Morte ai partiti? (parte seconda)

Analizziamo, in questa seconda parte dell’articolo, la degenerazione ulteriore del sistema politico italiano e in particolare le questioni relative alle elezioni amministrative con elezione maggioritaria diretta di sindaci e presidenti e alle preferenze.

Ancora durante il terremoto di tangentopoli, come abbiamo già detto, si passò al sistema maggioritario. Si cominciò dalle amministrative.

Oggi c’è un coro quasi unanime nel ritenere cosa buona e giusta l’elezione diretta dei sindaci e dei presidenti di province e regioni. Si dice che i cittadini possono scegliere, che non devono affidarsi alle trattative tra i partiti dopo le elezioni, che quindi possono “partecipare” effettivamente e direttamente.

Nessuno può spiegare, però, come mai da quando c’è l’elezione diretta di sindaci e presidenti (in tutte le regioni non esiste la carica di “governatore” eppure, ahinoi, a destra e manca si parla sempre di governatori perché fa più “americano”!) la cittadinanza vota meno e al secondo turno vota ancora meno che nel primo turno. Mistero o sintomo di minor partecipazione? Ma vediamo nel dettaglio gli effetti concreti della riforma elettorale di comuni, province e regioni.

Il sindaco o presidente di provincia e la sua giunta hanno concentrato molti poteri che prima appartenevano al consiglio. Il consiglio, se va bene, è ridotto al controllo dell’operato della giunta, ma anche in questa funzione è zoppo giacché la giunta dispone del premio di maggioranza in seggi e lo può controllare più agevolmente. Inoltre la giunta assume “consulenti” ultra pagati, con mortificazione ulteriore delle competenze propositive del consiglio e dell’apparato funzionariale dell’ente locale. Ovviamente i consiglieri sono stati “consolati” aumentando le loro prebende in senso inversamente proporzionale al potere detenuto effettivamente rispetto al passato. I partiti che hanno perso potere di rappresentanza effettiva sia verso il sindaco o presidente sia verso i propri gruppi istituzionali (ma fra poco vedremo meglio questo aspetto) vengono ricompensati con i “posti” nei consigli di amministrazione delle municipalizzate e in diversi altri organismi. Tutti posti altamente remunerati, molto più delle semplici e già notevolmente aumentate prebende dei consiglieri. In questo quadro il sindaco o presidente e la sua coalizione che ha ottenuto mediamente si e no un terzo dei voti degli aventi diritto comanda su tutti.

Nelle regioni, dove con il capolavoro “federalista” del centrosinistra sono stati concentrati poteri prima di esclusiva competenza statale, è ancora peggio. Valgono le stesse considerazioni dei comuni e delle province appena elencate. Ma a queste bisogna aggiungere la competenza ad approvare leggi elettorali proprie e, guarda un po’, a regolare in proprio gli stipendi dei propri consiglieri, con relativi vitalizi e prebende varie. Chiunque sa che ormai due terzi delle regioni hanno per i loro consiglieri trattamenti ben più privilegiati di quelli dei parlamentari nazionali.

Il doppio effetto dell’elezione diretta del podestà (pardòn, del sindaco o del presidente) e della permanenza delle preferenze nei comuni e nelle regioni (tranne la Toscana) ha prodotto una assoluta personalizzazione della politica. Sempre più i candidati a sindaco o presidente lo diventano lanciando da se la propria candidatura e invitando, o obbligando, i partiti affini a seguire. Anche nel caso il candidato venga proposto ed offerto alla coalizione da un partito questo è quasi sempre un “personaggio” locale. Non è la competenza, la cultura o la coerenza con un qualche ideale ad ispirare la scelta. Bensì la possibilità o meno di competere in una campagna elettorale costruita sulla competizione personale. L’iperbole del personalismo sta nelle primarie. Dove le differenze programmatiche e a volte perfino le scelte di composizione delle coalizioni dipendono dal “personaggio” che le vincerà. Le folle plaudenti possono solo organizzarsi per fare il tifo e portare voti al “personaggio”. Da lui e solo da lui dipenderanno soddisfazioni e delusioni.

Inoltre ci sono le preferenze. Sulle quali tornerò ancora più avanti. Ma intanto parlando di comuni e regioni, dove i consiglieri non sono “nominati” bensì eletti con un sempre crescente numero di voti di preferenza, bisogna saper vedere la realtà.

Con il maggioritario si vince o si va al ballottaggio spesso per pochi voti. Quindi il maggioritario, che avrebbe dovuto semplificare il sistema politico e ridurre il numero dei partiti, è la causa, invece, del proliferare delle liste e della frammentazione politica. Anche a costo di annoiare descrivo puntualmente, e secondo me inconfutabilmente, i meccanismi che provocano personalizzazione e frammentazione.

