimi. C’è voluto uno scandalo e una congiura di palazzo per rimettere in discussione il potere assoluto del monarca. Ma l’obiettivo strategico della secessione e l’identità territoriale hanno permesso che con la fine del leader storico non ci fosse una crisi verticale e definitiva del partito.

Il cosiddetto “centro” ha subito infinite peripezie. Le sigle si sono succedute a ritmo tale che bisogna fare enormi sforzi di memoria per ricordarle in sequenza. E in realtà non ha quasi nessuna importanza farlo. Esistono oggi tre formazioni totalmente identificate con il proprio leader. L’UDC di Casini. Il FLI di Fini. E l’API di Rutelli. Sono partiti composti di personaggi locali con le loro clientele e nazionalmente fatti su misura per occupare uno spazio elettorale ex democristiano e di destra conservatrice antiberlusconiana. Non hanno programma che non sia il sostegno acritico a quanto “deciso” dai mercati, dal FMI e dagli altri organismi tecnocratici e dal Vaticano. Con l’eccezione del FLI che ha assunto posizioni più liberali che conservatrici, anche se molto moderatamente. Perennemente presenti sui mass media sembrano essere spesso l’ago della bilancia nel sistema maggioritario. Hanno sfruttato disinvoltamente questa rendita di posizione. Ed oggi propongono una prospettiva di tipo consociativo intorno alla continuità con l’opera del governo Monti.

Potremmo parlare di diverse altre forze minori. Di destra estrema o di incertissima collocazione come il Partito Radicale. Ma per non farla troppo lunga ometteremo di perderci in disamine che in fin dei conti non cambierebbero di una virgola il discorso che stiamo facendo.

Intanto possiamo riassumere che quanto esaminato fino a qui costituisce la gran parte di ciò che i cittadini considerano i partiti e la politica ufficiale. Senza tema di smentita possiamo dire che il PD, il PDL, i centristi ed anche la Lega, per quanto attualmente collocata all’opposizione, sono d’accordo su tutti i fondamentali in economia e in politica estera. Sui diritti civili ci sono differenze ma interne alle compatibilità imposte dal Vaticano. Le differenze sono spesso solo propagandistiche e quando ci sono attengono a sfumature e cose irrilevanti.

Ovviamente se consideriamo le manovre, le dichiarazioni dei leader, le allusioni ai problemi del paese, le prevedibili alleanze elettorali, i sondaggi e soprattutto il ruolo dei leader, il quadro è molto complesso. Perfino pirotecnico. Possono scatenarsi discussioni infinite sul mass media e nei talk show sulla leadership della Lega e sulla probabilità di un suo nuovo accordo con il PDL. O sugli effetti delle dichiarazioni di Casini nel PD. O sull’ingiallimento o meno della foto di Vasto. Sul futuro del FLI nel caso Berlusconi torni a guidare il PDL. Su cosa farà Rutelli e l’API visto che nonostante i sondaggi la diano allo zero virgola continua ad essere trattato come un grande protagonista della politica italiana. E a suo modo lo è, visto che è stato in venti anni radicale, verde, centrista in diverse sigle, del PD ed ora di nuovo centrista.

Resta il fatto che questa “politica” e questi partiti sono un mondo separato. Che parla dei problemi del paese per allusioni e sempre e solo per rinfacciarsi colpe e responsabilità, come se i problemi dell’Italia fossero il frutto dell’ultimo o del penultimo governo. Che si occupa prevalentemente di come guadagnare il voto dei cittadini per accomodarsi al governo locale o nazionale, e che pensa che la tecnica della politica, e cioè mediazioni, scontri, polemiche, manovre, mosse, sia in realtà il fine della politica o, se si preferisce, sia la politica stessa.

Ci si può meravigliare se la popolazione pensa che i partiti siano tutti uguali? O che quando pensa che non siano uguali lo pensa per il carisma del leader, per valori generici, per il tasso di contrapposizione nei confronti dell’avversario ecc piuttosto che per la capacità di proporre progetti veramente alternativi fra loro? Ci si può meravigliare se i cittadini considerano la “classe politica” (definizione questa già di per se significativa per identificare la separazione della politica dalla società!) una casta dedita alle proprie liturgie e abusivamente occupante il governo della cosa pubblica? Se i partiti invece che essere rappresentanti di interessi di classe, di orientamenti ideologici ed ideali chiaramente distinti, invece che stare nelle istituzioni per difendere coerentemente i propri elettori ci stanno navigando a vista nell’interesse esclusivo del partito o addirittura dell’apparato di partito e del leader locale o nazionale, perché dovrebbero essere finanziati con i soldi pubblici? Perché si dovrebbe tollerare che parlamentari, consiglieri regionali e giù a scendere, abbiano stipendi esagerati e prebende di ogni tipo? Se i partiti sono diventati luoghi di carriera, territorio di conquista di furbi ed opportunisti di ogni tipo, contenitori di tutto e il contrario di tutto, perché le cittadine e i cittadini dovrebbero iscriversi e partecipare alla loro vita interna?

Già c’è un fatto oggettivo. I partiti non sono quelli di cui parla la costituzione. Sono un’altra cosa. Sono il regno dei politicanti in carriera. Dei demagoghi. Degli imbroglioni che promettono cose che sanno in partenza essere false.

Il sistema economico e sociale affermatosi con la controffensiva capitalistica degli ultimi trenta anni e il conseguente sistema politico istituzionale maggioritario, bipolare e tendenzialmente bipartitico (che io chiamo scherzosamente ma non troppo: bifascista) hanno modellato i partiti come li ho descritti. Posso aver esagerato nella descrizione. Ma non credo affatto si possa confutare la sostanza di quel che ho scritto.

Oggi è in corso un’offensiva mass mediatica e ideologica senza pari contro i partiti. Ovviamente si sfrutta l’impopolarità dei partiti attuali e lo si fa poggiando la vera e propria campagna fatta di mistificazioni e imbrogli, su una base reale. Su una effettiva separazione dei partiti dalla società. Ma per proporre cosa? Un ritorno ad una democrazia parlamentare nella quale i partiti tornino ad avere la funzione che assegna loro la costituzione della repubblica? Una riforma della politica e della rappresentanza che ridia ai cittadini il potere che gli è stato scippato dal voto diseguale del maggioritario, che rimetta al centro della discussione i contenuti invece che le tecniche di potere? Che consideri le persone, e cioè i leader, come secondarie rispetto a principi, idee, organizzazione collettiva e partecipata?

Macché. Basta dare uno sguardo anche distratto a ciò che scrivono i giornali maggiori, a cosa si discute nei talk show, a cosa circola prepotentemente in “rete”, per rendersi conto che semplicemente si vogliono distruggere i partiti in favore di aggregazioni sempre più leaderistiche, il parlamento in favore del governo, i consigli ad ogni livello in favore dei sindaci e presidenti podestà.

Insomma qualsiasi retaggio della costituzione uscita dalla resistenza deve essere cancellato definitivamente.

Ovviamente la retorica della costituzione e dei partiti come se fossero gli stessi degli anni 50 o 60 è totalmente spuntata. Che democrazia è quella organizzata in partiti che non si sa nemmeno se sono laici o cattolici? Quella nella quale i laeder fanno il bello e il cattivo tempo come e quando vogliono? Quella nella quale l’interesse di una classe o anche della popolazione viene sacrificato in favore dell’interesse a breve termine della cordata affiliata al personaggio nazionale o locale?

Viene perfino da ridere sentir parlare di “antipolitica” da parte di chi nella testa ha un solo scopo: quello di governare l’esistente ritagliandosi spazi e poteri da usare per premiare la propria consorteria di interessi inconfessabili. Ed è penoso sentire intellettuali (che furono o credettero di essere prestigiosi) tuonare contro i critici dei partiti e sentenziare che la critica ai partiti corrisponde alla critica della democrazia. Come se i termini e i concetti fossero immutabili nel tempo. Ed è ancor più miserabile il mimetismo con il quale molti si affrettano a dire che “noi siamo un movimento non un partito”. 

Vedremo più avanti gli effetti che tutto ciò ha avuto sulla sinistra (e dintorni). Perché solo da una precisa individuazione del problema del rapporto della società con lo stato e con la politica, e da una spietata critica della stessa politica attuale, può scaturire forse una soluzione del problema.

Intanto non possiamo che constatare che la potentissima campagna contro i partiti ha una natura regressiva per il semplice motivo che i mali prodotti dal modello sociale ultracompetitivo ed individualistico sono attribuiti alla responsabilità dei partiti, e non viceversa. E che dunque l’uccisione dei partiti non può aprire una fase di maggiore democrazia bensì una fase di ulteriore separazione della politica e degenerazione dei partiti in consorterie autoritarie, sempre più coerenti con la dittatura del mercato e con il modello sociale dominante.

Sulla potenza suggestiva della campagna in corso faccio solo due esempi.

Il finanziamento pubblico dei partiti fu introdotto a metà degli anni 70. All’indomani di scandali e ancora nel pieno del finanziamento da parte dell’URSS del PCI e degli USA dei partiti di governo. Come si è visto, e come era prevedibile, non è servito affatto a scoraggiare la corruzione, che nel tempo della finanziarizzazione dell’economia e della rendita fondiaria moderna non poteva che aumentare vertiginosamente. È servito, invece, a “istituzionalizzare” i partiti e a renderli tendenzialmente apparati semipubblici invece che strutture auto organizzate socialmente.

Questa è la mia opinione.

Tuttavia sarebbe un errore madornale fare di tutta un’erba un fascio e sostenere che tutti, ai tempi, utilizzarono il finanziamento nello stesso modo. Il PCI e la nuova sinistra lo utilizzarono correttamente. I partiti di governo, e soprattutto il PSI, no. Ma una dissertazione intorno a questo tema ci porterebbe troppo lontano ed anche fuori tema.

Comunque rimborsi elettorali e finanziamento ai partiti, diversamente concepiti, ci sono in tutti i paesi europei.

Sono i radicali, nel 1978 prima e nel 1993 poi, a raccogliere le firme per abrogare la legge che prevede il finanziamento ai partiti. Nel 1978 il si raggiunge il 46 % e il referendum fallisce. Nel 1993, nel pieno di tangentopoli, ottiene il 90 % dei consensi e viene abrogata la legge. Questo referendum fa il paio con quello indetto da Segni (e celebrato solo grazie alle firme raccolte dal PDS) che uccide il proporzionale.

I radicali si prefiggono esplicitamente l’obiettivo di uccidere la democrazia parlamentare e di passare al sistema “americano”. Con due soli partiti. In realtà con due soli grandi comitati elettorali per leader finanziati esplicitamente da tutte le lobbies possibili ed immaginabili. Il furore ideologico del signor Pannella e della signora Bonino vengono premiati e l’opinione pubblica sostanzialmente vota per protesta contro tangentopoli. La gente è furibonda perché i partiti gestiscono il potere in favore di se stessi e delle cordate finanziarie ed industriali loro amiche e sostanzialmente vota implicitamente per un progetto che prevede che i leader possano gestire il potere come vogliono e che le cordate del malaffare consustanziale al sistema economico vincente possano dominare i partiti. Se prima dovevano avere “amici” nel sistema politico per riprodurre i propri affari e conseguentemente dovevano pagare tangenti ora dovranno essere i partiti ad avere “amici” nel sistema finanziario per sperare di esercitare la funzione di governo. È la coronazione del sogno liberale e liberista (liberale e liberista è lo slogan dei radicali dell’epoca) che vuole santificare il dominio del mercato, delle lobbies, sulla politica e che pretende partiti leggeri e solo elettorali a loro volta dominati da leader – padroni.

Ma il parlamento, utilizzando l’esistente e non abrogata legge che prevedeva il rimborso delle spese elettorali, sostanzialmente aggira l’esito referendario e dilatandola salva il finanziamento pubblico ai partiti.

Qui c’è una prima riflessione da fare.

I radicali, che sono contro la pena di morte, per i diritti civili e per uno stato totalmente laico, come tutti i veri liberali, fanno finta di non sapere che negli USA, il loro modello, mai può succedere che un candidato alla presidenza che si proponga di abolire la pena di morte o di abrogare le leggi paradossali integraliste vigenti in moltissimi stati (ce ne sono pure dove per legge è proibito il coito orale fra coniugi) vinca le elezioni. Come succede oggi nel PD per i diritti degli omosessuali, guarda caso, nel PD statunitense ci sono minoranze contrarie alla pena di morte che riescono a malapena ad eleggere qualche deputato o senatore, sapendo benissimo di poter solo testimoniare una posizione senza cambiare nulla della legislazione vigente.

La funzione dei partiti prevista nella costituzione italiana e il sistema parlamentare sono capaci di raccogliere le istanze maturate nella società, di trasformarle in leggi e di spingere in avanti in senso progressista il paese. Non sarebbe stato possibile votare il divorzio in parlamento senza la spinta delle donne che da anni erano riuscite a cambiare il senso comune della società, con lotte individuali e collettive di grandissima portata. Ma, una volta votata quella legge che aveva basi solide nella società, ogni tentativo reazionario di tornare indietro non poteva che fallire. E sono seguiti solo altri importanti avanzamenti nel codice penale e con l’aborto. Perché il parlamento era comunque un passo avanti della società nel suo complesso. Una società complessa ed articolata, ricca di spinte e conflitti sociali, ed un parlamento rappresentativo producono passi avanti. Una società atomizzata, individualizzata, fondata sulla competizione assolutizzata e un parlamento maggioritario producono passi indietro. E non esiste una repubblica parlamentare che non sia fondata sui partiti. Mentre una repubblica presidenziale e/o bipolare e maggioritaria non solo può, ma per molti versi deve, sbarazzarsi dei partiti “pesanti” in favore di partiti del laeder, leggeri ed eclettici dal punto di vista culturale e ideologico.

Al di la della propaganda e perfino delle intenzioni dei radiali e soprattutto degli elettori l’attacco al finanziamento ai partiti, per quanto contenuto negli anni 90 dal parlamento e ritornato in voga oggi in modo prepotente, ha un segno preciso. L’uccisione della democrazia rappresentativa è l’obiettivo.

Oggi l’attacco è furibondo e si avvale di un dato oggettivo. Come abbiamo più sopra detto i partiti sono cambiati. C’è ancora formalmente una repubblica parlamentare. Ma i partiti sono fatti su misura di una repubblica presidenziale, perché il bipolarismo, la preminenza del governo sul parlamento, e le leggi elettorali maggioritarie, in quella direzione spingono. Oggi sono i partiti ad avere bisogno di relazioni “intime” con i poteri forti economici, che infatti, come capita spessissimo negli USA, tendono ad autorappresentarsi politicamente. In un momento di pesanti sacrifici imposti dalla dittatura del mercato ma votati dai maggiori partiti è evidente che la popolazione senta odio per i partiti. Ma il sistema è in grado di trasformare quel giusto sentimento, per quanto primitivo e confuso, della cittadinanza in un punto a suo favore. I cittadini non sono costituzionalisti raffinati, giuristi illuminati, militanti generosi. Sono individui soli, incerti ed insicuri, e sono facilmente manipolabili. La sovranità popolare non è la stessa in una società fondata sul lavoro e sull’organizzazione sociale o in una società atomizzata. Nella prima un referendum suggestivo, magari sulla pena di morte dopo un terribile fatto di cronaca, non riesce a vincere. Nella seconda passa alla grande.

Ed è per questo che oggi, nel pieno della crisi capitalistica e delle sue abnormi conseguenze il furore popolare delle plebi urlanti, magari via internet, ma totalmente subalterne alla cultura dominante si può indirizzare verso facili bersagli riuscendo ad ottenere il passaggio ad una “terza repubblica” totalmente e più coerentemente americanizzata.

Così gli abusi evidenti, valga il famigerato caso Lusi, che dovrebbero dimostrare la degenerazione dei partiti in cordate gestite privatamente diventano l’occasione per attaccare la funzione dei partiti e per mettere ciò che ne rimane in balia dei potentati economici. Unici a poter decidere della sorte elettorale dei partiti nel caso venga abrogato qualsiasi finanziamento pubblico.

È fin troppo evidente che è una stortura un finanziamento dei partiti mascherato da rimborsi elettorali. Tuttavia su questa stortura non si dovrebbe fondare una serie infinita di mistificazioni.

Quando c’era il finanziamento dei partiti era previsto anche un relativamente modesto rimborso per le spese elettorali. Quello era il semplice rimborso, per giunta parziale, delle mere spese della campagna elettorale. Una volta abrogato il primo e dilatato il secondo il “rimborso” ha assunto la funzione di effettivo finanziamento pubblico ai partiti.

Come ho già detto io penso sia stato un errore fin dall’inizio accettare anche la sola idea di finanziamento pubblico. Ma una volta accettata bisogna parlarne seriamente e non superficialmente.

La funzione dei partiti prevista dalla costituzione prevede che essi producano progetti, programmi, che abbiano una rete di collegamenti con gli organismi sociali, che producano cultura ed abbiano un’intensa vita democratica. Tutte queste cose concorrono a partecipare alle elezioni essendo il veicolo della rappresentanza di pezzi grandi della società. E tutte queste cose necessitano di apparati e di soldi per essere realizzate.

Un partito della prima repubblica, per fare un solo esempio, deve occuparsi del sistema dei trasporti nel paese. Per farlo non può improvvisare quattro slogan da mettere nel volantino in campagna elettorale. Deve avere una commissione che se ne occupa. Che produce materiali e tiene collegamenti con il sindacato, con le imprese pubbliche e private del settore, con le facoltà universitarie coinvolte, con le proprie organizzazioni territoriali maggiormente coinvolte (basti pensare alle città sedi di grandi cantieri navali o di snodi ferroviari). Ogni tanto deve organizzare un convegno nazionale sul tema. E partecipare a convegni di altri in Italia e all’estero. I parlamentari saranno i terminali di un grande lavoro collettivo e sapranno battersi e mediare a ragion veduta, prendendo decisioni e votando. In parlamento nella commissione trasporti e in aula quando si discuterà un provvedimento la discussione sarà alta, approfondita, seria. Le divergenze saranno chiare e i voti pure. E ciò sarà conosciuto dai lavoratori del settore, dalle imprese e dall’opinione pubblica interessata.

Un partito del leader nella “seconda repubblica” se va bene appalta a qualcuno di fiducia la propria posizione sui trasporti. Magari direttamente all’organizzazione settoriale della confindustria. O anche a un sindacato. Non avendo una ideologia e un progetto serio per il paese per questo partito sui trasporti si può andare a spanne. Avere posizioni dettate non dalla propria analisi ed elaborazione, bensì dalla convenienza politica (nel senso del quadro politico) del momento. Slogan generici e aleatori in un parlamento maggioritario, al momento delle decisioni, diventano l’alibi per fare qualsiasi cosa e giustificare qualsiasi scelta. Il dibattito sarà generico e potranno passare gli emendamenti e le posizioni lobbistiche molto più facilmente.

Per un parlamento fatto così non c’è bisogno di partiti pesanti, organizzati, con apparati e conoscenze, e quindi dagli alti costi. Basta un leader, i suoi amici ai quali appaltare la produzione delle posizioni necessarie, e un parlamentare qualsiasi per ripeterle come un pappagallo, nel caso non sia direttamente il lobbista a diventare parlamentare.