Essendoci contemporaneamente il voto di preferenza e il maggioritario le liste dei partiti non bastano. Per il semplice motivo che anche una lista con un nome di fantasia ma collegata ad un candidato sindaco o presidente apporta al risultato finale almeno i voti di preferenza raccolti dai candidati. Se in una coalizione ci sono due liste e nell’altra quindici e il consiglio è di trenta seggi la prima coalizione avrà 60 candidati e l’altra 450. I voti strettissimi di parenti ed amici, che magari mai voterebbero per quello schieramento, possono essere decisivi per la vittoria finale.

Si dirà, e si dice, che il maggioritario, l’elezione diretta del sindaco o del presidente e le preferenze garantiscono che l’elettore scelga veramente. Si dice che chi vince governa e può prendere decisioni, forte del consenso della popolazione che l’ha eletto direttamente alla funzione di governo. Si dice che i consiglieri, essendo stati eletti con le preferenze, sono più rappresentativi e che i partiti sono più democratici in quanto i dirigenti di partito possono al massimo proporre una lista e non decidere chi verrà eletto.

Sono tutte falsità. È vero esattamente il contrario. E tenterò di dimostrarlo.

Per farlo esporrò dei dati oggettivi, e non solo opinioni e vaghe considerazioni. A tal fine mi sono preso la briga di analizzare il risultato elettorale delle recentissime elezioni del comune di Genova. Sono convinto che siano rappresentative dei fenomeni che descriverò. E comunque chi volesse cimentarsi a dimostrare il contrario esibendo dati di altri comuni lo può fare.

Nel 2007 per il comune votarono 323.289 elettori su 523.529 aventi diritto. Pari al 61,75 %.

Nel 2006 nel comune di Genova per la Camera dei Deputati aveva votato il 82,41 % degli aventi diritto. E nel 2008, sempre per la Camera, il 75,90 %.

Tre elezioni in due anni. Come mai nei turni delle elezioni politiche votano tra il 15 e il 20 % in più del comune? Eppure per la Camera si vota con il sistema elettorale chiamato “porcellum”, gli elettori non possono scegliere i propri rappresentanti con le preferenze, le liste dei partiti comprendono persone (come il sottoscritto) senza radicamento territoriale. Come mai quando si vota direttamente per il sindaco e si possono scegliere con le preferenze i rappresentanti che si conoscono bene perché abitano sul territorio il 20% degli elettori non vota?

Nel 2007 vinse le elezioni al primo turno la candidata del centrosinistra Marta Vincenzi con 158.238 voti pari al 51,20% sui voti validi. Ma pari al 30,22% sugli aventi diritto.

Nemmeno un terzo degli elettori decretò la vittoria del centrosinistra e fece guadagnare alla coalizione 30 dei 50 seggi in consiglio comunale, pari al 60%.

Insomma, con il 30% degli elettori si conquista il 60% dei seggi in consiglio.

E vediamo cosa è successo poche settimane fa.

Al primo turno votano 279.683 elettori su 503.752, pari al 55,51%. Al secondo 196.894 pari al 39,08%.

Il candidato del centrosinistra, nominato con le primarie, al primo turno prende 127.477 voti pari al 48,31% sui votanti e al 25,30% sugli aventi diritto. Al ballottaggio prende 114.245 voti pari al 59,71% sui votanti e al 22,67% sugli aventi diritto.

Insomma, le elezioni si vincono con nemmeno il voto di un elettore su quattro. E si conquistano 24 seggi su 40, pari sempre al 60%.

È questo il bello dell’elezione diretta del sindaco? È questa la dimostrazione che le liste dove si può scegliere chi votare con la preferenza aumentano la partecipazione dei cittadini?

Ed ora tenterò di sfatare il mito che con le preferenze si scelgono i propri rappresentanti.

Tutti i dati si riferiscono alle ultime comunali di Genova.

Si sono presentate 25 liste. Di queste solo 8 hanno eletto consiglieri. E una il solo candidato sindaco.

Le liste composte quasi tutte da 40 persone hanno messo in campo 1000 candidati. Circa un candidato ogni 230 votanti. Perché, al netto dei votanti i soli candidati sindaci, solo 229.989 elettori hanno votato una lista.

Per tutte le liste sono state espresse 93.391 preferenze, pari al 41,15% dei voti andati a tutte le liste.

Ai candidati effettivamente eletti sono andati 23.236 voti. Il 10,10% rispetto ai voti di lista e l’11,90% rispetto ai voti di lista dei partiti che hanno eletto. Il 24,88% rispetto al numero totale delle preferenze espresse su tutte le liste.

In altre parole 8 elettori (per la precisione 8,4) che hanno espresso una preferenza non hanno eletto nessuno, né scelto un bel niente.

Inoltre il 33,40% degli elettori che ha votato liste che non hanno eletto nessuno ha espresso la preferenza. Una percentuale maggiore di circa l’8% rispetto alle liste che hanno eletto. E se consideriamo i dati dividendoli fra liste coalizzate e liste non coalizzate troviamo che il 34,64% degli elettori di liste che non hanno eletto ma coalizzate nel centrodestra, hanno espresso preferenze (ma il dato sarebbe di circa il 60% se non fosse per una lista, Libertas DC, i cui elettori stranamente hanno espresso pochissime preferenze, addirittura solo l’1,29%). Per il centrosinistra il dato è del 61,04%. Mentre per le liste non coalizzate è il 19,99%. Vi è quindi una differenza enorme tra le preferenze espresse per liste che non hanno eletto ma i cui voti hanno contribuito alla vittoria della coalizione e le liste che hanno sostanzialmente disperso i voti.

È difficile sostenere che il sistema delle preferenze premi le scelte degli elettori, se solo uno su dieci centra l’obiettivo di mandare in consiglio il rappresentante che preferisce. È altrettanto evidente che le cosiddette liste civiche coalizzate hanno la funzione di convogliare sulla coalizione voti attraverso le preferenze, anche se queste non eleggono nessuno. Ci sono cioè molti cittadini che votano un conoscente, un collega, un parente, ma non lo eleggono, portando però un vantaggio ad una coalizione che magari non voterebbero. Determinando quindi l’elezione di altre persone che magari non voterebbero mai.

È la dimostrazione di quanto ho sostenuto più sopra.

La controprova sta nell’esame delle preferenze per le liste non coalizzate, che sono infinitamente inferiori rispetto alle altre.

Salta all’occhio, per chi lo vuole vedere, un dato stupefacente. La lista 5 stelle, con la sua retorica contro il parlamento dei nominati, con l’apologia delle persone della società civile radicate nel territorio, è la lista i cui elettori esprimono il minor numero di preferenze. 32.516 voti alla lista e solo 1.086 preferenze espresse, pari al 3,33%. E di queste 1.086 preferenze solo 461 sono state decisive per eleggere i 4 consiglieri espressi dalla lista.

Tutti questi sono dati reali e fatti. La retorica delle preferenze che garantirebbero di non avere “nominati” è fatta solo di parole, che per quanto suggestive sono in aperta contraddizione con i fatti. Ma si possono aggiungere altre considerazioni circa le preferenze.

Come abbiamo visto la gran parte delle preferenze espresse non elegge nessuno e spesso induce l’elettore a portare il suo voto per una lista o per una coalizione che non voterebbe se desse retta ai suoi convincimenti ideali o anche solo politici. Come abbiamo visto è falso che la possibilità di scegliere l’eletto con le preferenze aumenta la partecipazione al voto. Come abbiamo visto più il voto è orientato da motivazioni e convinzioni più alta è la delega politica consegnata alla lista o al partito, fino a non esprimere quasi preferenze.

Ora elenchiamo altre conseguenze precise ed inconfutabili prodotte dal sistema delle preferenze.

1) L’elettore che vota una lista non sa chi sarà eletto. Quindi in una lista possono esserci ottimi candidati e pessimi candidati. In una lista bloccata si sa chi quella lista vuole effettivamente portare in consiglio. Conseguentemente l’elettore può meglio effettivamente scegliere a ragion veduta se esprimere il voto per quella lista. Facciamo un esempio, concreto (ma se ne potrebbero fare moltissimi): se il partito X si presume grossomodo che possa eleggere 5 consiglieri e nei primi 5 posti in una lista bloccata non mette nessuna donna, l’elettore o elettrice che abbia a cuore la rappresentanza femminile punirà quel partito, giacché è chiaro quale sia la sua volontà. Con le preferenze, invece, molti scelgono una donna e alla fine eleggono solo uomini.

2) Nella lista bloccata i candidati non sono in competizione fra loro. Non dedicano la maggior parte del tempo e delle risorse a cercare il voto per se stessi nello stesso bacino elettorale degli altri candidati della stessa lista. Non devono produrre materiale di propaganda con la propria faccia e con slogan folgoranti ma che non c’entrano nulla con ciò che faranno in consiglio se eletti. Non devono offrire cene e fare promesse di ogni tipo. La campagna sarà incentrata sul programma e sui progetti politici collettivamente espressi dalla lista. Con le preferenze, invece, la lista è minata nella sua unità esattamente dalla competizione sfrenata dei candidati che corrono effettivamente per essere eletti. Le differenze diventano divisioni e le scorrettezze si sprecano. I muri sono invasi da facce con slogan che vanno bene per qualsiasi partito o lista. Per competere ci vogliono molti soldi. Come rientreranno gli eletti dai costi enormi che hanno sostenuto in campagna elettorale? Che competizione seria ci può essere tra chi possiede molti soldi e chi non ne possiede?