Tornando al famoso caso Lusi, è evidente che un partito come la Margherita (sic) essendo del tipo della seconda repubblica usava il finanziamento pubblico per gli scopi che alla fine abbiamo visto. Il PRC, per esempio, li ha sempre e solamente usati come un partito della prima repubblica. Con l’aggiunta, sempre ignorata dai mass media, dei contributi dei parlamentari che versavano circa il 60 % di tutti gli emolumenti (non della sola indennità) che ricevevano. 

Apro un piccolissima parentesi. Pochi mesi fa ho ascoltato con le mie orecchie il signor Calderoli, al quale il partito pagava un lussuoso appartamento, dire: “ma io verso 2000 euro al partito ogni mese!” Ebbene, i parlamentari del PRC versavano circa 8000 euro ed ovviamente a nessuno veniva pagata la casa a Roma. Chiusa parentesi.

I mass media hanno trattato la vicenda Lusi come se tutti i partiti fossero uguali e soprattutto, ed è questo veramente tanto efficace quanto mistificatorio, come se le spese elettorali fossero la mera produzione di manifesti e iniziative in campagna elettorale. Come se l’attività politica si riducesse alle elezioni e alla stampa dei manifesti con la faccia del leader. In particolare vorrei segnalare la potente mistificazione ulteriore consumata proprio sul caso Lusi. Un vero ed inarrestabile coro si è levato per dire: ma come è possibile che un partito morto continui a incassare il finanziamento pubblico? Sembra la segnalazione di una cosa inconfutabile. Ma non è così. Né politicamente né giuridicamente.

Ho già detto la mia opinione sull’abuso che evidenzia di quale natura fosse il partito della Margherita. Spero di non venir interpretato maliziosamente. Ma la mistificazione è una mistificazione e non si dovrebbe tacere.

Se il “rimborso elettorale” è riconosciuto in quanto tale dalla legge ed erogato ratealmente anno per anno dopo le elezioni, perché un partito confluito con un altro in un partito più grande dovrebbe perdere le rate successive alla confluenza? Se il rimborso fosse stato erogato in una unica soluzione si potrebbe pretenderne la restituzione nel caso il partito in oggetto si unisca con un altro? Anche un bambino capisce che la rateazione e il concetto di rimborso adottati sono in realtà un finanziamento analogo a quello della prima repubblica. E ancora. Si può, come i soliti geni dei talk show hanno detto mille volte in questi mesi, dire che il rimborso avrebbe dovuto essere erogato solo contro fatture? Un partito i cui militanti affiggono i manifesti gratuitamente che fattura presenta? Un partito che negli anni precedenti alle elezioni ha fatto tre convegni nazionali sull’immigrazione o su qualsiasi altro tema, per preparare la propria proposta e per presentarla agli elettori, che fattura presenta?

Queste mistificazioni sono servite, eccome se sono servite!, a considerare il caso Lusi come la punta di un iceberg, mettendo non solo tutti i partiti ma lo stesso sistema parlamentare fondato sui partiti previsti dalla costituzione sotto processo. Non è un caso che sorgano numerosi tentativi di legiferare per imbrigliare i partiti in norme che codifichino e santifichino il modello di partito leggero e dominato da un leader.

Ovviamente tutto ciò  non cancella di una virgola quanto ho scritto sulla degenerazione dei partiti e sull’odio che hanno suscitato nella popolazione. Ma pensare che sia salutare uccidere i partiti in favore di aggregazioni ultrautoritarie e dominate da consorterie più o meno oscure, come è il caso del Movimento 5 stelle (sic) che è l’attuale campione della lotta per uccidere i partiti, è fare un pessimo servizio alla democrazia, comunque aggettivata.

Ma, per essere efficace, questa campagna deve nutrirsi anche della delegittimazione del parlamento.

Ho già cercato di dimostrare che gli strali contro il parlamento dei nominati, pur avendo una base oggettiva relativa alla natura monarchica e liederistica dei partiti, nascondono l’obiettivo di trasformare definitivamente i partiti nel regno dei personaggi dotati di clientele e appoggi dei poteri forti. Curiosamente, ma non troppo, si parla continuamente dei costi esorbitanti della politica e si omette il dettaglio che le campagne individualizzate per le preferenze decuplicano i costi.

Un parlamento bombardato di decreti legge del governo e di voti di fiducia, nel quale i regolamenti sono stati cambiati per impedire l’ostruzionismo e per ridurre l’attività del parlamentare al voto obbediente, nel quale il trasformismo e la migrazione da un gruppo all’altro e dall’opposizione alla maggioranza sono esaltati esattamente dalla natura bipolare del sistema elettorale, non può che apparire delegittimato di fronte agli elettori. Stipendi e privilegi risultano inaccettabili agli occhi di un’opinione pubblica manipolata. La crisi sarebbe così il prodotto dell’inadeguatezza del parlamento e della politica. Non il prodotto della finanziarizzazione dell’economia e della dominanza di precisi interessi capitalistici. Perché mercato e finanza sono oggettivi, sono come le leggi della natura, e se le cose non vanno la colpa è di chi non ha accontentato il mercato e soddisfatto le pretese ideologiche e concrete del sistema capitalistico.

Certo nel momento della crisi qualcuno apre gli occhi. Viene il dubbio che forse ci sia qualcosa di irrazionale nel “salvare” le banche private con o soldi pubblici facendo pagare il conto a chi ha da decenni subisce le conseguenze di una politica economica delinquenziale.

E allora ecco il potenziamento della campagna contro il parlamento.

L’ultimo capitolo di una lunga serie che va avanti da quando c’è il bipolarismo, è la bufala secondo la quale capita che per discutere di cose importantissime ci sia un’aula praticamente vuota.

È capitato di nuovo recentissimamente in occasione dell’iscrizione in aula della famosa riforma del finanziamento pubblico dei partiti.

Tutte le TV, tutti i giornali, centinaia di siti internet, e chi più ne ha più ne metta hanno “informato” gli italiani che l’aula di Montecitorio quando si doveva discutere della cosa oggetto della massima attenzione da parte del popolo italiano, era desolatamente vuota. C’erano si e no una ventina di deputati. E giù giudizi, immagini panoramiche dell’aula vuota, gran spreco di aggettivi. In molti hanno perfino detto che l’aula deserta ha turbato le scolaresche che in quel momento visitavano Montecitorio. Diversi accigliati commentatori hanno parlato di autogol della politica e di enorme favore all’antipolitica di Grillo. E basta dare una scorsa ai commenti sul sito di Grillo per vedere che effettivamente si è andati all’incasso.

Ci può essere una dimostrazione più eloquente del livello infimo raggiunto da parlamento e parlamentari?

Peccato che è tutto falso. Totalmente falso.

I giornalisti parlamentari della carta stampata o delle TV, e moltissimi di quelli che hanno commentato, sanno benissimo che qualsiasi legge venga discussa dall’aula ha diverse fasi di discussione. La prima delle quali è collocata sempre in giornate nelle quali non sono previste votazioni. E sanno benissimo che la discussione generale (questo è il termine esatto) si svolge esclusivamente per dare l’opportunità ai gruppi, anche con diversi interventi per ognuno, di mettere a verbale le proprie posizioni. Poi seguiranno le convocazioni dell’aula per esaminare gli emendamenti e votarli e infine per esprimere il voto finale sulla legge con relative dichiarazioni di voto finali. In discussione generale non essendo previste votazioni non esiste il numero legale. In tutte le altre fasi si, e naturalmente l’aula sarà piena.

Inoltre, capita quasi sempre che durante una discussione generale di una legge le commissioni parlamentari siano riunite, tranne quella che ha istruito la legge in oggetto. Capita cioè che i parlamentari siano presenti e stiano lavorando nelle loro commissioni e discutendo di altre leggi. Del resto ciò che viene detto dagli unici presenti e iscritti a parlare può essere ascoltato in diretta radiofonica, televisiva, e comunque letto mezz’ora dopo in internet o sui resoconti stenografici sulla carta il giorno dopo.

Insomma, perché un parlamentare che non è iscritto a parlare e che nemmeno volendo potrebbe parlare, giacché i tempi sono contingentati, dovrebbe recarsi a Roma un giorno prima o disertare il lavoro della sua commissione, per fare numero in aula?

Ora, i giornalisti parlamentari italiani, spesso pagati più dei parlamentari stessi, in moltissimi casi sono ignoranti. Non sanno che differenza c’è fra un ordine del giorno e una mozione. Non conoscono i regolamenti parlamentari. Loro si non ascoltano le discussioni generali per capire bene le posizioni dei gruppi e per poter apprezzare le vere differenze. Di solito bivaccano in transatlantico cercando di carpire pettegolezzi o conversazioni riservate per poter fare gli “scoop” in concorrenza fra loro. Danno vita a curiose formazioni in forma di grappoli umani al seguito del “leader” di turno che attraversa il transatlantico. Ma, per la miseria!, non possono non sapere che in una discussione generale in aula ci sono solo gli iscritti a parlare.

Eppure regolarmente da almeno venti anni, in alcuni momenti topici, ritirano fuori lo scoop dell’aula vuota. Mentono sapendo di mentire.

E siccome l’opinione pubblica non è certo tenuta a sapere nel dettaglio i regolamenti e le consuetudini dei lavori parlamentari, la manipolano a loro piacimento dando false notizie tese semplicemente a screditare tutto il parlamento.

Anche il parlamento è effettivamente degenerato. Ridotto a curve (con tanto di slogan gridati e cartelli) contrapposte. Teatro di sceneggiate assolutamente finte. Reso impotente dall’abuso dei poteri del governo. Ma lo è per effetto del maggioritario, del bipolarismo.

Con la campagna contro il parlamento, che non esita ad avvalersi di falsi e demagogie di ogni tipo, si spiana sola la strada ad un’ulteriore spettacolarizzazione e separazione della politica e soprattutto a un tendenziale e inarrestabile autoritarismo.

Abbiamo tralasciato di parlare delle formazioni “alla sinistra” del PD. Meritano una analisi più approfondita. Lo faremo nell’ultima parte insieme alle conclusioni.

Continua…

 

ramon mantovani

 

La nazionale italiana di calcio ha perso la finale degli europei 4 a 0. Ma i quotidiani Repubblica e Il Corriere della Sera hanno perso 24 a 0. E andrebbero squalificati.

Posted in articoli pubblicati sul blog with tags , , , , , , , , , , on 4 luglio, 2012 by ramon mantovani

Mentre sto scrivendo la quarta parte dell’articolo “morte ai partiti?” mi è venuta la tentazione (diciamo pure che non ho resistito) di proporre una piccola dimostrazione della stato, della natura e del livello dell’informazione italiana.

Lunedì scorso, il 2 luglio, ho comprato tre quotidiani. Repubblica, Il Corriere della Sera e lo spagnolo El Pais.

I primi due sono di gran lunga i giornali di informazione generale più letti in Italia, con circa 3 milioni 300 mila lettori ciascuno. El Pais è il più letto in Spagna, con circa 2 milioni di lettori. Sono quindi, tenendo in conto la differenza di popolazione, paragonabili. E sono tutti e tre considerati universalmente i quotidiani più importanti.  

La sera precedente la compagine spagnola aveva battuto sonoramente quella italiana per 4 a 0.

Non è mia intenzione discorrere della partita, sia perché non ho nessuna passione per le nazionali e per competizioni come i mondiali o gli europei, sia perché provo molto fastidio per il nazionalismo beota che si scatena in occasione di queste manifestazioni. Anche se capisco benissimo la portata di questi eventi e la loro popolarità. Dico solo che antipatizzo per la nazionale italiana per via dei colori che indossa. Perché pochi sanno e io trovo veramente disdicevole che la repubblica italiana faccia giocare le sue squadre sportive con il colore azzurro dei Savoia invece che con quelli della bandiera nazionale.

Ma è di altro che voglio parlare.

Apriamo insieme i tre quotidiani di lunedì.

Tutti e tre portano in prima pagina, ovviamente, come notizia principale la partita della sera prima. È logico, visto che la finale era fra Italia e Spagna.  

Giriamo pagina.

La Repubblica da pagina 2 a pagina 19 parla solo della partita e degli annessi e connessi. Cioè 18 pagine.

Il Corriere della Sera ne parla da pagina 2 a pagina 13. 12 pagine.

El Pais, dopo la prima pagina, parla della partita da pagina 49 a pagina 67. 19 pagine.

Ma bisogna tenere conto che le 19 pagine de El Pais, dato il diverso formato, equivalgono a occhio a 14 – 15 pagine di Repubblica e a 10 – 11 del Corriere. La pubblicità è praticamente identica su tutti e tre i quotidiani. 4 pagine intere ciascuno e pochi altri annunci più piccoli.

Più concretamente le 19 pagine de El Pais sono il 23,75 % delle 80 pagine totali del quotidiano spagnolo. Le 18 di Repubblica sono il 30 % delle 60 pagine totali. E le 12 pagine del Corriere sono il 21,42 % delle 56 totali.

Sono dati analoghi. Ma mentre i due quotidiani italiani dedicano le pagine più importanti e più lette alla partita El Pais “relega” la stessa nello spazio delle pagine sportive, alla fine del quotidiano.

C’è bisogno di soffermarsi sul fatto che i giornali italiani evidentemente pensano che la notizia della partita sia più importante di qualsiasi altra cosa in Italia e nel mondo mentre il quotidiano spagnolo ne comincia a parlare a pagina 49 nella sezione delle notizie sportive?

Credo che questo fatto si commenti da se.

Ma allora vediamo cosa dicono i tre quotidiani del mondo.

La Repubblica dedica al mondo una sola pagina (due terzi di pagina visto che c’è uno spazio pubblicitario che copre circa un terzo della pagina). La pagina numero 26, dopo le 7 pagine dedicate alla crisi e alla politica interna. Con due sole notizie. La strage di cristiani in Kenya e un occhiello sulla vicenda delle scaramucce aeree fra Turchia e Siria.

Il Corriere ne dedica due. Una, la numero 15 catalogata nella categoria di “primo piano”, interamente dedicata alla strage di cristiani in Kenya, e una seconda, la numero 29 (l’unica recante l’indicazione “esteri”) interamente dedicata alle correzioni apportate dal Museo dell’Olocausto israeliano sul giudizio storico relativo a Pio XII.

El Pais sotto la categoria “internacional” dedica 9 pagine. Dalla 2 alla 10. Prima delle notizie di politica interna. Con 11 diverse notizie. Fra queste, per esempio, le elezioni messicane.

 

È lecito chiedersi cosa sarebbe successo se la squadra azzurro – savoia avesse vinto la partita.

Ma credo che questa comparazione sia più che sufficiente.  

 

Ecco.

Questo è lo stato dell’informazione italiana.

E pensare che direttori, vicedirettori e redattori di Repubblica e Corriere sono considerati autorevolissimi commentatori di politica economica, estera e interna. E perciò continuamente invitati da giornalisti – presentatori – conduttori (che la differenza non si sa quale sia!) ai loro talk show.

Dovrebbero tutti arrossire di vergogna.

Ma ne sono incapaci.

Sarebbero perfino capaci, se qualcuno in una qualche trasmissione tv li criticasse come ho fatto io qui sul blog, di dire che loro devono seguire i gusti del pubblico. Per via delle vendite e del mercato, ovviamente.

Come se il popolo italiano e quello spagnolo fossero così diversi e i quotidiani riflettessero semplicemente questa diversità.

Sono solo loro ad essere diversi dai loro colleghi degli analoghi quotidiani europei.

Diversi nel senso di provinciali, ignoranti, presuntuosi e dilettanti.

 

ramon mantovani

Morte ai partiti? (parte terza)

Posted in articoli pubblicati sul blog with tags , , , , , , , , , , , , , , , on 20 giugno, 2012 by ramon mantovani

Non smetterò mai di insistere sulla necessità di conoscere, analizzare e capire le mutazioni sociali che stanno alla base della degenerazione della politica e dei partiti. Senza farlo si scambiano gli effetti per le cause. E si pensano e sognano rimedi che invece di risolvere i problemi li aggravano e li estremizzano. Senza riprendere una analisi che ho già fatto in più riprese mi limito qui a fare un esempio.

Quando Berlusconi vinse le elezioni nel 1994 la stragrande maggioranza delle persone di sinistra (sia quelle che lo erano perché non avevano smesso di essere contro il capitalismo sia quelle che credevano di esserlo pur condividendo tutte le menzogne ideologiche sulla fine della lotta di classe, sulle meravigliose sorti della globalizzazione, sulle privatizzazioni e così via) credettero che la colpa fosse delle TV di Mediaset. Secondo tutte queste persone milioni e milioni di elettori avevano bevuto le fandonie e le promesse demagogiche di Berlusconi propalate a mani basse dalle tv di proprietà dello stesso. Si illudevano, e molti si illudono ancora oggi, che bastasse riportare il paese alla “normalità” con una legge sul conflitto di interessi e con una controffensiva sulle tv della RAI, affinché il popolo si accorgesse che Berlusconi era solo una escrescenza, un incidente di percorso.

Vediamo se è vero.

Per più di un decennio il sindacato era passato di sconfitta in sconfitta, le condizioni di vita dei lavoratori dipendenti erano peggiorate, chi lottava lo faceva in modo isolato e nella più completa solitudine, era cresciuta enormemente l’incertezza e l’insicurezza sociale, i partiti erano degenerati ed intenti, come aveva già denunciato Berlinguer, ad occupare ogni spazio al solo fine di coltivare interessi privati a scapito di quelli pubblici, lo stesso PCI aveva abdicato alla propria funzione e si era sciolto per dare vita ad un partito identico agli altri. E ancora, c’erano tutte le avvisaglie di una scomposizione del paese fra zone ricche e zone povere, tipico prodotto della competizione assolutizzata dalla globalizzazione. Nelle zone ricche cresceva l’egoismo sociale, l’odio verso gli immigrati, e un patto corporativo fra lavoratori e imprenditori fondato sull’illusione che separandosi dal resto del paese si potesse meglio competere con le altre zone ricche del mondo e dell’Europa. Nelle zone povere cresceva il clientelismo e un blocco sociale includente la criminalità organizzata, oltre all’individualismo più sfrenato legato alla spartizione delle risorse pubbliche attraverso consorterie e cordate di ogni tipo.

Il famoso “pensiero unico” non era un decalogo, un dogma da imparare a memoria. Era niente altro che l’apparente oggettività della situazione. Del resto la caduta del muro di Berlino aveva convinto quasi tutti, tranne una minoranza abbastanza isolata, che il capitalismo era il migliore dei mondi possibili e che se c’erano problemi questi erano dovuti alla mancata “modernizzazione” del paese. E la “modernizzazione” non poteva che essere la rimozione dei “lacci e lacciuoli” che frenavano la capacità competitiva delle imprese e del paese. E non poteva che essere il passaggio dalla democrazia parlamentare della Costituzione, fondata sui partiti, alla democrazia maggioritaria, fondata sulla funzione del governo e sui leader. I partiti, già degenerati fino all’inverosimile e caduti definitivamente in disgrazia con tangentopoli, avevano già snaturato il sistema democratico, gestendo la cosa pubblica negli interessi delle imprese, delle finanziarie, delle società immobiliari e così via. Dovevano essere sostituiti da partiti di tipo nuovo. Leggeri e cioè privi di una ideologia capace di interpretare la realtà e di partorire un progetto complessivo per la società e per il paese. Possibilmente dotati di nomi e simboli “aideologici” e perfino “apolitici” o abbastanza generici da essere buoni per qualsiasi politica. Da quel momento la botanica, la fauna, il tifo calcistico e i nomi dei leader la faranno da padrone. Contenitori di interessi ed egoismi di ogni tipo, spesso in contraddizione fra loro, ma mediati dal miraggio del governo come unico fine e ragion d’essere del partito. Come ho già detto il grande inganno fu presentare i partiti della prima repubblica come i responsabili delle degenerazioni della società e non come le vittime, magari consapevoli e complici, delle degenerazioni del sistema economico e del modello sociale conseguente. Il maggioritario servì esattamente a coronare un progetto latente da sempre nella borghesia italiana. Eliminare le ragioni del conflitto di classe e sociale dalle istituzioni e trasformare la politica in un affare privato delle sue diverse fazioni, riducendo il popolo a spettatore e tifoso di uno dei suoi leader. Come negli USA.

Tutto questo l’aveva costruito Berlusconi abusando della sua posizione di predominio televisivo? Erano le tv che mandavano in onda certe trasmissioni a cambiare la testa della gente? La percezione che i partiti si occupassero degli affari dei loro amici e delle loro infinite competizioni elettorali, invece che dei problemi del paese era infondata?

Direi proprio di no.

Berlusconi approfittò banalmente della situazione che si era creata ed ebbe l’abilità di interpretarla coerentemente con il senso comune diffuso. Ovviamente le sue tv furono decisive, e lo poterono essere grazie ad una effettiva anomalia italiana creata a suon di corruzione con il sistema del duopolio televisivo e con la riduzione del servizio pubblico a competitore del privato sul suo terreno. Ma era una anomalia ben precedente a tangentopoli. Fondata sull’ormai inarrestabile primazia dell’impresa e soprattutto dei settori speculativi del capitale, che a questo scopo avevano corrotto pesantemente i partiti.

Una cosa è proporsi di cambiare il modo di pensare della gente ed un’altra è dire alla gente quel che vuole sentirsi dire.

Senza scomodare Gramsci e la sua analisi sulla formazione dello stato italiano, nel paese dei furbi, dei raccomandati e degli evasori, nel paese della cultura mafiosa, della borghesia eversiva mischiata con l’antistatalismo di stampo cattolico, nel paese dell’ipocrisia fatta legge, la sconfitta della battaglia del movimento operaio, per rifondare lo stato su basi diverse, persa con la controffensiva capitalistica degli anni 70 e seguenti, non poteva avere che esiti disastrosi.

Nell’Italia degli anni 80 e 90, del “facciamo soldi con i soldi” e del “gli operai sono in via di estinzione”, del “privato è sempre meglio del pubblico”, dei “sacrifici” imposti sempre agli stessi con l’applauso degli ex comunisti e dei sindacati, del “padroni a casa nostra”, del “dobbiamo competere sempre di più e meglio” e così via, c’è da meravigliarsi se vinse le elezioni l’imprenditore “fattosi da se”? Il “non politico di professione”? L’uomo che sapeva parlare di “sogni”? E che dirà sempre “fatemi lavorare” e ripeterà fino alla nausea la parola “comunisti” e “sinistra” per identificare ogni nefandezza?

Per quanta importanza si attribuisca alla potenza dei mass media, e io ne attribuisco molta, furono le mutazioni sociali e il senso comune affermatosi dentro di esse a permettere, favorire e amplificare il fenomeno Berlusconi. E a far assumere ai mass media un ruolo centrale nella politica italiana, sempre più spettacolarizzata.

Credere il contrario fu invece molto di moda fra le persone di “sinistra”.

Per quelle che pensavano che bisognasse avere un paese “normale” pensando agli USA, alle privatizzazioni, alle elezioni come mera scelta delle persone, alle guerre come “missioni di pace”, ai sacrifici dei lavoratori come “necessari”, alla precarietà come “flessibilità”, alle banche e finanziarie come motore dell’economia, alle imprese private come essenza dello sviluppo, al mercato come effettivo “regolatore” dell’economia ecc. era normale che fosse così. Berlusconi era solo una anomalia vergognosa e bastava rimuoverlo per far tornare tutto a posto. Tanto più pensavano questo tanto più sentivano di dover tifare contro Berlusconi e per quelli che si candidavano a governare nel nome di tutte quelle cose che credevano insieme a Berlusconi, ma in modo “normale”. Del resto se la globalizzazione era buona, le banche fattore di sviluppo, la produzione di beni materiali tendenzialmente da superare collocandola nei paesi poveri (per garantire anche a loro, poveretti, un po’ di sviluppo!), le guerre erano umanitarie, il privato sempre efficiente, e Berlusconi pensava e diceva esattamente le stesse cose, su cosa si doveva incentrare lo scontro e la polemica? Conflitto di interessi, procedimenti penali, alleanza con un partito razzista e secessionista come la Lega, sdoganamento del MSI, demagogia e dulcis in fundo: impresentabilità. Cioè sempre e solo su cose secondarie e spesso vissute come innovazione effettiva e politica di tipo nuovo da parte della maggioranza degli elettori. È fin troppo evidente che non basta cambiare nome ad un partito o dichiararsi non comunisti per poter competere con chi si dice fieramente anticomunista e ti accusa perfino di continuare ad esserlo senza dirlo. È fin troppo evidente che non si può essere, dopo aver sposato ogni tesi revisionista sulla resistenza, contemporaneamente per il maggioritario e pretendere che il proprio avversario non si allei con i partiti post fascisti e secessionisti di destra. Altrettanto evidente è che si ha un’arma spuntata se si criticano le TV di Berlusconi e poi i propri uomini nella RAI trasformano la tv pubblica in una brutta copia delle tv dell’avversario per inseguire l’audience. Se si fa a gara per ingraziarsi la Confindustria dichiarandosi veramente liberisti e criticando Berlusconi per non esserlo abbastanza. Se si specula sui processi a Berlusconi e contemporaneamente si incensano personaggi come Andreotti, anche sperando che l’avversario sia sconfitto per le vicende processuali e non perché si sono convinti i suoi elettori a cambiare idea.

Esagero? Non credo.

Infatti a suo tempo ci fu la prova provata che quanto dico è difficilmente contestabile.

Il primo governo Berlusconi andò in crisi sulle pensioni. Il ministro del tesoro Dini, già uomo del FMI e della Banca d’Italia, attaccò violentemente il sistema pensionistico. L’opposizione tuonò e i sindacati scesero in lotta duramente. Il blocco sociale ed elettorale di Barlusconi traballò, soprattutto per effetto della Lega, che infatti alla fine tolse la fiducia al governo.

La logica, perfino la perversa logica del maggioritario, avrebbe voluto che l’opposizione chiedesse nuove elezioni, “bastonando il can che annega”. Berlusconi era in forte calo dei consensi, ovviamente. E la Lega non avrebbe rifatto l’alleanza con Forza Italia. Alleanza nazionale non avrebbe facilmente convinto la propria base elettorale a sostenere un governo che voleva farla lavorare più a lungo per avere una pensione inferiore. Dopo quel che l’opposizione tutta aveva detto in parlamento e dopo gli scioperi e le lotte sindacali non era impossibile vincere le elezioni su quelle basi.

Cosa avvenne, al contrario?

Il “massacratore sociale” Dini divenne un ottimo candidato a sostituire Berlusconi, invece delle elezioni che con il maggioritario “finalmente permettevano al popolo di scegliersi il governo” ci fu una maggioranza trasversale dalla Lega al PDS sostenuta perfino dalla scissione del PRC dei “comunisti unitari” (sic), e alla fine Dini varò la stessa controriforma pensionistica (solo appena più allungata nel tempo) con il silenzio complice dei sindacati, che diedero così una grandissima prova della loro autonomia.

Insomma, se era nel modello sociale il problema da risolvere per far tornare alla sinistra un consenso sufficiente a tentare di cambiare il paese tutto si doveva e poteva fare tranne che accettare come necessaria e oggettiva una controriforma delle pensioni che avrebbe ulteriormente mortificato e diviso il mondo del lavoro, posto le premesse per la precarizzazione e santificato il primato dell’economia sulla politica. Se, invece, il problema era la presentabilità di Berlusconi ci si poteva tranquillamente alleare anche con la forza definita razzista nel sostenere un governo presieduto dal ministro contro il quale solo pochi giorni prima si era scioperato.

In altre parole Davos, il FMI, la Banca Centrale Europea, il WTO, le banche e il capitale finanziario, la Confindustria, i guru liberisti indicavano la politica economica e il modello sociale da implementare e la politica si doveva occupare delle trame, delle manovre, dei ribaltoni, della ricerca e promozione dei leader, del “marketing” elettorale, della costruzione di contenitori e di coalizioni, della gestione delle rispettive tifoserie.

Come è noto chi tentò, e parlo del PRC, di immettere nel dibattito politico contenuti di sinistra e di sostenere che il governo del paese dovesse produrre provvedimenti tali da orientare le scelte economiche e cambiare il modello sociale veniva descritto e trattato come “estremista e massimalista” e/o come utile idiota al servizio di Barlusconi. Chiedere al governo Prodi un piano per mettere in sicurezza il territorio nazionale devastato sempre più da terremoti e alluvioni, chiedere i libri di testo gratuiti nella scuola dell’obbligo, chiedere la riduzione dell’orario di lavoro e di non privatizzare ulteriormente e così via era “massimalismo” ed “estremismo”. Insistere su queste cose sostenendo che il centrosinistra non doveva e non poteva fare le stesse cose della destra sui fondamentali era “favorire” Berlusconi.

Non ripercorrerò qui le vicende dell’epoca. Non sono l’oggetto di questo scritto e rischierebbero di farci andare fuori dal seminato. Ho fatto questo accenno al solo scopo di dimostrare che in quegli anni si produce un ulteriore e peggiorativa separazione della politica dai problemi reali del paese e che qualsiasi intento di ricucire quello strappo veniva digerito e risputato dal sistema sottoforma di meccanismo politicista interno al gioco delle parti fra i due poli che si contendevano il governo dell’esistente.

In tutto questo avevano, ed oggi hanno ancora di più, una funzione essenziale i mass media.

Come abbiamo già ricordato nella “prima repubblica” i segretari dei partiti erano segretari. Alcuni erano anche leader ma questo era il prodotto della loro popolarità conquistata in coerenza con l’ideologia e gli obiettivi dei loro partiti. Le principali trasmissioni politiche erano le tribune politiche della RAI. Erano bandite le interruzioni, gli insulti, le grida, e i giornalisti che le conducevano coordinavano le domande dei loro colleghi giornalisti o gli interventi degli esponenti dei diversi partiti. Non mancavano le domande insidiose, maliziose, fortemente critiche. L’oggetto delle trasmissioni erano le proposte, le posizioni e anche le polemiche conseguenti. Nelle campagne elettorali tutti i partiti che si presentavano avevano lo stesso spazio, anche se in tempi diversi tenendo conto della dimensione dei partiti nelle precedenti elezioni. In altre parole la conferenza stampa del segretario nella campagna elettorale cominciava con il partito più piccolo e finiva col più grande. Lo stesso dicasi per l’ultimo appello al voto l’ultimo giorno della campagna.

Già negli anni 80, sebbene le tribune politiche ed elettorali televisive fossero largamente prevalenti per la formazione delle intenzioni di voto, iniziarono le trasmissioni mirate a mostrare il “lato privato” dei politici. I “politici” avevano hobbies, erano tifosi di una squadra di calcio, sapevano raccontare barzellette, cantare, ballare! Certe interviste, magari in maniche di camicia per fare più “americano”, erano palesemente apologetiche del personaggio e delle sue imprese politiche. Certe “campagne”, come quella condotta dal PSI contro il PCI e la sua storia, trovavano alla RAI e Mediaset collaborazione totale con messa in onda di “documentari” e “inchieste” compiacenti. Cominciarono a prodursi su Mediaset i talk show che si occupavano di politica. Dove il conduttore assegnava il ruolo che voleva lui ai politici di turno. Era il conduttore a scegliere chi invitare, e un partito non poteva sostituire l’invitato con un altro esponente, perché il conduttore se l’era scelto come un regista sceglie l’attore al quale far interpretare una parte. Spesso il conduttore provocava, assecondava e comunque permetteva battibecchi, insulti, urla, minacce. Vuoi mettere la noia di un segretario di partito che cerca di spiegare una posizione sulla politica industriale ed energetica del paese o su un fatto di politica estera rispetto a due o tre scamiciati che si insultano, urlano e che si rinfacciano le responsabilità per le peggiori cose che succedono nel paese? L’audience detta legge ed è evidente che le risse la fanno alzare. Inoltre il conduttore in realtà promuove lui gli esponenti dei partiti che più gli piacciono, o per le loro posizioni o banalmente perché fanno più spettacolo. Con il sistema bipolare, poi, succede che ogni discussione nella maggioranza di governo, fisiologica in ampie coalizioni prodotte proprio dal maggioritario, diventi una guerra nucleare massmediatica. I contenuti della discussione si perdono subito per strada perché quel che conta sono le dietrologie, le mosse, le minacce, i ricatti. Giacché ogni contenuto relativo ad una divergenza potrebbe sboccare in una crisi di governo e giacché la media dei conduttori e dei giornalisti che si occupano di politica di quel contenuto non sanno un bel niente, molti di costoro presentano il contenuto come un pretesto che nasconde mire elettoralistiche, invidie e cattive relazioni fra i leader. Che di queste cose loro si che se ne intendono! E via con le indiscrezioni, le ricostruzioni di incontri privati e di riunioni di partito, con le dichiarazioni sulle agenzie di stampa fatte su altre dichiarazioni a loro volta fatte su altre dichiarazioni ancora. In poco tempo del contenuto su cui è nata la discussione non parla più nessuno e lo spettacolo dei politici litigiosi che litigano fra loro invece di preoccuparsi dei problemi del paese (e cioè dei contenuti) è assicurato. Quando i leader parlano, magari ad una riunione facendo un lungo intervento, in tempo reale appaiono loro frasi totalmente decontestualizzate sulle agenzie e si scatenano polemiche infinite. Saranno quelle polemiche ad essere al centro del talk show serale di turno. E spesso i leader annunciano e inventano la mossa direttamente nei talk show. Con buona pace del loro partito che discuterà della mossa a posteriori. Ma lo stesso vale per chi ha invece discusso, magari molto a lungo, e votato in una riunione con centinaia di dirigenti. Il leader espone una posizione davanti a milioni di telespettatori ed è come se quella posizione fosse la sua personale. Come se l’avesse inventata al momento. Gli elettori e spesso gli stessi iscritti del partito di quel leader credono anch’essi che l’annuncio di una mossa o di una posizione sia farina del sacco del leader e ne discutono esattamente come si discute di cosa fa il ct della nazionale o l’allenatore della propria squadra del cuore. C’è un effetto concreto del maggioritario e del sistema massmediatico, che pensa all’audience invece che all’informazione, sulla natura dei partiti e soprattutto sul peso dei loro leader. Perfino per quei partiti che sono organizzati ed hanno una vita democratica. Perché gli elettori e perfino gli iscritti di quel partito sono ormai abituati dall’andazzo a non leggere la propria stampa, i documenti del proprio partito, ad applicare dietrologie a tutto, a fare infinti processi alle intenzioni, a tifare pro o contro il proprio stesso leader. Se la politica è spettacolo i partiti, e all’interno dei partiti i vari personaggi, ogni giorno devono inventarsi qualcosa per essere ripresi dalle agenzie, per essere invitati da un conduttore, per non essere velocemente dimenticati. Così tutto diventa un rumore di fondo nel quale è impossibile distinguere una cosa seria e una vera proposta dal coro cacofonico imperante.

Potrei continuare anche su questo molto a lungo. Ma credo sia sufficiente per dimostrare che oltre a non informare su un bel niente i talk show e i politologi sulla carta stampata hanno moltiplicato e ampliato enormemente la degenerazione dei partiti e soprattutto la separazione della politica dalla società. Ovviamente non si tratta di un caso. Ma nemmeno di un disegno o di un complotto. È l’effetto, certo assecondato e implementato, di quel processo oggettivo di cui abbiamo parlato più sopra. La “politica” non si occupa più di avere progetti economici, sociali e culturali veramente alternativi fra loro. La sinistra che lo fa deve scontare di non essere compresa, di vedere deformate le proprie posizioni secondo la perversa logica maggioritaria, ed ha sempre meno spazio. Come nella società consumistica ed individualistica imperante ciò che conta non è essere, bensì apparire. La politica spettacolo è l’apoteosi di tutto questo.

Ma prima di parlare della passivizzazione della società e specificatamente del ruolo dei talk show (soprattutto quelli ostili a Berlusconi) nella implementazione della stessa, voglio fare un esempio concreto che dimostra che la descrizione che ho fatto testé delle degenerazioni nei partiti e della percezione che la cittadinanza ha dei partiti prodotta dal maggioritario e dai mass media è fedele alla realtà. E se non lo è del tutto lo è per difetto e non per eccesso critico.

Al tempo del primo governo Prodi, che noi del PRC appoggiavamo dall’esterno prima della famosa rottura, arrivò in parlamento la ratifica del trattato internazionale relativo all’allargamento della NATO a Polonia, Repubblica Ceca e Ungheria.

Va detto che la ratifica del trattato da parte del parlamento era esiziale per il progetto di allargamento della NATO. Si trattava cioè di una decisione cogente, essendo il parlamento totalmente sovrano sul merito della decisione.

Noi eravamo contrari. Tutti gli altri partiti (tranne la Lega) favorevoli. In un parlamento eletto proporzionalmente tutto si sarebbe risolto come una questione di pura routine. Ma la destra denunciò il fatto che la maggioranza non disponeva di una linea di politica estera unitaria e dei voti autosufficienti per implementarla. E minacciò di votare contro per fare cadere il governo. Conseguentemente la nostra posizione divenne vitale per il governo. Noi tenemmo la posizione. Ne discutemmo in segreteria, in direzione del partito, nel comitato politico nazionale e nei gruppi parlamentari. La posizione fu unanime. Non c’erano alternative ne possibili compromessi di nessun genere. Ma sapevamo anche che su quel tema la destra stava facendo un bluff di enormi proporzioni. Avrebbe si fatto cadere il governo, ma al prezzo di far saltare per anni l’allargamento della NATO, dimostrandosi così inaffidabile per il governo USA e per gli altri governi di destra europei. Nelle settimane che precedettero il voto ne successero di tutti i colori. Ed ovviamente i mass media si guardarono bene dal parlare del merito di cosa fosse realmente diventata la NATO, di cosa volesse dire allargarla ad est e quale politica militare ed estera fosse in gioco per l’Italia. Anche perché, tranne qualche eccezione, ad occuparsi per i giornali della vicenda non erano i redattori di politica estera bensì quelli di politica interna, e quasi nessuno di questi ultimi (posso dirlo sulla base delle mie molteplici conversazioni con loro) non sapevano che la NATO funzionava con il metodo del consenso e non a maggioranza, non conoscevano il suo Statuto, credevano che fosse stata istituita in risposta al Patto di Varsavia e non viceversa e così via. Per loro l’unico tema su cui scrivere e intervistare era relativo alla caduta del governo o meno. In quel trambusto a me, che mi occupavo in prima persona della faccenda, capitarono due cose. Che racconto perché altamente esemplificative, derogando alla regola che mi sono autoimposto di parlare il meno possibile delle mie esperienze personali.