3) Al contrario di quel che si crede il rinnovamento del personale politico è sfavorito dalle preferenze. È perfino ovvio che più si è conosciuti e più preferenze si raccolgono. E che chi siede in consiglio da più tempo è più conosciuto. Se un partito tenta di rimuovere uno attaccato alla seggiola da diverse legislature lo può fare solo non mettendolo in lista e rinunciando a buona parte dei voti di preferenza che questi è in grado di mobilitare. Ma ormai sempre più spesso l’estromesso esce dal partito e fonda la sua lista, portandosi gran parte delle preferenze e risultando spesso eletto in consiglio.

4) I luoghi comuni imperanti dicono che il consigliere eletto nella lista bloccata sarebbe “fedele” al partito perché è da questo che dipende la sua eventuale rielezione. Mentre il consigliere eletto con le preferenze sarebbe più libero, rappresentando così meglio i cittadini. Ma cos’è la fedeltà al partito? Se uno è parte di un collettivo del quale condivide ideali e programmi, che per altro ha contribuito a produrre, e viene scelto democraticamente, sempre dal collettivo, perché non dovrebbe adeguarsi alle decisioni che quel collettivo prende? Sarebbe questa la schiavitù del “nominato”? Come abbiamo visto più sopra con dati inconfutabili, solo un elettore su dieci elegge chi preferisce con la preferenza. Se analizziamo i voti personali di preferenza ottenuti da un singolo candidato scopriamo che ad eleggerlo hanno concorso due fattori: a) i voti di lista senza preferenze e i voti di lista più preferenze andate a candidati non eletti; b) i voti di lista con i voti di preferenza per quel candidato. Potrebbe quel candidato essere eletto con i soli voti di preferenza? No di certo. Ed inoltre, anche di quei voti di preferenza quanti sono stati portati alla lista per la presenza di quel candidato e quanti, al contrario, sono espressione di una preferenza scelta nell’ambito di una lista che comunque si sarebbe votata? Queste inconfutabili considerazione dovrebbero impedire a qualsiasi candidato eletto di erigersi in quanto persona a rappresentante degli elettori. C’è la volontà degli elettori, quella del collettivo o partito che ha compilato e proposto programmi e liste, ed infine c’è la volontà degli eletti. Se, come si sente ad ogni piè sospinto, l’eletto dice: – “io rispondo ai miei elettori e non al partito!” – vuol dire che siamo in presenza di un furto di consenso, di una appropriazione indebita, di un abuso. Di un vero e proprio imbroglio. Spesso c’è un debito da saldare con lobbies e persone che, quelle si, hanno avuto parte decisiva nel raccogliere le preferenze necessarie per essere eletti. Se gli interessi delle lobbies entrano in conflitto con gli interessi di partito e con quelli del 90% e passa degli elettori che hanno votato la lista ma non quel candidato, è democratico che prevalga l’interesse privato dell’eletto?

5) Le preferenze sono una libera di scelta dei cittadini. E come tutte le libertà non sono un obbligo. Quindi fra i voti di lista c’è democrazia sostanziale se anche solo una minoranza sceglie le persone con le preferenze. Chi non le esprime o ne esprime di perdenti ha comunque partecipato. Questo ragionamento sembra non fare una grinza. Ma se si dimostra che il voto può essere controllato e quindi scambiato come una merce al mercato il ragionamento crolla miseramente. Ed è quello che farò, ancora una volta inconfutabilmente.

Un voto di lista espresso senza preferenze è sicuramente segreto e non verificabile. La legge, giustamente, prevede che non possa essere riconoscibile. Ma il voto di preferenza, invece, può facilissimamente rendere il voto riconoscibile. Del resto è da tempo immemore che la mafia controlla enormi quantità di voti in questo modo. Al sud come al nord del paese. Esagero?

Vediamo se esagero.

Se io voglio comprare pacchetti di voti per un candidato agirò così:

Ad una persona che mi promette dieci preferenze in quel seggio e venti in quell’altro seggio per il candidato pinco pallino dirò che deve far scrivere P. Pallino accanto al simbolo del partito. Ad un’altra che me ne promette cinque e dieci negli stessi seggi dirò di far scrivere Pallino Pinco. Ad un’altra Pinco Pallino in stampatello. Ad un’altra Pinco Pallino in corsivo. Ad un’altra solo Pallino. E così via. Scrutatori e rappresentanti di lista compiacenti possono agevolmente controllare durante lo scrutinio.

Da sempre nelle zone ad alta densità mafiosa ci sono percentuali di preferenze espresse esorbitanti rispetto al resto del paese. Sarà che la mafia immette nell’aria sostanze dopanti che esaltano lo spirito di partecipazione dei cittadini?