La prima. Un altissimo dirigente del PDS mi fece il seguente ragionamento: se la destra pur essendo favorevole all’allargamento della NATO votasse contro per far cadere il governo voi potreste neutralizzare questa manovra, dichiarando di essere contro ed elencando tutti i motivi della vostra contrarietà, ma votando alla fine a favore per salvare il governo. Gli risposi che mi sembrava matto e che mi meravigliavo che considerasse normale anche la sola idea che i favorevoli ad una cosa potessero votare contro e viceversa.

La seconda. In una delle sedute preliminari al voto in commissione esteri, alla presenza del ministro degli esteri Dini, dissi chiaro e tondo che noi avremmo votato contro sia in commissione sia in aula. Che non c’erano mediazioni possibili di nessun tipo. All’uscita della seduta rilasciai dichiarazioni a tutte le agenzie di stampa e interviste a tutti i TG. Quella sera e il giorno seguente sulle Tv e sulla stampa l’annuncio che avevo fatto era nelle aperture con grande rilievo. Due giorni dopo la seduta della commissione sul Manifesto uscì un articolo nel quale si diceva che il PRC “aveva messo la sordina sulla questione della NATO” per non disturbare troppo il governo. Strabuzzai gli occhi leggendolo. Mi sembrava impossibile che il redattore (che per altro stimavo molto per le sue posizioni) non si fosse accorto che era successo esattamente il contrario. Gli telefonai e gentilmente gli chiesi conto di quanto aveva scritto, elencandogli le testate e i TG che avevano scritto e detto che il PRC si apprestava a far cadere il governo sulla NATO. Lui mi ripose, lasciandomi a bocca aperta, che aveva visto tutto ma che siccome ero stato io a parlare e non Bertinotti era sicuro che questo avrebbe portato ad un qualche aggiustamento dell’ultimo minuto gestito da Bertinotti in prima persona. Esternai il mio stupore e disaccordo e gli chiesi almeno di pubblicare un mio articolo sul merito della questione e non in risposta al suo. Mi disse di si. Inviai l’articolo, ma non venne mai pubblicato. Ovviamente noi votammo contro e la destra fece passare l’allargamento della NATO.

Chiunque voglia dilettarsi a leggere (ed è una lettura altamente istruttiva) le dichiarazioni di voto finali sull’allargamento della NATO in oggetto lo può fare seguendo questo link:

http://www.camera.it/_dati/leg13/lavori/stenografici/framedinam.asp?sedpag=sed377/s000r.htm

la mia dichiarazione è a pagina 43 dello stenografico.

Ecco! Come si vede i contenuti spariscono alla velocità della luce. Centrodestra e centrosinistra si dimostrano pronti a imbrogliare le carte fino al paradosso, perché il maggioritario partorisce in Italia coalizioni eterodosse ma poi pretende per la sua stessa logica che si comportino come partiti ultracompatti. Giornali e Tv non informano sulla natura della decisione da prendere, sull’oggetto della stessa e sui meccanismi democratici che presiedono alla decisione stessa, bensì sugli effetti di un voto trasfigurandolo in una specie di voto di fiducia sul governo. Le decisioni e le posizioni dei partiti, che bisognerebbe perlomeno leggere per poter informare lettori e telespettatori, non esistono, non contano. Qual che conta è la dietrologia, il processo alle intenzioni, la polemica di politica interna. Se una cosa non la dice il leader di Rifondazione, bensì il responsabile esteri del partito, gatta ci cova perfino per Il Manifesto! Figuriamoci per i talk show e per gli altri giornali.

 

Continua…

 

ramon mantovani

Morte ai partiti? (parte seconda)

Posted in articoli pubblicati sul blog with tags , , , , , , , , , , , , on 12 giugno, 2012 by ramon mantovani

Analizziamo, in questa seconda parte dell’articolo, la degenerazione ulteriore del sistema politico italiano e in particolare le questioni relative alle elezioni amministrative con elezione maggioritaria diretta di sindaci e presidenti e alle preferenze.

Ancora durante il terremoto di tangentopoli, come abbiamo già detto, si passò al sistema maggioritario. Si cominciò dalle amministrative.

Oggi c’è un coro quasi unanime nel ritenere cosa buona e giusta l’elezione diretta dei sindaci e dei presidenti di province e regioni. Si dice che i cittadini possono scegliere, che non devono affidarsi alle trattative tra i partiti dopo le elezioni, che quindi possono “partecipare” effettivamente e direttamente.

Nessuno può spiegare, però, come mai da quando c’è l’elezione diretta di sindaci e presidenti (in tutte le regioni non esiste la carica di “governatore” eppure, ahinoi, a destra e manca si parla sempre di governatori perché fa più “americano”!) la cittadinanza vota meno e al secondo turno vota ancora meno che nel primo turno. Mistero o sintomo di minor partecipazione? Ma vediamo nel dettaglio gli effetti concreti della riforma elettorale di comuni, province e regioni.

Il sindaco o presidente di provincia e la sua giunta hanno concentrato molti poteri che prima appartenevano al consiglio. Il consiglio, se va bene, è ridotto al controllo dell’operato della giunta, ma anche in questa funzione è zoppo giacché la giunta dispone del premio di maggioranza in seggi e lo può controllare più agevolmente. Inoltre la giunta assume “consulenti” ultra pagati, con mortificazione ulteriore delle competenze propositive del consiglio e dell’apparato funzionariale dell’ente locale. Ovviamente i consiglieri sono stati “consolati” aumentando le loro prebende in senso inversamente proporzionale al potere detenuto effettivamente rispetto al passato. I partiti che hanno perso potere di rappresentanza effettiva sia verso il sindaco o presidente sia verso i propri gruppi istituzionali (ma fra poco vedremo meglio questo aspetto) vengono ricompensati con i “posti” nei consigli di amministrazione delle municipalizzate e in diversi altri organismi. Tutti posti altamente remunerati, molto più delle semplici e già notevolmente aumentate prebende dei consiglieri. In questo quadro il sindaco o presidente e la sua coalizione che ha ottenuto mediamente si e no un terzo dei voti degli aventi diritto comanda su tutti.

Nelle regioni, dove con il capolavoro “federalista” del centrosinistra sono stati concentrati poteri prima di esclusiva competenza statale, è ancora peggio. Valgono le stesse considerazioni dei comuni e delle province appena elencate. Ma a queste bisogna aggiungere la competenza ad approvare leggi elettorali proprie e, guarda un po’, a regolare in proprio gli stipendi dei propri consiglieri, con relativi vitalizi e prebende varie. Chiunque sa che ormai due terzi delle regioni hanno per i loro consiglieri trattamenti ben più privilegiati di quelli dei parlamentari nazionali.

Il doppio effetto dell’elezione diretta del podestà (pardòn, del sindaco o del presidente) e della permanenza delle preferenze nei comuni e nelle regioni (tranne la Toscana) ha prodotto una assoluta personalizzazione della politica. Sempre più i candidati a sindaco o presidente lo diventano lanciando da se la propria candidatura e invitando, o obbligando, i partiti affini a seguire. Anche nel caso il candidato venga proposto ed offerto alla coalizione da un partito questo è quasi sempre un “personaggio” locale. Non è la competenza, la cultura o la coerenza con un qualche ideale ad ispirare la scelta. Bensì la possibilità o meno di competere in una campagna elettorale costruita sulla competizione personale. L’iperbole del personalismo sta nelle primarie. Dove le differenze programmatiche e a volte perfino le scelte di composizione delle coalizioni dipendono dal “personaggio” che le vincerà. Le folle plaudenti possono solo organizzarsi per fare il tifo e portare voti al “personaggio”. Da lui e solo da lui dipenderanno soddisfazioni e delusioni.

Inoltre ci sono le preferenze. Sulle quali tornerò ancora più avanti. Ma intanto parlando di comuni e regioni, dove i consiglieri non sono “nominati” bensì eletti con un sempre crescente numero di voti di preferenza, bisogna saper vedere la realtà.

Con il maggioritario si vince o si va al ballottaggio spesso per pochi voti. Quindi il maggioritario, che avrebbe dovuto semplificare il sistema politico e ridurre il numero dei partiti, è la causa, invece, del proliferare delle liste e della frammentazione politica. Anche a costo di annoiare descrivo puntualmente, e secondo me inconfutabilmente, i meccanismi che provocano personalizzazione e frammentazione.

Essendoci contemporaneamente il voto di preferenza e il maggioritario le liste dei partiti non bastano. Per il semplice motivo che anche una lista con un nome di fantasia ma collegata ad un candidato sindaco o presidente apporta al risultato finale almeno i voti di preferenza raccolti dai candidati. Se in una coalizione ci sono due liste e nell’altra quindici e il consiglio è di trenta seggi la prima coalizione avrà 60 candidati e l’altra 450. I voti strettissimi di parenti ed amici, che magari mai voterebbero per quello schieramento, possono essere decisivi per la vittoria finale.

Si dirà, e si dice, che il maggioritario, l’elezione diretta del sindaco o del presidente e le preferenze garantiscono che l’elettore scelga veramente. Si dice che chi vince governa e può prendere decisioni, forte del consenso della popolazione che l’ha eletto direttamente alla funzione di governo. Si dice che i consiglieri, essendo stati eletti con le preferenze, sono più rappresentativi e che i partiti sono più democratici in quanto i dirigenti di partito possono al massimo proporre una lista e non decidere chi verrà eletto.

Sono tutte falsità. È vero esattamente il contrario. E tenterò di dimostrarlo.

Per farlo esporrò dei dati oggettivi, e non solo opinioni e vaghe considerazioni. A tal fine mi sono preso la briga di analizzare il risultato elettorale delle recentissime elezioni del comune di Genova. Sono convinto che siano rappresentative dei fenomeni che descriverò. E comunque chi volesse cimentarsi a dimostrare il contrario esibendo dati di altri comuni lo può fare.

Nel 2007 per il comune votarono 323.289 elettori su 523.529 aventi diritto. Pari al 61,75 %.

Nel 2006 nel comune di Genova per la Camera dei Deputati aveva votato il 82,41 % degli aventi diritto. E nel 2008, sempre per la Camera, il 75,90 %.

Tre elezioni in due anni. Come mai nei turni delle elezioni politiche votano tra il 15 e il 20 % in più del comune? Eppure per la Camera si vota con il sistema elettorale chiamato “porcellum”, gli elettori non possono scegliere i propri rappresentanti con le preferenze, le liste dei partiti comprendono persone (come il sottoscritto) senza radicamento territoriale. Come mai quando si vota direttamente per il sindaco e si possono scegliere con le preferenze i rappresentanti che si conoscono bene perché abitano sul territorio il 20% degli elettori non vota?

Nel 2007 vinse le elezioni al primo turno la candidata del centrosinistra Marta Vincenzi con 158.238 voti pari al 51,20% sui voti validi. Ma pari al 30,22% sugli aventi diritto.

Nemmeno un terzo degli elettori decretò la vittoria del centrosinistra e fece guadagnare alla coalizione 30 dei 50 seggi in consiglio comunale, pari al 60%.

Insomma, con il 30% degli elettori si conquista il 60% dei seggi in consiglio.

E vediamo cosa è successo poche settimane fa.

Al primo turno votano 279.683 elettori su 503.752, pari al 55,51%. Al secondo 196.894 pari al 39,08%.

Il candidato del centrosinistra, nominato con le primarie, al primo turno prende 127.477 voti pari al 48,31% sui votanti e al 25,30% sugli aventi diritto. Al ballottaggio prende 114.245 voti pari al 59,71% sui votanti e al 22,67% sugli aventi diritto.

Insomma, le elezioni si vincono con nemmeno il voto di un elettore su quattro. E si conquistano 24 seggi su 40, pari sempre al 60%.

È questo il bello dell’elezione diretta del sindaco? È questa la dimostrazione che le liste dove si può scegliere chi votare con la preferenza aumentano la partecipazione dei cittadini?

Ed ora tenterò di sfatare il mito che con le preferenze si scelgono i propri rappresentanti.

Tutti i dati si riferiscono alle ultime comunali di Genova.

Si sono presentate 25 liste. Di queste solo 8 hanno eletto consiglieri. E una il solo candidato sindaco.

Le liste composte quasi tutte da 40 persone hanno messo in campo 1000 candidati. Circa un candidato ogni 230 votanti. Perché, al netto dei votanti i soli candidati sindaci, solo 229.989 elettori hanno votato una lista.

Per tutte le liste sono state espresse 93.391 preferenze, pari al 41,15% dei voti andati a tutte le liste.

Ai candidati effettivamente eletti sono andati 23.236 voti. Il 10,10% rispetto ai voti di lista e l’11,90% rispetto ai voti di lista dei partiti che hanno eletto. Il 24,88% rispetto al numero totale delle preferenze espresse su tutte le liste.

In altre parole 8 elettori (per la precisione 8,4) che hanno espresso una preferenza non hanno eletto nessuno, né scelto un bel niente.

Inoltre il 33,40% degli elettori che ha votato liste che non hanno eletto nessuno ha espresso la preferenza. Una percentuale maggiore di circa l’8% rispetto alle liste che hanno eletto. E se consideriamo i dati dividendoli fra liste coalizzate e liste non coalizzate troviamo che il 34,64% degli elettori di liste che non hanno eletto ma coalizzate nel centrodestra, hanno espresso preferenze (ma il dato sarebbe di circa il 60% se non fosse per una lista, Libertas DC, i cui elettori stranamente hanno espresso pochissime preferenze, addirittura solo l’1,29%). Per il centrosinistra il dato è del 61,04%. Mentre per le liste non coalizzate è il 19,99%. Vi è quindi una differenza enorme tra le preferenze espresse per liste che non hanno eletto ma i cui voti hanno contribuito alla vittoria della coalizione e le liste che hanno sostanzialmente disperso i voti.

È difficile sostenere che il sistema delle preferenze premi le scelte degli elettori, se solo uno su dieci centra l’obiettivo di mandare in consiglio il rappresentante che preferisce. È altrettanto evidente che le cosiddette liste civiche coalizzate hanno la funzione di convogliare sulla coalizione voti attraverso le preferenze, anche se queste non eleggono nessuno. Ci sono cioè molti cittadini che votano un conoscente, un collega, un parente, ma non lo eleggono, portando però un vantaggio ad una coalizione che magari non voterebbero. Determinando quindi l’elezione di altre persone che magari non voterebbero mai.

È la dimostrazione di quanto ho sostenuto più sopra.

La controprova sta nell’esame delle preferenze per le liste non coalizzate, che sono infinitamente inferiori rispetto alle altre.

Salta all’occhio, per chi lo vuole vedere, un dato stupefacente. La lista 5 stelle, con la sua retorica contro il parlamento dei nominati, con l’apologia delle persone della società civile radicate nel territorio, è la lista i cui elettori esprimono il minor numero di preferenze. 32.516 voti alla lista e solo 1.086 preferenze espresse, pari al 3,33%. E di queste 1.086 preferenze solo 461 sono state decisive per eleggere i 4 consiglieri espressi dalla lista.

Tutti questi sono dati reali e fatti. La retorica delle preferenze che garantirebbero di non avere “nominati” è fatta solo di parole, che per quanto suggestive sono in aperta contraddizione con i fatti. Ma si possono aggiungere altre considerazioni circa le preferenze.

Come abbiamo visto la gran parte delle preferenze espresse non elegge nessuno e spesso induce l’elettore a portare il suo voto per una lista o per una coalizione che non voterebbe se desse retta ai suoi convincimenti ideali o anche solo politici. Come abbiamo visto è falso che la possibilità di scegliere l’eletto con le preferenze aumenta la partecipazione al voto. Come abbiamo visto più il voto è orientato da motivazioni e convinzioni più alta è la delega politica consegnata alla lista o al partito, fino a non esprimere quasi preferenze.

Ora elenchiamo altre conseguenze precise ed inconfutabili prodotte dal sistema delle preferenze.

1) L’elettore che vota una lista non sa chi sarà eletto. Quindi in una lista possono esserci ottimi candidati e pessimi candidati. In una lista bloccata si sa chi quella lista vuole effettivamente portare in consiglio. Conseguentemente l’elettore può meglio effettivamente scegliere a ragion veduta se esprimere il voto per quella lista. Facciamo un esempio, concreto (ma se ne potrebbero fare moltissimi): se il partito X si presume grossomodo che possa eleggere 5 consiglieri e nei primi 5 posti in una lista bloccata non mette nessuna donna, l’elettore o elettrice che abbia a cuore la rappresentanza femminile punirà quel partito, giacché è chiaro quale sia la sua volontà. Con le preferenze, invece, molti scelgono una donna e alla fine eleggono solo uomini.

2) Nella lista bloccata i candidati non sono in competizione fra loro. Non dedicano la maggior parte del tempo e delle risorse a cercare il voto per se stessi nello stesso bacino elettorale degli altri candidati della stessa lista. Non devono produrre materiale di propaganda con la propria faccia e con slogan folgoranti ma che non c’entrano nulla con ciò che faranno in consiglio se eletti. Non devono offrire cene e fare promesse di ogni tipo. La campagna sarà incentrata sul programma e sui progetti politici collettivamente espressi dalla lista. Con le preferenze, invece, la lista è minata nella sua unità esattamente dalla competizione sfrenata dei candidati che corrono effettivamente per essere eletti. Le differenze diventano divisioni e le scorrettezze si sprecano. I muri sono invasi da facce con slogan che vanno bene per qualsiasi partito o lista. Per competere ci vogliono molti soldi. Come rientreranno gli eletti dai costi enormi che hanno sostenuto in campagna elettorale? Che competizione seria ci può essere tra chi possiede molti soldi e chi non ne possiede?

3) Al contrario di quel che si crede il rinnovamento del personale politico è sfavorito dalle preferenze. È perfino ovvio che più si è conosciuti e più preferenze si raccolgono. E che chi siede in consiglio da più tempo è più conosciuto. Se un partito tenta di rimuovere uno attaccato alla seggiola da diverse legislature lo può fare solo non mettendolo in lista e rinunciando a buona parte dei voti di preferenza che questi è in grado di mobilitare. Ma ormai sempre più spesso l’estromesso esce dal partito e fonda la sua lista, portandosi gran parte delle preferenze e risultando spesso eletto in consiglio.

4) I luoghi comuni imperanti dicono che il consigliere eletto nella lista bloccata sarebbe “fedele” al partito perché è da questo che dipende la sua eventuale rielezione. Mentre il consigliere eletto con le preferenze sarebbe più libero, rappresentando così meglio i cittadini. Ma cos’è la fedeltà al partito? Se uno è parte di un collettivo del quale condivide ideali e programmi, che per altro ha contribuito a produrre, e viene scelto democraticamente, sempre dal collettivo, perché non dovrebbe adeguarsi alle decisioni che quel collettivo prende? Sarebbe questa la schiavitù del “nominato”? Come abbiamo visto più sopra con dati inconfutabili, solo un elettore su dieci elegge chi preferisce con la preferenza. Se analizziamo i voti personali di preferenza ottenuti da un singolo candidato scopriamo che ad eleggerlo hanno concorso due fattori: a) i voti di lista senza preferenze e i voti di lista più preferenze andate a candidati non eletti; b) i voti di lista con i voti di preferenza per quel candidato. Potrebbe quel candidato essere eletto con i soli voti di preferenza? No di certo. Ed inoltre, anche di quei voti di preferenza quanti sono stati portati alla lista per la presenza di quel candidato e quanti, al contrario, sono espressione di una preferenza scelta nell’ambito di una lista che comunque si sarebbe votata? Queste inconfutabili considerazione dovrebbero impedire a qualsiasi candidato eletto di erigersi in quanto persona a rappresentante degli elettori. C’è la volontà degli elettori, quella del collettivo o partito che ha compilato e proposto programmi e liste, ed infine c’è la volontà degli eletti. Se, come si sente ad ogni piè sospinto, l’eletto dice: – “io rispondo ai miei elettori e non al partito!” – vuol dire che siamo in presenza di un furto di consenso, di una appropriazione indebita, di un abuso. Di un vero e proprio imbroglio. Spesso c’è un debito da saldare con lobbies e persone che, quelle si, hanno avuto parte decisiva nel raccogliere le preferenze necessarie per essere eletti. Se gli interessi delle lobbies entrano in conflitto con gli interessi di partito e con quelli del 90% e passa degli elettori che hanno votato la lista ma non quel candidato, è democratico che prevalga l’interesse privato dell’eletto?

5) Le preferenze sono una libera di scelta dei cittadini. E come tutte le libertà non sono un obbligo. Quindi fra i voti di lista c’è democrazia sostanziale se anche solo una minoranza sceglie le persone con le preferenze. Chi non le esprime o ne esprime di perdenti ha comunque partecipato. Questo ragionamento sembra non fare una grinza. Ma se si dimostra che il voto può essere controllato e quindi scambiato come una merce al mercato il ragionamento crolla miseramente. Ed è quello che farò, ancora una volta inconfutabilmente.

Un voto di lista espresso senza preferenze è sicuramente segreto e non verificabile. La legge, giustamente, prevede che non possa essere riconoscibile. Ma il voto di preferenza, invece, può facilissimamente rendere il voto riconoscibile. Del resto è da tempo immemore che la mafia controlla enormi quantità di voti in questo modo. Al sud come al nord del paese. Esagero?

Vediamo se esagero.

Se io voglio comprare pacchetti di voti per un candidato agirò così:

Ad una persona che mi promette dieci preferenze in quel seggio e venti in quell’altro seggio per il candidato pinco pallino dirò che deve far scrivere P. Pallino accanto al simbolo del partito. Ad un’altra che me ne promette cinque e dieci negli stessi seggi dirò di far scrivere Pallino Pinco. Ad un’altra Pinco Pallino in stampatello. Ad un’altra Pinco Pallino in corsivo. Ad un’altra solo Pallino. E così via. Scrutatori e rappresentanti di lista compiacenti possono agevolmente controllare durante lo scrutinio.

Da sempre nelle zone ad alta densità mafiosa ci sono percentuali di preferenze espresse esorbitanti rispetto al resto del paese. Sarà che la mafia immette nell’aria sostanze dopanti che esaltano lo spirito di partecipazione dei cittadini?

Sfido chiunque a dimostrare che le cose non stanno così.

Ovviamente si tratta di un abuso ai danni dello spirito della legge. Ma si può ignorare che il voto di scambio e il controllo del voto sono agevolati se non sostanzialmente garantiti dalla preferenza?

Per non parlare delle diffusissime clientele. Se un assessore affida ad una cooperativa un lavoro è considerato più che normale che i soci-lavoratori di quella cooperativa e le loro famiglie diventino elettori di quel personaggio, da cui può dipendere il loro futuro. Con la preferenza lo voteranno in qualsiasi partito e coalizione si candidi. Il personaggio sarà proprietario di un pacchetto di preferenze che potrà far valere in una trattativa per essere collocato in una lista. Potrà perfino “scambiare” il proprio pacchetto con personaggi di altre liste in elezioni diverse: “Io dirò ai miei elettori di votare te alla regione e tu ai tuoi di votare me al comune”. È così che in piccoli comuni, dove si può vedere bene il fenomeno, ci sono partiti che alle comunali prendono il 20% dei coti e alle regionali il 5%. E viceversa. A volte lo stesso giorno. Cosa scelgono gli elettori “fedeli” al personaggio? Cosa c’è di democratico in tutto questo?

6) I partiti i cui candidati vengono direttamente scelti dagli elettori sono obbligati a proporre liste ricche di persone di ottima qualità. La scelta degli eletti, con le preferenze, da parte dei cittadini invece che da parte dei dirigenti del partito rende il partito più democratico. Altri due luoghi comuni completamente falsi.

Se un partito non è democratico ed è dominato da un ceto irremovibile il problema è pressoché irrisolvibile. Il problema risiede nella natura e nella vita del partito. Tuttavia un partito dominato da un ceto il cui interesse è collocare alcune persone di un certo tipo nella istituzione con la lista bloccata evidenzierà senza dubbio queste intenzioni. Mentre con le preferenze potrà mettere in lista poche persone, nei piccoli partiti una persona, da eleggere sicuramente e riempire la lista di persone potenzialmente avverse tutte in competizione fra loro e, nel caso escludere quelle poche o quella effettivamente in grado di competere per l’elezione. Il ceto oligarchico potrà concentrare le preferenze sui pochi o sul singolo proprio candidato contando che tutti gli altri si divideranno fra le tante persone in lista. In altre parole mentre con la lista bloccata il ceto politico oligarchico deve per forza mettere a nudo le proprie intenzioni con le preferenze può costruire una lista apparentemente apertissima e ricchissima, ma sostanzialmente controllata e mascherata.

Anche in assenza di un ceto oligarchico la lista bloccata è migliore di quella con le preferenze. Per il semplice motivo che si possono mettere persone come operai, donne, giovani, che hanno grandi qualità ma che certamente prenderebbero meno preferenze e porterebbero quindi meno voti alla lista rispetto a notabili, medici, farmacisti, avvocati, visi noti della tv, dello spettacolo e dello sport. Perché, a meno di non avere una curiosa e molto “americana” concezione della democrazia, non si può pensare che fare una professione che mette a contatto con migliaia di persone qualifichi in senso migliore la persona rispetto a chi magari lavora in fabbrica ed è conosciuto solo da poche decine di colleghi. Senza contare il fatto che per un partito dotato di un progetto serio è indispensabile portare nelle istituzioni competenze diverse fra loro. E non competenze casuali dovute alla capacità di raccogliere preferenze dei candidati. Che se ne fa un partito di sinistra di un gruppo senza un consigliere competente sui problemi della salute in un consiglio regionale? O sul piano regolatore in un comune?

Infine, è verissimo che con la lista bloccata esiste una primazia del partito sulla lista e sugli eletti. Del resto è quanto prevede la Costituzione. Perché l’esercizio della funzione senza vincolo di mandato e l’insindacabilità di opinioni e voti espressi nel parlamento nazionale sono principi tesi a tutelare gli eletti da eventuali poteri forti e dal controllo degli stessi. Non a recidere l’ovvio rapporto fra eletti ed elettori nell’ambito dei contenuti, dei programmi e degli ideali condivisi fra i partecipanti ad un collettivo partitico. Non è vietato prima di votare ascoltare il proprio partito e scegliere di obbedire. Questo appartiene alla libertà del parlamentare o del consigliere. Mentre l’eletto che dice “rispondo ai miei elettori” e che mobilita molte preferenze può facilmente piegare il partito che l’ha messo in lista e fatto eleggere a subire le sue unilaterali decisioni.

Non vado oltre, anche se potrei farlo ancora molto a lungo.

Mi è chiaro che i partiti oggi non sono certo quelli previsti dalla Costituzione. Basta dare uno sguardo ai simboli per capire che sono spesso “proprietà” del leader, senza il quale non esisterebbero nemmeno. Mi è chiaro, quindi, che le oligarchie che li controllano non possono essere paragonate a nulla di democratico e collettivo. Mi è chiaro che la connotazione ideologica e programmatica dei partiti è totalmente generica e labile, quando non esplicitamente assente.

È evidente, quindi, che le mie stesse considerazioni esposte più sopra hanno un valore molto relativo. Per il semplice motivo che il sistema politico istituzionale è stato profondissimamente modificato dalla disgregazione sociale prodotta dalla controrivoluzione capitalistica degli ultimi 30 anni. La gente vive in modo diverso e pensa in modo diverso. C’è una sostanziale americanizzazione della vita politica. Elezione diretta delle persone, partiti senza ideologia, trionfo delle lobbies e delle clientele, candidati diretti da “consulenti di immagine”, telegenicità, demagogia iperbolica, tifo per i leader e così via, sono l’effetto e il moltiplicatore del senso comune imperante. Più avanti vedremo come i mass media abbiano contribuito all’americanizzazione della politica italiana. Ma non bisogna dimenticare la base oggettiva di tutto il processo, che risiede nel modello sociale scaturito dalla svalorizzazione del lavoro, dalla centralità della finanza, dalla competitività esasperata e dal conseguente individualismo ed egoismo sociale.

Oggi dire, come ho fatto io appena adesso, che l’elezione diretta dei sindaci e le preferenze sono un imbroglio è più o meno come predicare l’ateismo su un convoglio di pellegrini malati diretto a Lourdes. Ne ho piena consapevolezza.

Tuttavia, pur sapendo che qualsiasi sia il sistema elettorale bisogna sempre cercare di rappresentare gli interessi di classe e i contenuti di sinistra, l’unica cosa che non si deve fare è illudersi che il sistema sia neutro. Per chi si proponga di cambiare la realtà non è eludibile il giudizio da dare sul sistema politico e perfino sull’accezione che ha la stessa parola “politica” nel senso comune diffuso e nel pensiero dominante. I comunisti e la sinistra degna di questo nome, per quanto debbano fare i conti con la realtà, non possono fare l’apologia di sistemi maggioritari, primarie, preferenze, elezioni dirette. Se devo svitare una vite e il cacciavite non c’è più dovrò adeguarmi ad usare un altro mezzo. Un coltello, perfino l’unghia del dito. Ma, per favore, senza dire che l’unghia è meglio del cacciavite o addirittura che l’uso dell’unghia al fine di svitare una vite sia una cosa meravigliosamente nuova e che il cacciavite è un retaggio novecentesco. Il superamento dei partiti della “prima repubblica” in favore dei partiti del leader, della scelta delle persone invece che delle idee e così via è banalmente un ritorno al passato. Non c’è nulla di nuovo, tranne l’involucro apparentemente moderno e luccicante.

Usare qualsiasi mezzo e spazio permetta il sistema, quindi, è un imperativo. Ma svendere principi facendo l’apologia del sistema della politica spettacolo è un tradimento bello e buono.

Non c’entra nulla con il concetto che dovrebbe avere la sinistra della democrazia andare ad una manifestazione sventolando una bandiera dove campeggia un simbolo con il nome del leader. O presentarsi alle elezioni con un simbolo come quello scelto da SEL alle ultime elezioni palermitane. Recante l’unica scritta: “Palermo per Ferrandelli con Vendola”.

Una vergogna, indicativa dei tempi in cui viviamo.

Continua…

 

ramon mantovani

Morte ai partiti? (parte prima)

Posted in articoli pubblicati sul blog with tags , , , , , , , , , , , , , on 1 giugno, 2012 by ramon mantovani

È in atto una potentissima campagna distruttiva della democrazia rappresentativa. L’obiettivo è compiere definitivamente il passaggio ad una “democrazia” autoritaria, priva di qualsiasi riferimento sociale, tecnocratica in quanto esplicitamente priva di alcun potere reale in economia.

La effettiva forza ed ampiezza di tale campagna si deve a due fattori, che tenterò di analizzare spero non superficialmente.

1) la sintonia (e quindi l’apparente oggettività e naturalità) dei progetti autoritari e tecnocratici con l’evoluzione del sistema economico e politico e soprattutto con il modello sociale prodotto, negli ultimi trenta anni, dalla globalizzazione capitalistica.

2) la degenerazione, dei partiti prodotta dal triplice effetto dei mutamenti economico-sociali,  dai referendum contro il proporzionale degli anni 90 con il conseguente passaggio al sistema “bipolare” e, infine, dalla spinta complessiva dei mass media che ha partorito la “politica spettacolo”.

Senza la bussola della ricerca dei nessi fra diversi fattori ed avvenimenti e soprattutto senza un’analisi delle cause profonde dei processi politici si finisce, come capita di vedere a chiunque legga i giornali e assista ai talk show televisivi in questi giorni, con lo scambiare gli effetti per le cause. Arrivando a descrivere una realtà virtuale nella quale ogni fatto è il semplificato prodotto delle azioni di poche persone (i leader) e non il prodotto, appunto, dell’ambiente nel quale nasce, si sviluppa, si compie e delle forze concrete che in esso si muovono.

In questo scritto tenterò anche di confutare alcuni luoghi comuni imperanti circa il finanziamento pubblico ai partiti, le preferenze e il cosiddetto “parlamento dei nominati”, le primarie, la “legalità”, la “democrazia diretta” referendaria e la “vera” informazione politica.

 

Gli antecedenti

 

Le istituzioni politiche, i parlamenti, i sistemi politici ed i partiti non sono mai astratti. Non esiste un loro predominio assoluto sulla società tale da plasmarla secondo la loro volontà. Sono il riflesso complesso dei rapporti sociali, dei poteri economici, della cultura dominante. E a loro volta li influenzano in un costante rapporto dialettico. Possono essere la mera incarnazione del dominio elitario di una classe sociale con il corollario ideologico liberale (nella storia volentieri tradito e contraddetto dalla borghesia se minacciata nei suoi privilegi, fino all’aberrazione del fascismo e del nazismo) o il luogo (mai neutro) della competizione e della mediazione fra interessi di classe diversi e contrapposti, sulla base di un compromesso e di un modello sociale condiviso.

So bene che queste affermazioni sono incomplete ed anche sommarie. Tuttavia sono, secondo me, inconfutabili ed indispensabili.

Mi basta fare un esempio per spiegarmi meglio.

Da ormai molto tempo in Italia la “democrazia americana” è indicata come esempio da seguire, come la democrazia migliore e più chiara. L’ho sentito dire ancora, di recente, dal guru televisivo Michele Santoro. Si parla della elezione “diretta” del Presidente degli USA come di una reale e concreta possibilità di decisione da parte degli elettori. In pensosi articoli sui maggiori quotidiani e in innumerevoli disquisizioni nei talk show (soprattutto quelli considerati antiberlusconiani) si paragona sempre la “confusione” e “instabilità” del sistema italiano composto da “troppi” partiti con la linearità e chiarezza di quello USA. I mass media seguono passo a passo con grande rilevanza le primarie, descritte come immensamente democratiche. Ognuno/a può fare appello alla propria memoria e verificare se ciò che ho appena scritto è falso oppure esagerato.

Orbene, non bisogna essere uno studioso o un accademico per sapere che il sistema istituzionale ed elettorale degli USA è ancora oggi sostanzialmente lo stesso di quando votavano poche centinaia di migliaia di maschi (circa 350mila su 10 milioni di abitanti degli stati che allora componevano gli USA nel 1824), o pochi milioni, sempre di maschi, dopo la fine della guerra civile (circa 5 milioni su 40 milioni nel 1870). Gli elettori non votano affatto direttamente per il Presidente. Votano per eleggere i delegati di ogni stato ad una assemblea che poi voterà effettivamente il Presidente. Ma in ogni stato tutti i delegati vengono assegnati alla lista che prende anche un solo voto in più dell’altra. Può succedere, ed è successo nel 2000, che un candidato prenda 600mila voti in più dell’altro ma che non venga eletto perché l’altro ha conquistato più delegati. Dopo il suffragio universale femminile degli anni 20 solo nel 1965 è stata cancellata la “prova” che gli aspiranti elettori dovevano sostenere per dimostrare di  non essere analfabeti, di parlare inglese e di possedere un minimo di cultura. Ma ancora oggi per votare bisogna andare ad iscriversi alla lista elettorale. Non c’è alcun automatismo fra cittadinanza e diritto di voto. Normalmente i partiti, che dato il sistema non possono essere che due, scelgono i candidati con elezioni primarie. Ma non c’è norma costituzionale o legislativa che regoli le primarie, che infatti possono essere fatte in molti modi diversi. Anche le primarie hanno però generalmente un sistema analogo a quello elettorale presidenziale. Ogni stato vota i delegati alla convenzione del partito secondo il principio piglia tutto del maggioritario (ma non lo stesso giorno) e in corso d’opera i rivali, che magari si sono anche insultati a lungo, si mettono d’accordo per spartirsi presidenza, vicepresidenza e posti nell’eventuale governo, alla faccia dei partecipanti alle primarie degli stati nei quali si era già votato prima dell’accordo. Come è noto le campagne per le primarie e per le presidenziali sono esplicitamente finanziate da banche, multinazionali, assicurazioni, industrie e potentati vari a suon di centinaia di milioni di dollari. Gli elettori delle primarie, come poi delle presidenziali, non possono fare altro che essere tifosi di un candidato. Non hanno alcuno strumento per decidere null’altro che non sia il voto al loro leader.

Così si vota negli USA. La spudoratezza di chi indica questo sistema come “la più grande e migliore democrazia del mondo” è propria degli imbroglioni. Non certo di chi ha a cuore la partecipazione della cittadinanza alle decisioni politiche.

Anche in Italia votava una piccola parte della popolazione (maschile). Nel 1900 circa 1 milione 400mila su 33 milioni e mezzo di abitanti contro i circa 14 milioni su circa 77 milioni di abitanti degli USA. Il paragone è fra votanti e popolazione assoluta giacché è impossibile fare un paragone corretto sugli “aventi diritto”. Basti dire che in Italia gli “aventi diritto” iscritti alle liste elettorali nel 1900 erano solo 2 milioni e mezzo su 33 milioni e mezzo di abitanti. Nel 1948, con il suffragio universale femminile in entrambi i paesi, in Italia votano circa 27 milioni su circa 46 milioni di abitanti e negli USA circa 49 milioni su circa 150 milioni di abitanti.

Chiunque sia minimamente in buona fede e creda (al contrario che il sottoscritto) che la democrazia si misuri sostanzialmente con le elezioni dovrebbe trarre da questi semplici dati alcune banali considerazioni.

È evidentissimo che un sistema politico ed elettorale nato per scegliere il personale di governo con i voti di una elite è organizzato in un certo modo e non in altri. Nella elite dominante negli USA avevano tutti gli stessi interessi e concezione della società. Le differenze erano minime e comunque non c’era antagonismo. Il sistema della scelta dei delegati statali e della convenzione nazionale sia per le primarie sia per le elezioni vere e proprie era coerente con la base elettorale che doveva essere rappresentata. I due partiti sono sempre stati due grandi comitati elettorali e basta. Nulla a che vedere con i partiti previsti nella costituzione italiana. Anche in Italia quando votava solo l’elite il sistema era maggioritario (e si potevano perfino votare, con il sistema delle preferenze, candidati di liste diverse allo stesso tempo). A dimostrazione che quando vota l’elite il sistema è congeniale alla selezione dei rappresentanti dell’elite e basta. Si tratta cioè più di scegliere persone che indirizzi e opzioni alternative fra loro. Nel 1900 il Partito socialista prese il 6,5 % e le due liste principali furono “Ministeriali” (58,27 %) e Opposizione Costituzionale (22,83 %).