Sfido chiunque a dimostrare che le cose non stanno così.

Ovviamente si tratta di un abuso ai danni dello spirito della legge. Ma si può ignorare che il voto di scambio e il controllo del voto sono agevolati se non sostanzialmente garantiti dalla preferenza?

Per non parlare delle diffusissime clientele. Se un assessore affida ad una cooperativa un lavoro è considerato più che normale che i soci-lavoratori di quella cooperativa e le loro famiglie diventino elettori di quel personaggio, da cui può dipendere il loro futuro. Con la preferenza lo voteranno in qualsiasi partito e coalizione si candidi. Il personaggio sarà proprietario di un pacchetto di preferenze che potrà far valere in una trattativa per essere collocato in una lista. Potrà perfino “scambiare” il proprio pacchetto con personaggi di altre liste in elezioni diverse: “Io dirò ai miei elettori di votare te alla regione e tu ai tuoi di votare me al comune”. È così che in piccoli comuni, dove si può vedere bene il fenomeno, ci sono partiti che alle comunali prendono il 20% dei coti e alle regionali il 5%. E viceversa. A volte lo stesso giorno. Cosa scelgono gli elettori “fedeli” al personaggio? Cosa c’è di democratico in tutto questo?

6) I partiti i cui candidati vengono direttamente scelti dagli elettori sono obbligati a proporre liste ricche di persone di ottima qualità. La scelta degli eletti, con le preferenze, da parte dei cittadini invece che da parte dei dirigenti del partito rende il partito più democratico. Altri due luoghi comuni completamente falsi.

Se un partito non è democratico ed è dominato da un ceto irremovibile il problema è pressoché irrisolvibile. Il problema risiede nella natura e nella vita del partito. Tuttavia un partito dominato da un ceto il cui interesse è collocare alcune persone di un certo tipo nella istituzione con la lista bloccata evidenzierà senza dubbio queste intenzioni. Mentre con le preferenze potrà mettere in lista poche persone, nei piccoli partiti una persona, da eleggere sicuramente e riempire la lista di persone potenzialmente avverse tutte in competizione fra loro e, nel caso escludere quelle poche o quella effettivamente in grado di competere per l’elezione. Il ceto oligarchico potrà concentrare le preferenze sui pochi o sul singolo proprio candidato contando che tutti gli altri si divideranno fra le tante persone in lista. In altre parole mentre con la lista bloccata il ceto politico oligarchico deve per forza mettere a nudo le proprie intenzioni con le preferenze può costruire una lista apparentemente apertissima e ricchissima, ma sostanzialmente controllata e mascherata.

Anche in assenza di un ceto oligarchico la lista bloccata è migliore di quella con le preferenze. Per il semplice motivo che si possono mettere persone come operai, donne, giovani, che hanno grandi qualità ma che certamente prenderebbero meno preferenze e porterebbero quindi meno voti alla lista rispetto a notabili, medici, farmacisti, avvocati, visi noti della tv, dello spettacolo e dello sport. Perché, a meno di non avere una curiosa e molto “americana” concezione della democrazia, non si può pensare che fare una professione che mette a contatto con migliaia di persone qualifichi in senso migliore la persona rispetto a chi magari lavora in fabbrica ed è conosciuto solo da poche decine di colleghi. Senza contare il fatto che per un partito dotato di un progetto serio è indispensabile portare nelle istituzioni competenze diverse fra loro. E non competenze casuali dovute alla capacità di raccogliere preferenze dei candidati. Che se ne fa un partito di sinistra di un gruppo senza un consigliere competente sui problemi della salute in un consiglio regionale? O sul piano regolatore in un comune?

Infine, è verissimo che con la lista bloccata esiste una primazia del partito sulla lista e sugli eletti. Del resto è quanto prevede la Costituzione. Perché l’esercizio della funzione senza vincolo di mandato e l’insindacabilità di opinioni e voti espressi nel parlamento nazionale sono principi tesi a tutelare gli eletti da eventuali poteri forti e dal controllo degli stessi. Non a recidere l’ovvio rapporto fra eletti ed elettori nell’ambito dei contenuti, dei programmi e degli ideali condivisi fra i partecipanti ad un collettivo partitico. Non è vietato prima di votare ascoltare il proprio partito e scegliere di obbedire. Questo appartiene alla libertà del parlamentare o del consigliere. Mentre l’eletto che dice “rispondo ai miei elettori” e che mobilita molte preferenze può facilmente piegare il partito che l’ha messo in lista e fatto eleggere a subire le sue unilaterali decisioni.

Non vado oltre, anche se potrei farlo ancora molto a lungo.