Che negli anni 2000 negli USA si voti con un sistema identico a quello che c’era quando votava solo l’elite, che sia ancora necessario andare ad iscriversi alle liste per poter votare, che possa vincere chi prende meno voti assoluti, che i partiti esistano solo per le elezioni ecc non è solo una tradizione curiosa. È l’effetto del modello sociale individualistico e totalmente subalterno al mercato ed al tempo stesso è causa della sua perpetuazione. Se in Italia nel 1948 vota la maggioranza assoluta della popolazione e addirittura il 92,2 % degli aventi diritto è l’effetto della sconfitta del fascismo, dell’affermarsi di un diverso modello sociale e soprattutto di una concezione della democrazia fondata sulla rappresentanza di interessi diversi ed antagonistici fra loro. Al netto della nascente guerra fredda, dei suoi riflessi sulla campagna elettorale e perfino delle scomuniche del Vaticano a chi votava Fronte Popolare, che comunque erano dimostrazioni che alle elezioni si poteva scegliere fra opzioni realmente alternative, la partecipazione fu il dato saliente. I partiti erano di massa, organizzati e radicati sul territorio, funzionavano sulla base di regole democratiche al proprio interno e selezionavano rappresentanti sulla base della loro qualità e del ruolo che avrebbero dovuto svolgere nelle istituzioni. Il Partito comunista e quello socialista eleggevano lavoratori in gran quantità. A dispetto e non grazie alle preferenze, previste nella legge elettorale. Torneremo ancora sulla questione delle preferenze. Ma vale la pena qui di ricordare che quando si discusse la legge elettorale dopo la guerra in Italia ci fu una fortissima divisione fra proporzionalisti e uninominalisti. I proporzionalisti erano comunisti, socialisti e altri progressisti, gli uninominalisti erano i liberali ed altri conservatori. Le abili mediazioni di Nenni, che era il Presidente della commissione incaricata di elaborare la legge elettorale per la Costituente, e i rapporti di forza che vedevano soccombere i liberali portarono ad un compromesso: legge elettorale proporzionale alla Camera con preferenze, uninominale con correzione totalmente proporzionale al Senato. In altre parole le preferenze entrarono nella legge elettorale per la necessità di raggiungere un compromesso con i conservatori e i nostalgici del sistema fondato sulla elezione delle persone invece che dei partiti. Le preferenze sono nate cioè come rimasuglio del sistema elitario antecedente la guerra. Mentre i comunisti e, fino ad un certo punto, i socialisti bloccavano di fatto le proprie liste con le indicazioni delle preferenze date dalle direzioni dei partiti (rispettate da centinaia di migliaia di iscritti) e con il divieto assoluto di svolgere qualsiasi campagna personale per i candidati, è difficile non vedere come negli altri partiti le preferenze portarono velocemente ad una loro degenerazione localistica e correntizia, per non parlare delle clientele e dei voti di scambio con la mafia.

 

Ma sul tema delle preferenze torneremo più avanti.

 

Intanto, a questo punto, dovrebbe essere chiaro che non esiste un sistema politico istituzionale che non contenga dentro di se i segni del modello sociale ed economico che dovrebbe rappresentare e governare.

 

Sull’Italia del dopoguerra, sul sistema economico fondato sulla produzione di beni materiali e non sulla speculazione finanziaria, sul modello sociale fondato sul mercato interno, sulla concezione dinamica del conflitto sociale e di classe come motore della modernizzazione del paese ecc. ho già scritto lungamente nell’articolo diviso in due parti pubblicato qui su questo blog nel settembre del 2010 dal titolo: “perché dovremmo dividerci fra settari e governisti?”.

Posso quindi evitare di ripetermi.

 

Vale la pena di ricordare brevemente che i partiti erano di massa, organizzatissimi e radicati in ogni angolo del paese. Erano catalizzatori della partecipazione popolare al governo della cosa pubblica, promotori di cultura e luogo di discussioni serie ed approfondite su ogni aspetto della vita del paese. Erano democratici al loro interno nel senso che ci mettevano mesi a fare una discussione congressuale capillare che permetteva ad iscritti ed anche simpatizzanti di partecipare effettivamente alla determinazione della linea politica e alla scelta dei dirigenti. Rappresentavano classi e comunque, anche per i partiti interclassisti come la DC, pezzi di società ben definiti. I rapporti fra i partiti erano quindi rapporti di scontro o alleanza fra classi sociali e categorie sociali. La repubblica parlamentare che considerava il governo, per quanto importante fosse, secondario rispetto al parlamento era tale proprio perché in parlamento le alleanze finalizzate alla conquista di obiettivi potevano e dovevano realizzarsi più facilmente. Si potrebbe fare un lunghissimo elenco delle cose che le mobilitazioni popolari e sindacali conquistarono con il varo di leggi votate in parlamento a dispetto del governo in carica o con una divisione esplicita delle forze che sostenevano il governo sul merito della decisione presa. Il sistema proporzionale induceva i cittadini a votare per il partito nel quale si riconoscevano per ideologia, per appartenenza di classe, e del quale condividevano il programma politico. I cosiddetti “costi della politica” erano immensamente inferiori a quelli di oggi. L’informazione della carta stampata, per quanto di parte fosse, non era scandalistica ed era improntata al commento e al dibattito sulle posizioni e atti compiuti dai partiti e non sulle dietrologie e sui capricci dei leader. La televisione pubblica, pur dominata dalla democrazia cristiana, in occasione delle elezioni doveva dare lo stesso spazio a tutti i partiti concorrenti in tribune elettorali dove erano bandite le urla, le invettive, le interruzioni continue e dove i giornalisti facevano il loro mestiere consistente nel fare domande, anche maliziose e cattive, e non nel condurre il gioco facendo fare ai politici la parte in commedia decisa da loro.

Ovviamente non mancavano fenomeni degenerativi, corruzioni, scandali, clientele e così via.

Tuttavia erano, questi fenomeni, contradditori con la natura del sistema politico elettorale. Non esisteva il finanziamento pubblico ai partiti e perfino i dollari e i rubli che arrivavano alla DC, PSDI, PRI, PLI, e al PCI e al PSIUP da USA e URSS, dentro lo scontro determinato dalla guerra fredda, erano una minima parte delle entrate dei partiti, che tesseravano milioni e milioni di persone, organizzavano feste e mille attività di autofinanziamento. La corruzione riguardava solo ed esclusivamente i partiti di governo. Ma non è qui il caso di svolgere un’approfondita analisi del fenomeno della corruzione in quegli anni. Mi limito a dire che era un fenomeno abbastanza diverso da quello che si svilupperà negli anni 80 e 90. Già negli anni 70, quando comincia potente la controffensiva del capitalismo, cresce una borghesia finanziaria e dedita alla speculazione e alla rendita immobiliare piuttosto che alla produzione di beni e merci. Sono le mutazioni del sistema economico e le loro conseguenze sociali (modificazione della cultura dominante, crescita del consumismo, dell’individualismo e così via) a produrre mutazioni genetiche nei partiti. Non il contrario. Il PSI di Craxi sposa scientemente gli interessi della borghesia vincente. E lo fa sia rompendo con il marxismo, sia cancellando i simboli storici, sia promuovendo il leaderismo, sia esaltando il “decisionismo” e l’obiettivo del governo come assoluto e privo di qualsiasi coerenza con i contenuti propri di un partito di sinistra.

Chiunque pensi, e sono in tanti, che i partiti sono degenerati nella “prima repubblica” senza vedere i nessi con la mutazione dei poteri economici reali e della loro dislocazione, alimentando l’idea che la politica istituzionale sia qualcosa di separato dalla società e dai poteri che in essa agiscono o è imbecille o è in malafede. E come sempre chi crede fanaticamente in cose infondate è sempre più pericoloso di chi finge di crederci per tornaconto personale o momentaneo.

Non lo faccio quasi mai. Ma qui voglio mettere un citazione di Enrico Berlinguer. Che era una posizione del partito, contrastata però dalla corrente migliorista capeggiata da Napolitano.

Si tratta di una lunga e famosa intervista rilasciata ad Eugenio Scalfari su “Repubblica” nel luglio del 1981.

Eccone alcuni stralci. Ma vale davvero la pena di leggerla attentamente tutta.

 

I partiti non fanno più politica“, mi dice Enrico Berlinguer, ed ha una piega amara sulla bocca e, nella voce, come un velo di rimpianto…

Politica si faceva nel ‘ 45, nel ‘ 48 e ancora negli anni Cinquanta e sin verso la fine degli anni Sessanta. Grandi dibattiti, grandi scontri di idee, certo, scontri di interessi corposi, ma illuminati da prospettive chiare, anche se diverse, e dal proposito di assicurare il bene comune. Che passione c’era allora, quanto entusiasmo, quante rabbie sacrosante! Soprattutto c’era lo sforzo di capire la realtà del paese e di interpretarla. E tra avversari ci si stimava. De Gasperi stimava Togliatti e Nenni e, al di là delle asprezze polemiche, ne era ricambiato.

Oggi non è più così?
Direi proprio di no: i partiti hanno degenerato e questa è l’origine dei malanni d’Italia.

La passione è finita? La stima reciproca è caduta?
Per noi comunisti la passione non è finita. Ma per gli altri? Non voglio dar giudizi e mettere il piede in casa altrui, ma i fatti ci sono e sono sotto gli occhi di tutti. I partiti di oggi sono soprattutto macchine di potere e di clientela: scarsa o mistificata conoscenza della vita e dei problemi della società e della gente, idee, ideali, programmi pochi o vaghi, sentimenti e passione civile, zero. Gestiscono interessi, i più disparati, i più contraddittori, talvolta anche loschi, comunque senza alcun rapporto con le esigenze e i bisogni umani emergenti, oppure distorcendoli, senza perseguire il bene comune. La loro stessa struttura organizzativa si è ormai conformata su questo modello, e non sono più organizzatori del popolo, formazioni che ne promuovono la maturazione civile e l’iniziativa: sono piuttosto federazioni di correnti, di camarille, ciascuna con un “boss” e dei “sotto-boss”. La carta geopolitica dei partiti è fatta di nomi e di luoghi. Per la DC: Bisaglia in Veneto, Gava in Campania, Lattanzio in Puglia, Andreotti nel Lazio, De Mita ad Avellino, Gaspari in Abruzzo, Forlani nelle Marche e così via. Ma per i socialisti, più o meno, è lo stesso e per i socialdemocratici peggio ancora…

Lei mi ha detto poco fa che la degenerazione dei partiti è il punto essenziale della crisi italiana.
È quello che io penso.

Per quale motivo?
I partiti hanno occupato lo Stato e tutte le sue istituzioni, a partire dal governo. Hanno occupato gli enti locali, gli enti di previdenza, le banche, le aziende pubbliche, gli istituti culturali, gli ospedali, le università, la Rai TV, alcuni grandi giornali. Per esempio, oggi c’è il pericolo che il maggior quotidiano italiano, il Corriere della Sera, cada in mano di questo o quel partito o di una sua corrente, ma noi impediremo che un grande organo di stampa come il Corriere faccia una così brutta fine. Insomma, tutto è già lottizzato e spartito o si vorrebbe lottizzare e spartire. E il risultato è drammatico. Tutte le “operazioni” che le diverse istituzioni e i loro attuali dirigenti sono chiamati a compiere vengono viste prevalentemente in funzione dell’interesse del partito o della corrente o del clan cui si deve la carica. Un credito bancario viene concesso se è utile a questo fine, se procura vantaggi e rapporti di clientela; un’autorizzazione amministrativa viene data, un appalto viene aggiudicato, una cattedra viene assegnata, un’attrezzatura di laboratorio viene finanziata, se i beneficiari fanno atto di fedeltà al partito che procura quei vantaggi, anche quando si tratta soltanto di riconoscimenti dovuti.”

E ancora:

“Veniamo all’altra mia domanda, se permette, signor Segretario: dovreste aver vinto da un pezzo, se le cose stanno come lei descrive.
In un certo senso, al contrario, può apparire persino straordinario che un partito come il nostro, che va così decisamente contro l’andazzo corrente, conservi tanti consensi e persino li accresca. Ma io credo di sapere a che cosa lei pensa: poiché noi dichiariamo di essere un partito “diverso” dagli altri, lei pensa che gli italiani abbiano timore di questa diversità.

Sì, è così, penso proprio a questa vostra conclamata diversità. A volte ne parlate come se foste dei marziani, oppure dei missionari in terra d’infedeli: e la gente diffida. Vuole spiegarmi con chiarezza in che consiste la vostra diversità? C’è da averne paura?
Qualcuno, sì, ha ragione di temerne, e lei capisce subito chi intendo. Per una risposta chiara alla sua domanda, elencherò per punti molto semplici in che consiste il nostro essere diversi, così spero non ci sarà più margine all’equivoco. Dunque: primo, noi vogliamo che i partiti cessino di occupare lo Stato. I partiti debbono, come dice la nostra Costituzione, concorrere alla formazione della volontà politica della nazione; e ciò possono farlo non occupando pezzi sempre più larghi di Stato, sempre più numerosi centri di potere in ogni campo, ma interpretando le grandi correnti di opinione, organizzando le aspirazioni del popolo, controllando democraticamente l’operato delle istituzioni. Ecco la prima ragione della nostra diversità. Le sembra che debba incutere tanta paura agli italiani?

Mi pare che incuta paura a chi ha degenerato. Ma vi si può obiettare: voi non avete avuto l’occasione di provare la vostra onestà politica, perché al potere non ci siete mai arrivati. Chi ci dice che, in condizioni analoghe a quelle degli altri, non vi comportereste allo stesso modo?
Lei vuol dirmi che l’occasione fa l’uomo ladro. Ma c’è un fatto sul quale l’invito a riflettere: a noi hanno fatto ponti d’oro, la Dc e gli altri partiti, perché abbandonassimo questa posizione d’intransigenza e di coerenza morale e politica. Ai tempi della maggioranza di solidarietà nazionale ci hanno scongiurato in tutti i modi di fornire i nostri uomini per banche, enti, poltrone di sottogoverno, per partecipare anche noi al banchetto. Abbiamo sempre risposto di no. Se l’occasione fa l’uomo ladro, debbo dirle che le nostre occasioni le abbiamo avute anche noi, ma ladri non siamo diventati. Se avessimo voluto venderci, se avessimo voluto integrarci nel sistema di potere imperniato sulla Dc e al quale partecipano gli altri partiti della pregiudiziale anticomunista, avremmo potuto farlo; ma la nostra risposta è stata no. E ad un certo punto ce ne siamo andati sbattendo la porta, quando abbiamo capito che rimanere, anche senza compromissioni nostre, poteva significare tener bordone alle malefatte altrui, e concorrere anche noi a far danno al Paese.”

Si può leggere l’intera intervista su questo link:

http://www.enricoberlinguer.it/scritti-discorsi-incontri-1972-1984/i-partiti-sono-diventati-macchine-di-potere/

 

Vorrei far notare, en passant, che allora Berlinguer e il PCI erano, esattamente per queste posizioni, considerati “vecchi”, “nostalgici”, “ideologici”, “presuntuosi”, “moralisti” da una messe di commentatori politici, giornalisti, personaggi e personaggini dello spettacolo, che cominciavano ad imperversare sulle TV berlusconiane ed anche sulle due reti RAI controllate da DC e PSI. Chi ha conservato un minimo di memoria sa che molti degli attuali fustigatori dei partiti, a quei tempi erano fustigatori del PCI ed entusiasti apologeti della “modernità” della politica di stampo leaderistico e personalistico. Consideravano perfino “moderno” che i politici cominciassero ad andare, come negli USA, alla tv a cantare e ballare, a raccontare barzellette, a parlare dei loro passatempi privati, a tifare per le squadre di calcio. “Gli elettori hanno il diritto di sapere chi sono i politici nella loro vita privata” era la giustificazione più gettonata.

Il PSI, ormai partito di Berlusconi, Ligresti, Cabassi, avendo un retroterra di sinistra imbastì una campagna che durò anni, contro il PCI e contro la sua storia. I dirigenti del PSI sapevano bene che presso gran parte del popolo il PCI era effettivamente considerato “diverso”, nel senso di non corrotto, e allora scatenarono uno scontro ideologico contro la stessa memoria di Togliatti, contro il “moralismo” proprio di chi, secondo loro, aveva una concezione totalitaria e autoritaria.

Nel corso degli anni 80 cominciarono le vere sconfitte del movimento operaio. Alla vertenza FIAT seguì l’attacco alla scala mobile. La resistenza di chi doveva difendersi da questi attacchi era considerata “conservatrice” e non capace di capire la necessità dei sacrifici da compiere sull’altare della “modernizzazione” del paese. Il PCI considerò impossibile l’obiettivo del governo, data la situazione sociale e soprattutto dati i possibili interlocutori di un eventuale governo. E allora dall’interno e dall’esterno del PCI giù attacchi forsennati alla prospettiva della “opposizione”. La famosa frase “non vogliamo morire democristiani” è il frutto avvelenato di una campagna ideologica e politica potentissima scatenata contro il PCI.

Se consideri il governo l’obiettivo qualsiasi contenuto va bene pur di raggiungerlo. Se consideri il contenuto dell’azione di governo l’obiettivo tutto puoi fare tranne che allearti e formare un governo con chi propugna contenuti totalmente contrari ai tuoi.

Questa banalità divideva chi, sulla base di una rigorosa analisi dei rapporti di forza sociali e della cultura dominante (chi non ricorda la Milano da bere?), prospettava una battaglia di lungo periodo dall’opposizione da chi voleva “vincere” proprio mentre le classi e i settori sociali di riferimento stavano perdendo, per andare al più presto al governo e per “non morire democristiani”.

Questa fu la divisione che spezzò il PCI e portò alla sua dissoluzione. Del resto, anche con Berlinguer in vita, l’opposizione sorda alla “svolta” compiuta nei primi anni 80 dal PCI crebbe notevolmente. Il “partito degli amministratori” si sentiva pronto per governare il paese e mal tollerava l’idea che ci fosse una analisi che prevedeva una lunga fase di opposizione. Morto Berlinguer il piano inclinato che portò all’abbandono della “diversità” e all’omologazione del PCI al sistema dei partiti, fino all’atto finale dell’abbandono dell’identità comunista, fu senza rimedio.

In quegli anni i partiti di governo, che Berlinguer descrive già in quel modo all’inizio degli anni 80, conobbero una potentissima trasformazione in senso peggiore. Da un lato furono puri rappresentanti degli interessi del capitalismo finanziario e speculativo emergente, con il corollario corruttivo puramente congeniale al sistema economico che si andava affermando, e dall’altro lato, anche in virtù della “convenzio ad escludendum” ebbero un potere di occupazione e di gestione della cosa pubblica praticamente senza limiti. Il PSI, che aveva un terzo dei voti del PCI, contava molto di più di quest’ultimo. Sia per il “peso” derivante dal rappresentare gli interessi dei poteri forti emergenti in economia, sia perché nel sistema elettorale godeva della rendita di posizione derivante dall’essere l’ago della bilancia. Negli anni di governo riuscì ad essere contemporaneamente il migliore alleato della DC (e soprattutto della parte della DC che voleva abbandonare ogni legame sociale in favore della pura rappresentanza degli interessi del capitalismo finanziario) e l’unico e apparente possibile competitore della DC. Praticamente la dialettica fra governo e opposizione si svolgeva all’interno della compagine dei partiti che sulla politica economica e sociale la vedevano allo stesso modo. E così presentavano la situazione i mass media, anch’essi direttamente di proprietà del capitale emergente finanziario.

Esattamente negli anni dalla sconfitta operaia e popolare galoppa la corruzione, la occupazione lottizzatrice di ogni cosa, la degenerazione dei partiti in luoghi di mera gestione del potere, la trasformazione della militanza in “carriera” e così via. Nemmeno il PCI, a livello locale, è esente da questo andazzo. Basti pensare alle organizzazioni locali governate dai miglioristi come quella di Milano.

Proprio lo scioglimento del PCI, per poter avere un partito che si proponesse di andare al governo mentre le classi subalterne del paese venivano sconfitte e massacrate, unitamente alla fine della guerra fredda, spalancarono le porte al processo che porterà alla fine della “prima repubblica”. Da molti anni tutti, ma proprio tutti, sapevano che ormai la gestione della cosa pubblica da parte dei partiti era improntata alla soddisfazione di appetiti delle più disparate lobbies, dei costruttori dediti alla rendita fondiaria, delle agenzie finanziarie speculative, delle grandi multinazionali. Il PSI di Craxi fu all’avanguardia di questo processo. Come abbiamo già ricordato guidava il processo di “modernizzazione”. Sembrava il partito più incline a pensare ad una politica nuova, più chiara, più efficace e soprattutto meno legata a principi e valori considerati obsoleti. I congressi nazionali di questo partito erano vere e proprie sarabande spettacolari. Hostess in minigonna, volti noti dello spettacolo (i famosi nani e ballerine), costruzioni megalomani di palcoscenici disegnati dagli architetti di moda (e spesso commissionari di molti appalti pubblici) e soprattutto apoteosi per il “capo”. Per il segretario che veniva eletto “per acclamazione”. Gli operai erano “in via di estinzione” ed emergevano pubblicitari, disegnatori di moda, faccendieri ed intermediari di ogni tipo. Mentre negli USA imperversava “l’edonismo reganiano” in Italia il PSI ne incarnava l’essenza. Era da “vecchi”, “nostalgici” e “dogamatici” parlare di classi sociali, di operai. Discutere democraticamente dentro e fuori dei partiti era considerato “noioso” e il linguaggio “politichese” doveva essere sostituito da battute fulminanti, da semplificazioni, da iperboli. Il finanziamento pubblico dei partiti, istituito a metà degli anni 70 a seguito di alcuni scandali che in confronto a quelli che verranno erano pure quisquiglie, era palesemente una percentuale insignificante delle spese che i partiti di governo sostenevano per le campagne elettorali, per le sedi ultralussuose, per la gestione di enormi apparati. Ma c’era ancora un ostacolo sulla strada dell’omologazione del sistema politico ed istituzionale alla realtà economica e sociale ormai dominante. Era il sistema elettorale proporzionale e soprattutto la natura parlamentare della repubblica.

Non era “moderno” che potesse cambiare la compagine governativa durante la legislatura. Non era moderno che i partiti in parlamento negoziassero e facessero compromessi o si scontrassero, con le lunghezze dovute alla complessità di tali operazioni. Ci voleva “decisionismo”, velocità e “chiarezza”. Il “consociativismo” con il quale l’opposizione aveva nei decenni passati ottenuto grandi risultati, cambiando in meglio la vita di decine di milioni di lavoratori, non andava più bene. Alla competizione esasperata con cui funzionava sempre più la società doveva corrispondere la competizione fra due opzioni che si alternassero al governo. Non fra opzioni alternative relativamente al modello economico e sociale, bensì fra aggregazioni aventi l’unico scopo di gestire l’esistente accettandone compatibilità e modello.

Tutto ciò era maturo. I cambiamenti economici, sociali e culturali avevano riplasmato la natura dei partiti di governo, e lo stesso PCI non c’era più essendoci al suo posto un vago partito di sinistra, non più comunista proprio perché questo era il presupposto minimo per poter aspirare ad essere “moderno” e a governare l’esistente separando le proprie fortune da quelle delle classi subalterne.

Tangentopoli, e non ha proprio nessuna importanza stabilire quanto fossero consapevoli i giudici dell’uso che si sarebbe fatto delle loro inchieste penali sulla corruzione, fu l’occasione tanto attesa e sperata per sbarazzarsi facilmente del tipo di partiti previsto dalla costituzione, della natura parlamentare della repubblica. Un referendum promosso da Mario Segni, e fortemente sostenuto dagli apprendisti stregoni del PDS, segnò il passaggio dal sistema proporzionale a quello maggioritario.

Paradossalmente gli effetti di tangentopoli che avevano cominciato a colpire duramente i partiti di governo furono riversati sul proporzionale, come se la corruzione fosse dovuta al sistema elettorale e non al sistema economico. I partiti più corrotti sparirono ma i loro esponenti poterono riciclarsi tranquillamente nel “nuovo” sistema. I corruttori non pagarono alcun dazio ed anzi uno dei loro massimi esponenti, già indagato per una caterva di reati di corruzione, fondò Forza Italia e poco tempo dopo diventò Presidente del Consiglio.

 

Continua…

 

ramon mantovani

Siamo sotto dittatura. Festeggiamo?

Posted in articoli pubblicati sul blog with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on 14 novembre, 2011 by ramon mantovani

Le immagini della folla vociante che festeggiava la caduta del governo Berlusconi, cantando inni religiosi e perfino Bella Ciao, stridono drammaticamente con la realtà del paese e del momento.

Non ce l’ho con le persone che hanno festeggiato come i tifosi di una squadra per la sconfitta dell’odiato avversario. Constato, con pena, che molti e molte, che pure magari si considerano progressisti o addirittura di sinistra, sono ridotti appunto ad essere passivi tifosi, più contro Berlusconi che a favore di qualsiasi cosa.

Il lavoro è svalorizzato e deprivato della sue funzioni sociali e morali, ridotto a pura merce fra le altre, e conseguentemente lavoratrici e lavoratori sono in balia di un mercato che li tratta come cose e che non tollera la loro umanità e tanto meno la stessa possibilità che i loro interessi comuni possano pesare nella società, nei confronti delle loro controparti, nelle istituzioni dove si prendono le decisioni, nel sistema dell’informazione, nel mondo della cultura.

Di converso esiste una casta, questa si davvero una casta, di capitalisti, di banchieri, di finanzieri, di “manager”, di tecnocrati e di burocrati che decidono per tutta l’umanità, i cui interessi, perfino immediati, sono assolutizzati e santificati come gli “unici possibili”, come oggettivi, come indiscutibili.

Ci voleva una crisi terrificante del sistema finanziario e capitalistico per mettere a nudo questa inconfutabile verità?!

Una verità che, anche quando non è negata, viene presentata come una dura realtà da accettare, da digerire e da descrivere “realisticamente” come immodificabile.

La situazione attuale non è figlia di nessuno, non è il risultato del semplice e automatico “sviluppo” del sistema capitalistico o dell’abilità della casta, quella vera, di impossessarsi del potere incontrollato che le permette di “dettare” agende e provvedimenti ai governi e ai parlamenti, più o meno democraticamente eletti, nei suoi esclusivi interessi.

Dopo la crisi del 29 e soprattutto dopo la seconda guerra mondiale, sia per la paura che incuteva alle borghesie di tutti i paesi l’Unione Sovietica, sia per la forza che il movimento operaio aveva conquistato con durissime lotte e avendo il potere reale di agire in quello che era il cuore del sistema, la produzione industriale, al sistema vennero messe briglie, regole, esattamente al fine di impedire che i suoi “istinti” intrinseci conducessero a ripetute crisi e alla creazione di problemi irrisolvibili per l’intera umanità.

A questo fine, e per effetto di ricercati compromessi, non sempre avanzati anche se comunque influenzati dagli interessi del movimento operaio, vennero adottati precisi provvedimenti. Fra i tanti vale la pena di ricordare i seguenti:

L’adozione di un sistema di cambi fra le valute con precisi e ristrettissimi vincoli alle possibili oscillazioni di mercato fra le stesse. La fissazione della convertibilità in oro della moneta di scambio nelle transazioni commerciali e finanziarie. La proibizione alla commistione di qualsiasi tipo fra banche creditizie e banche di investimenti. La regolazione del commercio internazionale sulla base di un almeno parziale riconoscimento delle diseguaglianze fra paesi ricchi e poveri. Il controllo politico delle banche centrali e delle politiche monetarie. La nazionalizzazione, in moltissimi paesi, dei settori fondamentali e strategici nel governo dell’economia a cominciare dalle banche, energia e comunicazioni. La programmazione economica statale di medio e lungo periodo come vincolo per le attività imprenditoriali private.

Tutto questo fu sostanzialmente imposto al sistema capitalistico, e produsse una centralità del mercato interno ad ogni paese e della produzione industriale. Centralità che permise alla classe operaia di contare e di trattare da una posizione di relativa forza. Solo così poté avvenire in Italia il “miracolo” della fuoriuscita dalla povertà di milioni di famiglie e la conquista di diritti sociali mai conosciuti prima.

Ma le regole e le briglie al sistema capitalistico non produssero l’armonia e le basi di una convivenza infinita fra interessi contrapposti e configgenti, come prevedavano le parti pure più avanzate dei partiti cattolici e cristiani. E nemmeno il graduale ed indolore superamento del sistema capitalistico in favore di un socialismo democratico e moderato, come prevedevano sostanzialmente i partiti del campo socialdemocratico.

Quelle regole e quelle briglie produssero profitti sempre decrescenti per i capitalisti. Essi non potevano più accettare nessun compromesso per il semplice motivo che alla lunga sarebbe venuta sostanzialmente meno la stessa ragione della loro esistenza: la ricerca del massimo profitto. Mai avrebbero accettato di sparire sottomettendosi alla volontà democratica. E fu questa la molla che li portò a chiedere ed ottenere, e a promuovere in proprio, una vera e propria controrivoluzione. Alla fine della fase Keynesiana poteva esserci solo la rivoluzione o la controrivoluzione. Ogni gradualismo ed illusione armonica coltivata dai socialdemocratici venne travolta. E i comunisti non seppero, anche perché ritennero di non potere, fare la rivoluzione. Non l’Unione Sovietica che pretendeva di competere con il capitalismo imitandone i paradigmi produttivistici e che aveva ormai passivizzato la società e santificato un potere in quasi nulla diverso da quello storico della borghesia. Non i comunisti in occidente troppo divisi ed impegnati a difendersi paese per paese dalla controffensiva capitalistica.

I socialisti e socialdemocratici, con isolatissime eccezioni, invece che prendere atto del fallimento del gradualismo rispetto all’obiettivo del superamento del capitalismo (ancora presente nei loro programmi fondamentali e perfino negli statuti dei loro partiti) lo capovolsero. Separarono i loro destini da quello degli operai e dei lavoratori, che da quel momento perderanno inesorabilmente sempre, e si candidarono a gestire la controffensiva capitalistica più gradualisticamente e moderatamente della destra. Questa è l’essenza della storia politica negli ultimi trenta anni in Europa. Ed infatti tutti i partiti affiliati al Partito Socialista Europeo sono stati protagonisti nello smantellare uno dopo l’altro tutti i vincoli, le regole e le briglie imposte al sistema capitalistico nella fase precedente ed elencate più sopra.

Da quel momento, in ogni paese e con qualsiasi sistema politico elettorale, sparì nei fatti prima ancora che nella teoria (in quanto molti socialdemocratici presentavano il gradualismo della sconfitta come una realistica ritirata momentanea e pragmatica) l’alternativa fra socialismo e capitalismo e comparì nei fatti prima ancora che nella teoria (in quanto erano ancora molto diverse le culture di provenienza e gli insediamenti elettorali) l’alternanza fra ceti politici diversi ma interni alla gestione degli interessi capitalistici.

Al contempo la cancellazione dei vincoli e delle regole imposti al sistema capitalistico dal dopoguerra in poi produsse un altro fenomeno ben osservabile per chiunque avesse occhi per vedere. La migrazione verso i mercati e gli organismi sovranazionali incontrollati da qualsiasi influenza politica democratica, di tutti i poteri politici statuali fondamentali in economia ed in qualche modo influenzabili dalla dialettica democratica comunque organizzata.

Col tempo l’alternanza nella gestione del sistema si impoverirà di poteri reali fino a divenire quasi mera esecuzione delle “decisioni” dei mercati e la “qualità” della politica reale più rilevante diventerà mano a mano quella dell’abilità nell’imporre lacrime e sangue alla popolazione presentando tutto come indispensabile sacrificio per non soccombere nella competizione internazionale. Naturalmente promettendo un secondo tempo, capace di reinstaurare un circuito virtuoso di redistribuzione della ricchezza e di diminuzione delle diseguaglianze, che non è mai venuto e che mai verrà per il semplice motivo che il primo ad ogni passo ne cancella qualsiasi possibile premessa.

Dalla capacità di progettare la società, lo sviluppo, la democrazia verso nuovi orizzonti e verso la eliminazione delle ingiustizie di ogni tipo, propria della politica delle sinistre con la prospettiva della alternativa, alla capacità di raccogliere consensi elettorali imbrogliando la propria base elettorale e sociale e legittimandosi presso i circoli e la casta dominante competendo con la destra nello spirito di servizio verso di essa, propria della ormai sedicente sinistra liberale nella prospettiva dell’alternanza.

In tutto questo i comunisti e comunque quella parte della sinistra rimasta cocciutamente anticapitalista, e per questo considerata vecchia e dogmatica dalla sinistra liberale, sono rimasti soli, isolati in Europa ed ognuno nel proprio paese, a difendere con le unghie e con i denti le conquiste dei decenni passati e con la prospettiva di dover resistere per un lungo periodo, prima di potersi proporre una svolta e un qualsiasi sbocco politico forte di rapporti di forza sociali favorevoli.

La durezza di questa crisi ha fatto venire in luce l’essenza antidemocratica del sistema dominante e svela ogni giorno di più l’inganno e la natura del “gradualismo” della “sinistra liberista”. È con questo ossimoro che bisognerebbe definirla scientificamente, senza però aprire infinite dispute nominalistiche che lasciano il tempo che trovano, visto che è difficile coniugare i termini “liberale” e “democratica” con l’accettazione della dittatura del mercato.

Tutto questo dovrebbe aver fatto piazza pulita dell’uso improprio del concetto di “alleanze” e di “governo” o “cultura di governo”.

Le alleanze si fanno per scopi precisi e definiti. E si fanno nella società fra gruppi sociali distinti ma convergenti nella difesa di obiettivi ed interessi. E solo su questa base si fanno anche fra forze politiche diverse. La funzione del governo è uno strumento, un mezzo, per la realizzazione degli obiettivi condivisi fra i contraenti l’alleanza.

Alla disgregazione sociale seguente la messa del mercato e della finanza al centro del sistema e del modello sociale, alla emarginazione della classe operaia (per due decenni il mantra è stato perfino che era sparita o in via di estinzione) e delle sue organizzazioni politiche e sindacali, alla crescita dell’individualismo sfrenato, della guerra fra poveri, del razzismo e dell’egoismo localista, è cresciuta parimenti una concezione della politica totalmente separata dalla società (tranne che per le allusioni mistificatorie agli effettivi problemi sociali per scopi spudoratamente elettoralistici). Il bipolarismo, la governabilità, la velocità delle decisioni da prendere per inseguire quelle del marcato, il potere del governo rispetto al potere del parlamento, il parlamento dai confini bipolari e maggioritari rispetto al parlamento rappresentativo e proporzionale, i partiti a-classisti rispetto ai partiti interclassisti o di classe, i leader rispetto ai collettivi democratici e così via, non sono accidenti o prodotti del (mancato) intento di semplificazione della politica. Sono la riduzione della politica alla funzione di gestione dell’esistente, con la relativa espulsione di qualsiasi progetto o perfino minima rivendicazione che fuoriesca dai confini stabiliti dagli interessi del capitale e del mercato. Per conservare una almeno apparente dialettica democratica si finge, letteralmente si finge, che i due schieramenti o partiti concorrenti per la gestione dell’esistente, siano effettivamente alternativi. E maggiore è la loro similitudine sull’essenziale, e cioè sull’accettazione della dittatura del mercato, maggiormente si gridano insulti e ci si accapiglia nella dimensione della politica spettacolare. Maggiormente si tenta di vincere le elezioni cercando di deprimere l’elettorato altrui, alimentando la non partecipazione o il voto “antipolitico”, che non è altro che il prodotto più reazionario che conferma l’ineluttabilità della dittatura del mercato. Maggiormente si alimentano speranze e illusioni, con un uso spregiudicato delle allusioni e perfino delle descrizioni suggestive dei problemi sociali reali, salvo poi produrre disillusioni fornendo il fianco alla speculare operazione, condotta dalla opposizione, dello schieramento opposto.

Trovo per un verso ridicolo e per l’altro vomitevole che ci sia chi, a sinistra, parli di alleanze e di governo come se fossimo negli anni 50 o 60. Come se la società e la politica non fossero cambiate, e in peggio. Come se i partiti con cui allearsi fossero propositori di un gradualismo verso il superamento del capitalismo. Come se il governo da conquistare qui ed oggi avesse a disposizione i poteri effettivi per contraddire gli interessi del capitale. Come se la cultura di governo non fosse, come lo è stata per i comunisti all’opposizione per decenni, la capacità di proporre soluzioni e riforme per il paese bensì accettare per un presunto pragmatismo di confinare ogni proposta dentro le compatibilità imposte dalla dittatura del mercato. In uno scivolamento senza fine per cui dire no alla TAV e destinare le risorse per risanare il territorio invece che una proposta tipica di chi ha una seria cultura di governo diventa un estremismo non pragmatico. E gli esempi si possono fare a decine se non a centinaia.

La nostra storia è piena negli ultimi due decenni, in Italia come in altri paesi europei, di partiti o di scissioni che su queste basi hanno portato acqua al mulino del bipolarismo tagliando il ramo su cui erano seduti.

E trovo altrettanto illusorio e pericoloso pensare che le istanze di cambiamento, spesso e per questo ridotte a pura declamazione di slogan, possano crescere crogiolandosi nell’isolamento e nell’impotenza. In un circolo vizioso nel quale l’isolamento sarebbe la prova della genuinità delle proprie istanze di cambiamento e non un maledetto effetto della dittatura del mercato. Ed anche qui la nostra storia è piena di esempi di partitini e di scissioni che alle elezioni misurano, quasi sempre in competizione fra loro, il grado di radicalità parolaia di cui sono capaci.

Insisto nel dire che entrambe queste tendenze lavorano oggettivamente ad una divisione insanabile di qualsiasi forza di classe, proprio perché accettano come ineluttabile la semplificazione della politica separata del bipolarismo che non conosce e non ammette nessuna terza via fra la testimonianza ininfluente nelle decisioni reali o la subordinazione e l’integrazione nel sistema.

Tutto ciò si vede molto meglio proprio oggi.  

Se il bipolarismo contenesse o anche potesse contenere politiche e proposte alternative fra loro ciò si dovrebbe vedere meglio esattamente nel momento della crisi del sistema.