Mi è chiaro che i partiti oggi non sono certo quelli previsti dalla Costituzione. Basta dare uno sguardo ai simboli per capire che sono spesso “proprietà” del leader, senza il quale non esisterebbero nemmeno. Mi è chiaro, quindi, che le oligarchie che li controllano non possono essere paragonate a nulla di democratico e collettivo. Mi è chiaro che la connotazione ideologica e programmatica dei partiti è totalmente generica e labile, quando non esplicitamente assente.

È evidente, quindi, che le mie stesse considerazioni esposte più sopra hanno un valore molto relativo. Per il semplice motivo che il sistema politico istituzionale è stato profondissimamente modificato dalla disgregazione sociale prodotta dalla controrivoluzione capitalistica degli ultimi 30 anni. La gente vive in modo diverso e pensa in modo diverso. C’è una sostanziale americanizzazione della vita politica. Elezione diretta delle persone, partiti senza ideologia, trionfo delle lobbies e delle clientele, candidati diretti da “consulenti di immagine”, telegenicità, demagogia iperbolica, tifo per i leader e così via, sono l’effetto e il moltiplicatore del senso comune imperante. Più avanti vedremo come i mass media abbiano contribuito all’americanizzazione della politica italiana. Ma non bisogna dimenticare la base oggettiva di tutto il processo, che risiede nel modello sociale scaturito dalla svalorizzazione del lavoro, dalla centralità della finanza, dalla competitività esasperata e dal conseguente individualismo ed egoismo sociale.

Oggi dire, come ho fatto io appena adesso, che l’elezione diretta dei sindaci e le preferenze sono un imbroglio è più o meno come predicare l’ateismo su un convoglio di pellegrini malati diretto a Lourdes. Ne ho piena consapevolezza.

Tuttavia, pur sapendo che qualsiasi sia il sistema elettorale bisogna sempre cercare di rappresentare gli interessi di classe e i contenuti di sinistra, l’unica cosa che non si deve fare è illudersi che il sistema sia neutro. Per chi si proponga di cambiare la realtà non è eludibile il giudizio da dare sul sistema politico e perfino sull’accezione che ha la stessa parola “politica” nel senso comune diffuso e nel pensiero dominante. I comunisti e la sinistra degna di questo nome, per quanto debbano fare i conti con la realtà, non possono fare l’apologia di sistemi maggioritari, primarie, preferenze, elezioni dirette. Se devo svitare una vite e il cacciavite non c’è più dovrò adeguarmi ad usare un altro mezzo. Un coltello, perfino l’unghia del dito. Ma, per favore, senza dire che l’unghia è meglio del cacciavite o addirittura che l’uso dell’unghia al fine di svitare una vite sia una cosa meravigliosamente nuova e che il cacciavite è un retaggio novecentesco. Il superamento dei partiti della “prima repubblica” in favore dei partiti del leader, della scelta delle persone invece che delle idee e così via è banalmente un ritorno al passato. Non c’è nulla di nuovo, tranne l’involucro apparentemente moderno e luccicante.

Usare qualsiasi mezzo e spazio permetta il sistema, quindi, è un imperativo. Ma svendere principi facendo l’apologia del sistema della politica spettacolo è un tradimento bello e buono.

Non c’entra nulla con il concetto che dovrebbe avere la sinistra della democrazia andare ad una manifestazione sventolando una bandiera dove campeggia un simbolo con il nome del leader. O presentarsi alle elezioni con un simbolo come quello scelto da SEL alle ultime elezioni palermitane. Recante l’unica scritta: “Palermo per Ferrandelli con Vendola”.

Una vergogna, indicativa dei tempi in cui viviamo.

Continua…

 

ramon mantovani

15 Risposte to “Morte ai partiti? (parte seconda)”

  1. credo che ti sia scappato un refuso: dove scrivi ‘valorizzazione del lavoro’ intendevi Svalorizzazione… vero?
    Nel merito: le tue giuste considerazioni portano a rivalutare una forma partito che oggi non esiste più. Questo non le rende meno ‘vere’, ma non sono di grande appeal nell’attuale marea di rifiuto dei partiti che favorisce M5S e astensione. Lo scompaginamento della deriva antidemocratica dell’ultimo trentennio temo debba passare per il ribaltamento del quadro parlamentare, con il calo della rappresentanza dei partiti di governo. I rischi ci sono, ma se non si interrompe il ‘blocco’ apparente che sostiene Monti non si riesce a vedere la luce in fondo al tunnel.
    Auspico una Syriza nostrana, anche se poco probabile.
    Spero che la FdS riesca a rendersi protagonista in questo processo.
    Un forte abbraccio
    dario

  2. alfonso Says:

    Ramon le cose che dici in merito al sistema elettorale sono ineccepibili, e sei molto meno isolato di come immagini: anche perché in alcuni casi l’esito elettorale è stato comico: per esempio qui a Palermo c’è chi è stato eletto in consiglio comunale con 100 voti e chi non è stato eletto con 1.000.
    Per un commento generale sul tuo intervento aspetto ovviamente di averlo letto in tutte le sue parti,
    Alf

  3. caro dario, grazie per la segnalazione del refuso e per il commento.
    mi pare che siamo sostanzialmente d’accordo.
    anch’io penso che i partiti di massa del periodo del proporzionale non esistano più. ma, come si vedrà meglio nel seguito dell’articolo, è meglio avere consapevolezza della separazione del sistema politico dalla società e della trasformazione in peggio delle forze politiche prodotte dalla ristrutturazione capitalistica, dalla nuova dislocazione dei poteri, dalle modificazioni del modello sociale e del senso comune, dalla degenerazione spettacolare della politica per effetto sei mass media e così via, piuttosto che far finta che niente sia successo o, peggio ancora, illudendosi e illudendo che ci possa essere un “nuovo” miracoloso in questo contesto che possa salvare l’essenza della sinistra e della funzione di un partito comunista.
    senza guardare in faccia la realtà non ci saranno mai contromisure e scelte efficaci.
    non ho lo pretesa di avere le soluzioni in tasca.
    ma la convinzione che bisogna discutere seriamente di questi problemi si.
    invece che accapigliarsi sempre e solo sulle scelte elettorali discutendo come fanno i tifosi della nazionale che al bar esibiscono ognuno la propria formazione.
    questo articolo nelle mie intenzioni serva a solo a contribuire ad una discussione necessaria.
    un abbraccio

  4. giovanni Says:

    Caro Ramon,
    posso solo dire TOTALMENTE DEFINITIVAMENTE In pieno accordo e sintonia con quanto hai scritto! Aggiungo solo che tutto questo ( l’insieme complesso del quadro descritto) ha prodotto una
    sostanziale mutazione di parametri di riferimento e relazione antropologica.Aspetto sul quale non mi dilungo anche perchè probabilmente verrà da te trattato nel proseguio e nell’analisi o descrizione del ruolo dei media.Vive,così come negli slogan più o meno roboanti,la cultura della performance,l’idea che l’intelligenza sia il prodotto dei “geni” e comunque una caratteristica del singolo.
    L’ineluttabile e più che dimostrabile caratteristica collettiva dell’intelligenza è uscita dalla declinazione verbale e culturale.
    Sono da molto tempo convinto che votare non solo non serve ma che sia oggi addirittura dannoso proprio per le conseguenze culturali che determina in questo scenario. La guerra è culturale,lo scontro reale è scontro culturale !La sintesi è una condizione non voglio perpetuare slogan,prendilo come tale giusto per capirsi.
    aspetto la terza parte,e….visto le prime due so che l’attesa sarà premiante!! “Nonostante” i negroni la lucidità e la serietà del tuo approccio resta un esempio di grande valore.
    un grande abbraccio

  5. grazie giovanni. ma “definitivamente” è esagerato. eh eh eh.
    infatti io penso che il voto possa essere sempre utile, in qualsiasi contesto. come dimostrano le esperienze dell’america latina dove c’erano sistemi elettorali e presidenziali fino a poco fa inaccessibili a qualsiasi forza politica antagonista, e come dimostra la grecia. basta capire bene la natura del sistema e non illudersi che l’approccio che per decenni le forze della sinistra reale hanno avuto in italia con le istituzioni e le elezioni sia o possa essere sempre uguale nel tempo.
    sulla centralità della cultura sono d’accordo. infatti penso che sia indispensabile produrre e riprodurre la cultura della lotta di classe. perché se il capitalismo globalizzato ha scatenato “la IV guerra mondiale contro l’umanità” per dirla con il Subcomandante e se la lotta di classe la fanno ogni giorno marchionne e monti quel che manca fra quelli che la subiscono è la consapevolezza.
    un abbraccio

  6. segnalo anche io un piccolo refuso:

    ”In altre parole 8 elettori (per la precisione 8,4) che hanno espresso una preferenza non hanno eletto nessuno, né scelto un bel niente.”
    Credo manchi un ”8 elettori su 10”.

    Molto interessante l’analisi delle differenze dei dati fra liste coalizzate e non. Indicativo che ci siano questi valori in una città del nord, immagino in Campania, Calabria o Sicilia..

    Utile sarebbe pure conoscere la percentuale media dei voti di preferenza sul totale dei voti alla Fds. E’ un dato noto?

    Per la realtà che conosco (Napoli e provincia), il voto alla sola lista è molto diminuito ovunque negli anni, in comuni piccoli e grandi, per risalire un po’ in alcuni casi (vedi proprio Napoli 2011) quando la Fds ha avuto un impianto politico e una collocazione elettorale indovinata.