In altre parole se la dittatura del mercato pretende, con metodi sbrigativi e autoritari, perfino con metodi umilianti l’esiguo simulacro di democrazia che rimane, che i governi obbediscano alla casta e ai suoi interessi, si dovrebbero accentuare le differenze fra gli schieramenti. Si dovrebbe vedere la netta differenza fra chi propone di sottomettersi ai diktat sacrificando non solo gli interessi delle classi subalterne ma anche quelli del paese, e chi proprio per difendere gli interessi delle già massacrate classi subalterne propone o almeno tenta di non sottomettersi ai diktat dimostrando che questo è nell’interesse del paese. Si dovrebbe vedere la differenza fra la cultura di governo dell’esistente, e cioè la politica come tecnica di applicazione delle esigenze del mercato alla società, e la cultura di governo come primato della società e degli interessi collettivi su quelli del capitale e del mercato. Almeno nelle minime sfumature, se non in modo conclamato, queste differenze si dovrebbero vedere.

Invece si vede esattamente il contrario. Si vedono i cantori del bipolarismo proporre l’unipolarismo. A dimostrazione che i custodi del sistema per quanto normalmente in competizione fra loro sul posto di primo custode e bidello del sistema, se il sistema vacilla e trema a causa delle proprie stesse colpe, devono obbedire, tacere ed accettare che un membro della casta si assuma la fatica di comandarli per il tempo necessario.

Che il signor Monti appartenga alla casta, quella vera, è dimostrato dal fatto che appartiene non a una ma addirittura a due organizzazioni internazionali (non segrete ma assolutamente impenetrabili alla stampa e all’opinione pubblica) finanziate dalle multinazionali. Parlo della Commissione Trilaterale e del Gruppo Bilderberg. Su entrambe queste organizzazioni c’è un’ampia letteratura che ne descrive l’importanza e l’attività. Nonché gli obiettivi che sono esplicitamente quelli di coordinare capitalisti, tecnocrati, manager e governanti amici, per imporre le politiche neoliberiste a tutto il mondo. Lo dimostra il fatto che è stato un tecnocrate della commissione europea nominato e confermato sia dai governi di centrodestra che da quelli di centrosinistra. Lo dimostra il fatto, ma questa è solo una mia opinione, che nonostante il suo curriculum universitario e le sue pubblicazioni siano modeste o comunque analoghe a quelle di altre decine di professori, è considerato una personalità di primissimo piano. Senza chiamare in causa le sue presunte capacità scientifiche (come tutti i neoliberisti non ha mai previsto nessuna delle crisi ed al contrario ha sempre pronosticato meravigliose crescite e sviluppi mai avvenuti) è evidente che la sua “importanza” è esattamente quella di appartenere ai circoli che “contano” nel mondo della finanza e del sistema. È per questo che è quasi unanimemente considerato “credibile”.

Napolitano, ma purtroppo non c’è nulla che l’obblighi a farlo, dovrebbe spiegare quali sono gli “altissimi meriti nel campo scientifico e sociale” di Monti che avrebbero “illustrato la Patria” che l’hanno indotto a nominarlo all’improvviso senatore a vita.

Basta leggere la sua biografia, le sue cariche universitarie e l’elenco modestissimo delle sue pubblicazioni, per rendersi conto che ci sono decine di altri personaggi che meriterebbero la carica di senatore a vita al posto suo.

Ma oggi mentre tutti sanno la verità, e cioè che Monti è stato nominato senatore a vita e poi Presidente del Consiglio perché diretta emanazione e organicamente componente della casta dittatoriale, tutti si genuflettono riconoscendogli misteriosi grandi meriti, dichiarandogli stima più o meno sconfinata, compresi quelli che gli annunciano la propria opposizione (come Maroni della Lega).

Permettersi di dire che Monti è un uomo della casta dittatoriale che ha creato esattamente i problemi che sarebbe chiamato a risolvere e che non meriterebbe affatto di essere nominato senatore a vita è oggi più o meno come andare a San Giovanni Rotondo e cercare di convincere gli adoratori di Padre Pio che era ne più ne meno che un imbroglione come i santoni indiani che raggirano i turisti occidentali.

A proposito di Padre Pio e di chi ne riconosce i grandi meriti spirituali la cosa più curiosa che abbiamo dovuto vedere in questo frangente di questo povero paese è la posizione espressa dal signor Nichi Vendola.

Dopo aver proposto per mesi le elezioni anticipate ed ovviamente le miracolose primarie come unica via democratica capace di mobilitare e far partecipare i cittadini, oplà, con una piroetta improvvisa si appoggia l’idea di un governo tecnico. Contemporaneamente si critica la tecnocrazia, si dice che deve durare al massimo tre mesi, per fare cose di sinistra (patrimoniale, tassazione delle rendite e tagli netti alle spese militari) e di destra ed antidemocratiche (perché così le ha definite Vendola per moltissimi anni per iscritto su Liberazione e in diversi discorsi pubblici e parlamentari) come ripristinare la legge elettorale “mattarellum” per “salvare le coalizioni”. Si dice pure che se però Monti farà cose di destra morirà all’istante il nuovo ulivo, salvo aggiungere che “non credo che accadrà perché ho visto molta determinazione in Bersani”.

Chiunque può verificare leggendo la sua ultima intervista del 13 novembre all’Unità riprodotta sul suo blog, e quindi non sospetta di essere infedele o parziale.

Questo dire e non dire, anche usando parole suggestive. Questo imbrogliare le carte e navigare a vista sperando di poter recitare ancora la parte in commedia che tanto successo di pubblico e di critica ha riscosso. Questo fingere di non sapere. Questo fingere di non vedere. Questo mettere le mani avanti. Insomma queste furbizie buone per chi pensa che la politica sia esattamente l’arte di fare così, fanno veramente pena. Sono cosa da politicanti, non da persone serie.

Quando si sbaglia l’essenziale e si vende l’illusione che la storia si fa con le primarie, esaltando il bipolarismo e il leaderismo, e si promette l’impossibile il destino è quello di doversi arrampicare sugli specchi e di partecipare alla cronaca politica italiana (che è anche peggio della cronaca nera e rosa più sensazionalista e pettegola) invece che alla storia.

Naturalmente ci si può ravvedere, anche senza rinunciare alle proprie idee, senza dirlo ma almeno riconoscendo con comportamenti un minimo coerenti che certe illusioni erano, appunto illusioni. E sono d’accordo che questo venga chiesto con insistenza. Ma dubito possa avvenire.

Comunque in questo paese nel quale c’è chi festeggia per la caduta di Berlusconi senza aver capito che Monti gli taglierà le pensioni e i salari, gli cancellerà diritti, gli toglierà prestazioni sociali, gli confermerà e continuerà le “riforme” del governo Berlusconi che egli stesso ha pubblicamente molto apprezzato in tempi non sospetti (come la meravigliosa riforma Gelmini e i tagli alla scuola pubblica) c’è anche chi ha capito cosa succede e quindi non festeggia. E per questo dice la verità dei fatti e non racconta favole.

La crisi evidenzia come mai prima la natura di classe del sistema. Si vede chiaramente dai provvedimenti che la casta impone per riprodurre esattamente i meccanismi economici che hanno prodotto la crisi e dalla volontà di rimuovere i diritti e i poteri residui che le classi subalterne avevano conquistato in un passato ormai lontano. E chiarisce come mai prima che la democrazia politica in Europa è ormai un simulacro e una mistificazione. Si vede nei diktat della casta e del marcato e nella incompatibilità conclamata del referendum in Grecia e delle elezioni anticipate in Italia con i diktat stessi. Nei paesi sotto attacco speculativo la casta non può tollerare un qualsiasi pronunciamento popolare e nemmeno la dialettica mistificata dell’alternanza. Perché nonostante tutto anche gli schieramenti dell’alternanza quando si vota devono pur collegarsi in qualche modo alle esigenze della propria base elettorale. Ed ecco i governi guidati direttamente da membri della casta internazionale e appoggiati da centrodestra e centrosinistra in Grecia e Italia.

Questa è una realtà molto dura da ammettere. Ignorarla conduce solo a disastri e a ulteriori durissime sconfitte.

Ma non basta denunciarla. Come non basta dichiararglisi contro. Anche se queste due cose sono indispensabili e necessarie, non sono sufficienti.

Se non si sviluppa un movimento operaio e popolare, unificante tutti i settori che da più parti e su più temi si oppongono alle politiche neoliberiste tese a salvare il sistema facendo pagare il costo a tutta la società, e se i provvedimenti del governo Monti saranno vissuti come naturali e indiscutibili, per quanto dolorosi, dalla maggioranza della società, chi vi si oppone politicamente, e per giunta dal di fuori delle sedi decisionali, non ha nessuna speranza di poter controvertere, anche parzialmente, la situazione. Ed è quindi destinato a testimoniare una posizione che per quanto sia realistica e concreta, giacché nulla delle politiche neoliberista è oggettivo e indiscutibile, apparirà se va bene come una utopia, come qualcosa di giusto ma irrealizzabile. Con l’effetto di alimentare speranze ancor più infondate nel dopo Monti e di restringere ancora di più la differenza fra peggio e meno peggio. Dentro il massacro sociale anche il minimalismo di un qualsiasi meno peggio apparirà come l’unico orizzonte possibile e concreto, al momento delle elezioni.

Anche questa è una realtà difficile da ammettere. Come è sbagliato coltivare illusioni circa la possibilità di controvertere questa situazione con il nuovo centrosinistra dei miracoli alle elezioni, è altrettanto sbagliato illudersi che la testimonianza solitaria possa invertire la tendenza. Le prossime elezioni rimangono e sono ancor di più in questa situazione un terreno avverso e irto di problemi e contraddizioni, qualsiasi scelta si faccia.

Perciò è imperativo lavorare all’opposizione sociale e alla unità dei movimenti di lotta, senza perdere tempo a fare ipotesi e a dividersi inutilmente sulla scelta tattica da fare alle elezioni. E conducendo una battaglia squisitamente politica fra tutti gli uomini e tutte le donne che si riconoscono in qualsiasi modo nella sinistra antagonista sull’assunzione dei contenuti di lotta come bussola indiscutibile per l’azione politica ed anche per costruire unità politica. Ogni rovesciamento di questo paradigma, che adotti la bussola della scelte politico – elettorali di schieramento, unitarie o solitarie che siano, è destinato a indebolire le lotte e a provocare divisioni ancor più gravi.

Ciò è vero perché ancora troppe sono le variabili allo stato imprevedibili che possono intervenire prima delle prossime elezioni. Bisogna vedere quale sarà l’andamento della morsa speculativa, che non è affatto detto diminuisca per la caduta di Berlusconi nella misura prevista. Bisogna vedere se il governo Monti riuscirà nonostante tutto ad ottenere il totale consenso su ognuno dei provvedimenti e se non si produrranno crescenti instabilità politiche ed istituzionali. Bisogna vedere se ed eventualmente quale riforma della legge elettorale verrà fatta. Bisogna vedere cosa succederà nel sindacato. E così’ via.

Ma non sono solo le variabili sconosciute a suggerire di non adottare la bussola degli schieramenti elettorali come base per la linea politica. C’è soprattutto la consapevolezza che le elezioni sono comunque un terreno avverso e minato. E che comunque sono da affrontare con acume tattico. Trattarle come se fossero la cartina di tornasole della strategia è un errore madornale in generale. In questa situazione sarebbe un suicidio e perfino la negazione di tutta l’analisi fin qui compiuta.

Detto questo, anche per evitare i purtroppo soliti fraintendimenti e processi alle intenzioni, che sono comunque un inquinamento di ogni discussione e il prodotto delle semplificazioni della politica spettacolo, posso dire che sulle previsioni a spanne che oggi si possono fare è evidente che la proposta di un fronte democratico per battere le destre è da considerarsi totalmente superata. Io non ho mai temuto ne scartato in linea di principio l’eventualità di doversi presentare da soli alle elezioni, in questo caso auspicabilmente mantenendo in vita la federazione e possibilmente allargandola ulteriormente, giacché sarebbe semplicemente disastroso ed irrazionale che ci fossero più liste avverse al centrosinistra. Ed è possibile se non addirittura oggi probabile che così si debba fare dopo il governo Monti. Ma non con l’illusione che questa scelta elettorale sia il viatico della riscossa. Tanto meno che sia l’unica a identificare la strategia corretta. Non è lo stesso sapere che la scelta che si compie porta con se problemi e contraddizioni, pur essendo il male minore, o illudersi che risolva tutti i problemi. Non è lo stesso conoscere le insidie e i punti forti del bipolarismo e il grado di consenso che hanno nella popolazione e nelle stesse avanguardie di lotta, o pensare che non esistano o spariscano per effetto di una malintesa chiarezza che sarebbe prodotta dalla scelta elettorale.

Ma di tutto questo avremo modo di discutere nei prossimi mesi. Spero approfonditamente e seriamente.

Buona fortuna a tutte/i noi.

Ne abbiamo bisogno.

ramon mantovani

La politica a spanne di Giovanni Floris

Posted in articoli pubblicati sul blog with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on 14 ottobre, 2011 by ramon mantovani

Recentemente mi è capitato di vedere una replica di una puntata de “Le invasioni barbariche” nel corso della quale Irene Bignardi ha intervistato il conduttore di Ballarò, Giovanni Floris.

Ho avuto uno sbocco di bile.

Non tanto per le opinioni di Floris su diversi temi, secondo me altamente superficiali, quanto per la sua evidente ignoranza circa la legge elettorale in vigore. Ignoranza assolutamente ingiustificabile per un giornalista che conduce una trasmissione che si occupa di politica.

Ma vediamo il testo integrale dell’intervista.

Irene Bignardi: – “Se si andasse a votare, come lo vedi il centrosinistra? Ti sembra pronto per una campagna elettorale?”

Giovanni Floris: – “Nessuno è pronto, neanche il centrodestra. Se tu vedi i sondaggi che noi proiettiamo sempre, di Pagnoncelli, sembrerebbe che alla Camera c’è la possibilità di una grossa maggioranza tra PDL e Lega. Perché il sistema elettorale è fatto in modo che la lista che prende più voti si prende, fai conto, tre quarti del Parlamento. Le opposizioni si dividono il resto. Tre quarti della Camera. Le opposizioni si dividono il quarto che manca. Questo vuol dire che questa volta il centrosinistra alla Camera rischia perché probabilmente si deve dividere quel posto dell’opposizione con Fini più Casini, con Vendola. Rischia… Non è pronto lui, non è pronto il centrodestra. Per questo tirano avanti. Ma questo tirare avanti serve probabilmente solo a chiarirsi le idee. Ma intanto non si fa nulla per il paese.”

Ecco! Così rispondeva il conduttore di Ballarò, Giovanni Floris, alla domanda di Irene Bignardi, nel corso dell’intervista andata in onda nella puntata de “Le invasioni barbariche” del 17 ottobre 2010.

Il link del video è questo:

http://www.la7.it/invasionibarbariche/pvideo-stream?id=i348336

Il dettaglio dell’intervista in oggetto è visibile dal minuto 23,13 al minuto 24,07.

Come si vede il nostro Floris si avventura a dare giudizi e a fare previsioni (il centrosinistra questa volta rischia di dividersi un quarto dei seggi della camera con Fini Casini e Vendola) Per questo tira a campare (per schiarirsi le idee!?).

Insomma, Floris (che è un giornalista “esperto” di politica e che in TV spiega al popolo italiano come è fatta la legge elettorale) sostiene che il premio di maggioranza per la coalizione (ma lui dice lista!) sarebbe pari a tre quarti dei seggi della Camera.

Quindi, secondo Floris, alla maggioranza spetterebbero 472 seggi. E all’opposizione 158.

Ora, con la legge attualmente in vigore si è votato anche nel 2008. Il centrodestra con il 46,81 % dei voti ha ottenuto 340 seggi. Il centrosinistra con il 37,55 dei voti ha ottenuto 239 seggi. L’UDC con il 5,62 ha ottenuto 36 seggi. Tralasciamo pure i 15 seggi attribuiti agli italiani all’estero (12), alla Valle d’Aosta (1) e al Trentino Alto Adige (2), che rispondono a criteri diversi da quello semplicemente maggioritario della legge elettorale per il resto del paese.

Floris dov’era quando si è votato nel 2008? Non si è accorto che il centrodestra ha ottenuto un premio di maggioranza di 44 seggi invece che dei 176 che gli sarebbero spettati secondo la legge elettorale nella versione Floris? E non si è accorto che l’opposizione invece dei suoi previsti 158 ne ha ottenuti 275?

Come è stato possibile che il governo Berlusconi, avendo secondo Floris tre quarti della Camera, sia entrato in crisi con la scissione di Futuro e Libertà, che poteva contare si e no su una trentina di deputati? Mistero! Eppure Floris di è a lungo occupato di tutto il trambusto conseguente alla fuoriuscita di Futuro e Libertà dalla maggioranza, ivi compresa la compravendita di deputati dell’opposizione, necessari al governo per raggiungere la maggioranza assoluta di 316 seggi.

In realtà la legge, ovviamente, assegna un premio di maggioranza alla coalizione con più voti assoluti pari almeno a 340 seggi. 340 seggi sono il 54 % dei seggi alla Camera. Significa che la coalizione vincente se ottiene meno del 54 % dei seggi si vede assegnare tanti seggi quanti ne servono per arrivare al 54 % sul totale dei seggi della Camera. Esattamente 340. Ovviamente se una coalizione superasse il 54 % dei voti assoluti si vedrebbe assegnare i seggi in ragione proporzionale, non avendo bisogno del premio di maggioranza.

Quindi, o i sondaggi di Floris assegnavano al centrodestra il 75 % dei voti assoluti (ma in questo caso come mai Floris ha detto che il centrodestra non era pronto per le elezioni?) oppure Floris banalmente non conosce la legge elettorale. E non si tratta dell’ignoranza di un dettaglio (per esempio la soglia per una lista coalizzata diversa da quella per una lista non coalizzata), che pure dovrebbe essere ben padroneggiato da un giornalista che ha la responsabilità di condurre una trasmissione (pardon… talk show) di informazione politica. Si tratta di una cosa importantissima. Centrale. Decisiva.

E’ ammissibile che il servizio pubblico televisivo faccia condurre una trasmissione di approfondimento politico (sic) a un signore che non sa nemmeno come funziona la legge elettorale?

E’ ammissibile che tale signore percepisca uno stipendio (secondo le sue parole) di 400 mila euro lordi all’anno?  

Cosa succederebbe se un giornalista sportivo dicesse che tre calci d’angolo valgono un gol?

Cosa succederebbe se un giornalista che si occupa di divulgazione scientifica dicesse che la balena è un pesce?

Cosa succederebbe se un giornalista che si occupa di una trasmissione sulla salute dicesse che il cancro si cura con l’aspirina?

Cosa succederebbe se un giornalista che fa critica musicale dicesse che Verdi è un verista?

Cosa succederebbe se un giornalista che fa critica cinematografica dicesse che Bombolo ha preso l’Oscar?

Forse niente. Perché in Italia nelle tv pubbliche o private può succedere tutto.

Ma che un conduttore, strapagato, di una trasmissione che si occupa di politica non sappia come si elegge la Camera dei Deputati senza che nulla succeda è certo.

ramon mantovani