  7. giovanni Says:

    E si Ramon,
    convengo che il definitivamente sia esagerato….ma mi piace.
    Comunque sugli spazi del sistema elettorale convengo con te che abbia dei margini di utilità ma all’interno di un quadro di insieme che
    sia diverso da quello attuale,e qui il ragionamento si dovrebbe allargare ad una analisi delle condizioni reali ed ai tempi per poter modificare le medesime.Quanto alla consapevolezza ed alla produzione degli strumenti utili per aumentarla sono convinto anche io che sia una priorità . Aspetto la tua terza parte o quarta o quando sarà per scrivere.Ma credo che ci si capisca.
    Grande saluto

  8. ci capiamo perfettamente giovanni.
    un abbraccio

  9. Alessandro Says:

    Intervengo solo per confermare che, almeno in Sicilia, le preferenze hanno sortito esattamente gli effetti descritti da Ramon. Nella provincia di Palermo ci sono comuni di 30000 abitanti che vedono oltre 1000 candidati al consiglio comunale. Spesso i candidati vengono inseriti nelle liste con metodi paramafiosi o mafiosi (per la serie: ‘a mia mi interessa sulu u votu tuo e da to famigghia’) altri invece fanno parte della corte e del gruppo di servi del signore delle preferenze di turno. Non e’ difficile poi ritrovarsi alcuni di questi tra gli assunti (ovviamente con chiamata diretta da parte di ‘trasparenti’ agenzie interinali) delle municipalizzate o delle aziende private che hanno ottenuto la gestione dei servizi pubblici essenziali. In questo modo il potere si riproduce, analogamente le clientele, i ricatti e il voto di scambio. Penso anche che le preferenze contribuiscano alla selezione di classe dei componenti degli organi elettivi, raramente si trova un operaio o uno studente in un consiglio comunale,vale per la destra e, ancora peggio, anche per la sinistra. Non sarà l’unica spiegazione, ma certamente c’entra qualcosa.

  10. esatto alessandro, non è l’unica spiegazione ma il sistema elettorale maggioritario e le preferenze favoriscono esattamente i fenomeni che descrivi.
    un abbraccio

  11. Articolo molto interessante. Mi piacerebbe che approfondissi l’aspetto relativo alla democrazia interna dei partiti, che senza preferenze diventa ancor più essenziale.Come, secondo te, un partito come il nostro potrebbe modificare il suo funzionamento in chiave di maggiore democrazia? Ritieni sia utile una regolamentazione per legge delle forme di organizzazione dei partiti?

  12. scusa costantino, non avevo visto il tuo post. il prossimo eventuale postalo in fondo all’ultimo articolo.
    comunque nel prosieguo dell’articolo parlerò anche dei temi che hai sollevato tu.
    grazie e un abbraccio

  13. giovanni Says:

    Caro ramon,
    in attesa del tuo “quarto” sui partiti ti chiedo se puoi segnalare un articolo di riferimento utile o addirittura esaustivo sulla questione della “crisi economica”. Mi spiego meglio,la “crisi” è certamente uno strumento oltre che una caratteristica delle contraddizioni interne al sistema capitalistico e finanziario,la “gestione”della crisi è parte integrante del modello di rapina e di controllo di interi continenti e più in generale del criterio di asservimento e dominio di flussi finanziari e risorse . Credo che ci sia ,perlomeno per quanto mi riguarda,una sostanziale ignoranza sui passaggi ,diciamo tecnici,per “leggere” lo scontro attuale. Fuori discussione seguire gli economisti di varia natura ho letto e sentito bestialità tali che un ignorante come me su meccanismi finanziari riesce comunque a registrare l’incapacità di un pensiero degno di nota.Insomma ho cercato qua e la e qualcosa ho anche trovato ma senza una piena soddisfazione.Mi auguro tu abbia qualche indicazione da suggerire
    per colmare un po di lacune ,diciamo tecniche,o di lettura del sistema.Spero di essermi spiegato.
    Grazie e un abbraccio

  14. si giovanni ti sei spiegato.
    ti suggerisco di leggere finanzcapitalismo di gallino. di seguire le pubblicazioni su diversi siti e giornali di economisti marxisti come brancaccio, giacché ed altri ancora che potrai trovare su un sito di rifondazione che quotidianamente raccoglie i materiali più interessanti su tutto e anche sulla crisi. controlacrisi.org
    infine prestissimo uscirà un libro del segretario di rifondazione paolo ferrero che si propone proprio di spiegare nel modo più semplice le cause, le origini e la natura della crisi.
    ciao ciao e buone letture

  15. giovanni Says:

    Ottimo grazie!
    adelante

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: